Tassisti: grande sciopero sotto Palazzo Chigi

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

E’ il terzo giorno di fila che migliaia di tassisti protestano, difendendosi da elicotteri e da forze dell’ordine in tenuta antisommossa.

Il motivo di questi scontri è l’opposizone all’articolo 10 del ddl Concorrenza, che attribuisce al governo il potere di riformare il settore del trasporto pubblico non di linea, vale a dire taxi e i servizi di noleggio con conducente, ricorrendo a “forme di mobilità che si svolgono mediante l’uso di applicazioni web“, ovvero Uber e Lyft.

Così facendo i tassisti dovranno competere con servizi di noleggio con conducente e app senza alcun tipo di tutela, in quanto è addirittura prevista una «promozione della concorrenza, anche in sede di conferimento delle licenze».

Dopo un tale tradimento da parte del Governo, si è aggiunta la reazione da parte di quest’ultimo attraverso la difesa militare. Come accade spesso quando il popolo scende e manifesta per diritti volti alla tutela della propria condizione sociale, i manifestanti vengono trattati come dei facinorosi, e in questo caso a intervenire sono stati gli idranti.

A quanto pare il tema della liberalizzazione del mercato è questione che non deve interessare i cittadini, quello che viene deciso va applicato, senza bisogno di consenso.

Il tutto, proprio nelle ore della “probabile” crisi di Governo. Forse per i nostri politici questi “incidenti di percorso” vanno risolti al più presto poichè, come sappiamo, ci sono affari più urgenti da risolvere.

 

FONTI:

 

Sara Iannaccone, 14.07.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix