Home / Europa

Europa

Dalla parte dei Giubbotti Gialli: quello che i media occidentali non dicono

  OLLIE RICHARDSON stalkerzone.org Disclaimer: se pensate che Soros/la Russia /l’America /gli Illuminati sia dietro ai Giubbotti Gialli o qualche altra sciocchezza del genere, allora fermatevi qui. Questo articolo non fa per voi. I video dei gatti su YouTube sono forse più appropriati. Mentre le proteste dei Giubbotti Gialli (Gilets Jaunes) erano iniziate, in realtà, il 17.11.18, penso che la maggior parte della gente sappia che la frustrazione nei confronti del governo era andata accumulandosi già da molti, molti anni. …

Leggi tutto »

Le proteste algerine sono una Rivoluzione Colorata?

JEAN PERIER journal-neo.org Le proteste in corso contro il presidente in carica Abdelaziz Bouteflika, che è rimasto al timone della politica algerina per due decenni e che stava per candidarsi per la quinta volta, hanno portato ad un brusco deterioramento della situazione politica in questo paese. In effetti, il governo di Bouteflika aveva cercato, fin dalla fine di febbraio, di affrontare i dilaganti disordini pubblici, ma senza risultato. Gli analisti ritengono che il movimento di protesta guidato dalla gioventù algerina …

Leggi tutto »

L’Italia, la Via della Seta, la Cina, la UE e gli USA

DI TYLER DURDEN Zerohedge.com Il Consiglio di Sicurezza Nazionale USA, lo scorso fine settimana, ha lanciato un monito diretto all’Italia per la sua troppa vicinanza con la Cina. Il paese ha preso in considerazione la possibilità di partecipare all’iniziativa cinese  del Belt and Road Initiative (BRI), che mira, con un grosso sforzo economico,  a unire l’Europa con la Cina. “L’Italia è una grande economia mondiale e una grande destinazione per gli investimenti: il fatto di appoggiare la politica del BRI legittima …

Leggi tutto »

Algeria: l’iceberg che potrebbe affondare Emmanuel Macron

  SCOTT MCCONNELL theamericanconservative.com Dopo essere sopravvissuto a diversi tentativi di assassinio da parte dei partigiani francesi di Algérie Française, Charles de Gaulle, nel marzo 1962, aveva firmato un accordo di pace che metteva fine alla sovranità francese sull’Algeria. La guerra per l’indipendenza algerina era stata lunga e cruenta, segnata dal terrorismo e dalla tortura. Tutti i personaggi di spicco della politica francese credevano, nel 1954, che l’Algeria fosse una parte integrante della Francia, da difendere a tutti i costi. …

Leggi tutto »

L’unità nazionale è in pericolo? E se sì, perché?

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org L’Italia vive uno dei momenti più difficili dal secondo dopoguerra: una nuova recessione trova il Paese ancora sotto i livelli di produzione del 2009, appesantito da un debito pubblico in costante crescita e isolato sul piano internazionale. Parallelamente, continua l’iter per l’autonomia delle regioni del Nord, avviato con i referendum dell’autunno 2017: sebbene nessun governatore parli esplicitamente di secessione, non c’è alcun dubbio che l’iniziativa indebolisca ulteriormente un sistema-nazione già molto fragile. La secessione mascherata delle …

Leggi tutto »

Pesci predatori e pesci preda

  PATRICK ARMSTRONG strategic-culture.org Ho trovato utile questa analogia: grosso modo, nel corso dell’ultimo millennio, alcuni paesi si sono comportati come pesci predatori ed altri come pesci preda. Predatori e prede hanno sensi di autostima, comportamenti e visioni completamente diversi su come va il mondo e sulle relazioni internazionali. Come tutte le analogie, è una guida approssimativa: poche nazioni sono state interamente o l’una o l’altra cosa e, per un certo periodo, la superiorità militare aveva permesso a tutti i …

Leggi tutto »

Macedonia del Nord – un’inutile opposizione

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr In questa serie di articoli, pubblicati dal 20 gennaio in poi e riassunti nel seguito, Panagiotis Grigoriou racconta il succedersi degli avvenimenti riguardo alla questione Slavomacedone (riassunta nel trattato che rinomina in Macedonia del Nord l’attuale FYROM e sblocca il veto Greco sulla sua adesione alla NATO ed alla UE), a partire dall’annunciata manifestazione popolare di protesta di domenica 20 gennaio, fino alle pressioni successive ed alla votazione finale del parlamento di Atene, che – grazie …

Leggi tutto »

Migranti attraverso il Mediterraneo

  ISRAEL SHAMIR unz.com Fachiri che suonano il flauto davanti a temibili cobra, un dentista indigeno con le sue orribili tenaglie e un barattolo di denti appena estratti, suonatori di tamburo nei loro sgargianti costumi nazionali, bancarelle che servono cibo piccante in luccicanti tajine: la piazza principale di Marrakech, la vecchia capitale del Maghreb (una regione del Nord Africa ad ovest dell’Egitto e a nord del Sahara, attualmente e principalmente costituita da Marocco, Algeria e Tunisia), è esotica, vibrante e …

Leggi tutto »

“Non è una crisi economica, è una guerra”: Moneta Positiva porta la sua battaglia al Senato

Di Alessandro Cipolla Money.it Moneta Positiva al Senato con il convegno “Spread, banche e sicurezza nazionale nel contesto europeo”. Presenti i senatori 5 Stelle Ricciardi e Turco: “Ci impegneremo in Parlamento”. Può l’Italia uscire dal giogo dei mercati finanziari e dello spread? Mentre sono ancora forti gli echi del braccio di ferro tra il governo gialloverde e la Commissione Europea in merito alla legge di Bilancio, Moneta Positiva torna a ribadire come il nostro paese abbia tutti i mezzi per …

Leggi tutto »

Prostituzione politica

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Domenica 20 è annunciata una manifestazione di protesta ad Atene contro l’improvvisa accelerazione del processo di approvazione dell’accordo per denominare Macedonia del Nord la regione slava di Skopje. Il governo ha perso alcuni deputati per l’uscita – causata dal dissenso dell’accordo – ma ne ha “comprati” altri, il che potrebbe dargli una risicata maggioranza. Molti collegano tutto ciò alla visita di Angela Merkel, avvenuta pochi giorni fa. La rabbia, però, è ormai palese e stanno cominciando …

Leggi tutto »

Lettera aperta a chi applaude Salvini: col decreto sicurezza la pacchia è finita per voi

DI FRANCESCO CANCELLATO linkiesta.it Paradossi italiani: gli abitanti delle periferie dovrebbero scendere in piazza a fianco dei Sindaci ribelli, per protestare contro un decreto che scarica tutte le tensioni sociali nei quartieri popolari e alimenta la guerra tra poveri, anziché mitigarla. Svegliamoci, prima che sia troppo tardi Possiamo entrare nel merito delle questioni, per qualche minuto? Perché la verità è che dovremmo svegliarci tutti, non solo in sindaci ribelli, soprattutto chi ancora oggi pensa che il pugno di ferro di …

Leggi tutto »

Un’omelia di stagione: gratitudine e gioia!

DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com Buon Natale! Ma, se non gradite l’idea di celebrare il 2019° compleanno di un bambino nato da una casta unione fra una vergine e lo Spirito Santo, e che poi era morto per i vostri peccati e per salvarvi da un’eternità agli inferi, allora buon Anno Nuovo! Siate grati che la Terra, il nostro esclusivo ed unico pianeta, sia riuscita, ancora una volta, a fare un giro intorno al sole senza essere stata colpita da un meteorite …

Leggi tutto »

La Brexit e lo Spirito del Natale passato

FINIAN CUNNINGHAM strategic-culture.org Dato il periodo, sembra appropriato presentare la saga della Brexit in una luce dickensiana. ‘Il canto di Natale’ (pubblicato nel 1843) è forse il più celebre racconto di Charles Dickens, dove compare, come personaggio principale, l’avaro Ebenezer Scrooge, perseguitato dai fantasmi del passato. Il processo della Brexit comporta di certo molte recriminazioni e spilorcerie, e anche alcuni episodi del passato sono collegati all’attuale pasticcio. La premier britannica Theresa May, con i suoi lineamenti angolari, la severa personalità …

Leggi tutto »

Brexit: prima fase del collasso energetico a lenta combustione in Europa

DI NAFEEZ AHMED medium.com Il fiasco della Brexit e le rivolte francesi stanno accelerando i sintomi della crisi del sistema Terra in Europa Pubblicato da INSURGE INTELLIGENCE, un progetto di giornalismo investigativo finanziato dal crowdfunding per le persone e il pianeta. Per favore sosteneteci per continuare a indagare dove gli altri temono di mettere piede. Tutti parlano della Brexit. Alcuni dei disordini francesi. Ma nessuno sta parlando del perché stanno accadendo e quale sia il loro vero significato. Si potrebbe pensare …

Leggi tutto »

Gilets Jaunes – La fine della distopia

  ISRAEL SHAMIR unz.com I Francesi sono i migliori.  Gli uomini non ingrassano. Le donne non dormono da sole. I bambini sono educati. Hanno la migliore architettura, il miglior stile di vita, il miglior pane, il miglior vino, il miglior olio d’oliva, la migliore cucina, alcuni dei migliori romanzi, film, pittura, poesia, profumo e donne. Inoltre eccellono nelle rivoluzioni. Ogni loro rivoluzione è come una pesca, perfetta, rotonda e succosa. Aprono una nuova epoca per l’umanità. Il solo pensiero di …

Leggi tutto »

La rivincita del Romanticismo: dal vegetarianismo ai diritti degli animali secondo i Nazisti

DI ALEXANDER COCKBURN counterpunch.org Se da un lato durante il capitalismo industriale vi fu un forte incremento del consumo di carne, dall’altro, soprattutto nelle grandi città, si diffuse la causa vegetariana, che fino a quel momento era circoscritta ad un gruppo relativamente ristretto di Pitagorici, radicali ed eccentrici. Un forte sentimento di compassione per gli animali si diffuse in modo particolare in Inghilterra, dove la regina Vittoria prestò il proprio nome per tale causa e dove i movimenti antivivisezione attirarono sempre …

Leggi tutto »

L’Ucraina vuole l’atomica – L’Occidente si inchinerà al regime di Kiev?

  FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org Gli sforzi volti a prevenire la proliferazione nucleare sono uno dei pochi temi su cui le grandi potenze concordano, l’intenzione è quella di continuare a limitare la diffusione delle armi atomiche ed impedire l’ingresso di nuovi membri nell’esclusivo club nucleare. L’ex inviato ucraino presso la NATO, il Maggiore-Generale Petro Garashchuk, ha dichiarato di recente in un’intervista a Obozrevatel TV: “Lo dirò ancora una volta. Abbiamo la capacità di sviluppare e produrre le nostre armi atomiche, [come …

Leggi tutto »

Un “Maidan francese” o una rivolta nazionale?

OLLIE RICHARDSON thesaker.is Prima di affrontare l’argomento di questo articolo vorrei rendere un omaggio speciale a William Blum. Per coloro che non lo sapessero, è morto per malattia il 9 dicembre, all’età di 85 anni. A chi non lo conosce, consiglierei di leggere in particolare “Killing Hope” [Uccidere la speranza]. È un’enciclopedia delle aggressioni della CIA contro l’umanità. L’importanza del lavoro di Blum è infinita ed è un esempio che tutti noi dovremmo seguire. Ora andiamo al nocciolo della questione: …

Leggi tutto »

I pro e i contro del gasdotto israeliano verso l’Europa

TOM LUONGO tomluongo.me Israele ha reso pubblico un importante progetto per la realizzazione di un gasdotto che, partendo dalle sue coste, interesserà quattro paesi e terminerà nell’Italia del Nord. La EastMed Pipeline potrebbe essere uno dei più lunghi gasdotti della storia, ma anche il più tecnicamente difficile da realizzare. Il progetto era stato annunciato alcuni giorni fa da World Israel News, dopo essere stato oggetto di negoziati per almeno due anni. E’ stato definito come una contromossa al predominio energetico …

Leggi tutto »

Un esercito europeo agli ordini degli Stati Uniti incentiverebbe solo l’imperialismo e la corruzione militare

  FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org L’idea di creare un esercito comunitario per le nazioni dell’UE è stata riproposta numerose volte, negli ultimi dieci anni, da molti sostenitori dell’elite globalista. L’ultimo esempio ci arriva dal Presidente francese Macron che, durante le commemorazioni per la fine della Prima Guerra Mondiale, ha sfruttato l’occasione per rivitalizzare un’idea che rappresenta più una fantasia che una possibilità reale. Prima le buone notizie. Richard Shirreff, un ufficiale di carriera in pensione dell’esercito inglese aveva dichiarato che: “Penso …

Leggi tutto »

Stai attenta Italia, a Brussels non importa nulla di te

  TOM LUONGO strategic-culture.org Assistere al completo tradimento della Brexit da parte del Primo Ministro Britannico “Signora di Gesso” Teresa May, ha dato la sveglia agli Italiani. I risultati degli ultimi sondaggi fatti in Italia mostrano che, anche se la coalizione populista italiana è impopolare a Brussels, essa è tuttavia molto popolare fra gli Italiani. E questa è una buona cosa, perché, quando si dà uno sguardo un po’ più da vicino ai negoziati sulla Brexit, è chiaro che la …

Leggi tutto »

Verdi come i dollari di Soros ?

DI NANDO ROSSI nandorossi.wordpress.com Opinionisti e politici italiani fanno il giro dei talk show e, un po’ per mascherare la sconfitta dei loro CDU, CSU e SPD, un po’ per farsi coraggio, teorizzano la comparsa di una nuova ‘sinistra verde’, che fermerà la deriva sovranista e populista in Europa Perché i media e i partiti italiani hanno finto stupore verso il successo elettorale dei Verdi in Baviera, quando era evidente (tanto da essere da mesi nei loro pronostici) che i …

Leggi tutto »

Grecia oggi: segui il denaro (di Soros)

DI GRIGORIOU PANAGIOTIS greekcrisis.fr Di seguito alcuni estratti dai tre articoli pubblicati nel mese di ottobre sul blog www.greekcrisis.fr. In Grecia, ormai, si assiste ad una emigrazione che ribalta i canoni seguiti fino a pochi anni fa. Dopo anni in cui erano i bulgari ad entrare nella UE, cioè in Grecia, in cerca di miglior fortuna, ora sono i bulgari – tornati a casa loro dopo la crisi – ad ospitare i greci in cerca di minori costi della vita. …

Leggi tutto »

Soros collabora con Mastercard per finanziare i migranti

  TYLER DURDEN zerohedge.com L’affarista miliardario George Soros ha ripetutamente smentito le voci secondo cui starebbe collaborando al finanziamento della carovana dei migranti che, partendo dall’Honduras e dal Guatemala, sta attraversando il Messico e che ha, come meta finale, gli Stati Uniti. Ma tutto questo è destinato a cambiare, dal momento che il fondatore della “Open Society,” noto per aver finanziato una buona parte dell’opposizione a Brett Kavanaugh, il candidato alla Corte Suprema degli Stati Uniti scelto da Trump, si …

Leggi tutto »

La mossa del cavallo con la UE

comedonchisciotte controinformazione alternativa mossa del cavallo

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Nel gioco degli scacchi, il cavallo è l’unico pezzo della scacchiera che può scavalcare gli altri pezzi, ma con un movimento ad “elle” che permette mosse imprevedibili, da cui deriva la consuetudine di chiamare “mossa del cavallo”, in senso figurato, una iniziativa abile e inattesa, che permette di liberarsi da un impedimento o di uscire da una situazione critica. L’Italia è sicuramente oggi in una situazione critica, perché certamente gli italiani hanno scelto un Governo sovranista …

Leggi tutto »

Zorba il greco

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Negli ultimi due post del blog www.greekcrisis.fr Panagiotis Grigoriou affronta due temi decisivi nella lotta per la sopravvivenza dei greci: la conservazione della cultura nazionale e dei suoi prodotti (in particolare i caicchi, barche tradizionali che vengono distrutte dai pescatori dietro pagamento di lauti incentivi da parte della UE) e la gestione dei beni culturali che, pur restando formalmente in possesso dello Stato, è in realtà trasferita in godimento alla Treuhand greca, agenzia di gestione (in …

Leggi tutto »

Come si ferma lo Spread ?

comedonchisciotte controinformazione alternativa spread sale

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Come si ferma lo Spread ? È bastato un “provocatorio” 2,4% di deficit, che lo Spread ha ricominciato a crescere. Prevedibile come il sole che sorge all’alba. A conferma che l’art.1 della Costituzione andrebbe cambiato, come abbiamo scritto durante la crisi istituzionale su Paolo Savona >>>QUI: “L’Italia è una Repubblica non democratica, fondata sulla schiavitù. La sovranità appartiene alla Finanza, che la esercita nelle forme e nei limiti dei mercati finanziari”. I mercati finanziari hanno i …

Leggi tutto »

Dobbiamo linciare il nostro passato

  CHRIS HEDGES truthdig.com JONESBORO, Georgia. Ero salito a bordo dell’autobus del “Via col vento Tour” subito fuori il deposito locomotive, costruito nel 1867 per sostituire quello bruciato durante la Guerra Civile. Gli edifici ospitano attualmente il museo “La strada per Tara.” All’interno si trova una collezione di cimeli del film “Via col vento,” comprese bambole raffiguranti Mammy, impersonata nel film da Hattie McDaniel e i mutandoni e il cappellino verde indossato da Vivien Leigh, che faceva la parte di …

Leggi tutto »

La Borsa al minimo da più in 2 anni, rendimenti obbligazionari salgono per il panico per il deficit

DI TYLER DURDEN zerohedge.com Dopo la  decisione italiana dell’ultim’ora , presentata ieri dalla coalizione di governo, di spingere il deficit del paese al 2.4% del PIL -2019 –  percentuale che sfida Bruxelles e le sue richieste di un prevedere deficit non superiore al 2.0% – dopo aver visto superate le resistenze del Ministro delle Finanze che proponeva un buco di deficit non superiore all’1,6% del PIL, avevamo detto che sarebbe stato solo questione di tempo vedere impazzire i mercati, perché l’Italia ora si …

Leggi tutto »