La BCE intende ordinare a UniCredit di ridurre le attività in Russia

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Uno stillicidio continuo della nostra sovranità e dell’indipendenza delle nostre aziende, così potremmo sottotitolare quest’ennesimo articolo dove si porta delle pressione che EU e BCE fanno a danno degli interessi italiani (dietro la spinta statunitense). Lungi da difendere la nostra classe dirigente che mai si mostra decisa a difendere l’impresa italiana, ci preoccupano le costanti e neppure più nascoste ingerenze nella vita politica, economica e finanziaria del nostro Paese. Potrà mai finire questa deriva di sottomissione continua nei confronti dello straniero, considerando, oltretutto, che in EU non cessa la voglia di confiscare i beni russi congelati, il che ci porterebbe a una catastrofe finanziaria di proporzioni gigantesche, senza che nessuno alzi con decisione la voce contro questa ennesima idea folle partorita dalle brillanti menti dell’Unione europea?

 

WASHINGTON/ROMA, 19 aprile 2024 (Reuters)

La Banca Centrale Europea è pronta a ordinare all’italiana UniCredit (CRDI.MI) di ridurre le sue attività con la Russia, hanno detto due persone a conoscenza della questione, mentre l’autorità di regolamentazione esercita pressioni per stroncare i legami finanziari europei con Mosca.
Le richieste della seconda banca europea in Russia sarebbero simili a quelle che la BCE vuole dall’austriaca Raiffeisen Bank International (RBI) (RBIV.VI), la più grande banca occidentale attiva nel Paese, hanno detto a Reuters, chiedendo l’anonimato perché la questione è riservata.

La BCE e UniCredit si sono rifiutate di commentare.

Giovedì la RBI ha dichiarato che la BCE le chiederà di ridurre i prestiti in Russia e i pagamenti entro un determinato periodo di tempo.
Dopo mesi di discussioni, la BCE è pronta a inviare a UniCredit un ordine giuridicamente vincolante, che apre una nuova scheda, hanno detto le fonti, in un significativo aumento della pressione per ridurre le sue attività in Russia. Si tratta del penultimo passo prima che la BCE possa imporre sanzioni, come le multe.

Un avvertimento formale della BCE a UniCredit offrirebbe alla seconda banca italiana un’ultima opportunità per evitare una procedura di applicazione da parte dell’autorità di vigilanza che potrebbe portare a sanzioni, ha dichiarato un’altra persona a conoscenza della situazione.
Due anni dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia, le autorità di regolamentazione europee stanno aumentando la pressione sui suoi istituti di credito, poiché il conflitto non mostra segni di cessazione.
I Paesi occidentali hanno inasprito le sanzioni contro la Russia e il Gruppo delle Sette democrazie industriali sta studiando il modo di sfruttare i beni sovrani russi congelati per contribuire al finanziamento dell’Ucraina.

Eppure due delle grandi banche della regione, RBI e UniCredit, continuano a operare in Russia, attirando anche l’attenzione delle autorità statunitensi, come hanno dichiarato a Reuters persone a conoscenza della questione.

Entrambe le banche sono presenti in Russia dal crollo dell’Unione Sovietica, più di tre decenni fa.

L’amministratore delegato di UniCredit, Andrea Orcel, ha dichiarato a febbraio che la strategia della banca in Russia è rimasta invariata e che l’istituto di credito italiano sta continuando a ridimensionare l’attività.
L’unità Russia della banca ha registrato un utile ante imposte di 890 milioni di euro nel 2023, circa il 7,7% del totale del gruppo. Questo dato si confronta con un utile ante imposte di 210 milioni di euro nel 2021, prima dello scoppio della guerra.
Sebbene i prestiti dell’unità russa si siano dimezzati rispetto all’anno precedente e il numero di dipendenti sia sceso dell’8% a circa 3.150 unità, i ricavi sono aumentati del 17% all’anno a valuta costante, grazie all’incremento delle commissioni bancarie.

A giugno, Andrea Enria, l’allora capo del braccio di vigilanza della BCE, ha dichiarato al Parlamento europeo, apre una nuova scheda, di aver

ripetutamente e pubblicamente espresso preoccupazione per la deludente lentezza dei progressi” delle banche nel ridurre le loro attività in Russia.

Ha detto che la BCE ha chiesto “alle banche di accelerare le loro strategie di ridimensionamento e di uscita adottando chiare tabelle di marcia e riferendo regolarmente ai loro organi direttivi e alla Vigilanza bancaria della BCE sull’esecuzione di questi piani”.
La prossima mossa della BCE suggerirebbe che la mancanza di progressi è continuata nonostante mesi di discussioni, spingendo il regolatore a prepararsi a imporre alle banche un ordine legalmente vincolante.

La RBI non ha rispettato diverse scadenze della BCE, ha dichiarato a Reuters un’altra persona che ha familiarità con le intenzioni della BCE.

Glass Lewis, società leader nella consulenza in materia di governance, ha esortato gli azionisti di UniCredit a “prestare attenzione alle continue operazioni della società in Russia”.
Come riportato da Reuters all’inizio del mese, le aziende ancora esposte in Russia possono aspettarsi “un maggiore controllo da parte degli stakeholder sul loro approccio”, che potrebbe portare a “danni materiali alla reputazione che potrebbero avere un impatto sul valore per gli azionisti”.

 

https://www.reuters.com/markets/europe/ecb-set-order-unicredit-reduce-russia-business-sources-say-2024-04-19/

 

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix