Categoria

Geopolitica

Lula propone una moneta comune tra Brasile e Argentina: appena arrivato tenta di spaccare i BRICS?

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani) Una volta individuato come agisce il "Potere", leggerne le mosse successive è molto semplice; proprio perché sono tutte caratterizzate da una costante ripetizione all'infinito delle stesse ricette. Una di queste è la sempre pronta proposta di unire i popoli attraverso le unioni monetarie, lastricando loro di marmo le strade, per un approdo sicuro all'inferno. E se qualcuno avesse ancora dei dubbi sul fatto che l'elezione del presidente…

Opposizioni colorate: la Siria, l’Iran e le ingerenze politiche dell’Occidente – [VIDEO]

Prima la Siria nel 2011, oggi l'Iran: i tentativi di rivoluzioni colorate e le destabilizzazioni sociali ad opera dell'Occidente non hanno fine. E mentre a Strasburgo ci sono persone che protestano contro presunti regimi, in Medioriente si procede a costruire un mondo multipolare. Ne abbiamo parlato con Hanieh Tarkian, docente di Studi Islamici dall'Iran, e Ouday Ramadan, giornalista e analista geopolitico dalla Siria. Ha moderato Fabio De Maio. Buona visione.…

Storica dichiarazione congiunta UE-NATO: chi comanda davvero a Bruxelles?

Di Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org In tempo di guerra comandano sempre i militari, e - spesso - anche nel dopo, perchè alcuni di loro, nel frattempo, sono diventati politici. E oggi siamo in tempo di guerra. Quindi se l'entità politica (incompiuta) Unione Europea diventa subalterna, chi ne prende il comando? Se la Ue storicamente nasce come contenitore geopolitico, economico e commerciale antisovietico sulla scia del Piano Marshall (da George Marshall, non a caso prima generale e…

Cina, la terra rara: “officina” e “miniera” del Mondo

Di Flavia Manetti per ComeDonChisciotte.org Dagli anni ’70, la Cina ha accettato di divenire, per l’Occidente, la fabbrica del mondo. Dalle iniziali zone a regime speciale di Shenzhen alle sterminate fabbriche di Zhengzhou. Giganteschi insediamenti industriali che hanno prodotto e ancora producono su commissione dei capitali occidentali. La proletarizzazione ed urbanizzazione di milioni e milioni di contadini è stata possibile anche grazie al diritto, garantito dallo Stato, di mantenere il…

2023: l’anno (anche) dell’Africa

Di Alessandro Fanetti per ComeDonChisciotte.org “È tempo per l’Africa di guardare ai suoi popoli. Dobbiamo essere padroni del nostro futuro per una nuova Africa. Non si può dipendere dall’export di materie prime grezze ma è arrivato il tempo di trasformare le nostre economie, di rapportarci in maniera diversa con il resto del mondo, di rafforzare l’istruzione dei nostri giovani, le competenze, di lavorare all’eguaglianza sociale preservando al tempo stesso la natura dei nostri meravigliosi…

Il piano per smembrare la Russia

Mike Whitney unz.com Per decenni, l'idea di smantellare l'Unione Sovietica e la Russia è stata costantemente coltivata nei Paesi occidentali. Purtroppo, ad un certo punto è stata concepita l'idea di utilizzare l'Ucraina per raggiungere questo obiettivo. Infatti, è proprio per prevenire un simile sviluppo che abbiamo lanciato l'operazione militare speciale (OMS). È proprio questo l'obiettivo di alcuni Paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, creare un'enclave anti-russa e poi minacciarci…

La più sconfitta d’Europa: Angela Merkel

Di Belisario per ComedonChisciotte.org La signora Angela Merkel – la “piccola Bismarck” in versione materna – ha come noto improvvisamente rotto, con una intervista al Die Zeit del 7 dicembre scorso, un lungo silenzio – il silenzio della sconfitta. Angela Merkel insieme a Jose’ Manuel Barroso nel 2013 pose il seguente aut-aut all’Ucraina: o accordo di associazione con l’UE o unione doganale con Russia e Bielorussia. Quando il Governo ucraino si rese conto dei costi enormi specie sul piano…

Putin sta suonando la campana a morto per la NATO

Di Olga Lebedeva, pravda.ru La scorsa settimana, il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, separatamente l'uno dall'altro, hanno tenuto discorsi chiave in cui hanno parlato, di fatto, della stessa cosa: la crisi ucraina. I leader dei due Paesi hanno chiarito le loro posizioni. Vorremmo riferirci all'opinione di un geopolitico esperto, una “persona disinteressata”, poiché vive in un Paese che non partecipa all'operazione militare speciale. Si tratta del…

Dmitri Medvedev: “2022, ecco gli eventi che hanno cambiato l’ordine mondiale”

L'anno 2022 sta per finire. Complesso, formidabile, drammatico. L'anno è alle soglie di una nuova era, che è già stata segnata da cambiamenti cardinali in tutto - dall'allineamento dei "centri di potere" globali allo stile di vita quotidiano di molte persone. Una trasformazione inevitabile attende la maggior parte delle istituzioni internazionali che erano state create nel corso di molti decenni. Sono piuttosto decrepite e non sono in grado di assolvere ai loro compiti. Alcune sono diventate…

Le mazzette di Bruxelles: si attacca il Qatar per colpire Draghi e l’euro!

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani) Come sempre orientarsi nella pericolosissima "jungla" dei pensieri diabolici del "Potere", è impresa difficile e coraggiosa, che può portarti ad essere smentito anche clamorosamente in ogni momento. Non per questo, dobbiamo essere così follemente autolesionisti solo per la paura di abbassare il livello del nostro orgoglio, da rinunciare a cercare di capire cosa i padroni del mondo hanno in serbo per noi comuni mortali. Partiamo subito da una…

Capace del peggio, l’unione di certi governanti rende la guerra mondiale possibile

Di Thierry Meyssan, voltairenet.org Mentre reagiamo con terrore al riapparire di gruppi fascisti, nazisti o imperialisti giapponesi, non ci soffermiamo a considerare che non furono queste ideologie a provocare la seconda guerra mondiale, bensì l’alleanza di governanti pronti al peggio. Oggi sta per riprodursi la stessa configurazione, ma con forze diverse. Se non reagiamo subito, entro pochi mesi potrebbero forse riprodursi le condizioni per lo scoppio della terza guerra mondiale.…

Il Giappone è immune all’inflazione, chissà perché! La banca centrale pompa denaro

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani) Pare proprio che il Giappone, sia ormai l'unico esempio di paese cosiddetto "moderno", ad aver compreso come realmente funzionano i sistemi monetari che usano la moneta fiat. Ogni volta che gli economisti di pensiero illuminato e non allineati a certe teorie mani-stream, si trovano a dover dimostrare l'insensatezza delle molteplici politiche economiche - che  governi e banche centrali del mondo occidentale, ormai da tempo immemore, si ostinano a…

Andrea Zhok: riflessioni su 9 mesi di guerra in Ucraina

Portiamo all'attenzione dei nostri lettori una lunga e condivisibile riflessione del professore Andrea Zhok sulla guerra in Ucraina, pubblicata ieri, venerdì 25 novembre, sul canale Telegram dell'amico Giorgio Bianchi. Buona lettura!  * * * Nel febbraio di quest'anno, nelle settimane precedenti all'ingresso delle truppe russe in Donbass si discettava su giornali e talk show delle prospettive possibili. A chi invitava a considerare come sensata, e anzi conveniente, la rinuncia…

I Brics riuniti a San Pietroburgo sfidano il monopolio di Washington

Di Jacopo Brogi e Alessandro Fanetti per ComeDonChisciotte.org San Pietroburgo E' arrivato l'inverno. Il Generale più famoso che ha vinto tutte le guerre. La neve è qui da qualche giorno e le strade si svuotano presto; la città sotterranea invece è più calda e viva che mai. A Mosca, 466 km e 270 stazioni; a San Pietroburgo 113 km, 67 stazioni. I russi vivono in profondità. Ed è anche una metafora legata allo spirito di un popolo, al suo carattere nazionale. Pavel è un giornalista…

Addio G20, benvenuti BRICS+

Di Pepe Escobar, thecradle.co La qualità redentrice di un teso G20 tenutosi a Bali - altrimenti gestito con lodevole grazia indonesiana - è stata quella di definire nettamente in che direzione soffiano i venti geopolitici, come mostrato dai due punti salienti del vertice: il tanto atteso incontro presidenziale tra Cina e Stati Uniti – che rappresenta la più importante relazione bilaterale del 21 ° secolo – e la dichiarazione finale del G20. L'incontro faccia a faccia di 3 ore e…

Geopolitica della moneta – [VIDEO]

Prove pratiche di economia multipolare, sono intervenuti: Fabio Massimo Parenti, Associato di Geopolitica e Geoeconomia e Guido Salerno Aletta, economista. Ha coordinato Lorenzo Maria Pacini. Buona visione. https://www.youtube.com/watch?v=g6lj5dO_7m8 Organizzazione #Idee&Azione #TerradeiPadri #Comunitàdidestino

Il Franco delle Colonie (CFA): la UE africana gestita dai francesi

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani) Spesso ci chiediamo chi tra i paesi europei abbia spinto di più per costruire questa unione monetaria, rappresentata dal sistema-euro, oggi dimostratasi più che mai di stampo coloniale e con finalità del tutto predatorie. Alla domanda ci sentiamo spesso rispondere che la moneta euro è stata creata e resa funzionale a precisi interessi della Germania, ossia per permettere di sviluppare la sua politica mercantilista senza affrontare il fisiologico…

La demolizione controllata dell’Europa è in atto: resta da capire chi ne sarà il beneficiario!

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani) L'aumento dei tassi in economie tenute in stato recessivo da anni di politiche austere, oggi colpite da una inflazione esogena a carattere esclusivamente speculativo, rappresenta la benzina sul fuoco che i banchieri centrali stanno gettando per portare a termine un chiaro disegno di demolizione dell'Europa. Per chi stanno lavorando? Questa è la domanda che tutti noi dovremmo porci, cercando una risposta attraverso i vari segnali che ci vengono…

L’AMMINISTRAZIONE BIDEN LANCIA UN’ORGANIZZAZIONE MEDIATICA DI OPPOSIZIONE SOSTENUTA DA SOROS IN UNGHERIA

Di Robert Semonsen, Geopolitika.ru Nel suo ultimo tentativo di mettere il governo del Primo Ministro Viktor Orban contro di lui per aver bloccato l’agenda globalista, l’amministrazione Biden ha aperto un nuovo fronte nella sua guerra di propaganda e disinformazione contro l’Ungheria, lanciando una nuova organizzazione mediatica di opposizione in lingua ungherese sostenuta da Soros e altri megadonatori liberali. Il governo degli Stati Uniti, la Open Society Foundations di George Soros, la…

Quale sovranità digitale? Con la crisi energetica difficile persino produrre chip

Di Franco Maloberti per ComeDonChisciotte.org La fabbricazione di circuiti integrati richiede decine e decine di complessi passi tecnologici. Sono operazioni a livello nanometrico (miliardesimi di metro) di protezione selettiva di fette di silicio, deposizione di materiali, diffusione o rimozione di materiali da regioni non protette. Il tutto con accurati sistemi di attacco chimico, con forni con temperature che vanno da centinaia a più di mille gradi, e ambienti ultra-puliti con continui…