Ultimi articoli

Sulla morte della democrazia ovvero, di come la finanza ha ucciso la democrazia in occidente

FONTE: KEINFUSCH.NET Nella discussione che verte sugli avvenimenti politici ci stiamo dimenticando, e lo stiamo facendo volontariamente, del fattore scatenante. Diciamo che “le socialdemocrazie stanno morendo” senza dire il perche’. Diciamo “il populismo sta vincendo” senza dire il perche’. Beh, adesso diciamolo : “la democrazia sta per morire. E questa volta non tornera’ mai piu’. ” . Ma per farmi perdonare, io diro’ perche’. Diseguaglianza economica e sorveglianza elettronica. La diseguaglianza economica, il fatto che pochi possiedono quasi tutto e …

Leggi tutto »

Economia o finanza?

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com In tempi di Legge Finanziaria, ogni arma è valida – verrebbe da dire – perché lì si decide chi vivrà meglio nel prossimo anno e chi pagherà. E chi raccoglierà consensi: tutto qui. Casalino ha lanciato un segnale pesante come un macigno, ma vero fino al midollo: il MEF è infarcito di Troll delle lobby economiche, di uomini che sono lì soltanto per controllare che i soldi vadano da una certa parte e non dall’altra, di …

Leggi tutto »

Fiera colonizzata

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Gli Stati Uniti colonizzano la Fiera di Salonicco, e condizionano pesantemente gli sviluppi geopolitici per la Grecia, imponendo un trattato frettoloso sulle regioni macedoni del Nord, che Tsipras accetta senza batter ciglio. Del resto, cosa sarà mai? Una legge più, una meno delle migliaia che sono state emanate sotto dettatura della Troika (700 leggi, decine di migliaia i decreti) non fa alcuna differenza. Pure gli apparenti aumenti concessi a talune categorie di pensionati sono dati in …

Leggi tutto »

Un cupo anniversario – il decennale dell’inizio della crisi finanziaria globale

DI VALENTIN KATASONOV fondsk.ru Di chi è la colpa e cosa aspettarsi? Il flusso della vita si sta accelerando e talvolta dimentichiamo quanto accaduto un anno fa. Soprattutto – dieci anni fa. Un decennio fa è iniziata la crisi finanziaria mondiale. Dapprima (dal 2007), si è sviluppata negli Stati Uniti come una crisi sul mercato dei mutui ed è stata percepita come una crisi americana. Ricordo come nella primavera del 2008, l’allora Ministro delle Finanze Aleksej Kudrin, a quanto si …

Leggi tutto »

Putin, Israele e l’IL-20 abbattuto

  THE SAKER thesaker.is Ieri (19 settembre) ho cercato di postare un breve commento, in cui suggerivo che, prima di trarre delle conclusioni su qualunque cosa, bisognerebbe aspettare che i fatti si chiariscano. Ma non è servito a nulla. Il coro dei “Putin è uno zerbino!!”, “bombardate Israele!!” e simili stupidaggini, sta ancora andando avanti, più rumoroso che mai. Dopo aver letto tutta queste serie di assurdità, volevo proporre io uno slogan, qualcosa come “nemici degli Ebrei e nemici di Putin, …

Leggi tutto »

La Russia si è arresa all’Occidente?

DI PAT BUCHANAN original.antiwar.com Alla fine del suo secondo mandato il presidente Ronald Reagan, che aveva definito l’Unione Sovietica “l’impero del male”, passeggiava per la Piazza Rossa con i russi che gli davano pacche sulle spalle. Era meraviglioso vivere quell’alba. E con quale saggezza abbiamo gestito i frutti del nostro trionfo nella Guerra Fredda? Questo mese, Xi Jinping, leader a vita della Cina, era accanto a Vladimir Putin quando 3.000 militari cinesi hanno partecipato alle manovre con 300.000 russi, 1.000 …

Leggi tutto »

Fermate la prima pagina. Mancano i reporter

DI JOHN PILGER johnpilger.com La morte di Robert Parry ad inizio anno è parsa un addio all’era dei reporter. Parry è stato “un pioniere del giornalismo indipendente”, ha scritto Seymour Hersh, con cui condivideva molte cose. Hersh ha svelato il massacro di My Lai in Vietnam e il bombardamento segreto della Cambogia, Parry ha denunciato Iran-Contra, una cospirazione di droga e armi che ha lambito la Casa Bianca. Nel 2016, i due hanno prodotto separatamente prove schiaccianti che il governo …

Leggi tutto »

I 100 giorni del governo giallo-verde

DI LEONARDO MAZZEI sollevazione.blogspot.com Leonardo Mazzei compie una circostanziata analisi di quanto fatto dal governo Conte, anche considerando quanto detto e/o promesso di fare dai suoi esponenti di punta. Lo scritto si compone di cinque capitoli: 1. La politica economica 2. La politica sociale (e ambientale) 3. La politica estera 4. L’immigrazione 5. La democrazia 6. E adesso? Ne vien fuori un quadro di grande interesse per capire la natura, le aporie ed i limiti del governo. Un’analisi che mentre …

Leggi tutto »

Putin vs Putin

  DI NATALIA CASTALDO facebook.com La popolarità di Putin è in discesa e da russa vengo bombardata di domande sul perché. Sono una putiniana ma non di quelle che “Putin ha sempre ragione” e ho sempre trovato patetico il tentativo da parte sia dell’estrema destra che dei comunisti di costruirsi un Putin a propria immagine e somiglianza. Putin punto di riferimento delle destre, Putin neocomunista, niente che un russo, che conosce bene la Russia, possa prendere seriamente. Molti attribuiscono il …

Leggi tutto »

L’Occidente odia la pace in Siria: dalla de-escalation a sfiorare la Terza Guerra Mondiale in appena due ore

FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org Il 17 settembre, a Sochi c’è stato un importante incontro fra Erdogan e Putin, che ha avuto come argomento la Siria, in modo particolare Idlib. Dopo poche ore dal raggiungimento di un accordo fra i due leaders, si è verificato un attacco franco-israeliano nella zona costiera siriana di Latakia, che ha causato la perdita di un IL-20 dell’aviazione russa e ha portato il mondo sull’orlo di una guerra termonucleare. L’accordo fra Erdogan e Putin riguardante la provincia …

Leggi tutto »

La disobbediente Ungheria: dall’Unione Sovietica all’Unione Europea. Cambio di regime in vista ?

DI DIANA JOHNSTONE unz.com La CNN ha recentemente scoperto un paradosso. Com’è possibile, hanno chiesto, che nel 1989 Viktor Orban, all’epoca un liberale leader dell’opposizione acclamato dall’Occidente, chiedesse alle truppe sovietiche di lasciare l’Ungheria, ed ora che è Primo Ministro è alleato di Putin? Per lo stesso motivo, cara CNN. Orban voleva che il suo paese fosse indipendente, e lo vuole tuttora. Ai tempi l’Ungheria era un satellite dell’Unione Sovietica. Qualsiasi cosa gli ungheresi volessero, dovevano seguire le direttive di …

Leggi tutto »

Gli Stati Uniti sono un morto che cammina

DI PAUL CRAIG ROBERTS paulcraigroberts.org C’è un feroce attacco alla verità. Se non usiamo bene il nostro sito web, ci troveremo nel buio più totale. Ieri mentre guidavo, ho acceso la radio in macchina per sentire se  i russo/siriani avessero cominciato la liberazione di Idlib, in Siria dai terroristi appoggiati da Washington. Tutto quello che ho sentito invece, su radio NPR, erano  due donne bianche che deploravano il razzismo bianco. Si sentivano tanto colpevoli per aver indirettamente beneficiato del razzismo …

Leggi tutto »

“A Beppe Grillo ho dato solo consigli sbagliati – e oggi faccio fatica a non dirmi dell’Isis”: dialogo con Massimo Fini

DI DAVIDE BRULLO pangea.news Questo Governo s’ha da continuare. Da cannibale e mangiapolitici, da nietzschiano bastian contrario, ora sei un fan di questo Governo… “Dico che questo Governo, vincendo i sospetti dei più spregevoli, funziona. Di Maio e Salvini vanno abbastanza bene insieme, e credo che ciò dipenda dal fatto che c’è reciproca stima tra i due. Punto sul fatto che il Governo tenga, ma sia chiaro che sono più vicino, con tutti i distinguo, al Movimento 5 Stelle che …

Leggi tutto »

Il Ministero della Difesa russo ha presentato le prove dell’attacco delle Forze Armate ucraine al Boeing-777 della Malaysia

  FONTE: RIA.RU Il Ministero della Difesa russo ha presentato le prove dell’attacco delle Forze Armate ucraine al Boeing-777 della Malaysia, volo MH17, abbattuto nell’estate del 2014 sul Donbass. L’esperto militare Viktor Baranets Su radio Sputnik ha evidenziato come i documenti presentati annullino la versione occidentale. Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che il missile che ha abbattuto il Boeing -777 della Malaysia Airlines nel Donbass, era in dotazione di un reparto ucraino. Il dicastero ha presentato documenti provanti …

Leggi tutto »

Siria – La provocazione israeliana causa la morte di militari russi – La vendetta di Mosca sarà politica

MOON OF ALABAMA moonofalabama.org Ieri, la Turchia e la Russia hanno raggiunto un’intesa per una ulteriore de-escalation nella provincia di Idlib, in Siria, (vedere gli aggiornamenti qui). Questo accordo azzera la possibilità di un imminente e più ampio scontro, in cui gli Stati Uniti e i loro alleati avrebbero usato il pretesto di un finto attacco chimico per un lancio di missili contro obbiettivi governativi e postazioni militari siriane. Una risoluzione pacifica della situazione ad Idlib non soddisfa Israele. Una …

Leggi tutto »

Un aereo militare russo con 14 persone a bordo scompare durante gli attacchi israeliani a Latakia

FONTE: RT.COM Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che un aereo militare Il-20 russo con 14 membri di servizio a bordo è scomparso dai radar durante un attacco di quattro jet israeliani sulla provincia siriana di Latakia. I controllori del traffico aereo della base aerea di Khmeimim “hanno perso il contatto” con l’aereo lunedì sera, durante un attacco di caccia F-16 israeliani su Latakia, ha precisato il Ministero della Difesa. L’aereo era a 35 km dalla costa della Siria quando è scomparso. …

Leggi tutto »

Siamo condannati ad una recessione nel 2020 – e non avremo gli strumenti per affrontarla

DI NOURIEL RUBINI theguardian.com A dieci anni dal crollo di Lehman Brothers, ci si chiede se sono state imparate le lezioni necessarie per prepararsi alla prossima crisi. La domanda più pertinente però sarebbe cosa effettivamente scatenerà la prossima recessione, e quando. L’attuale espansione globale continuerà probabilmente anche nel prossimo anno. Gli Stati Uniti stanno conducendo ampi deficit di bilancio, la Cina sta perseguendo disinvolte politiche fiscali e creditizie e l’Europa rimane sulla via della ripresa. Entro il 2020, le condizioni …

Leggi tutto »

Una versione non ufficiale del golpe antisovranista del 2011

IL POLISCRIBA alcesteilblog.blogspot.com “Il mercato crede in noi, è già tornato ad investire nei Titoli di Stato italiani” Mario Monti, annus horribilis 2011 Vi racconto una storia di ordinaria lucida follia finanziaria, una novella che potrebbe essere inserita in un Decameron postkeynesiano, una sceneggiatura dietrologica per un film che non si girerà mai, che di certo, un regista del calibro di Veltroni, non potrà fare a meno di rivoltarsi tra le mani in un azzurro giorno di fine estate, presso …

Leggi tutto »

Joseph Stiglitz sull’intelligenza artificiale: “Stiamo andando verso una società più divisa”

DI IAN SAMPLE theguardian.com La tecnologia potrebbe migliorarci enormemente la vita – dice l’economista – ma solo se i titani che controllano la tecnologia seguiranno regole adeguate.  “Quello che abbiamo ora è un sistema assolutamente inadeguato” Deve essere difficile per Joseph Stiglitz  restare ottimista di fronte al triste futuro che teme possa arrivare. Il premio Nobel ed ex chief economist della Banca Mondiale ha riflettuto attentamente su come l’intelligenza artificiale potrà influenzare la nostra vita. J.S.  dice che sulle spalle della …

Leggi tutto »

Prima l’UE, ora l’ONU, e poi chi verrà ancora? I marines?!

DI ALESSANDRO GUARDAMAGNA comedonchisciotte.org Dopo averci bollati come lebbra, accusati di minare la stabilità di un Europa che grazie al terrorismo psicologico dei suoi banchieri si danneggia benissimo da sola, ora ci hanno messo di mezzo anche l’ONU. E’ infatti di pochi giorni fa la notizia che l’Alto commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, attaccando il governo Italiano colpevole di aver «negato l’ingresso di navi di soccorso delle Ong» nei propri porti, ha annunciato che l’Agenzia ONU per la …

Leggi tutto »

QUESTO NON E’ PIU’ GIORNALISMO. IO MI CHIAMO FUORI

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Non mi è più possibile essere giornalista, e di conseguenza voglio che tutti sappiate che io oggi non sto facendo giornalismo. Il mio lavoro è stato devastato dal “Facebook-journalism” e dal “Twitter-journalism”, due tumori del mestiere che ricadono sotto l’ombrello del “Google-journalism”. Oggi chiunque dal pc può infarcirsi di Google search, poi sparare ‘giornalismo’ nel web, Social o persino sui quotidiani online e reclamare competenza e celebrità. Il risultato è un’iperinflazione da Weimar di grotteschi personaggi, …

Leggi tutto »

Orbán fa l’insubordinato mentre il Parlamento Europeo considera le sanzioni contro l’Ungheria

  DI DANIEL BOFFEY theguardian.com Il Primo Ministro ungherese, Viktor Orbán, ha affermato che il suo Paese è stato condannato per aver scelto di non essere un “Paese di migranti”, dal momento che ha riconosciuto che il Parlamento Europeo si apprestava ad attivare la sanzione più grave dell’UE contro il suo governo. Giunto in ritardo, martedì [11 settembre], a un dibattito alla camera di Strasburgo sui tribunali del Paese [Ungheria], sul trattamento della sua comunità Rom e sulla libertà accademica …

Leggi tutto »

Come evitare un attacco stile 2011 contro l’Italia?

DI MARCO ROCCO maurizioblondet.it Osservando gli sviluppi internazionali sembra pericoloso illudersi che prossimamente l’Italia non venga messa sotto l’attacco da parte dei mercati, come fu nel 2011. Forse – in realtà – l’Italia è già sotto attacco e lo spread tra i 250 e i 300 bps ne è la riprova. I calcoli di Mr. Cottarelli che conducono a circa 6 miliardi di extra costo di interessi in 2 anni causa spread potrebbero infatti essere non molto lontani dalla realtà: …

Leggi tutto »

Orban, lo zero+ e il nazionalismo col c*** degli altri

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Lo so, vi dirò cose che voi umani manco potreste immaginare e che vi faranno incazzare di brutto… ma tanto le dico lo stesso. Dovendo parlare di Viktor Orban e  di Matteo Salvini, campioni eroi del nostro tempo liquido e fautori della tanto discussa “internazionale populista”, che raccatta tutta la galassia nazionalista a partire da Trump, Putin, fino al gruppo di Visegrad, vi dirò che appaiono agli occhi del mondo come due pericolosi eversori degli equilibri europei, …

Leggi tutto »

“Starbucks senza filtro: la verità sulla catena di caffè che domina il mondo”

DI HELENE RIFFAUDEAU teleobs.nouvelobs.com Dietro la sua allettante vetrina, Starbucks si rivela meno cool di quanto appare. Per un intero anno, Luc Hermann e Gilles Bovon hanno investigato sulla multinazionale americana del caffè. Condizioni lavorative dei salariati, impegno ecologista, evasione fiscale e insediamento aggressivo: tutto è stato passato al setaccio.  TéléObs. Come avete iniziato questa vasta inchiesta? Luc Hermann. – Con Gilles Bovon, co-realizzatore, siamo partiti dall’aura del marchio. Quando aprì il primo Starbucks a Strasburgo, certi giovani si misero in …

Leggi tutto »

Atene altrimenti – quello che i turisti non vedono

DI FRANZ FERRE’ comedonchisciotte.org Atene Altrimenti, recita lo slogan di Panagiotis Grigoriou quando cerca di guadagnarsi da vivere facendo la guida turistica. E  io. il traduttore dei suoi pezzi per Comedonchisciotte, mi sono fatto guidare dall’etnografo greco alla scoperta degli angoli di Atene meno conosciuti, legati alla storia degli ultimi due secoli fino all’ultimo dopoguerra ed al recente decennio di crisi. A Plaka sembra tutto normale, ma basta svoltare l’angolo e si aprono scenari di guerra: negozi chiusi, vetrine sfondate, …

Leggi tutto »

Grazie ai Bailout di Obama e ai tagli fiscali di Trump, Cinque Banche americane mettono in tasca 583 miliardi

DI JAKE JOHNSON Information Clearing House Il tracollo finanziario del 2008 ha inflitto danni finanziari e danni psicologici devastanti a milioni di americani, ma un nuovo rapporto pubblicato da Public Citizen martedì scorso rileva che le banche di Wall Street – quelle stesse che hanno causato il crollo con le loro speculazioni azzardate e con truffe fatte alla luce del sole – hanno fatto utili  fenomenali negli ultimi dieci anni dopo la crisi. Grazie alla  decisione dell’amministrazione Obama di salvare le banche …

Leggi tutto »

Idlib: tutto tace sul Fronte Nord

  ROBERT FISK independent.co.uk A tutti i giornalisti piacerebbe iniziare un articolo con le parole: “Tutto tace sul Fronte Occidentale”. O anche sul Fronte Orientale. Io però avevo scritto sul mio blocco per appunti: “tutto tace sul Fronte Nord”, mentre viaggiavo su una strada di campagna in direzione nord, verso il remoto villaggio di Kansabba, sulla linea del fronte siriano, di fronte alla provincia di Idlib, proprio quando un pezzo di artiglieria nascosto nella foresta aveva sparato un colpo sopra …

Leggi tutto »

“Sono un patriota orfano di patria. Italia, regno della menzogna”. L’ultima intervista a Guido Ceronetti

DI SILVIA TRUZZI ilfattoquotidiano.it E’ morto a 91 anni il poeta e scrittore Guido Ceronetti Schivo nella vita e prolifico nelle opere, oggetto di polemiche più che di riconoscimenti, Guido Ceronetti è stato poeta, filosofo, scrittore, traduttore, giornalista e drammaturgo italiano, ma soprattutto è stato un umanista, un umanista disturbante nei sui contrappunti a ideologie e dogmi dominanti. È morto oggi all’età di 91 anni a Cetona, piccolo borgo toscano dove si era trasferito da tempo e dove conduceva un’esistenza ritirata, …

Leggi tutto »

Parliamo di noi, e della beffa europea

DI CARLO BERTANI comedonchisciotte.org Una volta tanto, visto che il WM ha lanciato la questua annuale (qui ) parliamo un po’ di noi, di chi siamo, di cosa cerchiamo, di cosa vorremmo, sogni, delusioni, speranze…ovviamente, legate a qualcosa che ci ha fatti conoscere e che, in qualche modo, ci lega ossia Comedonchisciotte. Senza accorgercene, soltanto con un clic, ci hanno dato una lancia spuntata, un ronzino pidocchioso, e qualche informazione: “I mulini a vento? Per di là, oltre il fiume, …

Leggi tutto »