L’Europa è condannata a dipendere dalle forniture di gas russo

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Redazione Katehon, ideeazione.com

La settimana scorsa, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il passaggio ai rubli per l’acquisto di gas naturale per i paesi ostili. Questo annuncio ha avuto un impatto immediato sul rublo, indebolendo il dollaro e l’euro. Gli Stati Uniti e i paesi dell’UE hanno mostrato una certa preoccupazione, poiché questo li costringerebbe ad aggirare le loro stesse sanzioni. Ci sono stati rapporti che gli americani avrebbero aiutato l’Europa a risolvere il problema dell’approvvigionamento di gas in futuro. Tuttavia, non si è parlato dei volumi e dei tecnicismi.

Vediamo se l’Europa può abbandonare completamente il gas russo nel prossimo futuro. E se gli Stati Uniti possono essere un fornitore affidabile.

Il gas naturale rappresenta oggi circa un quinto di tutta l’energia usata in Europa. Rappresenta anche circa il 20 per cento della produzione di elettricità e viene utilizzato per il riscaldamento e la produzione. La Russia è il più grande fornitore di gas naturale all’Europa, pompando circa il 40% delle sue forniture al continente attraverso un gasdotto. I prossimi maggiori fornitori di gasdotti sono la Norvegia (22%), l’Algeria (18%) e l’Azerbaigian (9%). L’Europa riceve anche gas naturale liquefatto, che viene consegnato via mare.

Le importazioni europee di gas naturale liquefatto, o GNL, dagli Stati Uniti e da altri paesi hanno raggiunto un record di 400 milioni di metri cubi al giorno negli ultimi mesi. Una singola nave da carico di GNL può contenere circa 125.000-175.000 metri cubi di gas naturale: abbastanza per riscaldare 17 milioni di famiglie britanniche per un giorno d’inverno.

Ma ci sono serie limitazioni sia per gli esportatori che per i compratori di GNL se si tratta di grandi volumi. Il GNL viene prodotto raffreddando il gas naturale a meno 260 gradi Fahrenheit (meno 162 gradi Celsius), il che riduce il suo volume di più di 600 volte. Il gas naturale viene consegnato tramite un gasdotto a un porto, trattato in un impianto di liquefazione e poi caricato in speciali navi cisterna isolate a temperatura controllata per la spedizione via mare.

Per ricevere il GNL, ci deve essere un impianto di rigassificazione nel porto di scarico che riconverte il GNL in una forma gassosa in modo che possa essere inviato tramite un gasdotto ai clienti finali. Sia gli impianti di liquefazione che quelli di rigassificazione costano miliardi di dollari e richiedono diversi anni per essere costruiti.

Dopo una crisi simile nel 2009, quando un conflitto finanziario con l’Ucraina ha costretto la Russia a sospendere le forniture di gas per 20 giorni, l’Europa ha ampliato significativamente i suoi impianti di rigassificazione a 29. Attualmente, i terminali europei di ricezione della rigassificazione hanno ancora spazio per importare più GNL e abbastanza spazio per immagazzinare le forniture importate per un periodo quasi indefinito. Ma molti dei principali fornitori mondiali hanno esaurito la loro capacità perché hanno poca capacità di produrre e liquefare più gas naturale di quello che già usano.

Inoltre, circa due terzi di tutto il gas naturale liquefatto è venduto sotto contratti fissi a lungo termine con destinazioni fisse. Finora, non c’è alcuna indicazione che i principali detentori di contratti come la Corea del Sud, il Giappone e la Cina e i loro fornitori siano disposti a deviare i carichi verso l’Europa se ulteriori tagli alle esportazioni russe portano a un’esacerbazione della crisi di approvvigionamento.

C’è stato un caso nella storia nel 2011 quando uno tsunami ha causato distruzione e un rilascio di radiazioni nella centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi. Il Giappone ha chiuso tutte le sue centrali nucleari per valutare se erano preparate a tali disastri. I fornitori di GNL hanno poi deviato le forniture di gas al Giappone per aiutarlo a sopravvivere alla crisi immediata. Ma allora c’erano ragioni umanitarie, non politiche. Inoltre, il Giappone non è l’UE e altri consumatori come il Regno Unito. Hanno bisogno di un volume di fornitura molto più grande. E gli inverni nell’Europa del nord sono molto più rigidi e lunghi che in Giappone.

Oggi, gli analisti dicono che i produttori o gli importatori di GNL potrebbero deviare i carichi che potrebbero costituire circa il 10-15% di qualsiasi mancanza. Tuttavia, è probabile che questi cambiamenti arrivino a prezzi più alti, lasciando i consumatori europei con bollette ancora più alte di quelle attuali.

La capacità di esportazione di gas naturale liquefatto esistente negli Stati Uniti sta funzionando a pieno regime da diversi mesi. Circa la metà delle spedizioni di GNL degli Stati Uniti nel dicembre 2021 sono andate in Europa, aiutate da prezzi più alti nei mercati europei. In precedenza, una grande parte delle esportazioni di GNL degli Stati Uniti è andata in Cina, dove le restrizioni sull’energia idroelettrica legate alla siccità hanno portato a un’impennata nella domanda di gas naturale. In teoria, i venditori negli Stati Uniti sono stati in grado di fornire più gas all’Europa, ma solo deviando i carichi di esportazione piuttosto che vendere il gas che altrimenti sarebbe stato utilizzato all’interno. Inoltre, il freddo negli Stati Uniti potrebbe portare a una domanda di gas e a un aumento dei prezzi del gas.

Una domanda importante è come la Russia regolerà la propria economia se smette di esportare gas in Europa e perde le entrate dalla vendita del gas. Negli ultimi anni, la Russia ha strutturato il suo bilancio federale in un modo che le ha permesso di mantenere 630 miliardi di dollari in riserve di valuta estera – denaro detenuto dalla banca centrale in altre valute per usarlo come meglio crede. Questi fondi possono essere utilizzati per sopravvivere a qualsiasi nuova sanzione o a cambiamenti inaspettati dei prezzi del petrolio.

L’anno scorso, per esempio, il Cremlino ha basato la sua spesa su una stima abbastanza bassa del prezzo di pareggio del petrolio di 45 dollari al barile, dandosi un certo margine di manovra. Alla fine, i prezzi del petrolio hanno finito per raggiungere una media di 71 dollari al barile nel 2021, fornendo un significativo guadagno di bilancio. Grazie a questa strategia fiscale, è stata costruita una riserva sostanziale per resistere a qualsiasi nuova tornata di sanzioni o anche a una perdita totale di entrate dalle esportazioni di gas naturale europeo per un certo periodo di tempo.

Anche se fermare del tutto le esportazioni di gas verso l’Europa potrebbe avere conseguenze a lungo termine. La Russia ha una scorta centenaria di gas naturale, quindi non sarebbe saggio rinunciare a un cliente importante in Europa. Di conseguenza, la limitazione dell’offerta come pressione politica è improbabile. E un meccanismo di passaggio ai rubli è la soluzione più sensata. Anche se, come ultima risorsa, un’interruzione temporanea della fornitura è ancora possibile.

Di Redazione Katehon, ideeazione.com

link fonte: https://www.ideeazione.com/leuropa-e-condannata-a-dipendere-dalle-forniture-di-gas-russo/

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

29.03.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix