Il senatore Jordan accusa: la Casa Bianca censurò l’informazione sui vaccini

Jim Jordan descrive nei dettagli il piano selvaggio tra i funzionari di Biden e Amazon per censurare il materiale anti-vaccino "sensibile", mentre la Casa Bianca nega di essere stata "coercitiva".

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

La notizia rischia di travolgere gli ormai precari equilibri dell’amministrazione Biden, già sotto attacco per la conduzione delle guerre in Ucraina e Medio Oriente. Il senatore James Daniel Jordan, detto Jim, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato dell’Ohio ed esponente del Partito Repubblicano, sta accusando in queste ore la Casa Bianca di volontà censorie nei confronti dell’informazione contro i vaccini cosiddetti anti-covid negli anni della pandemia. In particolare, la censura avrebbe colpito Amazon e la vendita on line di libri che trattavano il tema della vaccinazione MRNA.

 

Da dailymail.co.uk, 2 maggio 2024

 

Il presidente della commissione giudiziaria Jim Jordan ha reso noti nuovi dettagli sulla stretta collaborazione tra la Casa Bianca di Biden e Amazon per “deplorare” libri ritenuti “sensibili”, mentre i funzionari della Casa Bianca hanno insistito sul fatto che non hanno mai “costretto” aziende private.

Il 2 marzo 2021, il consigliere della Casa Bianca Andrew Slavitt ha contattato Amazon.

Inizialmente Amazon ha resistito alle pressioni della Casa Bianca per limitare il materiale anti-vaccino, e prima di un incontro del 9 marzo 2021 tra la Casa Bianca e i funzionari di Amazon, un’e-mail “pre-brief” ai dipendenti di Amazon ha sottolineato un “punto chiave”:

L’amministrazione ci chiede di rimuovere i libri, è più preoccupata dei risultati di ricerca/ordine, o di entrambi?”.

Ma il giorno stesso dell’incontro Amazon ha immediatamente adottato una categoria “non promuovere” per i libri anti-vaccino elencati sul suo sito web.

L’impulso per questa richiesta è dato dalle critiche dell’amministrazione Biden sui libri sensibili a cui stiamo dando una posizione di rilievo, e dovrebbe essere gestito con urgenza”,

ha scritto un funzionario di Amazon in un’e-mail ad altri collaboratori.

In un’altra e-mail interna, un funzionario di Amazon esprime l’urgenza di apportare le modifiche per vietare i contenuti anti-vaccino “a causa delle critiche dei Biden”.

I prossimi 4 mesi di risposta/adozione dei vaccini saranno critici”,

scrive il funzionario. Hanno suggerito di rimuovere completamente i libri dalla vendita, perché

i dati di ricerca mostrano che i clienti che acquistano questi contenuti cercano libri specifici e utilizzano query ad alto intento, il che significa che probabilmente i clienti continueranno a consumare questi contenuti nonostante i nostri avvertimenti”.

 

Il 12 marzo Amazon ha deciso di adottare ulteriori misure per reprimere i libri anti-vaccino perché “sente la pressione della task force della Casa Bianca”.

Amazon non è stata l’unica a piegarsi ai desideri dell’amministrazione Biden di deplorare i contenuti che potrebbero seminare dubbi sui vaccini Covid-19: anche Twitter, ora X, e Facebook hanno sentito la pressione.

Jordan si è scagliato contro Slavitt e Rob Flaherty, uno dei principali addetti alle comunicazioni della Casa Bianca, in un’udienza sulla censura tenutasi mercoledì.

Jordan ha mostrato delle e-mail tra la Casa Bianca e Facebook, tra cui una in cui Flaherty avrebbe scritto: “Il mio obiettivo è quello di cacciare le persone dalla piattaforma”.

La Casa Bianca sta dicendo a una piattaforma di social media, una delle più grandi al mondo, che dovrebbe cacciare le persone dalla sua piattaforma se dicono cose che non ci piacciono”,

ha detto Jordan. Ma Flaherty e Slavitt hanno negato di essere stati coercitivi.

Non ci sono state minacce e non ci sono state conseguenze”,

ha dichiarato Flaherty.

 

Non avevamo alcuna intenzione di costringere le società di social media a prendere provvedimenti”,

ha detto Slavitt.

La Commissione giudiziaria ha condiviso un rapporto provvisorio di 98 pagine sul “complesso industriale della censura”, che descrive in dettaglio le decine di migliaia di e-mail tra i funzionari di Biden e Facebook, YouTube e Amazon, sostenendo che la Casa Bianca ha violato la libertà di parola.

Flaherty ha insistito sul fatto che le aziende private sono i “decisori ultimi”, ma “questo non significa che lo staff della comunicazione non possa chiedere o addirittura implorare queste aziende di affrontare la disinformazione sulle loro piattaforme”.

Lo scorso luglio un tribunale ha stabilito che la Casa Bianca non può comunicare con le aziende private in merito alla deplorazione dei contenuti, ma la sentenza è stata bloccata. Tuttavia, la Casa Bianca ha ridotto le sue iniziative nei confronti delle aziende tecnologiche.

Una serie di documenti condivisi da Jordan l’anno scorso mostrava che Facebook aveva ceduto alle pressioni della Casa Bianca per rimuovere i post che mettevano in dubbio il vaccino.

Il tutto è iniziato con un’e-mail dell’aprile 2021 a Zuckerberg e al COO Sheryl Sandberg. Il documento affermava che:

Stiamo affrontando continue pressioni da parte di soggetti esterni, tra cui la Casa Bianca di [Biden]” per rimuovere i post.

Un’ulteriore e-mail del 2021, inviata dal presidente di Facebook per gli affari globali Nick Clegg al suo team, affermava che il consigliere di Biden Slavitt era “indignato … per il fatto che [Facebook] non abbia rimosso” un particolare post.

Il post aveva a che fare con i vaccini COVID-19 e la Casa Bianca voleva che fosse etichettato come “disinformazione” e rimosso dalla piattaforma di social media.

Clegg ha risposto alla Casa Bianca dicendo che la rimozione di quel contenuto “rappresenterebbe un’incursione significativa nei confini tradizionali della libera espressione negli Stati Uniti”.

Secondo altre e-mail, Facebook ha cercato di “riparare” il suo rapporto con l’amministrazione Biden.

 

Data la posta in gioco, sarebbe anche una buona idea se potessimo riorganizzarci e fare il punto della situazione sulle nostre relazioni con la [Casa Bianca] e anche sui nostri metodi interni”,

ha scritto Clegg in un’altra e-mail.

 

https://www.dailymail.co.uk/news/article-13376093/jim-jordan-censorship-white-house-amazon.html

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix