Home / Olimpia

Olimpia

BILL GATES: SATANISTA VESTITO DA AGNELLO?

DI HENRY MAKOW Save The Males Teosofia e ‘New Age’ Quando la settimana scorsa Warren Buffet ha donato 31 miliardi di dollari alla fondazione di Bill Gates, ho pensato che stesse promovendo il Nuovo Ordine Mondiale. Ma quando un lettore mi ha segnalato i legami di Gates con la società pagana antisemita Lucis (prima Lucifer) Trust, mi sono improvvisamente allarmato. Costituita da Alice Bailey nel 1922, la Lucifer Publishing Company cambiò il suo nome per ragioni ovvie l’anno seguente. Ubicata… …

Leggi tutto »

IMPRONTE DIGITALI DALLA NASCITA ?

DI FLORIAN RÖTZER Telepolis Il Consiglio dei Ministri dell’Unione Europea vorrebbe introdurre l’obbligo della registrazione dei dati biometrici a partire dai 12 anni. Gli Stati membri possono però anticipare di parecchio. L’organizzazione britannica per il rispetto dei diritti civili Statewatch riferisce che all’interno dell’Unione Europea si sta riflettendo sull’introduzione della registrazione delle impronte digitali anche dei bambini per i passaporti UE. Il progetto di legge viene discusso a porte chiuse da un comitato previsto dall’articolo 6 dell’ordinanza EG Nr. 1683/95, …

Leggi tutto »

VITTORIA DI HEZBOLLAH E IN ARRIVO “SHOCK AND AWE” IN IRAN

DI KURT NIMMO Another Day in the Empire È stato detto che gli Stati Uniti hanno “ridotto” le loro “aspettative” ora che le Nazioni Unite hanno dichiarato un “cessate il fuoco” in Libano. “L’accordo ONU è solo l’esempio più recente in cui la dottrina del secondo termine di Bush per diffondere la libertà si è imbattuta nelle realtà della politica internazionale e interna”, fa notare il Baltimore Sun. In effetti la dottrina di Bush, che non ha nulla a che …

Leggi tutto »

LIBANO: PARLA LA RESISTENZA

DI DAGOBERTO H. BELLUCCI Rinascita I media embedded d’occidente hanno sempre tralasciato o fatto finta di ignorare, in questi tragici giorni, che gli Hizbollah, il Partito di Dio, è parte integrante del governo libanese e che l’alleanza sciita – che rappresenta la maggioranza del popolo libanese – è presente con ben 35 deputati su 128 nel parlamento di Beirut. Questi portavoce della disinformazione hanno preferito finora tacciare un popolo che resiste a un’occupazione straniera come “terrorista”. “Voi sapete perfettamente che …

Leggi tutto »

L’IMPRESA SENTIMENTALE

DI ISIDRO JIMÉNEZ & MARÍA GONZÁLEZ Revista Pueblos A tutta pagina in una rivista, l’immagine mostra una ragazza con l’asciugacapelli elettrico in mano e il pavimento dell’abitazione ricoperto di piante: “Ogni volta che usi l’asciugacapelli, un prato si riempirà di fiori”, dice lo slogan di questa pubblicità di Iberdrola. Ad un gruppo di alunne e alunni di scuola secondaria , con i quali stiamo facendo un wokshop, e’ stato chiesto di analizzarlo. Probabilmente, poche volte prima di adesso hanno dovuto …

Leggi tutto »

LA DISCESA LIBANESE AGLI INFERI

DI MIKE WHITNEY Palestine Chronicle Siniora dovrebbe ignorare le Nazioni Unite. Il cessate il fuoco statunitense-britannico-francese non è altro che uno schema “neocoloniale” per dividere il Libano. “So che morirò lottando contro di essi, solo allora andrò dal mio Dio. Ma andrò dal mio Dio lottando come un leone. Non sarò macellato come un agnello” — Ahmed (ultimo nome pervenutoci) “Distruzione, Morte e Provvedimenti Drastici”, Dahr Jamail L’assassinio dell’uomo d’affari libanese Rifik Hariri sembra ora la beffa che molti sospettavano …

Leggi tutto »

ISRAELE DENUNCIA LA PRESENZA DI LANCIA-RAZZI RUSSI NELLA CONTROFFENSIVA LIBANESE

DI VIKTOR LITOVKINE Voltaire Net Hezbollah avrebbe già distrutto almeno una divisione di blindati dei sette di cui dispone Tshal. Queste perdite hanno compromesso la strategia del blitzkrieg dello stato maggiore israeliano e lo hanno costretto a decidere di limitare la progressione di terra al ritmo della fanteria. La resistenza libanese utilizza lancia-razzi anticarro armato russi di ultima generazione che perforano i Merkava israeliani e anche i carri armati di fabbricazione statunitense. Viktor Litovkine analizza la polemica che cresce tra …

Leggi tutto »

LA RISOLUZIONE ONU NON RICONOSCE CHE ISRAELE HA INIZIATO UNA GUERRA

Trascrizione della risoluzione 1701: la parola “Guerra” non è menzionata. DI MICHEL CHOSSUDOVSKY Global Research La risoluzione 1701 del Consiglio di sicurezza dell’ONU è stata abbozzata dalla Francia e dagli USA in stretta consultazione col governo israeliano. a) La risoluzione è una clamorosa violazione della carta dell’ONU e del diritto internazionale. Non riconosce che Israele ha iniziato una guerra all’ultimo sangue contro il Libano in violazione del diritto internazionale. Descrive il bombardamento e la distruzione di un intero paese come …

Leggi tutto »

BOICOTTAGGIO ANTISIONISTA

DI XYMPHORA Il mondo si trova ad affrontare una serie di circostanze uniche che rendono sia possibile che necessario un boicottaggio dei dirigenti di impresa e delle imprese che appoggiano Israele e il sionismo: 1. Da quando si è permesso ai primi coloni di vivere nei Territori Occupati, i crimini di Israele hanno continuato ad intensificarsi, e gli ultimi attacchi sulla popolazione civile e l’infrastruttura in Libano dimostrano che Israele è irrecuperabile.

Leggi tutto »

PIANO B(ERLINO) PER BAGHDAD

DI THOMAS PANY Telepolis Iraq: la capitale divisa? Mentre Beirut è al centro delle cronache dal Medio Oriente, a Baghdad continua la guerra civile: 45 persone uccise dalle esplosioni, domenica; mentre un’autobomba ha ucciso 37 persone che si trovavano al mercato cittadino, nel quartiere di Sadr City, controllato dalla milizia Mahdi di Muqtada al-Sadr. Una bomba, fatta scoppiare in strada nelle vicinanze del consiglio cittadino di Sadr-City, ne ha uccise altre 8. Il Governo, al di fuori della zona verde, …

Leggi tutto »

INNUMEREVOLI ERRORI

Israele continua a bombardare DI NORMAN GRIEBEL Freace Le notizie di martedì e mercoledì confermano ancora una volta l’atteggiamento di indifferenza da parte di Israele, nella sua guerra contro il Libano e la Palestina, nei confronti di accordi internazionali come le Convenzioni di Ginevra. Così Human Rights Watch (HRW), un’organizzazione statunitense per i diritti umani, ha riferito che l’esercito israeliano in Libano ha lanciato bombe a grappolo (o a frammentazione) su zone altamente popolate. Un’indagine sul posto ha mostrato che …

Leggi tutto »

L’ASSASSINIO DI HARIRI ALLA LUCE DEI RECENTI AVVENIMENTI

DI XYMPHORA 1. L’omicidio di Hariri, attribuito immediatamente alla Siria (senza alcune prove se non le menzogne propagate da Mehlis), ha avuto come diretta conseguenza che la Siria è stata costretta a ritirare le sue truppe dal Libano. È ovvio che il passo era un requisito necessario per il coinvolgimento israeliano in Libano. 2. L’enorme dubbio che emerge dalle attuali avventure israeliane è perché Israele stia sacrificando tanta benevolenza internazionale uccidendo civili libanesi innocenti, se il suo obiettivo dichiarato è …

Leggi tutto »

MAI PI

DI GILAD ATZMON Peace Palestine Appena sessantacinque anni fa gli ebrei sono stati brutalmente cacciati dall’Europa. Proprio quando la maggioranza degli ebrei laici europei era completamente convinta che la sua condizione di emancipazione fosse finalmente maturata in un’assimilazione a tutti i livelli, il giudeocidio nazista l’ha smentita. Solo due settimane fa, quando gran parte degli israeliani era convinta che la Pace stesse per prendere il sopravvento, grazie all’‘iniziativa di pace’ unilaterale di Sharon, Hamas e Hizbollah l’hanno smentita.

Leggi tutto »

RIECHEGGIA LA WERMACHT

DI GILAD ATZMON Counterpunch I raid israeliani su Gaza e sul Libano Due settimane fa militanti palestinesi hanno catturato un legittimo obiettivo militare, un soldato israeliano. Ieri un attacco eroico orchestrato in maniera analogamente schiacciante da combattenti guerriglieri di Hizbollah. Entrambi gli attacchi sono avvenuti per mandare un messaggio di resistenza: Israele non riuscirà mai a imporre la sua disgustosa nozione unilaterale di ‘pace’. Di fatto il ritiro unilaterale può aver avuto un effetto magico sugli elettori israeliani così come …

Leggi tutto »

COSA VUOLE ISRAELE ?

DI ILAN PAPPE The Electronic Intifada Immagina un gruppo di generali d’alto rango che per anni hanno simulato scenari da Terza Guerra Mondiale nei quali possono spostare in giro grandi eserciti, impiegare le armi più sofisticate che hanno a disposizione e godere dell’immunità di un quartier generale computerizzato dal quale possono dirigere i loro giochi di guerra. Ora immagina che sappiano che in realtà non c’è una Terza Guerra Mondiale e la loro esperienza è richiesta per calmare alcuni dei …

Leggi tutto »

GOOD MORNING BEIRUT

DI BILAL EL-AMINE The Electronic Intifada – Live from Lebanon Ciao a tutti. Per prima cosa, sto bene, e stanno bene la mia famiglia e i miei amici. Siamo sparpagliati in posti diversi, alcuni ancora a sud, alcuni a Tyre, il resto a Beirut e nei dintorni. Quelli che vivono nella periferia sud, dove si trova Hizbollah, sono riusciti ad andarsene prima degli ultimi attacchi e sono al sicuro coi parenti. Come la maggior parte di voi sa, Hizbollah ha …

Leggi tutto »

CONTINUANO A PERFORARE

DI GEORGE MONBIOT The Guardian Il cambiamento di imagine di Shell e BP è un inganno Per un’azienda che afferma di andare “oltre il petrolio”, la BP è riuscita a riversarne un’enorme quantità nella tundra in Alaska. Dopo che la notizia è stata rilasciata ai giornalisti la settimana scorsa, ha ammesso agli investitori che sta affrontando delle accuse per aver permesso che 270.000 galloni di greggio venissero sparsi in uno degli ambienti più delicati del mondo (1). L’incidente è stato …

Leggi tutto »

IL MOSTRO PERFETTO UCCIDE IN SILENZIO

DI NULWEE Daily Kos “Non ho mai visto… cancri duplici e tripli in un solo paziente… Nove membri della famiglia di mia moglie hanno un cancro” – Medico iracheno. Quando si producono energia nucleare o armi nucleari si crea una grande quantità di scorie radioattive. Negli Stati Uniti, l’uranio impoverito (UI) viene sfruttato dal governo come componente per le bombe, per i bossoli e per i proiettili di armi automatiche. Le scorie nucleari rimangono radioattive per miliardi di anni, contaminando …

Leggi tutto »

ISRAELE DOVREBBE CERCARE NEMICI RAGIONEVOLI

DI HASAN ABU NIMAH The Jordan Times Dice un vecchio proverbio: “meglio un nemico ragionevole che un amico stolto”. Israele dovrebbe tenerne conto. Nel suo storico conflitto con gli arabi, Israele si è abituato a vittorie facili ed è sempre stato tentato a spingersi ancora oltre. Ha vinto guerre su diversi fronti nel 1947-48, 1967 e nel 1973. Nel 1956, Israele ha condotto l’aggressione trilaterale anglo-francese-israeliana contro l’Egitto e in velocità record ha battuto l’esercito egiziano, occupando la striscia di …

Leggi tutto »

ANATOMIA DEL PIANO DI “RIALLINEAMENTO” DELLA CISGIORDANIA

Ritiro strategico per perpetuare l’occupazione DI DAVID BLOOM Il governo statunitense, sotto la spinta dei governi europei, ha richiesto che Israele si impegni in un ultimo tentativo per un accordo bilaterale con l’Autorità Palestinese. Se, entro la fine dell’anno, gli Stati Uniti e Israele concorderanno sul fatto che non esiste nessun “partner” palestinese “adatto per fare la pace”, il Primo Ministro israeliano Olmert e il governo traballante guidato da Kadima continueranno il processo di separazione unilaterale degli israeliani dai palestinesi …

Leggi tutto »

MON DIEU, MONDIAL ! (PALLONI AL POSTO DI PALLOTOLE)

DI URY AVNERY Se il presidente Bush voleva occuparsi dell’Iran “bombardandolo fino a farlo tornare all’età della pietra”, (come ha asserito un generale statunitense durante la guerra in Vietnam), questo sarebbe il momento giusto. Chi se ne accorgerebbe, mentre l’attenzione di tutti è rivolta ai mondiali di calcio? Lo sa bene il governo israeliano. Nella loro lotta contro i missili Qassam che sono stati lanciati contro la città di Sderot, l’aviazione ormai ha ricevuto carta bianca. Dall’inizio dei mondiali di …

Leggi tutto »

URANIO IMPOVERITO IN INDIA: SI STA SPARGENDO NEL MONDO

DI KARL W B SCHWARZ Quello che segue mi è stato mandato da un membro della mailing list, e l’autore dell’articolo qui sotto mi (e vi) ha autorizzato a diffonderlo in lungo e in largo. In India stanno cercando di documentare l’estensione dell’inquinamento da uranio impoverito (UI) che proveniva dall’Afghanistan e che si è riversato sul popolo indiano. Stanno seguendo lo stesso percorso che seguiamo noi qui negli Stati Uniti, innanzitutto per dimostrarlo, e poi per riuscire ad interromperlo e …

Leggi tutto »

PATTO SEGRETO DI ISRAELE CON IL SUD AFRICA

“Fratelli d’armi”: il patto segreto di Israele con il Sud Africa dell’apartheid DI CHRIS McGREAL The Guardian Nel corso della seconda guerra mondiale, colui che stava per diventare il Primo ministro del Sud Africa dell’apartheid, John Vorster, fu arrestato dalle autorità britanniche per le sue attività in favore della Germania nazista. Ma trent’anni dopo, quell’uomo sarà accolto in pompa magna a Gerusalemme. Il giornalista del Guardian Chris McGreal, che ha svolto una grande parte della sua carriera tanto nel Sud …

Leggi tutto »

IL SIONISMO NON HA AMICI

DI JUDY ANDREAS “Il parere delle persone mi è stato confidato soprattutto in privato. Alcuni dei più grandi esponenti del mondo del commercio e della produzione negli Stati Uniti hanno paura di qualcosa. Sanno che da qualche parte esiste un potere talmente organizzato, talmente sottile, talmente vigile, talmente sincronizzato, talmente completo, talmente pervasivo che sarebbe meglio che non ne parlassero a voce alta quando vogliono criticarlo.” The New Freedom. Woodrow Wilson, 1913 Qual’è questo potere al quale si riferiva Wilson? …

Leggi tutto »

IL MOSSAD STA PROGETTANDO UN ATTENTATO ALLA COPPA DEL MONDO?

DI JOE QUINN Circa una settimana fa, ho cominciato a chiedermi perché quei governi che più hanno da guadagnare dalla “guerra al terrorismo” – quelli statunitense, britannico e israeliano – non stessero facendo un gran fracasso (attraverso i loro lacchè mediatici) sulla “reale possibilità di un attacco terroristico alla Coppa del Mondo” che comincerà il 10 giugno in Germania”. Dopotutto un evento internazionale che attrae centinaia di migliaia di persone e un audience televisiva mondiale nell’ordine di miliardi, sicuramente deve …

Leggi tutto »

ACCUSE DI ANTISEMITISMO

DI THIERRY MEYSSAN Iran: i governi anglosassoni fabbricano notizie false Godendo di un’impunità confermata dopo l’11 settembre e la guerra in Iraq, i neoconservatori non esitano più ad utilizzare le più alte funzioni dello stato per diffondere pettegolezzi e calunnie. Attraverso la manipolazione dei media che privilegiano la reattività e l’emozione piuttosto che la verifica e l’analisi, hanno accusato l’Iran d’imporre agli ebrei un segno discriminante nell’abbigliamento. È falso, ma fa male. I governi statunitense, australiano e canadese si sono …

Leggi tutto »

QUESTO NON PROGRESSISMO

DI KIM PETERSEN L’area progressista è vasta. I progressisti non sono un gruppo omogeneo ed il dissenso sui punti di vista dovrebbe essere previsto. Però ci sono caratteristiche che stanno definendo meglio i tratti dei progressisti. Creare stereotipi su un gruppo e portare avanti pregiudizi basati su tali stereotipi è contrario ai principi del progressismo. Quando qualcuno dall’area progressista esprime un punto di vista che è considerato un anatema, subito altri progressisti si dissociano da lui. John Kaminski è uno …

Leggi tutto »

IL VENEZUELA POTREBBE DIVENTARE UN OBIETTIVO MILITARE PRIORITARIO DEGLI STATI UNITI

DARIO PIGNOTTI INTERVISTA WILLIAM IZARRA Nel bel mezzo degli scontri verbali tra Washington e Caracas, William Izarra, sorta d’ideologo del processo venezuelano, ha confidato al quotidiano argentino Pagina/12 che il suo paese è al centro di una strategia di destabilizzazione da parte dell’amministrazione Bush. La settimana scorsa [settimana dal 13 al 19 febbraio], a Washington, Condoleezza Rice ha definito il Venezuela e l’Iran come delle minacce nei confronti rispettivamente della stabilità regionale e della stabilità mondiale. A Caracas, questa stessa …

Leggi tutto »

IL MIRACOLO VENEZUELANO

Dallo pseudoeclettismo alla taumaturgia mediatica DI PERE BATLLE Quando si utilizza la parola miracolo per riferirsi ad un fatto particolare di un paese, si è soliti riferirsi ad un fatto economico. Così consideriamo, ad esempio, il famoso miracolo tedesco, che permise al paese raso al suolo dalla guerra e diviso dal dopoguerra, di rinascere dalle sue ceneri, di ristabilirsi e ricostruirsi in pochi anni ed arrivare ad essere uno dei motori dell’economia europea e del mondo. Evidentemente fu possibile perché …

Leggi tutto »

HOTEL RUANDA

di KEITH HARMAN SNOW [*] Che cosa è accaduto in Ruanda nel 1994 ? L’opinione diffusa è che si sia verificato un genocidio calcolato a causa dell’animosità tribale profondamente presente tra la tribù a maggioranza hutu al potere e la minoranza tutsi. Secondo questa storia, almeno 500.000 e forse 1,2 milioni di tutsi – e alcuni hutu moderati – furono spietatamente eliminati in pochi mesi, la maggior parte uccisi col machete. Gli assassini in questa versione furono gli estremisti hutu …

Leggi tutto »