Categoria

Geopolitica

Il mondo multipolare appartiene ai popoli, non ai padroni

Di Adam Bark per ComeDonChisciotte.org È al tramonto che gli imperi dimostrano la loro più spietata brutalità. Questa legge storica trova la più evidente conferma nell’odierna crisi dell’imperialismo, che sempre di più difende la propria egemonia a scapito delle classi popolari. L’origine di questi cambiamenti e dei conflitti che ne derivano risiede nelle strutture economiche che regolano l’attività umana e nella conseguente divisione del mondo in classi sociali in lotta tra loro. Svaniti i…

KOSOVO: IL CARO PREZZO DELL’INDIPENDENZA

di Luca Pingitore Il 17 febbraio 2008, da Lubiana dove io ed altri due compagni di viaggio ci trovavamo quel giorno, venimmo a conoscenza dalla radio slovena della proclamazione unilaterale d’indipendenza del Kosovo e Metochia dalla Serbia. Dal nord di un Paese che comunque da una ventina di anni non esisteva già più, apprendemmo quindi dello sgretolamento definitivo di quella che era stata la Federazione Jugoslava. Avevamo girovagato in diverse occasioni gli Stati che erano sorti da…

Pepe Escobar: “Raisi aveva costruito un esercito fortissimo, gli americani non se lo aspettavano”

Di Jacopo Brogi, Alessandro Fanetti e Konrad Nobile. Ha collaborato Fabio Bonciani. Mentre lavoriamo per l’uscita di questa intervista apprendiamo dell’incidente che ha coivolto l'elicottero dove viaggiavano il Presidente iraniano Ebrahim Raisi, il ministro degli Esteri Hossein Amir-Abdollahian ed il governatore dell’Azerbaigian orientale Malek Rahmati. Erano con loro, il generale Mehdi Mousavi ed il leader della preghiera del venerdì di Tabriz Mohammadali Al-Hashem. Tutti…

Caucaso: la polveriera Armenia & Azerbaigian che fa Storia (e non solo)

Di Alessandro Fanetti per ComeDonChisciotte.org Il Caucaso ribolle e si paventa come una delle aree di scontro feroce Unipolarismo vs Multipolarismo. Uno scontro che, come in Ucraina, lambisce l’Occidente politico e dovrebbe portare ad una profonda ridefinizione strategica e geopolitica le élite che lo governano. Prima che si arrivi al punto di non ritorno (ahimé sempre più dietro l’angolo). Questa ebollizione dell’area caucasica è dovuta a una molteplicità di fattori, fra i…

Caos controllato

Ad alcuni, questa serie continua di colpi, annunciati, attesi, nascosti, di sponda, sono parse le scene di un teatrino geopolitico tra attori che conoscono il copione, si scambiano occhiatine, cercano di rendere "la sceneggiata" più credibile, ed in parte hanno ragione. Stati Uniti, Iran, Israele, Russia, Cina e tutti gli altri attori coinvolti sanno, vedono e prevedono, perchè ognuno di essi stila simulazioni dinamiche per valutare le ricadute di certe azioni in sistemi di interazioni…

L’Iran cambia tutto

L’attacco iraniano, o più correttamente il contro-attacco, avvenuto mediante il lancio di droni diversivi (UAV) prima e missili Cruise e balistici a seguire ha per il momento causato danni molto circoscritti e complessivamente lievi, ma tatticamente sensati. Soprattutto, viene a seguito di una ennesima ultima goccia del vaso di Teheran traboccante da decenni di sofferenze ed ingiustizie provocate dal potere sionista-atlantico. Tuttavia, le modalità, le tempistiche, ed alcuni dettagli ambigui…

Imperium Maris – Podcast – Stasera ore 19:15 su Telegram

Vi proponiamo la quinta puntata di Imperium Maris, format podcast che affronta il tema della geopolitica dei mari. Conduce Giulio Bona in compagnia del Capitano Demy, ex comandante di grandi navi, dai traghetti alle grandi petroliere. Una personalità di lunga esperienza del settore, che ha speso una vita intera in mare e conosce bene i ‘trasporti commerciali che mandano avanti il mondo’. In questa quarta puntata parleremo di "Realtá e prospettive della marineria italiana" Buon ascolto!…

Iran e Israele a confronto: Chi è più duro?

L'escalation delle tensioni tra Teheran e Tel Aviv dopo l'attacco missilistico di Israele al complesso dell'ambasciata iraniana a Damasco, lunedì scorso, ha riacceso i timori di un conflitto totale tra le potenze mediorientali. Ma quali sono le forze armate più attrezzate per una conflagrazione su larga scala?

Territorio Libero di Trieste: il segreto che fa tremare Washington

Riceviamo e pubblichiamo. -- Di Adam Bark Nel cuore dell’ Europa, in uno dei punti più strategici di tutto il Mar Mediterraneo, si celano ormai da 70 anni retroscena molto spinosi. Si tratta di una storia intrisa di inganni e violazioni, occultata e riscritta per soddisfare l’interesse di chi, da oltreoceano, comanda il nostro Paese: la storia del Territorio Libero di Trieste (TLT).  Lo status giuridico di Trieste, stabilito dall'art. 21 del Trattato di pace di…

E’ nata l’Europa di Brzezinski

L'assetto prospettato dall'incontro di Macron, Scholz e Tusk era già uno dei punti centrali della strategia enunciata da Zbignew Brzezinski nel suo celebre saggio "La Grande Scacchiera" del 1997 in cui affermava che l'Ucraina dovesse aderire alla NATO e all’EU, disegnando così uno scenario geopolitico totalmente nuovo, diverso sia da quello "Mediterraneo" (Francia, Germania, Italia) sia da quello “Carolingio” (Francia, Germania, Benelux) in cui Francia, Germania, Polonia e Ucraina costituiscono…

America Latina fra unipolarismo e multipolarismo

Di Alessandro Fanetti per ComeDonChisciotte.org L’area a sud del Rìo Bravo è quella che fin dalla sua “scoperta” da parte dell’Occidente politico ha garantito grandi vantaggi per chi è riuscito ad influenzarla. Se dal XV – XVI secolo furono gli spagnoli e i portoghesi (e in minima parte i francesi) a trarne enormi vantaggi attraverso la “conquista e colonizzazione”, il 1823 è invece l’anno decisivo per l’inizio “ufficiale” della presenza USA. Inizio ufficiale in quanto l’allora…

Transnistria e Moldova, un altro fronte di guerra?

Le politiche guerrafondaie e di scontro del governo sottomesso ai diktat occidentali e della NATO, stanno chiudendo la piccola repubblica della Pridnestrovie in una situazione pericolosa e molto delicata, da qui la richiesta ufficiale di aiuto del Parlamento di Tiraspol alla Federazione Russa per autodifesa. Ma in caso di conflitto, c’è un fattore che potrebbe essere un detonatore che investirebbe e incendierebbe a domino anche i paesi vicini: la base militare di Kolbasna sotto protezione…

Alexander Dugin. La Quarta Teoria Politica e l’Eurasiatismo

Molti degli autori di saggi ed analisi geopolitiche più letti ed autorevoli, appartengono alla tradizione del pensiero liberale che ha il suo centro nell'occidente euro-americano. All'opposto si pone invece il pensiero di Aleksandr Dugin. Egli non solo proviene da una civilizzazione e da una cultura diversa e storicamente antagonista rispetto a quella occidentale come quella russa, ma è anche stato influenzato nella sua formazione dalle idee socialiste che hanno caratterizzato il pensiero russo…

Afghanistan fra mito e realtà

Questa è la seconda parte della serie sull’ Afghanistan; la prima parte è stata pubblicata il 17 febbraio 2024: MUQARNAS مقرنص D’AFGHANISTAN – FRAMMENTI D’ AFGHANISTAN     -   L’Afghanistan e gli Afghani nella Storia del mondo Di Gianfranco Bosco per ComeDonChisciotte.org In Afghanistan, dopo la fuga della Coalizione Internazionale, fuga a guida statunitense, da poco più di un paio d’anni si è instaurato per la seconda volta un governo autoctono a guida “Talebana”, definizione questa…

Alti ufficiali militari tedeschi complottano di attaccare il ponte di Crimea – Trascrizione completa

Il 19 febbraio 2024 ha avuto luogo una conversazione tra Grafe (capo dipartimento per le operazioni e le esercitazioni presso il comando delle forze aeree della Bundeswehr), Gerhartz (ispettore dell'aeronautica della Bundeswehr), Fenske e Frohstedte (dipendenti del comando delle operazioni aeree all'interno della Centro Operativo Spaziale della Bundeswehr).

Gli Stati Uniti d’Europa sarebbero o impossibili o reazionari

Di Domenico Moro per ComeDonChisciotte.org Recentemente Marco Travaglio ha pubblicato un editoriale sul Fatto quotidiano, giornale di cui è direttore, intitolato “Il regalo di Trump”i. Nell’articolo Travaglio tocca il tema della costituzione di un unico esercito europeo, da porre al servizio di una politica estera europea indipendente dagli Usa. In pratica non sarebbe altro che la riduzione ulteriore della sovranità degli stati europei in un campo, quello delle Forze Armate e della politica…

Benjamin Netanyahu in bilico

Le provocazioni di Benjamin Netanyahu hanno suscitato reazioni che il massacro di 29.000 civili a Gaza non ha causato. Tutti i protagonisti del Medio Oriente Allargato e dell’Occidente, che di solito sono in contrasto permanente, improvvisamente si sono coalizzati contro Netanyahu. Ciascuno immagina un futuro diverso per Gaza, ma tutti concordano nel ritenere che Israele non possa continuare ad avere un governo ove siedono suprematisti ebrei. Ci si avvia a uno spostamento provvisorio degli…

Muqarnas مقرنص d’Afghanistan – Frammenti d’ Afghanistan

Di Gianfranco Bosco per ComeDonChisciotte.org Il nome Afghanistan a molti suggerisce l’idea di una popolazione, di una cultura e di un territorio lontani, poco e male conosciuti, un po’ esotici e probabilmente molto “arretrati” secondo i parametri di sviluppo e civiltà che sono definiti dall’Occidente. Comparato agli stati vicini dell’Iran e dell’India, l’Afghanistan, nell’accezione ad esso riferita nel momento storico attuale, è il Paese che più tardi ha posseduto una storia che gli sia…

L’era dello Zugzwang

Big Serge bigserge.substack.com Sono un grande appassionato di scacchi. Sebbene sia solo un giocatore di medio livello, sono affascinato dalle innumerevoli varianti e dagli stratagemmi strategici che i grandi giocatori riescono a creare partendo dalla stessa, familiare apertura. Nonostante sia un gioco antico (le regole attuali erano nate nel XV secolo in Europa), ha resistito all'enorme quantità di potenza di calcolo che gli è stata dedicata negli ultimi anni. Anche con i potenti motori…