Trump contro il complesso industriale militare: aumenta il pericolo di colpo di stato militare. La storia si ripete?

Alla conferenza del Labor Day di questa settimana, il presidente Trump ha lanciato il guanto di sfida contro il complesso industriale militare angloamericano suscitando le preoccupazioni per un eventuale colpo di stato da parte delle Elites militari.  Questo pericolo è stato enunciato dal senatore di stato Richard Black (un ex colonnello e ufficiale dell’intelligence) durante una  conferenza del 5 settembre.

Nel suo potente discorso che ha visto le ire dei vertici del Pentagono, Trump ha chiesto di riportare finalmente a casa le truppe americane e di porre fine alle “guerre infinite” dicendo:

“Non sto dicendo che i militari sono innamorati di me; i soldati lo sono. Le persone al vertice del Pentagono probabilmente non lo sono, perché non vogliono fare altro che combattere le guerre in modo che tutte quelle meravigliose compagnie che producono le bombe, gli aerei e tutto il resto rimangano felici. Ma stiamo uscendo dalle guerre infinite…. Riportiamo i nostri soldati a casa. “

Per quei devoti odiatori di Trump che non sono disposti ad accettare la possibilità che ci sia già stato un colpo di stato attivo contro il presidente negli ultimi 3 – 5 anni, o che il crollo economico imminente (scatenato sotto la copertura del COVID-19) e il pericolo generale di una guerra civile all’interno degli Stati Uniti potrebbe inaugurare un colpo di stato … ripensateci.

Il fatto è che l’America si è avvicinata più di quanto molti pensano alla dittatura militare totale sotto il controllo di Wall Street / Londra in più di un’occasione, e se le lezioni della storia non vengono rapidamente interiorizzate, allora non solo questo accadrà di nuovo, ma accompagnerà un nuova guerra mondiale dalla quale sarebbero risparmiate pochissime vite ricche o povere.

La soluzione miracolosa economica fascista del 1932

Il 1932-1934 è stato un periodo storico che ha visto il mondo abbattuto in una profonda depressione che ai popoli dell’Europa e dell’America era stato detto dai loro media, poteva essere risolta solo con la “soluzione miracolosa economica” di un nuovo sistema di governo noto come “fascismo”.

Questa “soluzione economica fascista” prese piede in Europa con la rapida ascesa del nazismo, del corporativismo franchista e di Mussolini e di quella che più tardi divenne la Francia di Vichy. Nel Canada inglese, la Lega per la ricostruzione sociale  era pronta a prendere il potere nel 1932 e il Canada francofono stava rapidamente abbracciando il partito politico di ispirazione nazista di Adrien Arcand. La classe dirigente britannica, guidata dalla famiglia reale, appoggiava pienamente il nazismo e l’Unione britannica dei fascisti di Sir Oswald Mosley stava crescendo più velocemente che mai. Tutti questi movimenti avevano gusti diversi ma erano uniti sotto una fredda filosofia utilitaristica del governo, un amore devoto per l’eugenetica (la “scienza” razzista del controllo della popolazione) e la dipendenza dal denaro della City di Londra / Wall Street.

Negli Stati Uniti, tuttavia, le cose non stavano andando così bene.

L’ascesa di Franklin Roosevelt

Anche se l’élite finanziaria di Wall Street aveva tolto la spina al sistema quattro anni prima, la popolazione non era ancora stata sufficientemente spezzata per accettare il fascismo come la soluzione che la rivista Time aveva detto loro che fosse. Invece, il popolo votò per uno dei pochi candidati presidenziali antifascisti disponibili nel 1932, quando Franklin Roosevelt fu eletto con il programma di togliere dal potere i prestatori di denaro e ripristinare la costituzione.

Nel suo  discorso inaugurale del 4 marzo 1933,  FDR affermò:

“Le pratiche dei cambiavalute senza scrupoli sono incriminate dal tribunale dell’opinione pubblica, rifiutate dal cuore e dalla mente degli uomini. È vero che ci hanno provato, ma i loro sforzi sono stati espressi nel modello di una tradizione antiquata. Di fronte al fallimento del credito hanno proposto solo il prestito di più denaro. Privati ​​del richiamo del profitto con cui indurre il nostro popolo a seguire la loro falsa guida, hanno fatto ricorso alle esortazioni, implorando in lacrime di ritrovare la fiducia. Conoscono solo le regole di una generazione di egoisti. Non hanno visione e quando non c’è visione la gente muore. I cambiavalute sono fuggiti dai loro alti posti nel tempio della nostra civiltà. Ora possiamo riportare quel tempio alle antiche verità.

Durante  i famosi 100 giorni di FDR,  fu dichiarata una guerra a tutto campo contro i “realisti economici” che avevano conquistato la nazione. Verifiche e indagini furono condotte sulle banche sotto la forma della  Commissione Pecora , e le maggiori società finanziarie che avevano speso miliardi per i partiti fascisti d’Europa furono smantellate mentre la speculazione era frenata sotto  Glass-Steagall . Nel frattempo è stata svelata una nuova forma di attività bancaria più in linea con le tradizioni costituzionali americane sotto forma di credito produttivo e lavori pubblici a lungo termine che hanno creato posti di lavoro reali e aumentato i poteri produttivi nazionali del lavoro.

Molte persone rimangono totalmente ignoranti che anche prima della sua inaugurazione il 4 marzo 1933, Franklin Roosevelt ha evitato per un pelo un tentativo di omicidio in Florida che ha visto 5 persone colpite da proiettili e il sindaco di Chicago morire per le ferite 3 settimane dopo. A pochi giorni dalla morte del sindaco, l’assassino  Giuseppe Zingara è  stato rapidamente etichettato come un “pistolero solitario” e giustiziato senza alcuna seria indagine sui suoi legami massonici. Questo, tuttavia, era solo un precursore per una battaglia ancora più grande che i finanzieri di Wall Street avrebbero lanciato per rovesciare la presidenza nello stesso anno. Questo sforzo sarebbe stato fermato solo dal coraggioso intervento di un marine patriottico di nome Smedley Darlington Butler.

Chi era il generale Butler?

Nato nel 1881 da una famiglia di quaccheri patriottici, Smedley Butler scalò rapidamente i ranghi dell’esercito diventando la figura militare più decorata della storia degli Stati Uniti, un record che detiene fino ad oggi con più medaglie d’onore, una medaglia di servizio distinta dall’esercito e Medaglia Corps Bruvet (per citarne solo alcuni).

Alla fine del tritacarne orchestrato dagli inglesi noto come prima guerra mondiale, il generale era diventato un patriota attivista che pronunciava discorsi in tutta l’America per denunciare i finanzieri privati ​​che guidavano l’economia guidata dalla guerra americana. Parlando ai veterani nell’agosto del 1933,  il generale disse :

“Ho passato 33 anni a essere un uomo muscoloso di alta classe per il Big Business, per Wall Street e per i banchieri. In breve, ero un delinquente per il capitalismo … Ho contribuito a purificare il Nicaragua per la banca internazionale dei Brown Brothers nel 1909-1912. Ho contribuito a rendere il Messico e in particolare Tampico sicuri per gli interessi petroliferi americani nel 1916. Ho contribuito a rendere Haiti e Cuba un posto decente per i ragazzi della National City [Bank] in cui riscuotere le entrate. Ho aiutato a violentare mezza dozzina di repubbliche centroamericane a beneficio di Wall Street … In Cina, ho aiutato a fare in modo che la Standard Oil andasse per la sua strada indisturbata … Ho avuto un grande racket. Sono stato premiato con onori, medaglie e promozioni. Avrei potuto dare qualche suggerimento ad Al Capone. Il meglio che poteva fare era organizzare un racket in tre città. I Marines operavano in tre continenti … “

Nonostante le sue esplicite critiche al capitalismo clientelare, l’élite di Wall Street presumeva semplicemente che tutti gli uomini avessero il loro prezzo, e Butler era probabilmente solo indignato perché non gli era mai stata data una fetta di torta abbastanza grande.

Viene lanciato il Wall Street Putsch

Questi finanzieri avevano bisogno di qualcuno come Butler per incanalare la rabbia dei veterani in sciopero della prima guerra mondiale in tutta l’America che avevano combattuto per il pagamento del bonus promesso loro anni prima ma che non esisteva a causa del crollo del 1929. Una forza di centinaia di migliaia di soldati esperti scontenti era esattamente ciò che era necessario per rovesciare Roosevelt, ma la leadership era gravemente carente e il generale Butler era il loro uomo per il lavoro. Era un eroe di guerra considerato onesto e amato dai veterani. Era perfetto.

Sotto la guida del Grayson Prevost Murphy di JP Morgan, due rappresentanti della Legione americana (il comandante Bill Doyle e il venditore di obbligazioni Gerald MacGuire) si avvicinarono a Butler nel luglio 1933 con il compito di radunare i veterani della Legione e iniziarono a citare accenni di un piano di colpo di stato più ampio. Butler si insospettì, ma continuò a seguire il piano per vedere fino a che punto questo avesse salito la scala del potere (1).

Nel corso dei mesi successivi, Butler scoprì che l’élite finanziaria americana era incentrata su John Pierpont Morgan Jr., gli Harrimans, i Melons, Warburg, Rockefeller e Dupont erano al centro del complotto. Questi uomini hanno usato i loro agenti come Gerald MacGuire, un venditore di obbligazioni affiliato a Morgan, i controllori del Partito Democratico John W. Davis e Thomas Lamont (entrambi occupano incarichi di direzione nella House of Morgan), Robert Sterling Clark (erede della fortuna della macchina da cucire Singer), Grayson Prevost Murphy e il banchiere di investimenti della famiglia Harriman Prescott Bush. Tutti questi personaggi erano diventati famosi “investitori” nel fascismo europeo, possedevano le più grandi piattaforme mediatiche tra cui Fortune e Time Magazine (entrambe promuovevano ampiamente Mussolini per anni) e controllavano le leve dell’industria.

Fortunatamente, la  Commissione Pecora 1932-1934 ha  esposto pubblicamente queste forze come artefici della grande depressione, rendendo la loro capacità di acquisire sostegno e simpatia popolare più che un po ‘difficile.

Delineando i risultati del suo comitato Pecora aveva scritto pubblicamente:

“Indubbiamente, questo piccolo gruppo di finanzieri di alto livello, controllando le primavere dell’attività economica, detiene più potere reale di qualsiasi gruppo simile negli Stati Uniti”

Quando fu il momento giusto, Butler suonò il fischietto rivolgendosi al Comitato speciale per le attività antiamericane (il Comitato McCormack-Dickstein) che iniziò un’indagine il 20 novembre 1934.

All’inizio scettico sulle affermazioni del generale, il comitato ha presto dimostrato tutto nel corso di un mese di indagine e ha reso pubbliche le sue scoperte a FDR e al congresso il 29 dicembre 1934. Una parte preziosa delle audizioni sono state le testimonianze del giornalista Paul Comly French che Butler ha reclutato per fungere da intermediario del generale con i banchieri.

Butler ha detto al comitato che MacGuire ha dichiarato che  “non ci vorrebbe alcun cambiamento costituzionale per autorizzare un altro funzionario di gabinetto, qualcuno che si occupi dei dettagli dell’ufficio – per toglierli dalle spalle del presidente” e che “faremmo con lui quello che Mussolini ha fatto al Re d’Italia ”.

Quando il francese ha chiesto a MacGuire come il colpo di stato avrebbe aiutato a risolvere la disoccupazione, MacGuire ha risposto:  “Abbiamo bisogno di un governo fascista per salvare la nazione dai comunisti … Era il piano che Hitler aveva usato per mettere tutti i disoccupati nei campi di lavoro o nelle caserme – applicato lavoro duro e faticoso. Questo lo risolverebbe dall’oggi al domani. “

Sebbene le trascrizioni complete non siano state rese pubbliche, Butler ha trasmesso il messaggio alla popolazione dando la sua storia a quanti più giornalisti possibile e ha registrato un messaggio alla gente nel 1935 che dovrebbe essere ascoltato per intero.

Le conseguenze dell’esposizione

Questa esposizione, insieme ai  risultati della Commissione Pecora , e il precedente tentativo di omicidio fallito hanno fornito a FDR le munizioni di cui aveva bisogno per costringere lo stato profondo dell’America alla sottomissione (almeno per un po ‘). La lotta di FDR per fermare la dittatura di una banca centrale è iniziata dai primi giorni della sua presidenza fino al suo ultimo respiro il 14 aprile 1945.

Incredibilmente, dopo il 1934 il comitato è stato sciolto (per essere riformato in seguito sotto il mandato fascista), e le migliaia di pagine di trascrizioni sono stati sepolti per anni, pubblicati solo ufficialmente nel 21° secolo, i cui contenuti si possono trovare qui  con testimonianze censurate in rosso.

I golpisti non persero tempo a formare una nuova organizzazione il 22 agosto 1934 chiamata  American Liberty League  che trascorse il decennio successivo a sabotare il New Deal di FDR. Questo gruppo fece ogni sforzo per promuovere un’alleanza americana con le potenze dell’Asse (fino all’attacco di Pearl Harbor del 1941), l’eugenetica ampiamente finanziata e, dopo la morte di FDR, agì come forza trainante dietro lo stato di polizia maccartista in America durante la Guerra Fredda. Questo colpo di stato profondo in America ha rovesciato la visione di FDR / Wallace per un ordine mondiale anticoloniale del dopoguerra fondato su un’alleanza strategica USA-Russia-Cina.

Questa organizzazione fascista anglo-americana ha anche dato vita a think tank come l’American Enterprise Association, la Heritage Foundation e l’istituto CATO che hanno gradualmente reso l’economia scolastica austriaca una parte della destra americana. Chiunque volesse capire cosa ha creato il mostro di Frankenstein chiamato “neoconservatorismo” negli ultimi 60 anni non andrebbe molto lontano senza capire il ruolo dell’American Liberty League e del suo inferno.

Nei primi anni della Guerra Fredda, alcuni anziani statisti della seconda guerra mondiale detenevano ancora il potere e si mobilitarono per istruire un giovane presidente in arrivo Kennedy che stava per mostrare una breve ma coraggiosa resistenza a questa cancerosa crescita imperiale in America.

Il complotto del Deep State contro JFK

Il pericolo della guerra mondiale e di un colpo di stato militare si ripresentò durante la breve amministrazione di John F.Kennedy che si trovò bloccato in una lotta di vita o di morte non con la Russia, ma con il Complesso industriale militare che era diventato dominato dai molti Dr. Strangeloves del Joint Chief of Staff e della CIA che credevano fanaticamente che l’America potesse vincere una guerra nucleare con la Russia. I coraggiosi sforzi di Kennedy per raggiungere il dialogo con le sue controparti sovietiche, andare verso la pace in Vietnam, il sostegno alla liberazione coloniale, la promozione dell’esplorazione spaziale e la difesa di un trattato sul divieto dei test nucleari lo resero un obiettivo del Deep State del suo tempo. Durante questo periodo, questo sforzo è stato guidato dall’alto dai due più potenti avversari americani di JFK: Allan Dulles (direttore della CIA) e il generale Lyman Lemnitzer (capo del Joint Chiefs of Staff), Operazione Northwoods  (un ultimo “lavoro interno” precursore dell’11 settembre che JFK ha sovvertito).

Come ha recentemente riportato lo storico Anton Chaitkin  : “Lemnitzer aveva mostrato ciò che la sua fazione considerava le sue qualifiche per questo ruolo nell’agosto 1960, quando, come capo di stato maggiore dell’esercito, annunciò che l’esercito era pronto a” ristabilire l’ordine “negli Stati Uniti.

Questa trama è stata dettagliata in un libro quasi immaginario scritto dai giornalisti investigativi Fletcher Knebel e Charles Bailey pubblicato nel 1962 dal titolo  Seven Days in May  e rapidamente trasformato in un film famoso con il sostegno senza precedenti dello stesso JFK che ha diede completo accesso alla Casa Bianca per la troupe cinematografica e il regista John Frankenheimer, consulenti e materiali per il film che secondo lui ogni americano avrebbe dovuto vedere.

Nella storia, un tenente patriottico scopre i piani per il colpo di stato che dovrebbe avvenire durante una vasta esercitazione militare in base alla quale un presidente che è vicino alla conclusione di un trattato di disarmo con la Russia sarà reso incapace in un bunker mentre un regime militare prende l’America.

Tragicamente, al momento dell’uscita del film nel 1964, JFK  era stato deposto con altri mezzi . Ora, 56 anni dopo, la storia ha iniziato a ripetersi con caratteristiche distintamente del 21 ° secolo … e una svolta virale.

Oggi, un nuovo crollo sistemico di una bolla dei derivati ​​da 1,5 quadrilioni di dollari ha somiglianze con il crollo del 1929 e altre somiglianze con l’ iperinflazione di Weimar del  1923.  Mentre il coronavirus può o non può essere utilizzato per innescare questo nuovo scoppio, una cosa è certa: un nuovo colpo di stato fascista dovrebbe essere preso più seriamente che mai. I ripetuti inviti del presidente Trump a rilanciare le politiche di Abraham Lincoln, a porre fine alle operazioni di cambio di regime e alle infinite guerre all’estero e a lavorare con altri stati nazionali sovrani in opposizione agli ideologi del governo mondiale sono più importanti di quanto la maggior parte delle persone creda.

Quindi, invece di sottolineare chi potrebbe essere il ballottaggio del 2020, è più saggio porre la domanda: dove sono e chi sono i generali “maggiordomo” dell’ élite militare oggi?

Di Matthew Ehret  è l’Editor-in-Chief della  Canadian Patriot Review  , un esperto BRI sui  discorsi tattici , ed è autore di 3 volumi della  serie di libri “Untold History of Canada” . Nel 2019 ha co-fondato la Rising Tide Foundation con sede a Montreal 

11.09.2020

Link fonte primaria: https://canadianpatriot333473442.wordpress.com/2020/09/11/trump-vs-the-military-industrial-complex-military-coup-danger-escalates/

Traduzione da https://www.databaseitalia.it/trump-contro-il-complesso-industriale-militare-aumenta-il-pericolo-di-colpo-di-stato-militare-la-storia-si-ripete/ – Pubblicato il 13.09.20 da Davide Donateo

Scelto e pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org