Ultimi articoli

Il popolo coglione

DI MINCUO comedonchisciotte.org Il popolo è fatto di coglioni. Il suo ruolo da sempre è di essere un coglione. E’ allevato ed educato per essere un coglione. In migliaia di anni quello è sempre stato il suo ruolo. E’ un coglione anche perché non può essere altro. – La cultura e l’informazione che ha sono completamente fasulle, ma non se ne rende conto, perché è un coglione e la cultura e gli strumenti che ha sono appositamente fatti perché non …

Leggi tutto »

Il Bacio di Giuda: Il pensiero complesso di Ingrid Levavasseur

DI  MICHEL ONFRAY Michelonfray.com Io, che sono uno intellettualmente incuriosito dal modo in cui il potere riesce ad sopraffare la parola del popolo, devo dire che, in questi giorni, sono stato servito proprio bene! St tratta dall’abile uso delle tecniche popolicide tanto note da tanto tempo: indottrinamento massiccio fin dai primissimi anni della scuola, proclamazione della cultura dominante come slogan  di propaganda, mobilitazione permanente dei mass media al servizio del potere, sovvenzioni pubbliche ai Catechisti di Stato, elezioni ideologicamente truccate, …

Leggi tutto »

Venezuela, caso tipo di furto socialista organizzato

DI DANIEL LACALLE DLacalle.com Molto è stato scritto sul disastro economico perpetrato dal regime Maduro-Chávez in Venezuela. La sua grandezza è difficile da eguagliare. Un triste esempio globale di come distruggere un paese ricco. L’errore che molti fanno è pensare che questo disastro sia stato causato da una combinazione di follia ed incompetenza. Non è così. Il regime socialista venezuelano ha realizzato la più grande rapina organizzata della storia, e l’ha compiuta con un piano perfettamente progettato. Il piano è …

Leggi tutto »

DA MONROE, A PAPA GIOVANNI XXIII, A KENNEDY, FINO A OBAMA. E ALLORA SI CAPISCE (il disastroso) MADURO

  DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Che l’America Latina debba essere proprietà privata degli Stati Uniti fu deciso nel 1823 dal presidente americano James Monroe, che nella sua celebre “dottrina” già aveva definito le terre che vanno dal Messico alla Patagonia come proprietà naturale degli USA, cioè terre che per una ‘naturale legge di gravità politica’ sarebbero prima o poi cadute nel “giardino di casa” di Washington (citaz. Chomsky). L’unico ostacolo, prevedeva Monroe, erano gli inglesi, le cui flotte erano a …

Leggi tutto »

La Banca d’Inghilterra ha rifiutato di consegnare l’oro venezuelano

DI ANDREA ZHOK facebook.com La Banca d’Inghilterra ha rifiutato di consegnare l’oro venezuelano depositato presso i suoi conti al presidente del Venezuela Nicholas Maduro. Questa vicenda lascia intravedere uno dei buchi neri nelle modalità con cui siamo soliti leggere (e narrare) la storia occidentale degli ultimi 150 anni (almeno). Siamo abituati a leggere la storia in termini di ideologie e guerre, diplomatici ed eserciti, condottieri e partiti, e anche in termini economici, come carestie, crisi, progressi, ma del ruolo cruciale avuto …

Leggi tutto »

Tutto ciò che i media dicono sul Venezuela sono menzogne o pregiudizi

MOON OF ALABAMA moonofalabama.org I media mainstream statunitensi stanno improvvisamente scoprendo il Venezuela. Senza nessuna conoscenza effettiva della nazione, tutte le peggiori infamie pensate dai giornalisti vengono immediatamente scagliate contro il governo del  paese. Da questi media non aspettatevi fatti. E’ quasi tutta propaganda da parte di organi di informazione che stanno preparando una guerra. In questo articolo della NPR (National Public Radio), ad esempio, “Amid Chaos Venezuelans Struggle To Find The Truth, Online” [In mezzo al caos i Venezuelani …

Leggi tutto »

Se volete comprendere il fenomeno dei gilet gialli, uscite da Parigi

  DI NORA BENSAADOUNE theguardian.com Mentre alcuni manifestanti stanno creando disordini nella capitale, altri stanno ridando vita ad angoli dimenticati della Francia rurale Quando ho lasciato Parigi quattro anni fa per stabilirmi nella bella valle della Drôme, nel sud-est della Francia, sono andata in un villaggio non lontano dalla città di Valence. Volevo essere vicina ad una stazione ferroviaria ad alta velocità, ma in un luogo abbastanza remoto da poter finalmente godermi l’aria fresca e l’ambiente rurale. A quel tempo, …

Leggi tutto »

La paura che si nasconde dietro la mascolinità aggressiva

DI GEORGE MONBIOT theguardian.com Ciò che mi colpisce di più è la fragilità. Gillette produce una pubblicità rivolgendosi agli uomini affinché sfidino i comportamenti prepotenti, e migliaia proclamano furiosamente che non useranno mai più i suoi prodotti. L’American Psychological Associacion (APA) pubblica nuove direttive cliniche suggerendo che una mascolinità caratterizzata da dominio, aggressività e repressione emotiva può essere dannosa per la salute mentale degli uomini, e i media conservatori mondiali hanno un mancamento collettivo. Eccoli qua i tipi forti e …

Leggi tutto »

A Davos il brasiliano Bolsonaro canta una canzone di umana follia

  PEPE ESCOBAR atimes.com No Xi, no Putin, no Modi. No Trump, no Macron, no May. La Merkel difficilmente potrebbe essere considerata un best seller. Non essendoci nessuna concorrenza, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, l’ex paracadutista felicemente ribattezzato dai media occidentali  “il Trump dei tropici,” al World Economic Forum (WEF) di Davos non poteva assolutamente essere scavalcato da nessuno nel ruolo di nuovo salvatore del capitalismo globale. L‘Uomo di Davos (e, in misura molto più ridotta, la Donna) era abbastanza …

Leggi tutto »

Giornata della memoria

DI FULVIO GRIMALDI facebook.com Il maresciallo Rodolfo Graziani massacra la Libia, occupata e seviziata dal 1911, e uccide seicentomila libici, tra civili e partigiani della resistenza, un terzo della popolazione, brucia centinaia di villaggi, bombarda centri abitati e carovane, avvelena i pozzi, impicca centinaia di libici, tra cui l’ottantenne leader della Resistenza, Omar al Mukhtar. Gli Stati Uniti, dal 1945 ad oggi, iniziando con l’invasione della Corea e poi del Vietnam e poi proseguendo con la storica media di una …

Leggi tutto »

Un passo indietro, per capire il domani

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Le scelleratezze di questo nostro tempo sono infinite e bugiarde: lo si avverte a pelle, leggendo le notizie sulle agenzie, e quasi si riesce ad indovinare la scontata risposta di questo e di quello, come in un girone infernale che ha preso a battere il tempo di un rap duro, prepotente, assetato di violenza e di sangue. Vicino alle nostre frontiere si siglano accordi che sanno di vecchio: Assi, Triplici, Duplici, Patti, Intese, Accordi, Entante, Agreemont…lo …

Leggi tutto »

Cosa c’è in ballo in Venezuela col golpe Gaidó

DI GENNARO CAROTENUTO gennarocarotenuto.it BARILOCHE – È perfino comprensibile che in pochi si straccino le vesti per le sorti del governo di Nicolás Maduro per molti motivi. Ma nella nomina di un antipapa ghibellino da parte di Trump e Bolsonaro, nella persona del carneade Juan Gaidó, ci sono almeno altrettanti motivi del perché sia necessario riflettere su un passaggio cruciale della storia latinoamericana del XXI secolo. È senz’altro vero che da tempo le cose in Venezuela vadano male. Il governo …

Leggi tutto »

L’Artico di oggi è solamente l’ambita terra del tesoro

DI GRETE MAUTNER journal-neo.org È curioso che alcune persone non comprendano appieno il fatto che l’Artico è molto più di un brullo deserto ghiacciato o della proverbiale patria di Babbo Natale. Secondo gli esperti geologi americani, sotto la sua [imponente] vastità, la regione artica nasconde fino al 30% delle riserve di gas non scoperte, a livello mondiale, insieme al 13% delle riserve di petrolio non ancora scoperte. Inoltre, ci sono tutti i tipi di tesori che si possono trovare sotto il …

Leggi tutto »

Le conseguenze di una guerra nucleare sulla società americana

  PHILLYGUY thesaker.is Sommario Gli Stati Uniti sono emersi dalla Seconda Guerra Mondiale come la principale potenza economica e militare del mondo. Da quel momento l’egemonia degli Stati Uniti si è basata su: 1) un’ineguagliabile forza militare, 2) il controllo delle riserve energetiche mondiali e 3) il ruolo del dollaro USA come valuta di riserva mondiale. Tutti i pilastri che sostenevano il dominio globale degli Stati Uniti sono ora minacciati dal perdurare del declino economico degli Stati Uniti, a cui …

Leggi tutto »

Che facciamo adesso ?

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Il Presidente del Consiglio è stato ripreso mentre in modo confidenziale riferiva alla Merkel le difficoltà di consenso che il M5s sta attraversando rivolgendosi con il “loro” alla forza politica cui, gli ricordo, appartiene. Conte ha parlato di sondaggi effettuati dai 5s quindi riservati: sono certo che la tedesca questo non lo avrebbe mai fatto. Questo denota scarsa professionalità e soprattutto sottomissione. Io ho sempre pensato che finché non si ha una carica, finché si è …

Leggi tutto »
comedonchisciotte controinformazione alternativa convegno m5s 29 gennaio cdc

Spread, banche e sicurezza nazionale nel contesto europeo

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Il Convegno si intitola “Spread, banche e sicurezza nazionale nel contesto europeo“, relatori Sen. Sabrina Ricciardi, Sen. Mario Turco, Fabio Conditi, Francesco Carraro e Valerio Malvezzi, modera Luca Antonio Pepe. Si terrà martedì 29 gennaio 2019 alle ore 9,30 nella Sala “Isma” dell’Istituto di Santa Maria di Aquiro in Piazza Capranica n.72, presso il Senato della Repubblica (Roma). Negli ultimi anni le scelte politiche sono sempre più condizionate dall’andamento dello Spread e dai mercati finanziari che sottopongono i …

Leggi tutto »

Venezuela : la Fame o le Obbligazioni da Fame?

DI TYLER DURDEN ZeroHedge.com Mentre sempre un maggior numero di leader mondiali sta riconoscendo come legittimo presidente del  Venezuela,  il leader dell’opposizione Juan Guaido, i “bond da fame” di un Venezuela  fallito stanno raggiungendo il  livello più basso nell’ultimo anno da quando il brutale regime socialista di Nicolas Maduro – che ha appena prestato giuramento per un secondo mandato di sei anni – sta vacillando sull’orlo di un baratro definivo. Giovedì scorso le obbligazioni del Venezuela in scadenza nel 2022 si …

Leggi tutto »

Washington sta preparando un golpe di destra in Venezuela

  BILL VAN AUKEN wsws.org Il riconoscimento statunitense di Juan Guaidó come autoproclamato e non eletto “presidente ad interim” del Venezuela segna l’inizio di un colpo di stato di destra preparato da Washington. Guaidó aveva prestato giuramento mercoledi scorso nel corso di una manifestazione di massa anti-governativa a Caracas. Praticamente in contemporanea, Donald Trump aveva twittato: “I cittadini del Venezuela hanno sofferto troppo a lungo a causa dell’illegittimo regime di Maduro. Oggi ho riconosciuto ufficialmente il presidente dell’Assemblea Nazionale Venezuelana, …

Leggi tutto »

Breve nota dolente

  DI ANDREA ZHOK facebook.com Richiamo QUI, un articolo sostanzialmente corretto di Milena Gabanelli. L’articolo ricorda la condizione di cronico definanziamento dell’università italiana, lo scarso numero di laureati, l’alto livello delle rette, la scarsa tutela del diritto allo studio, la drastica riduzione del corpo docente, l’abbandono progressivo di gran parte delle università del Sud Italia a sé stesse, ecc. Si tratta di dati ben noti a chi vive l’università dall’interno, ma forse non altrettanto noti all’esterno. A completamento del quadro …

Leggi tutto »

Legittima difesa (Nona azione dei Gilet jaunes)

DI MICHEL ONFRAY michelonfray.com “Se tutti aggrediscono tutti, la società si disintegra.” Macron, Lettera ai Francesi Nona azione dei Gilet jaunes. Viene voglia di vomitare ascoltando i commenti dei giornalisti o dei filosofi come Ferryi o BHL ( Bernard Henri Levy) (5) che vogliono assolutamente associare la violenza ai Gilet jaunes mentre sono loro con i loro discorsi ai quali bisogna associare quelli del potere e di Macron, che fanno di tutto per crearla. Mi riferisco per esempio al banchetto …

Leggi tutto »

Aquisgrana: la signora omicidi ha colpito ancora

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Di omicidi politici si tratta, ma pur sempre di omicidi, e nel frattempo ci è scappato anche qualche suicidio vero. Infatti nel liquame fangoso del Regno dell’Euro, c’è qualche forza misteriosa che negli ultimi 20 anni ha attirato nella voragine della recessione tutti gli stati membri, uno dopo l’altro, tranne la ‘locomotiva’ d’Europa, la Germania. Come se avessimo vissuto sul palcoscenico di “Dieci piccoli indiani”,  prima sparisce la Grecia, poi Irlanda, Spagna, Italia, Gran Bretagna, ed …

Leggi tutto »

Il futuro dell’energia è luminoso – seconda parte

DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com Per riprendere da dove eravamo rimasti, gestire un’economia industriale richiede una fonte di energia elettrica economica ed affidabile. L’elettricità fornita dall’eolico e dal solare è intermittente e quindi non fa al caso nostro. L’elettricità prodotta da carbone, generatori a gasolio e gas naturale potrebbe servire allo scopo, ma provoca danni ambientali; inoltre, questi combustibili fossili sono già quasi tutti oltre il picco di estrazione, sempre più costosi da produrre e, in ogni caso, non dureranno ancora a …

Leggi tutto »

Ammuina britannica e altre questioni continentali

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Il Parlamento inglese ha inflitto una sonora sconfitta a Theresa May, affossando l’accordo Regno Unito-Unione Europea faticosamente redatto sin dalla primavera del 2017. La bocciatura dell’accordo era una condizione necessaria, ma non sufficiente, per arrivare alla No Deal Brexit, che Londra persegue segretamente sin dall’esito del referendum: tocca ora ai partiti paralizzare il Parlamento inglese sino al 29 marzo. Lo choc della No Deal Brexit infliggerà un durissimo colpo alla già debilitata Unione Europea, sempre più …

Leggi tutto »

Helsingin Sanomat: le elezioni in Ucraina garantiscono di rivelarsi uno spettacolo interessante

fondsk.ru La stampa occidentale suggerisce ai lettori di fare scorta di popcorn Il quotidiano più importante della Finlandia, Helsingin Sanomat («Notizie di Helsinki»), ha dedicato un editoriale alle prossime elezioni in Ucraina, dicendo ai suoi lettori che un famoso comico ucraino e conduttore televisivo si prepara a sconfiggere l’attuale Presidente del Paese e dovrebbe essere in grado di farlo. Perché in Ucraina la gente preferisce vedere persino i comici a capo del Paese, l’importante è che non siano gli oligarchi. …

Leggi tutto »

Il “Patto di Aquisgrana”

DI ANDREA ZHOK facebook.com Il “Patto di Aquisgrana” firmato oggi contempla, tra le altre cose: 1) l’appoggio francese per far entrare la Germania come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 2) l’istituzione di un Consiglio dei ministri franco-tedesco; 3) l’istituzione di un consiglio franco-tedesco di difesa e sicurezza; 4) l’istituzione di un consiglio franco-tedesco di esperti economici; 5) la partecipazione di ministri delle rispettive nazioni, con turnazione trimestrale, ai consigli dei ministri dell’altro Stato. Bisogna essere completamente …

Leggi tutto »

Dà fuoco a una banconota CFA per riaccendere il dibattito sulla Francia e sull’Africa francofona

DI LYNSEY CHUTEL QuarzAfrica,com La controversa decisione di un attivista di incendiare una banconota di CFA ha riacceso un dibattito su questa valuta diffusa in parecchi paesi e sull’influenza che la Francia ancora esercita sull’Africa francofona. Il 19 agosto Kemy Seba ha dato fuoco a una banconota da 5.000 CFA ( circa 7 euro), in segno di protesta contro la “Francafrique” – la continuativa influenza politica ed economica della Francia sulle sue ex colonie africane. Seba è stato arrestato dopo …

Leggi tutto »

DUEMILA MILIARDARI

DI FRANCESCO ERSPAMER facebook.com Nel mondo ci sono più di duemila miliardari, circa il doppio di quanti erano dieci anni fa. Non ce ne dovrebbe essere neanche uno. La discussione politica dovrebbe limitarsi a stabilire se sia meglio un sistema comunista o socialista, in cui le differenze fra i ricchi e i poveri siano basse (diciamo, una decina di volte al massimo), e uno capitalista che invece consenta ai più fortunati o meritevoli di guadagnare cinquanta o cento volte di …

Leggi tutto »

Togo, Guinea (e Ue), le prove della trappola del franco Cfa

DI FABRIZIO AMADORI ilsussidiario.net In questi giorni si parla molto del Franco Cfa e delle politiche della Francia in Africa. Politiche che poi falsano anche la concorrenza in Europa Prima di parlare del rapporto tra Francia e Africa vorrei svolgere un ragionamento più generale: temo che venga considerato un po’ naif, ma è quello che mi sento di sviluppare ora. La Francia è la seconda economia europea probabilmente perché sfrutta l’Africa. Dopodiché esercita una simile posizione di forza per proporre una …

Leggi tutto »

Bannati da Facebook per aver detto la verità

  ISRAEL SHAMIR unz.com Gli scienziati di Harvard sostengono che l’anno scorso eravamo stati visitati da ospiti provenienti da una galassia molto, molto lontana. Be’, quasi. La sospettata è l’astronave Oumuamua, che in principio si era avvicinata alla Terra, ma che poi aveva accelerato, superando il nostro pianeta e scomparendo da qualche parte nello spazio profondo. Che cos’era andato storto? Perché i piccoli uomini verdi provenienti da Vega, la stella più luminosa della costellazione della Lira, avevano rinunciato a quello …

Leggi tutto »