RAPPORTO di MINORANZA – MINORITY REPORT

Di Francesco Gatto per ComeDonChisciotte.org Quello che ha fatto la Russia con l’invasione dell’Ucraina è imperdonabile. Ancora più imperdonabile è la motivazione usata da Putin.  In sostanza : ”…gli Americani e la NATO hanno bombardato Belgrado per 72 giorni…hanno invaso l’Iraq…la Libia…la Siria…l’Afganistan…quindi noi abbiamo la medesima legittimità ad invadere l’Ucraina…”.  Brutta ed inaccettabile come motivazione. SE gli USA e la NATO fanno delle porcate non significa che bisogna…

Georgia: un paese sospeso

Di Alessandro Fanetti per ComeDonChisciotte.org  TBILISI - La Georgia è una Repubblica sorta, nella sua forma attuale, con la dissoluzione dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. Nei tempi precedenti, infatti, questo Paese è stato sia territorio dell’Impero Russo (dal 1801) che, dal 1921-22, parte dell’URSS (con una brevissima fase di “completa” indipendenza fra il 1918 e il 1921). Parte dell’Unione Sovietica prima con il nome di Repubblica Socialista Sovietica Georgiana, poi…

Aux armes, citoyens: sezionare le elezioni francesi gestite a tavolino

Di Pepe Escobar, ideeazione.com Alla fine, è avvenuto tutto esattamente come l’ha progettato l’establishment francese. L’ho chiamato lo scorso dicembre in una rubrica qui a La Culla. Questi sono gli elementi essenziali: l’arabofobo certificato Eric Zemmour, che è di origine algerina, è stato fabbricato da attori chiave dell’establishment del tipo Institut Montaigne per tagliare fuori la candidatura della destra populista di Marine Le Pen. Alla fine, la performance elettorale di Zemmour è…

Aristotele addio

Di Nestor Halak Con la nuova normalità imposta dal sistema totalitario in avanzato stato di formazione nei paesi occidentali, il tradizionale criterio di verità delle preposizioni è radicalmente cambiato. Un tempo uno dei postulati fondamentali del nostro modo di vedere il mondo, vera base dell’occidente, era che esistesse una realtà oggettiva la fuori e che tutte le affermazioni che si potevano fare su di essa potessero essere vere o false, tertium non datur, come si esprimevano i filosofi.…

Riequilibrare? Meglio Isolare per Disgregare

Di Guido Salerno Aletta (Editorialista dell'Agenzia Teleborsa), teleborsa.it Con lo slogan MAGA, acronimo di "Make America Great Again", la Presidenza americana di Donald Trump aveva preso atto di un errore strategico: la New Economy basata sulle tecnologie informatiche e di telecomunicazioni su cui gli Usa avevano puntato a partire dagli Anni Ottanta non era stata in grado di sostituire né in termini di occupazione, né di valore della produzione, le importazioni dall'estero delle merci…

Nave Moskva in fiamme, eppure c’è qualcosa che non torna

Articolo di Nestor Halak A quanto pare,  la nave ammiraglia della flotta russa del Mar nero, è saltata in aria. La parte russa, afferma che ciò potrebbe essere accaduto a causa dell’esplosione delle armi di bordo dovuta a negligenza, incidente, sabotaggio. Indubbiamente è possibile, ma non pare molto probabile. Voi ci credete? La parte ucraina rivendica l’esplosione che sarebbe stata provocata da due vecchi missili antinave sovietici sparati da un qualche punto della costa. Possibile anche…

Un riassunto delle strategie di politica estera della Russia e uno sguardo al futuro

Di Alessandro Fanetti, thedefencehorizon.org La Federazione Russa del Nuovo Millennio è, come ben definito dal noto studioso John H. Mackinder, il “Cuore” del pianeta in cui tutti abitiamo. È uno stato “multinazionale” sempre al centro del mondo, che è stato governato da sistemi opposti (zarismo, socialismo, liberalismo “eltsiniano”). Al potere da più di vent’anni, il presidente Putin ha cercato di prendere qualcosa da tutte queste esperienze, sia in politica interna che estera. In politica…

Saldi esteri da brivido

Di Guido Salerno Aletta (Editorialista dell'Agenzia Teleborsa), teleborsa.it Bisogna essere chiari su un punto: le Banche centrali non hanno poteri di intervento nell'attuale contesto di inflazione dei prezzi dell'energia e delle materie prime, tutti prodotti che l'Italia importa sia per i propri consumi interni sia per la sua caratteristica di economia di trasformazione che rivende all'estero con valore aggiunto quanto ha acquista dall'estero. A maggior ragione vale la questione della…

L’Europa è condannata a dipendere dalle forniture di gas russo

Di Redazione Katehon, ideeazione.com La settimana scorsa, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il passaggio ai rubli per l’acquisto di gas naturale per i paesi ostili. Questo annuncio ha avuto un impatto immediato sul rublo, indebolendo il dollaro e l’euro. Gli Stati Uniti e i paesi dell’UE hanno mostrato una certa preoccupazione, poiché questo li costringerebbe ad aggirare le loro stesse sanzioni. Ci sono stati rapporti che gli americani avrebbero aiutato l’Europa a risolvere il…

La barbarie di Washington raggiunge nuove vette?

Introduzione di Costantino Ceoldo Di seguito la mia traduzione in italiano di due articoli di Paul Craig Roberts che riguardano una notizia trascurata dai grandi media Occidentali: la raccolta di campioni di RNA e tessuti sinoviali della componente maggioritaria della popolazione russa, quella caucasica. L’idea di studiare una popolazione, fin dentro le basi nascoste della vita, per poterla uccidere meglio con un gas, un batterio o un virus, è un’idea ripugnante, chiunque sia a metterla in…

Il Deep State russo perde pezzi? Anatoly Chubais abbandona la nave

Di Matthew Ehret, strategic-culture.org Negli ultimi anni, molte persone si sono abituate a pensare al termine “Stato profondo” come qualcosa che si applica solo agli Stati Uniti. Mentre è certamente chiaro che una Quinta Colonna è diventata sempre più radicata in tutti i livelli dell’intelligence, della burocrazia, delle aziende, dei media e delle accademie americane, pochissimi occidentali hanno un'idea chiara di come questa stessa struttura si sia espressa nelle nazioni dell'Eurasia.…

Una serata in TV

Di Guido Cappelli Martedì scorso sono stato ospite alla trasmissione di Giovanni Floris, invitato a parlare per 2 minuti e 9 secondi senza possibilità di replica. Non mi lamento: lo supponevo ed era un’esperienza che volevo fare, e che è risultata, politicamente e antropologicamente, molto, molto interessante. Intanto ho capito che, al di là delle filìe e delle fobie per questo tipo di programmi, è vero che non si tratta, propriamente, di informazione. Lo dice il nome stesso e l’ho potuto…