Ultimi articoli

IL MASSACRO DEI CIVILI IRACHENI DA PARTE DELL’ ESERCITO USA

Ciò che il New York Times ha omesso sulla conta dei morti DI DAVE LINDORFF Nell’edizione domenicale del New York Times, sulla pagina dedicata alle opinioni, un elenco orribile ed una mappa che riporta graficamente il massacro causato dalla guerra Usa in atto in Iraq. L’assistente per la ricerca al Brookings Institution, Adriana Lins de Albuquerque, mostra che 202 persone sono morte “come risultato della ribellione” in un periodo di 14 giorni durante le prime due settimane del nuovo anno. …

Leggi tutto »

L'ESECUZIONE DI MARTIN LUTHER KING

Un’azione di stato: l’esecuzione di Martin Luther King Di DOUGLAS VALENTINE Il libro An Act of State (Un’Azione Di Stato): L’Esecuzione di Martin Luther King, di Bill Pepper (Verso, 2003) dovrebbe essere letto da chiunque sia interessato a capire come il regime di Bush userà il potere, non solo contro l’Iraq, ma contro tutti i dissidenti in America. Il libro racconta la storia di come fu ucciso Martin Luther King, non da James Ray, un maldestro pazzoide, ma da un …

Leggi tutto »

GODO.

DI URIEL Ovviamente, mi riferisco alla vittoria di Vendola in Puglia. Oh, so benissimo che fossero solo primarie, oh so benissimo che le elezioni vadano ancora fatte, e tutto quanto. Ma ci sono alcune questioni di principio che non potevano piu’ venir rimandate. La prima e’ quella della dignita’ dei pugliesi. Non candidando Vendola, il centrosinistra diceva in pratica “i pugliesi essendo un branco di terroni arretrati non potrebbero mai votare un candidato cosi’ avanti come Vendola”. Io, se fossi …

Leggi tutto »

GODO.

DI URIEL Ovviamente, mi riferisco alla vittoria di Vendola in Puglia. Oh, so benissimo che fossero solo primarie, oh so benissimo che le elezioni vadano ancora fatte, e tutto quanto. Ma ci sono alcune questioni di principio che non potevano piu’ venir rimandate. La prima e’ quella della dignita’ dei pugliesi. Non candidando Vendola, il centrosinistra diceva in pratica “i pugliesi essendo un branco di terroni arretrati non potrebbero mai votare un candidato cosi’ avanti come Vendola”. Io, se fossi …

Leggi tutto »

Swastikas, Hypocrisy and Prince Harry

by David MacGregor Right in the middle of the great Tsunami disaster, another disaster hits the global headlines: Prince Harry dressed up as a Nazi, and wearing a swastika arm band! The world is aghast. The world is outraged. The world is full of shite. The reason for the outrage, so we are told, is that Prince Harry has offended millions of people by thoughtlessly wearing the hated symbol of Nazism–that unique German manifestation of fascism and National Socialism. More …

Leggi tutto »

LA SVENDITA DELLE FERROVIE

DI MAURIZIO MAGGIANI Il progetto è di siderale ambizione, la scelta di dimensioni epocali: liquefare nell’acido la più grande industria del made in Italy, una delle più grandi aziende d’Europa, e venderla al peggior offerente a prezzo di rottamazione. Perché questa titanica impresa prenda corpo e soluzione è necessario uno sguardo che si spinga oltre l’immediato orizzonte e una diamantina fermezza; e più l’obiettivo fatidico si avvicina più occorre disporre di queste doti in eroica quantità. Perché la storia insegna …

Leggi tutto »

LA SVENDITA DELLE FERROVIE

DI MAURIZIO MAGGIANI Il progetto è di siderale ambizione, la scelta di dimensioni epocali: liquefare nell’acido la più grande industria del made in Italy, una delle più grandi aziende d’Europa, e venderla al peggior offerente a prezzo di rottamazione. Perché questa titanica impresa prenda corpo e soluzione è necessario uno sguardo che si spinga oltre l’immediato orizzonte e una diamantina fermezza; e più l’obiettivo fatidico si avvicina più occorre disporre di queste doti in eroica quantità. Perché la storia insegna …

Leggi tutto »

PUTIN REAGISCE ALL'IMPERIALISMO 'NEOCON'

DI MAURIZIO BLONDET Vladimir Putin? “Un rozzo neo-imperialista” ancora convinto che “la Russia abbia diritto a un impero”, secondo il Washington Post. “Un nuovo Saddam”, ha rincarato il Wall Street Journal. Sul punto di trasformarsi “in un Fuehrer russo a tutto tondo”, ha aggiunto il Daily Telegraph. Tutti i media angloamericani legati agli interessi petroliferi ed ebraici sono all’attacco del Cremlino. Come ad un segnale convenuto, da quando Putin s’è rifiutato di svendere la Yukos ai “mercati occidentali”, è stato …

Leggi tutto »

LA TEORIA DELLO SCONTRO DI CIVILTA' E IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE

DI JOHN PETROVATO   Dalla fine della Guerra Fredda, scrittori e commentatori politici hanno teorizzato che siamo entrati in una nuova guerra fondata questa volta sullo “scontro di civiltà”. La teoria, come viene proposto da scrittori quali Samuel Huntington e Bernard Lewis, tra gli altri, suggerisce che “l’Occidente” sia in guerra con l’Islam e che questa contrapposizione globale sostituirà la precedente ostilità della Guerra Fredda. Secondo la loro visione, questa battaglia non viene portata avanti per nessuna motivazione particolare, ma …

Leggi tutto »

PUTIN REAGISCE ALL'IMPERIALISMO 'NEOCON'

DI MAURIZIO BLONDET Vladimir Putin? “Un rozzo neo-imperialista” ancora convinto che “la Russia abbia diritto a un impero”, secondo il Washington Post. “Un nuovo Saddam”, ha rincarato il Wall Street Journal. Sul punto di trasformarsi “in un Fuehrer russo a tutto tondo”, ha aggiunto il Daily Telegraph. Tutti i media angloamericani legati agli interessi petroliferi ed ebraici sono all’attacco del Cremlino. Come ad un segnale convenuto, da quando Putin s’è rifiutato di svendere la Yukos ai “mercati occidentali”, è stato …

Leggi tutto »

LA TEORIA DELLO SCONTRO DI CIVILTA' E IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE

DI JOHN PETROVATO   Dalla fine della Guerra Fredda, scrittori e commentatori politici hanno teorizzato che siamo entrati in una nuova guerra fondata questa volta sullo “scontro di civiltà”. La teoria, come viene proposto da scrittori quali Samuel Huntington e Bernard Lewis, tra gli altri, suggerisce che “l’Occidente” sia in guerra con l’Islam e che questa contrapposizione globale sostituirà la precedente ostilità della Guerra Fredda. Secondo la loro visione, questa battaglia non viene portata avanti per nessuna motivazione particolare, ma …

Leggi tutto »

CREDENTI SOTTOPOSTI A TORTURA PER PROVARE CHE DIO ALLEVIA IL DOLORE

DI RUTH GLENHILL Alcune persone verranno torturate nei laboratori dell’Universita’ di Oxford in un esperimento finanziato dagli Stati Uniti per determinare se credere in Dio aiuta ad alleviare il dolore. Prestigiosi neurologi, farmacologisti, anatomisti, studiosi di etica e teologi esamineranno i fondamenti scientifici della credenza religiosa per valutare se e’ qualcosa di piu’ di un semplice effetto placebo. Guidati dal barone Greenfield, il team di neurologi ed il nuovo Centro per la Scienza della Mente, useranno un sistema di immagini …

Leggi tutto »

CREDENTI SOTTOPOSTI A TORTURA PER PROVARE CHE DIO ALLEVIA IL DOLORE

DI RUTH GLENHILL Alcune persone verranno torturate nei laboratori dell’Universita’ di Oxford in un esperimento finanziato dagli Stati Uniti per determinare se credere in Dio aiuta ad alleviare il dolore. Prestigiosi neurologi, farmacologisti, anatomisti, studiosi di etica e teologi esamineranno i fondamenti scientifici della credenza religiosa per valutare se e’ qualcosa di piu’ di un semplice effetto placebo. Guidati dal barone Greenfield, il team di neurologi ed il nuovo Centro per la Scienza della Mente, useranno un sistema di immagini …

Leggi tutto »

TRE ELEZIONI

DI GIULIETTO CHIESA Brevi riflessioni sulle elezioni. Tre, e diverse. Ucraina, dicembre 2004. L’Europa e l’Occidente tutto si entusiasmano per quella che definiscono la “rivoluzione arancione”. Da un po’ di tempo a questa parte l’Occidente pare diventato rivoluzionario. Prima, almeno dal 18 brumaio di Luigi Bonaparte, le rivoluzioni le aborriva. Preferiva le restaurazioni. Adesso s’innamora per la “rivoluzione georgiana”, che dimette un presidente in carica con un colpo di stato “appoggiato dalle masse”. Inneggia alla prossima ventura “rivoluzione democratica iraniana”, …

Leggi tutto »

TRE ELEZIONI

DI GIULIETTO CHIESA Brevi riflessioni sulle elezioni. Tre, e diverse. Ucraina, dicembre 2004. L’Europa e l’Occidente tutto si entusiasmano per quella che definiscono la “rivoluzione arancione”. Da un po’ di tempo a questa parte l’Occidente pare diventato rivoluzionario. Prima, almeno dal 18 brumaio di Luigi Bonaparte, le rivoluzioni le aborriva. Preferiva le restaurazioni. Adesso s’innamora per la “rivoluzione georgiana”, che dimette un presidente in carica con un colpo di stato “appoggiato dalle masse”. Inneggia alla prossima ventura “rivoluzione democratica iraniana”, …

Leggi tutto »

DIETRO IL BRACCIO DI FERRO SCELLI-BERTOLASO

DI RITA PENNAROLA Basta con gli aiuti economici. Smettete di inviare sms e lasciateci lavorare in pace. Dopo l’ondata di generosità post maremoto dimostrata dagli italiani (25 milioni di euro raccolti con i messaggini telefonici) e le successive polemiche con tanto di botta e risposta sul loro utilizzo fra il commissario straordinario Cri Maurizio Scelli e il capo dipartimento protezione civile Guido Bertolaso, il 4 gennaio arriva lo stop. Ad annunciarlo è il ministro della Salute Girolamo Sirchia, lo stesso …

Leggi tutto »

DIETRO IL BRACCIO DI FERRO SCELLI-BERTOLASO

DI RITA PENNAROLA Basta con gli aiuti economici. Smettete di inviare sms e lasciateci lavorare in pace. Dopo l’ondata di generosità post maremoto dimostrata dagli italiani (25 milioni di euro raccolti con i messaggini telefonici) e le successive polemiche con tanto di botta e risposta sul loro utilizzo fra il commissario straordinario Cri Maurizio Scelli e il capo dipartimento protezione civile Guido Bertolaso, il 4 gennaio arriva lo stop. Ad annunciarlo è il ministro della Salute Girolamo Sirchia, lo stesso …

Leggi tutto »

IRAQ, LE ELEZIONI FALLIRANNO

DI MASSIMO FINI Caro De Carlo, come sai l’amministrazione Bush sta pensando di ritirare, dopo le elezioni del 30 gennaio, le proprie truppe, sia pur gradualmente. Qualcuno dei ‘think tank’di Washington e del Pentagono si è infatti reso conto che è proprio «eccessiva presenza delle truppe straniere a fomentare l’insurrezione». Bel colpo, bella intuizione. Ma come fare a ritirarsi senza perdere la faccia? E’ necessario che il governo americano si faccia fare da quello iracheno una apposita richiesta di ritiro …

Leggi tutto »

LA TERRA PROMESSA, IL SIONISMO E LE DERIVE DEL FONDAMENTALISMO

Alcuni teologi protestanti accusano: negli Usa molti cristiani vedono il successo di Israele come un segno della venuta del Messia. Il metodista David Curtis: «70 milioni di americani la pensano così» DI MAURIZIO BLONDET «L’escatologia conta?»: è il tema dell’ultima predica del reverendo David Curtis, pastore metodista in Virginia. La sua risposta: eccome conta. «La nostra visione dei tempi ultimi forma la nostra visione del mondo e la nostra politica», ha spiegato ai suoi fedeli. Ma il reverendo Curtis non …

Leggi tutto »

IRAQ, LE ELEZIONI FALLIRANNO

DI MASSIMO FINI Caro De Carlo, come sai l’amministrazione Bush sta pensando di ritirare, dopo le elezioni del 30 gennaio, le proprie truppe, sia pur gradualmente. Qualcuno dei ‘think tank’di Washington e del Pentagono si è infatti reso conto che è proprio «eccessiva presenza delle truppe straniere a fomentare l’insurrezione». Bel colpo, bella intuizione. Ma come fare a ritirarsi senza perdere la faccia? E’ necessario che il governo americano si faccia fare da quello iracheno una apposita richiesta di ritiro …

Leggi tutto »

LA TERRA PROMESSA, IL SIONISMO E LE DERIVE DEL FONDAMENTALISMO

Alcuni teologi protestanti accusano: negli Usa molti cristiani vedono il successo di Israele come un segno della venuta del Messia. Il metodista David Curtis: «70 milioni di americani la pensano così» DI MAURIZIO BLONDET «L’escatologia conta?»: è il tema dell’ultima predica del reverendo David Curtis, pastore metodista in Virginia. La sua risposta: eccome conta. «La nostra visione dei tempi ultimi forma la nostra visione del mondo e la nostra politica», ha spiegato ai suoi fedeli. Ma il reverendo Curtis non …

Leggi tutto »

CECENIA: ANNO NUOVO, VECCHI METODI

DI ANNA POLITKOVSKAYA Rapimenti, razzie, esecuzioni… I canali che mostrano alla popolazione la verità televisiva sulla situazione in Cecenia mostrano un’interminabile e vittoriosa liquidazione di “terroristi internazionali”, oppure qualcosa di smielato: gare sportive tra militari, soldati che portano un albero di Natale a una scuola materna… Queste non sono menzogne, ma verità, anche se per un pubblico ristretto: piccole messe in scena a beneficio di un piccolo gruppo. Per la stragrande maggioranza dei ceceni la realtà è diversa: spietata e …

Leggi tutto »

CECENIA: ANNO NUOVO, VECCHI METODI

DI ANNA POLITKOVSKAYA Rapimenti, razzie, esecuzioni… I canali che mostrano alla popolazione la verità televisiva sulla situazione in Cecenia mostrano un’interminabile e vittoriosa liquidazione di “terroristi internazionali”, oppure qualcosa di smielato: gare sportive tra militari, soldati che portano un albero di Natale a una scuola materna… Queste non sono menzogne, ma verità, anche se per un pubblico ristretto: piccole messe in scena a beneficio di un piccolo gruppo. Per la stragrande maggioranza dei ceceni la realtà è diversa: spietata e …

Leggi tutto »

''IL MATRIMONIO GAY FAVORISCE L'UCCISIONE DEI SOLDATI USA IN IRAQ''

Amenità della destra religiosa americana DI DOMENICO D’AMICO “Oh felicità delle felicità! Mi capita di vivere in un paese dove la maggioranza degli elettori è più preoccupata dei feti e di impedire ai finocchi di sposarsi, piuttosto che di fesserie come la sicurezza nazionale, il miglioramento della sanità e un’economia solida!” Così commenta il risultato delle ultime elezioni presidenziali il titolare di un sito statunitense… Ma si tratta di un cattivo ragazzo. Come voi, antisemiti sovversivi fiancheggiatori del terrorismo internazionale …

Leggi tutto »

USA, LA BIOMETRIA E' UNA REALTA' DI FRONTIERA

Controlli e schedature per i membri di 27 stati europei, tra cui Italia, Gran Bretagna, Francia, e alcuni stati del Pacifico, come Giappone e Australia. I 27 Paesi “amici”, originariamente esenti dalla procedura, sono stati invece inclusi per la cittadinanza europea di molti terroristi islamici. Newark, NYC, 7:00 pm: Jerome era appena atterrato, anchilosato dal viaggio ed esausto dal jet-lag, non vedeva l'ora di sbrigare le procedure di sbarco e arrivare in albergo. Diverse rampe di scale dopo, era in …

Leggi tutto »

''IL MATRIMONIO GAY FAVORISCE L'UCCISIONE DEI SOLDATI USA IN IRAQ''

Amenità della destra religiosa americana DI DOMENICO D’AMICO “Oh felicità delle felicità! Mi capita di vivere in un paese dove la maggioranza degli elettori è più preoccupata dei feti e di impedire ai finocchi di sposarsi, piuttosto che di fesserie come la sicurezza nazionale, il miglioramento della sanità e un’economia solida!” Così commenta il risultato delle ultime elezioni presidenziali il titolare di un sito statunitense… Ma si tratta di un cattivo ragazzo. Come voi, antisemiti sovversivi fiancheggiatori del terrorismo internazionale …

Leggi tutto »

USA, LA BIOMETRIA E' UNA REALTA' DI FRONTIERA

Controlli e schedature per i membri di 27 stati europei, tra cui Italia, Gran Bretagna, Francia, e alcuni stati del Pacifico, come Giappone e Australia. I 27 Paesi “amici”, originariamente esenti dalla procedura, sono stati invece inclusi per la cittadinanza europea di molti terroristi islamici. Newark, NYC, 7:00 pm: Jerome era appena atterrato, anchilosato dal viaggio ed esausto dal jet-lag, non vedeva l'ora di sbrigare le procedure di sbarco e arrivare in albergo. Diverse rampe di scale dopo, era in …

Leggi tutto »

A CARTE SCOPERTE

Dopo la rivoluzione di Kiev, è guerra aperta tra George Soros e i regimi ex sovietici DI ENRICO PIOVESANA La ‘rivoluzione arancione’ che ha abbattuto il regime ucraino di Leonid Kuchma sta togliendo il sonno agli autocrati che guidano le repubbliche ex sovietiche dell’Asia centrale. Nei loro incubi, le piazze delle capitali dei rispettivi paesi si riempiono, come a Kiev, di manifestanti dell’opposizione democratica che riescono a rovesciare i loro governi. Per mettere al riparo il proprio potere dalla minaccia …

Leggi tutto »

A CARTE SCOPERTE

Dopo la rivoluzione di Kiev, è guerra aperta tra George Soros e i regimi ex sovietici DI ENRICO PIOVESANA La ‘rivoluzione arancione’ che ha abbattuto il regime ucraino di Leonid Kuchma sta togliendo il sonno agli autocrati che guidano le repubbliche ex sovietiche dell’Asia centrale. Nei loro incubi, le piazze delle capitali dei rispettivi paesi si riempiono, come a Kiev, di manifestanti dell’opposizione democratica che riescono a rovesciare i loro governi. Per mettere al riparo il proprio potere dalla minaccia …

Leggi tutto »

A global gulag to hide the war on terror's dirty secrets

Bush is now thinking of building jails abroad to hold suspects for life Jonathan Steele 01/14/05 “The Guardian” — The promise of imminent release for four British detainees held at the notorious US prison at Guantánamo Bay is obviously welcome, but it is only a tiny exception in the surge of bad news from the Bush team on the human rights front. The first few days of the new year have produced two shocking exposures already.

Leggi tutto »