Home / Archivi etichette: Trump

Archivi etichette: Trump

Gas, Israele, Intercettazioni e Lotte Intestine

FONTE : MOON OF ALABAMA Il Gas di Israele e le intercettazioni  di Flynn – Le lotte intestine nello Stato Profondo e l’elezione di Trump Che c’è stato, veramente, dietro la lotta corpo a corpo che si è perpetrata nello Stato Profondo durante le elezioni USA  e nella rivelazione delle “intercettazioni” della campagna di Trump? Perché l’asse CIA-NEOCON ha fatto lobbying contro Trump con tanta veemenza? Quali sono gli interessi stranieri e quanto denaro c’è dietro questa storia? Sta emergendo …

Leggi tutto »

Gli Usa attaccheranno la Nord Korea ? (Twettare a voce alta e brandire un grosso bastone)

DI ERIC MARGOLIS lewrockwell.com Panmunjom, il “villaggio della pace” nervosa zona demilitarizzata (abbreviato DMZ) tra Nord e Sud Korea, è uno dei più strani posti che mi sia capitato di visitare. Rudi militari Nord Koreani appostati, tenuti sotto stretta sorveglianza da altrettanto rudi truppe militari Sud Koreane in aggressive pose da judo e occhiali a specchio. Quando filmavo a Panmunjom, ero stato avvisato della possibilità che soldati Nord Koreani entrassero in qualsiasi momento in sala conferenze e trascinassero me e …

Leggi tutto »

“Nell’alfabeto, non ci sono solo la A e la Z”

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Quando qualcuno ti dice di scegliere tra A e B, pensa a quante altre lettere ci sono nell’alfabeto” Poco dopo l’elezione di Trump, c’è stata una raffica di minacce telefoniche e/o virtuali a vari centri ebraici, precisamente 159 sparsi in ben 38 stati degli Stati Uniti. Minacce che suscitarono uno sdegno planetario contro la ondata di antisemitismo negli Stati Uniti. Così, nasce la curiosa idea che il Presidente degli Stati Uniti dovrebbe condannare quelli che fanno …

Leggi tutto »

La guida di Harvard sulle fake news: il moderno “indice dei libri proibiti”. Presto anche in Italia ?

DI STEPHEN LENDMAN globalresearch.ca L’Index Librorum Prohibitorum era una lista di pubblicazioni ritenute eretiche, bandite dalla Chiesa cattolica.* I genitori pagano $63.000 all’anno affinché i loro figli vengano così disinformati? Dopo il colpo di stato ucraino del 2014, con l’instaurazione di una “dittatura democratica” guidata da due partiti neo-nazisti, Harvard ha espresso preoccupazione per una futura “aggressione russa”. Alcuni membri di facoltà hanno chiesto l’intervento militare degli Stati Uniti. Non una parola sul golpisti appoggiati dagli USA. È stato il …

Leggi tutto »

Perché gli Stati Uniti hanno bisogno di liberarsi dell’euro

DI ALBERTO BAGNAI Goofynomics “Se Donald Trump vuole restituire all’America il suo ruolo egemone, se vuole ‘make American great again’, ma anche se non vuole, dovrà togliere  di mezzo l’euro”, liberando l’Europa e il mondo dall’assurdo progetto di una moneta unica che ha dissepolto, senza che se ne sentisse il bisogno, la questione tedesca. E ha così provocato esattamente quello che avrebbe dovuto prevenire. Il perché ce lo spiega su Goofynomics Alberto Bagnai, occasionalmente in inglese, ma con la chiarezza …

Leggi tutto »

E intanto il Mondo marcia verso la Guerra

DI MICHAEL SNYDER The Economic Collapseblog.com   L’Iran ha appena condotto un altro provocatorio test missilistico e gli U.S.A hanno inviato altre truppe in Medio Oriente. Avevano appena annunciato che l’esercito U.S.A avrebbe inviato dei bombardieri B-1 e  B-52 in Corea del Sud come risposta ad altri quattro missili sparati dalla  Corea del Nord  nei mari vicini alle acque del Giappone;  la Cina è furiosa per il fatto che un gruppo di vettori americani abbia appena navigato nelle tanto contestate acque del Mar cinese meridionale.    Siamo entrati in …

Leggi tutto »

Rossi contro Blu e poi Trump sarà rimosso

DI JAMES HOWARD KUNSTLER kunstler.com Non vi lasciate ingannare dai discorsi idioti sulla squadra dei Rossi e sulla squadra dei Blu. Stanno solo giocando a “Ruba bandiera” sul ponte del Titanic. La nave è l’economia tecno-industriale. Sta affondando perché ha imbarcato troppa acqua (debiti) e la pompa di sentina (l’industria petrolifera) sta perdendo il suo fascino. Le fazioni non capiscono cosa sta accadendo, però hanno un’elaborata delirante spiegazione per interpretare, in assenza di un piano credibile per adattare la vita …

Leggi tutto »

Amnesty e le altre parche facilitatrici

DI FULVIO GRIMALDI fulviogrimaldi.blogspot.it Andiamo indietro almeno fino alla guerra contro la Jugoslavia e vedremo come ogni crimine di guerra, ogni crimine contro l’umanità, ogni crimine di aggressione economica, sanzioni, embargo, blocco, diretti contro paesi sovrani, indipendenti, liberi, che si difendono contro i tentacoli della piovra imperialista, essenzialmente Usa, Israele, UE e Nato, vengano preceduti e, dunque, facilitati dall’intervento di Amnesty International, Human Rights Watch (quella di Soros) e Save the Children, le tre sedicenti organizzazioni per i diritti umani …

Leggi tutto »

Il semplice piano in 10 punti di Michael Moore per fermare Trump

DI MICHAEL MOORE opednews.com Amici, vi presento “Il semplice piano in 10 punti di Michael Moore per fermare Trump”. Prima di tutto, prendiamo atto di una cosa che tutti noi sappiamo: Trump è nei guai, in guai seri –- i Russi ce l’hanno in tasca, è circondato da idioti della destra alternativa, gira da solo in accappatoio in una Casa Bianca quasi deserta – e intrappolato in un disgustoso “sh*t-sandwich”, come l’ha definito il suo sostenitore che ha rifiutato il …

Leggi tutto »

Trump ha ragione: “Gli svedesi sono soppressi dal culto religioso del politicamente corretto”

DI NICK KAMRAN LettersFromNorway.com La scorsa settimana (18/2/17), il presidente Trump ha fatto il seguente commento: “Guardate cosa sta succedendo”, ha detto ai suoi sostenitori. “Abbiamo mantenuto il nostro paese sicuro. Guardate a quel che sta succedendo in Germania; guardate quel che è successo la notte scorsa in Svezia. In Svezia, chi l’avrebbe mai creduto?”. Subito dopo, è stato preso in giro da Carl Bildt, l’ex primo ministro svedese: Altri hanno risposto in modo ignorante, dimostrando una specie di sindrome …

Leggi tutto »

L’effetto Goldman Sachs (Come una Banca ha conquistato Washington)

DI NOMI PRINS unz.com Il paradosso non è un concetto con il quale il Presidente Donald J. Trump ha familiarità. Nel suo discorso inaugurale, dopo aver nominato il gabinetto più danaroso nella storia americana, ha proclamato, “Per troppo tempo, un piccolo gruppo nella capitale della nostra nazione ha raccolto i compensi governativi, mentre la gente ne ha sostenuto le spese. Washington ha prosperato, tuttavia il popolo non ha condiviso la sua ricchezza”. Durante la presidenza Trump un gruppo ancora più …

Leggi tutto »

Distruggete i populisti e salvate la globalizzazione! Usando i media e le masse…

DI MARCELLO FOA Il Cuore Del Mondo Alcuni articoli sono rivelatori. Uno di questi lo ha pubblicato La Stampa, lo scorso 15 febbraio, a firma di Charles A. Kupchan. E voi direte: chi è? Semplice: è uno dei principali pensatori dell’establishment americano. Docente di affari internazionali alla Georgetown University e membro del Council on Foreign Relations, dal 2014 al 2017 è stato assistente speciale per la Sicurezza nazionale del presidente Barack Obama. Tanto per intenderci. Uno dei pochi ad aver …

Leggi tutto »

Contro ogni probabilità

DI ISRAEL SHAMIR unz.org Il grasso faccione di Michael Moore appare sempre indecente, come i genitali di uno di mezza età. Quello sciatto ciccione farebbe marciare le vecchie babbione anche senza il “pussyhat” (cappello rosa con orecchie da gatto, simbolo della protesta contro Trump – ndt). Basta la sua faccia. Sembra proprio George Soros: la stessa oscena Femminuccia. Secondo me è la sua faccia che lo condanna: come diceva Oscar Wilde, “tutte le creature brutte sono anche immorali”. Basta guardare …

Leggi tutto »

L’indicibile ecocidio e i pericoli di Trump

DI PAUL STREET counterpunch.org Se la catastrofe ambientale non sarà evitata, allora da qui a una o due generazioni, tutto quello di cui ora parliamo non avrà più importanza. – Noam Chomsky Il mio ultimo saggio dal titolo “Unspeakable” [«Indicibile»] necessita di una breve aggiunta. Scritto sulla scia di quanto toccato ai viaggiatori dei sette paesi a maggioranza mussulmana colpiti dal divieto di Donald Trump, riflettevo su tre argomenti tabù nelle notizie e nelle analisi dei media corporativi statunitensi: i) …

Leggi tutto »

La Presidenza Trump: RIP. Adesso rimane solo la rivoluzione

  DI PAUL CRAIG ROBERTS paulcraigroberts.org Donald Trump ha sovrastimato il suo potere presidenziale? La risposta è si. Steve Bannon, il principale consigliere di Trump, è politicamente inesperto? La risposta è si. Possiamo concludere dalle risposte a queste due domande che Trump affronta uno sforzo al di la delle sue capacità e pagherà un prezzo alto. Quanto alto? Il New York Times riporta che “le agenzie di intelligence americane… hanno cercato di capire se la campagna elettorale Trump era collusa …

Leggi tutto »

Un Ex (?) Agente del Mossad predice che Trump sarà messo sotto accusa per Tradimento

DI THE SAKER Information Clearing House Ringrazio  chi mi ha segnalato questo incredibile video, tratto da un programma  di RT intitolato “Watching the Hawks” (vedi  QUI  il video completo ). In questo estratto, Juval Aviv , un ex-agente del Mossad  (che dice di essere un “ex”), prevede che, nei prossimi mesi,  Donald Trump sarà messo sotto accusa per tradimento. Guardate voi stessi.: Non importa il modo in cui Aviv parla, usando costantemente il “noi” quando si parla degli Stati Uniti e …

Leggi tutto »

Analisi della conferenza stampa di Donald Trump

DI ALEXANDER MERCOURIS theduran.com Il presidente Trump conferma in una maratona/conferenza stampa che la sua priorità prima di negoziare con i Russi è assicurare la sua posizione a casa. Ha mosso i primi passi per spiazzare i suoi oppositori nell’ambiente dell’intelligence chiedendo al Dipartimento di Giustizia di incaricare l’FBI di avviare un’indagine penale sulle rivelazioni che hanno portato alle dimissioni del generale Flynn. I 77 minuti di conferenza stampa di Trump sono stati, come sempre per lui, uno sfoggio di …

Leggi tutto »

La mia guerra contro Facebook

DI GIANNI PETROSILLO conflittiestrategie.it Il titolo è, ovviamente, iperbolico ma oggi ho ricevuto l’ennesimo blocco da Facebook per l’articolo pubblicato qui sotto. Trenta giorni di sospensione ed altri trenta terminati appena qualche settimana fa. Più altre punizioni più brevi, qua e là, lungo un arco di sei mesi, più o meno, da quando è partito questo giro di vite contro le notizie sgradite all’establishment.  In un certo senso, è un salto di qualità per i censori “buturliniani” del social network …

Leggi tutto »

La Cina moderna, una creazione di Wall Street ? (L’agenda mondialista )

DI KERRY BOLTON katehon La Cina si appresta infine a dichiarare il suo assenso alla mondializzazione. Il presidente Xi Jinping farà questa dichiarazione nel corso del Forum economico mondiale di Davos, tra il 17 e il 20 gennaio. Si è detto che l’incontro di Davos si concentrerà sull’incremento delle reazioni antimondialiste incarnate dall’elezione di Trump. Probabilmente si occuperà anche del problema sempre più crescente del «populismo». La riunione di Davos rappresenterà il giubileo dei plutocrati statunitensi e dei loro prestanome, …

Leggi tutto »

L’amministrazione Trump è già fuori combattimento?

DI PAUL CRAIG ROBERTS informationclearinghouse.info Le speranze per l’amministrazione Trump non sono delle più splendenti. Il capo militare dell’amministrazione Trump, il generale Mattis, è risultato essere proprio come dice il suo soprannome un “cane pazzo”. Ha appena dichiarato che “l’Iran è l’unico grande stato sponsor del terrorismo nel mondo”. Ha dichiarato che la Russia è la principale minaccia per gli USA. Ha minacciato un intervento negli affari Cinesi. Mi sbagliavo. Avevo pensato che il Gen. Mattis fosse una scelta ragionevole …

Leggi tutto »

Trump sta strombazzando per una guerra all’Iran?

DI  SORAYA SEPAHPOUR-ULRICH globalresearch.ca La retorica e le azioni dell’amministrazione Trump hanno allarmato il mondo. Le proteste in risposta al suo divieto di visto hanno oscurato e distratto da un’ancor più oscura minaccia: la guerra con l’Iran. La paura della minaccia è maggiore della minaccia stessa? La risposta non è chiara. Certamente gli americani e non-americani, che pensavano che avremmo avuto un mondo più pacifico, credendo che Trump non volesse iniziare una guerra nucleare con la Russia, ora hanno motivi …

Leggi tutto »

Trump : «Anche in America ci sono assassini» (Gli USA sono Innocenti e non hanno Mai Ammazzato Nessuno)

di DAVID SWANSON Counterpunch.org E’ stato solo un caso il fatto che un presidente degli Stati Uniti abbia ammesso che gli Stati Uniti hanno ucciso delle persone e che lo abbiano fatto non meno di quanto lo facciano anche  altri paesi, ma  è stato detto per  difendere quel modo di fare, non per denunciarlo. Non è un segreto che in gran parte del mondo gli Stati Uniti siano (per dirla con le parole di  quel lecchino di Putin, Martin Luther King Jr. …

Leggi tutto »

Zero Hedge: Negli Stati Uniti È in Corso una “Rivoluzione Colorata”

FONTE: VOCIDALLESTERO.IT Zero Hedge riporta un articolo di The Saker, un  blog di un analista militare americano di alto livello, tradotto da volontari in molte lingue e molto seguito soprattutto durante la crisi in Ucraina, in cui si commentano le proteste anti-Trump  in corso negli USA come una  grottesca riedizione  delle rivoluzioni colorate, questa volta in casa propria, contro le proprie istituzioni e contro il popolo americano.  L’autore si augura che il Presidente eletto possa rendersi pienamente conto del rischio che corre, di …

Leggi tutto »

La stretta di Trump sull’immigrazione? Chiedete a Obama

DI MARIO SECHI ilfoglio.it I sette paesi elencati nell’ordine esecutivo del presidente sono esattamente quelli usciti da una selezione fatta in due tempi dall’amministrazione precedente Espulsioni immigrati USA Il muro di Trump? Ask Obama. In preda alle convulsioni, i leoni e le pantere da tastiera ieri chiedevano con un tono da caccia alle streghe: come mai Trump ha scelto quei sette paesi?  Come mai eh? Perché non c’è l’Arabia Saudita? E chi ha deciso quella lista? Nel frastuono degli scolapasta …

Leggi tutto »

Soros e i suoi collegamenti con le Tante Marce delle Donne

  DI ASRA Q. NOMANI Nytlive.nytimes.com C’è qualche nesso tra uno dei più ricchi “donors di Hillary Clinton” e le Marce delle Donne ?   Scoprirlo può spiegare qualcosa Nel buio che precedeva l’alba del giorno dell’Inauguration Day, ho dovuto fare una scelta, come femminista liberale da sempre, che ha votato per Donald Trump  : dovevo mettermi le Nike rosa da ginnastica e andare a prendere la Metro – DC per la capitale della nazione e assistere all’ Inauguration del nuovo …

Leggi tutto »

La fabbricazione della normalità

DI CJ HOPKINS counterpunch.org Della propaganda mediatica in democrazia Non sarà sfuggito a nessuno che il postulato democratico afferma che i media sono indipendenti, determinati a scoprire la verità e a farla conoscere ; e non che essi passano la maggior parte del tempo a dare l’immagine di un mondo tale che i potenti desiderano che noi ci rappresentiamo, che sono in una posizione d’imporre la trama dei discorsi, di decidere ciò che il buon popolo ha il diritto di …

Leggi tutto »

Il problema non è Trump. Siamo noi

DI JOHN PILGER counterpunch.org Negli Stati Uniti, il giorno dell’insediamento del Presidente Trump, migliaia di scrittori esprimeranno la loro indignazione. “Per poter guarire e andare avanti…”, si dice al Writer Resist, “vogliamo andare oltre il discorso politico diretto, e, concentrandoci sul futuro, noi, come scrittori, possiamo essere una forza unificatrice per la tutela della democrazia”. E ancora: “Esortiamo gli organizzatori e relatori locali ad evitare di chiamare per nome i politici o di usare un linguaggio di contestazione come punto …

Leggi tutto »

L’Establishment vuol scippare la Presidenza a Trump con l’Aiuto della Sinistra-Liberale (il neo-presidente è già finito?)

DI PAUL CRAIG ROBERTS Information Clearing House La Reuters riferisce che truppe americane composte da 2.700 persone e da carri armati si stanno muovendo dalla Polonia verso il confine con la Russia. Il Col. Christopher Norrie, comandante della 3° Armoured Brigade Combat Team,  ha dichiarato: “L’obiettivo principale della nostra missione è deterrenza e prevenzione delle minacce”. A quanto pare, il colonnello non è sufficientemente brillante da rendersi conto di essere ben  lontano dal prevenire minacce, ma anzi è la sua stessa …

Leggi tutto »

La California fa ancora parte degli Stati Uniti ?

FONTE: DEDEFENSA.COM La California, elegante modello di secessione La California fa ancora parte degli Stati Uniti ? Porre la domanda è come risponderle, si ha l’abitudine di dire, giustamente, -in tutti i casi è come suggerire di essere pronti a rispondere nel senso che s’ indovina-   naturalmente negativo. Si sa che il destino della California ci interessa particolarmente in quanto questo potente Stato dell’Unione, che conta 38,8 milioni di abitanti e un prodotto interno lordo di 2.488 miliardi di dollari, …

Leggi tutto »

La Russofobia e l’odio verso Putin: i cani abbaiano

DI GUILLAME FAYE J’ai tout compris In effetti “i cani abbaiano, la carovana passa”, ovvero Mosca non si lascia impressionare. La maggior parte dei media occidentali ha descritto l’intervento russo in Siria come un’operazione criminale e imperialista. Rientra nella logica strategica della demonizzazione di Putin; l’obiettivo è ostacolare il ritorno della Russia come potenza internazionale. Inventare una minaccia russa, ripetere che la Russia sia una dittatura, sostenere che la Crimea sia stata annessa e l’Ucraina aggredita – pretesto per le …

Leggi tutto »