Trump contro lo sport transgender: «gli atleti trans uccideranno lo sport femminile»

renovatio21.com

Del discorso di circa un’ora e mezza pronunciato da Trump in Florida durante il meeting annuale del CPAC, il goscismo americano e mondiale ha schiumato soprattutto per le parole che The Donald ha riservato alla questione dei transessuali nello sport.

«Se gli atleti transgender continueranno a gareggiare, se questo non cambierà, gli sport femminili moriranno», ha dichiarato dal podio l’ex presidente americano.

Come noto, Joe Biden e l’agenda estremista dei democratici al potere stanno spingendo in questa direzione grottesca, e la nomina di un transessuale al Dipartimento della Salute va in queste direzione. L’Equality Act, un testo di legge teso ad espandere le protezioni nei confronti della comunità LGBT, è stato votato la scorsa settimana alla Camera dei rappresentanti.

«Dobbiamo proteggere l’integrità dello sport femminile» ha rintuzzato Trump. Parole di senso comune, che fanno adirare il mondo impazzito dove chiunque può decidere se essere uomo o donna.

«Penso che sia assurdo quello che sta succedendo – ha proseguito Trump ». Le atlete, ha detto Donald, «in questo momento sono obbligate a competere contro chi è nato biologicamente maschio».

«Molti nuovi record sono stati battuti nello sport femminile, troppi sono stati frantumati» da individui in cui la quasi totalità delle cellule portano i cromosomi sessuali XY e non XX.

«I record che hanno resistito per anni e decenni vengono ora distrutti con facilità – ha tuonato Trump – Se questo non viene cambiato, lo sport femminile come sappiamo morirà e finirà».

La follia dello sport femminile invaso da transessuali è tuttavia una questione mondiale.

In Spagna i trans potrebbero presto competere nello sport nella categoria del genere in cui sono registrati, senza che a loro sia imposto alcun test per verificarlo. Lo prevede una bozza di legge sull’uguaglianza dei trans fortemente voluta da Irene Montero, ministro iberico per le Pari opportunità proveniente dal partito Podemos. La bozza della legge dovrebbe arrivare già in questo mese al Consiglio dei Ministri spagnuolo.

Fino a pochissimi anni fa, l’argomento pareva chiuso: si ricorderà il caso della mezzofondista e velocista del Sudafrica Caster Semenya, due volte oro olimpico. Per anni la Semenya è stata vista con sospetto e accusata di essere, in realtà un maschio o un ermafrodita – un tipo di persone che nei decenni scorsi erano stati esclusi dai giochi. Al termine dei mondiali del 2010, la IAAF, ente dell’atletica mondiale, chiese alla federazione sudafricana di accertare con un test la sua sessualità. I risultati non vennero mai resi pubblici, ma la IAAF decise di farla tornare a gareggiare subito. Seguirno, nel 2018, ben 5 record. Nel 2015 la Semenya contrasse un «matrimonio» con una donna.

I casi che vengono alla mente sono quelli che coinvolgono invece le discipline marziali. Vi sono stati casi nella boxe e nel kick boxing, tuttavia il caso più rilevante è quello del lotattore transessualedi arti marziali miste (MMA) Fallon Fox.

Fox, un uomo transìto verso la forma femminile, si scontrò con un avversario nato femmina, la marzialista Taika Brents. Nel primo round, dopo nemmeno due minuti e mezzo di una lotta disordinata e non bella da vedere a causa del sangue, il transessuale Fox procurò una commozione cerebrale alla Brants, frantumandogli l’osso orbitale del cranio, e continuò a picchiare fino a che l’arbitro non decretò il KO tecnico.

La Brents dovette ricevere diversi punti di sutura subito dopo il combattimento. Poco dopo, in un’intervista, commentò l’accaduto.

«Ho combattuto molte donne e non ho mai sentito la forza che ho provato in un combattimento come quella notte. Non so rispondere se è perché è nata uomo o no perché non sono un medico. Posso solo dire che non mi sono mai sentita così sopraffatta in vita mia e sono una donna anormalmente forte di per sé», dichiarò la Brents.

«Se gli atleti transgender continueranno a gareggiare, se questo non cambierà, gli sport femminili moriranno» ha detto Trump.

Potremmo anche correggerlo: se continua così, non solo gli sport femminili moriranno, ma moriranno anche le sportive femmina.

Fonte: https://www.renovatio21.com/trump-contro-lo-sport-transgender-gli-atleti-trans-uccideranno-lo-sport-femminile/

Pubblicato il 01.03.2021