Ultimi articoli

I NUOVI PINOCHET E GLI AEREI FANTASMA

“Estradizioni speciali” organizzate dal governo Usa e dalla Cia per far scomparire prigionieri accusati di legami con Al Qa’ida. Il ruolo dell’Italia DI SERGIO FINARDI L’8 Ottobre del 2002 un jet privato proveniente da Washington fa scalo a Roma, nella sua rotta verso Amman, Giordania. All’interno, vi sono un prigioniero, Maher Arar, cittadino canadese di origine siriana, e una squadra “speciale” statunitense addetta al “prelievo” e deportazione di presunti terroristi in Paesi ove – lontano da occhi indiscreti – i …

Leggi tutto »

LA TV AL SERVIZIO DEL VUOTO

DI MASSIMO FINI Sono stato un paio di sere fa a un cocktail alla Terrazza Martini di Milano dove si celebravano i cinquant’anni della Televisione Italiana, con la partecipazione di Aldo Grasso, Enrico Mentana, Claudio G. Fava e quelli della Gialappa’s. A parte Fava, straordinario critico di cinema, oggi settantacinquenne, in possesso di un bagaglio culturale che non è più di questo mondo, dal dibattito non è uscito granché, anche perché i discorsi di Grasso e Mentana venivano continuamente interrotti …

Leggi tutto »

LA TV AL SERVIZIO DEL VUOTO

DI MASSIMO FINI Sono stato un paio di sere fa a un cocktail alla Terrazza Martini di Milano dove si celebravano i cinquant’anni della Televisione Italiana, con la partecipazione di Aldo Grasso, Enrico Mentana, Claudio G. Fava e quelli della Gialappa’s. A parte Fava, straordinario critico di cinema, oggi settantacinquenne, in possesso di un bagaglio culturale che non è più di questo mondo, dal dibattito non è uscito granché, anche perché i discorsi di Grasso e Mentana venivano continuamente interrotti …

Leggi tutto »

QUANTO SONO SILENZIOSI GLI INVASORI ''UMANITARI'' DEL KOSOVO ?

DI JOHN PILGER Zittito dalla dimostrazione della catastrofe anglo-americana in Iraq, il partito della guerra “umanitaria” dovrebbe essere chiamato a render conto della sua, in gran parte dimenticata, crociata nel Kosovo, il modello del “progresso della liberazione”, secondo Tony Blair. Proprio come l’Iraq vien fatto a pezzi dalle forze dell’impero, così è stato per la Jugoslavia, lo stato multietnico che, nel corso della guerra Fredda, rifiutò entrambi gli schieramenti.   Per preparare l’opinione pubblica ad una attacco illegale, non provocato, …

Leggi tutto »

QUANTO SONO SILENZIOSI GLI INVASORI ''UMANITARI'' DEL KOSOVO ?

DI JOHN PILGER Zittito dalla dimostrazione della catastrofe anglo-americana in Iraq, il partito della guerra “umanitaria” dovrebbe essere chiamato a render conto della sua, in gran parte dimenticata, crociata nel Kosovo, il modello del “progresso della liberazione”, secondo Tony Blair. Proprio come l’Iraq vien fatto a pezzi dalle forze dell’impero, così è stato per la Jugoslavia, lo stato multietnico che, nel corso della guerra Fredda, rifiutò entrambi gli schieramenti.   Per preparare l’opinione pubblica ad una attacco illegale, non provocato, …

Leggi tutto »

LA GUERRA DI ISRAELE CONTRO I BAMBINI

Nel corso dell’attuale intifada  323 bambini palestinesi di età inferiore ai 14 anni sono stati uccisi dal fuoco delle forze di difesa israeliane (IDF). Ecco tre recenti episodi verificatisi a Nablus… DI GIDEON LEVY   Perchè sprecare munizioni? Qualche giorno fa un soldato appartenente alle Forze di Difesa Israeliane ha aperto il fuoco su due ragazzi nella casbah di Nablus. Un unico proiettile che ha trapassato il corpo prima di uno e poi dell’altro figliolo, uccidendoli entrambi. Due quindicenni trovati …

Leggi tutto »

LA GUERRA DI ISRAELE CONTRO I BAMBINI

Nel corso dell’attuale intifada  323 bambini palestinesi di età inferiore ai 14 anni sono stati uccisi dal fuoco delle forze di difesa israeliane (IDF). Ecco tre recenti episodi verificatisi a Nablus… DI GIDEON LEVY   Perchè sprecare munizioni? Qualche giorno fa un soldato appartenente alle Forze di Difesa Israeliane ha aperto il fuoco su due ragazzi nella casbah di Nablus. Un unico proiettile che ha trapassato il corpo prima di uno e poi dell’altro figliolo, uccidendoli entrambi. Due quindicenni trovati …

Leggi tutto »

IRAQ: TATTICA VIETCONG SORPRENDE (DI NUOVO) GLI USA

DI MAURIZIO BLONDET Fino all’autunno scorso, gli americani potevano additare Mossul come un modello. Due milioni di abitanti, in buona parte curdi (dunque non ostili agli Usa), collaboravano speranzosi. Iracheni partecipavano a centinaia di progetti di ricostruzione in corso pagati dagli Stati Uniti; una tv di successo che diffondeva programmi congiunti. I giovani s’erano arruolati nella nuova Guardia Nazionale, creata dagli americani, in numero di 8 mila. Oggi tutto è finito. Delle reclute della Guardia Nazionale ne restano un migliaio, …

Leggi tutto »

DOPO LA CONDANNA DI DELL'UTRI – COSCA ITALIA

DI SIMONE FALANCA Agli inizi di giugno il pubblico ministero di Palermo Antonio Ingroia (coadiuvato dal pm Domenico Gozzo), al termine della sua requisitoria, aveva chiesto ai giudici del tribunale di condannare Marcello Dell’Utri a dieci anni di carcere. Oggi che il processo si conclude con un accoglimento quasi integrale (nove anni e mezzo) di quella pesante richiesta, cerchiamo in esclusiva le vicende meno note legate a quel processo per concorso esterno in associazione mafiosa, partito nel lontano 1997. Anche …

Leggi tutto »

IRAQ: TATTICA VIETCONG SORPRENDE (DI NUOVO) GLI USA

DI MAURIZIO BLONDET Fino all’autunno scorso, gli americani potevano additare Mossul come un modello. Due milioni di abitanti, in buona parte curdi (dunque non ostili agli Usa), collaboravano speranzosi. Iracheni partecipavano a centinaia di progetti di ricostruzione in corso pagati dagli Stati Uniti; una tv di successo che diffondeva programmi congiunti. I giovani s’erano arruolati nella nuova Guardia Nazionale, creata dagli americani, in numero di 8 mila. Oggi tutto è finito. Delle reclute della Guardia Nazionale ne restano un migliaio, …

Leggi tutto »

DOPO LA CONDANNA DI DELL'UTRI – COSCA ITALIA

DI SIMONE FALANCA Agli inizi di giugno il pubblico ministero di Palermo Antonio Ingroia (coadiuvato dal pm Domenico Gozzo), al termine della sua requisitoria, aveva chiesto ai giudici del tribunale di condannare Marcello Dell’Utri a dieci anni di carcere. Oggi che il processo si conclude con un accoglimento quasi integrale (nove anni e mezzo) di quella pesante richiesta, cerchiamo in esclusiva le vicende meno note legate a quel processo per concorso esterno in associazione mafiosa, partito nel lontano 1997. Anche …

Leggi tutto »

L’ EREDITA’ DI PINOCHET- KISSINGER E LA TIRANNIA DI TEFLON

DI ROGER BURBACH E PAUL CANTOR Teflon® Teflon(R) – marchio registrato di DuPont per le sue resine fluorurate e i suoi rivestimenti tra cui i fluoropolimeri i prodotti chimici fluorurati i film i prodotti per la protezione di superfici e tessuti Il governo cileno ha arrestato Augusto Pinochet che guido’ il colpo di stato nel 1973 ed instauro’ un regime dittatoriale fino al 1990. Adesso gli Stati Uniti dovrebbero seguire tale esempio e perseguire Henry Kissinger, colui che fu consigliere …

Leggi tutto »

L’ EREDITA’ DI PINOCHET- KISSINGER E LA TIRANNIA DI TEFLON

DI ROGER BURBACH E PAUL CANTOR Teflon® Teflon(R) – marchio registrato di DuPont per le sue resine fluorurate e i suoi rivestimenti tra cui i fluoropolimeri i prodotti chimici fluorurati i film i prodotti per la protezione di superfici e tessuti Il governo cileno ha arrestato Augusto Pinochet che guido’ il colpo di stato nel 1973 ed instauro’ un regime dittatoriale fino al 1990. Adesso gli Stati Uniti dovrebbero seguire tale esempio e perseguire Henry Kissinger, colui che fu consigliere …

Leggi tutto »

IL PROCESSO PER LA DIAZ E LA DEMOCRAZIA ''NORMALE''

DI LORENZO GUADAGNUCCI Il processo per i fatti della Diaz sarà un concentrato di paradossi. Le premesse ci sono tutte. Basta guardare la giornata di ieri, lunedì 13 dicembre. Il giudice per le udienze preliminari, Daniela Faraggi, decide il rinvio a giudizio di 28 funzionari e alti dirigenti di polizia, accusati di concorso in lesioni, falso, calunnia per i fatti della scuola Diaz. E’ “solo” un rinvio a giudizio, la sentenza è ancora lontanissima, eppure c’è chi parla di “risultato …

Leggi tutto »

IL PROCESSO PER LA DIAZ E LA DEMOCRAZIA ''NORMALE''

DI LORENZO GUADAGNUCCI Il processo per i fatti della Diaz sarà un concentrato di paradossi. Le premesse ci sono tutte. Basta guardare la giornata di ieri, lunedì 13 dicembre. Il giudice per le udienze preliminari, Daniela Faraggi, decide il rinvio a giudizio di 28 funzionari e alti dirigenti di polizia, accusati di concorso in lesioni, falso, calunnia per i fatti della scuola Diaz. E’ “solo” un rinvio a giudizio, la sentenza è ancora lontanissima, eppure c’è chi parla di “risultato …

Leggi tutto »

STATI UNITI: L'APOCALISSE DIETRO L'ANGOLO

Un allarme economico DI GIULIETTO CHIESA Quali sono le prospettive del «sogno americano»? Jeremy Rifkin ci ha spiegato perché quello europeo ha maggiori chances di vita. Ma Stephen Roach, economista capo della Morgan Stanley, sorprendentemente, va molto oltre: gli Stati Uniti (ha detto in una riunione riservata di cui il Boston Herald ha avuto conto) hanno non più del 10% di probabilità di evitare una «Armageddon economica». Il restante 90% – ha precisato Roach di fronte a un gruppo di …

Leggi tutto »

STATI UNITI: L'APOCALISSE DIETRO L'ANGOLO

Un allarme economico DI GIULIETTO CHIESA Quali sono le prospettive del «sogno americano»? Jeremy Rifkin ci ha spiegato perché quello europeo ha maggiori chances di vita. Ma Stephen Roach, economista capo della Morgan Stanley, sorprendentemente, va molto oltre: gli Stati Uniti (ha detto in una riunione riservata di cui il Boston Herald ha avuto conto) hanno non più del 10% di probabilità di evitare una «Armageddon economica». Il restante 90% – ha precisato Roach di fronte a un gruppo di …

Leggi tutto »

LA NEVROSI DEL PENTAGONO

Il gulag di Fallujah DI DOUGLAS LUMMIS L’esercito americano, ci dicono i giornali, ha conquistato Fallujah. Tuttavia noi dobbiamo leggere tali notizie con attenzione. Sembra che l’esercito Usa abbia il controllo della zona di Fallujah (o di gran parte) e dei suoi edifici (o di quello che rimane), ma non dei suoi abitanti. Circa 300 mila di loro, sono infatti fuori dalla città aspettando di tornare a casa. Così l’esercito statunitense sta affrontando un dilemma. Lo scopo dell’operazione a Fallujah …

Leggi tutto »

LA NEVROSI DEL PENTAGONO

Il gulag di Fallujah DI DOUGLAS LUMMIS L’esercito americano, ci dicono i giornali, ha conquistato Fallujah. Tuttavia noi dobbiamo leggere tali notizie con attenzione. Sembra che l’esercito Usa abbia il controllo della zona di Fallujah (o di gran parte) e dei suoi edifici (o di quello che rimane), ma non dei suoi abitanti. Circa 300 mila di loro, sono infatti fuori dalla città aspettando di tornare a casa. Così l’esercito statunitense sta affrontando un dilemma. Lo scopo dell’operazione a Fallujah …

Leggi tutto »

LECCO, LA GENERAZIONE VIDEOELETTRONICA

DI FRANCO BERARDI BIFO Qualche anno fa mi trovavo a Vancouver per visitare il mio amico Andrew che lavorava alla Electronic Arts, un’azienda di produzione di videogames. Andai a trovarlo in azienda, e mi portò a fare un giro per i reparti. Al collaudo c’erano alcune decine di ragazzi che otto ore al giorno collaudavano le nuove produzioni, giocando ininterrottamente davanti allo schermo. Il mio amico mi disse: «Sai, l’altro giorno ho dato un passaggio a uno di loro, e …

Leggi tutto »

LECCO, LA GENERAZIONE VIDEOELETTRONICA

DI FRANCO BERARDI BIFO Qualche anno fa mi trovavo a Vancouver per visitare il mio amico Andrew che lavorava alla Electronic Arts, un’azienda di produzione di videogames. Andai a trovarlo in azienda, e mi portò a fare un giro per i reparti. Al collaudo c’erano alcune decine di ragazzi che otto ore al giorno collaudavano le nuove produzioni, giocando ininterrottamente davanti allo schermo. Il mio amico mi disse: «Sai, l’altro giorno ho dato un passaggio a uno di loro, e …

Leggi tutto »

LA SCONFITTA DI PUTIN

DI GIULIETTO CHIESA Da qui al 26 dicembre, giorno in cui la Corte Suprema dell’Ucraina ha fissato la ripetizione dell’elezione presidenziale molta acqua, come si usa dire, deve ancora scorrere sotto i ponti dello Dnepr e dello Dnestr. Cioè molte manovre si faranno per scongiurare quello che oggi appare come un’esito scontato: la vittoria più o meno schiacciante di Viktor Jushenko, colui che il “mondo libero” ha battezzato come l’eroe della democrazia e della libertà. Naturalmente le cose sono parecchio …

Leggi tutto »

LA SCONFITTA DI PUTIN

DI GIULIETTO CHIESA Da qui al 26 dicembre, giorno in cui la Corte Suprema dell’Ucraina ha fissato la ripetizione dell’elezione presidenziale molta acqua, come si usa dire, deve ancora scorrere sotto i ponti dello Dnepr e dello Dnestr. Cioè molte manovre si faranno per scongiurare quello che oggi appare come un’esito scontato: la vittoria più o meno schiacciante di Viktor Jushenko, colui che il “mondo libero” ha battezzato come l’eroe della democrazia e della libertà. Naturalmente le cose sono parecchio …

Leggi tutto »

LA SOCIETA' DEPRIMENTE

DI ROBERT DE HERTE La  depressione, che nel XIX secolo veniva considerata ancora come un semplice sintomo, oggi è diventata sia un’entità clinica riconosciuta e sia, rimpiazzando la nevrosi, il disturbo mentale più diffuso nel mondo occidentale. Si tratta quindi della nuova malattia della civilizzazione. Essa si alimenta tanto di tutti i malesseri sociali, di tutte le miserie, di ogni genere di esclusione quanto dell’ assenza di riferimenti, della scomparsa del senso. Unendo l’antica nostalgia aristocratica all’uguaglianza democratica, essa rappresenta …

Leggi tutto »

CHI CI GUADAGNA CON LA CRISI ENERGETICA

DI WALDEN BELLO Oggi in diversi paesi in via di sviluppo molti sistemi energetici centralizzati di proprietà statale si trovano invischiati in problemi di cattiva gestione, di corruzione e d’indebitamento. Per questo, in un paese dopo l’altro, influenti organismi multilaterali come la Banca Asiatica per lo Sviluppo e la Banca Mondiale hanno indicato il rimedio principe: privatizzazione e deregulation. Tale è stato il caso dell’India, della Tailandia e delle Filippine. Il dibattito tra i fautori della proprietà pubblica e quelli …

Leggi tutto »

LA SOCIETA' DEPRIMENTE

DI ROBERT DE HERTE La  depressione, che nel XIX secolo veniva considerata ancora come un semplice sintomo, oggi è diventata sia un’entità clinica riconosciuta e sia, rimpiazzando la nevrosi, il disturbo mentale più diffuso nel mondo occidentale. Si tratta quindi della nuova malattia della civilizzazione. Essa si alimenta tanto di tutti i malesseri sociali, di tutte le miserie, di ogni genere di esclusione quanto dell’ assenza di riferimenti, della scomparsa del senso. Unendo l’antica nostalgia aristocratica all’uguaglianza democratica, essa rappresenta …

Leggi tutto »

CHI CI GUADAGNA CON LA CRISI ENERGETICA

DI WALDEN BELLO Oggi in diversi paesi in via di sviluppo molti sistemi energetici centralizzati di proprietà statale si trovano invischiati in problemi di cattiva gestione, di corruzione e d’indebitamento. Per questo, in un paese dopo l’altro, influenti organismi multilaterali come la Banca Asiatica per lo Sviluppo e la Banca Mondiale hanno indicato il rimedio principe: privatizzazione e deregulation. Tale è stato il caso dell’India, della Tailandia e delle Filippine. Il dibattito tra i fautori della proprietà pubblica e quelli …

Leggi tutto »

CECITA' AMBIENTALE

DI PATRICK SABATIER Il Protocollo di Kyoto entrerà finalmente in vigore nel febbraio del 2005, grazie alla ratifica della Russia: ci sono voluti sette anni. Ondate di caldo e scioglimenti della calotta polare o dei ghiacciai hanno avuto il tempo di convincere gli scettici che il riscaldamento del pianetà è una realtà, accellerata dalle emissioni nell’atmosfera dei gas responsabili dell’effetto serra, sprigionati dalle attività umane. Sette anni sono anche il tempo che resta per raggiungere gli obiettivi fissati a Kyoto …

Leggi tutto »

CECITA' AMBIENTALE

DI PATRICK SABATIER Il Protocollo di Kyoto entrerà finalmente in vigore nel febbraio del 2005, grazie alla ratifica della Russia: ci sono voluti sette anni. Ondate di caldo e scioglimenti della calotta polare o dei ghiacciai hanno avuto il tempo di convincere gli scettici che il riscaldamento del pianetà è una realtà, accellerata dalle emissioni nell’atmosfera dei gas responsabili dell’effetto serra, sprigionati dalle attività umane. Sette anni sono anche il tempo che resta per raggiungere gli obiettivi fissati a Kyoto …

Leggi tutto »

I GIOVANI INFELICI

“ Ho osservato a lungo in questi ultimi anni, questi figli. Alla fine, il mio giudizio, per quanto esso sembri anche a me stesso ingiusto e impietoso, è di condanna. Ho cercato di capire, di fingere di non capire, di contare, di sperare in qualche cambiamento, di considerare storicamente, cioè fuori dai soggettivi giudizi di male e di bene, la loro realtà. Ma è stato inutile. Il mio sentimento, è di condanna…”. Così scriveva Pier Paolo Pasolini, nell’articolo inedito I …

Leggi tutto »