DDL Concorrenza: Rinvio sui balneari e trasporto pubblico

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Il 30 maggio il Senato ha approvato DDL Concorrenza, ora però manca il consenso della Camera, che si esprimerà lunedì 25 luglio.

L’articolo 10 però è stato rinviato al 2024, ciò è stato deciso dopo lo sciopero dei tassisti sotto Palazzo Chigi, su proposta della deputata PD Debora Serracchiani, che ha suggerito di non presentare emendamenti sul provvedimento.

Anche la questione delle concessioni balneari sono slitatte, ma la legge dovrà entrare in vigore dal 1° gennaio 2024.
Le concessioni devono assegnate in base a gare pubbliche che assicurino imparzialità e trasparenza; non potranno essere fatte ulteriori proroghe perchè altrimenti, secondo il Consiglio di Stato, andremo contro il diritto europeo.

I punti principali affrontati nel decreto sono:

  • Balneare: la discussione è stata prorogata al 31 dicembre 2023, e sono previsti indennizzi per i concessionari uscenti. (Articolo 3)
  • Porti: anche qui si parla di concessioni, stabilendo che i concessionari avranno a disposizione un porto. Tale regola non vale per gli hub di rilevanza internazionale e nazionale. (Articolo 5)
  • Gas: si parla di distribuzione della materia, di proprietà degli enti locali, che dovrà essere accelerata attraverso l’effetuazione di gare. (Articolo 6)
  • Concessioni idroelettriche: anche qui è previsto l’effettuazione di gare, i criteri però sono fissati dalle Regioni. (Articolo 7)
  • Servizi pubblici locali: i servizi pubblici locali sono delegati al Governo ed è previsto un taglio del Fondo nazionale trasporti per gli enti locali che abbiano affidato i servizi senza procedure di evidenza pubblica o tramite gare non conformi. (Articolo 8-9)
  • Colonnine di ricarica: i concessionari autostradali avranno l’assegnazione a rotazione delle colonnine di ricarica e inoltre si parla di criteri che propongono l’utilizzo di tecnologie altamente innovative. (Articolo 13)
  • Rifiuti: Arera avrà il compito di definire gli standard tecnici e qualitativi adeguati per lo svolgimento dell’attività di smaltimento e recupero dei rifiuti, verificando il rispetto dei livelli minimi di qualità e la copertura dei costi efficienti. (Articolo 15)
  • Salute: sono affrontati in diversi articoli il servizio farmaceutico, le licenze dei medicinali, l’accesso al servizio sanitario, l’accreditamento delle strutture, le procedure di selezione per la dirigenza sanitaria. (Articoli dal 16 al 22)
  • Big Tech e piattaforme digitali: si investe sul rafforzamento del contrasto all’abuso di dipendenza economica che si verifica tra le imprese. (Articolo 33)

E’ importante che tale decreto legge sia in regola con le indicazioni del PNRR e soprattutto che i provvedimenti discussi abbiano come scadenza per la loro approvazione la fine dell’anno.

Attendiamo lunedì per maggiori approfondimenti.

 

FONTI:

Link DDL Concorrenza: http://documenti.camera.it/leg18/pdl/pdf/leg.18.pdl.camera.3634.18PDL0187580.pdf

Sara Iannaccone, 23.07.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix