Ultimi articoli

L'AGONIA IRACHENA

AMY GOODMAN (DEMOCRACY NOW!) INTERVISTA DAHR JAMAIL Gi ospedali iracheni sotto l’occupazione, le compagnie che fanno profitti sulla guerra e la “fuga di cervelli” dall’Iraq Prefazione (Dagli ‘Iraq Dispatches’, la newsletter di Dahr Jamail) Appena tornato dalla sessione finale del Tribunale Mondiale sull’Iraq, ad Istanbul, dove ha testimoniato, Dahr Jamail ha condiviso con Amy Goodman le sue informazioni e le sue prospettive sull’occupazione statunitense dell’Iraq. In questa eccellente intervista di 20 minuti, Dahr ed Amy discutono della mancanza di informazione …

Leggi tutto »

''VOGLIONO DISTRUGGERE LA CIVILTA' OCCIDENTALE''

DI KELEBEK “Vogliono distruggere la civiltà occidentale” Fatelo dire anche a me una volta. E – credo – a ragione. La democrazia è il valore dichiarato su cui si fondano i paesi europei da alcuni secoli. In democrazia, si può votare a intervalli regolari. Siccome hanno fatto un sistema che ti permette di scegliere solo tra due partiti quasi identici, e io non faccio politica, calcio o cabaret a livello professionale, questo aspetto mi interessa relativamente poco. Ci sono però …

Leggi tutto »

Piano Patriota e capitalismo mafioso

DI RENE’ BAEZ Il Piano Colombia/IRA/Piano Patriota ha radici poco chiare che si relazionano con il crescente vigore del capitalismo mafioso su scala planetaria. Il fenomeno allude all’espansione di mercati neri controllati da coloro che Michel Chossudovsky ha denominato organizzazione transnazionale del crimine (OTC), mercati tra i quali si contano il narcotraffico, il commercio clandestino di armi, la tratta internazionale di prostitute e travestiti, la compravendita di organi, l’industria di “protezione” e sequestro, il gioco d’azzardo, il contrabbando di materiali …

Leggi tutto »

Lobby e spionaggio pro-israeliani negli Stati Uniti

Allorché l’AIPAC – Comitato degli affari pubblici americano-israeliano – potente gruppo di pressione pro israeliano con più di 100 mila membri, cominciava, nel maggio scorso, la sua conferenza annuale alla quale assistevano, fra gli altri, Condoleeza Rice, Ariel Sharon, Ari Fleicher, l’FBI proseguiva la sua inchiesta su alcuni vecchi membri dell’AIPAC accusati di spionaggio a favore di Israele. Lawrence Franklin, analista dell’Iran al Pentagono, è accusato d’aver fornito, nel giugno del 2003, a Steven Rosen direttore di ricerche e Keith …

Leggi tutto »

ANCORA NON CI RENDIAMO CONTO DI QUANTO CI MANCHERA' JOE VIALLS

DI JOHN KAMINSKI Joe Vialls potrebbe benissimo risultare lo scrittore più importante che sia finora apparso in rete. Grazie alle sue sorprendenti connessioni col mondo dell’intelligence e la sua profonda conoscenza della minaccia globale sionista, Joe era in grado di fare acute analisi e di predire il probabile corso degli eventi mondiali in questi tempi difficili, a un tale stupefacente livello da spaventare funzionari di governo corrotti e spiazzare giornalisti compromessi col potere in tutto il mondo.

Leggi tutto »

BILDERBERG: ALEX JONES INTERVISTA DANIEL ESTULIN

AJ: Il mondo nelle loro mani: Bilderberg 2005 di Daniel Estulin. So che lo stanno stroncando con aspra critica. L’annuale incontro segreto del gruppo Bilderberg determina molte delle linee guida e dei nuovi sviluppi di cui leggerete nei mesi a venire, ma i media dell’establishment lo hanno completamente cancellato. Ad eccezione di una mezza dozzina di membri d’alto rango della stampa che hanno giurato segretezza, pochi hanno mai sentito parlare dell’esclusivo e segreto gruppo dei Bilderberg. Naturalmente, questo ci è …

Leggi tutto »

Il futuro della coppia franco-tedesca

DI ALAIN DE BENOIST Il rifiuto della Francia al progetto di Costituzione europea, venendo dopo la ratifica di questo stesso progetto da parte del Parlamento tedesco, aveva rapidamente sollevato delle reali domande riguardanti il futuro della “coppia franco-tedesca”. Il nuovo Primo ministro francese, Dominique de Villepin, si è adoperato per rispondere su quest’argomento l’8 giugno, durante il suo primo discorso di politica generale, affermando, non solamente che questa coppia deve essere preservata a tutti i costi, ma che potrebbe costituire …

Leggi tutto »

It's time for global intifada

by Don Nash, Unknown News July XIX, MMV Our world owes much to Arabic traditions and Muslim influence. Modern science, medicine, philosophy, poetry, and culture would be in a world of hurt were it not for advances made by Islam. We use Arabic numerals, and the word algebra comes from the Arabic word ‘al jabr’, which means “restoration of balance” to both sides of an equation. Algebra was developed by a Muslim named Abu Abdullah Muhammad bin Musa al-Khwarizmi, who …

Leggi tutto »

London: Forcing the facts to fit the theory

by William Bowles • Sunday, 17 July 2005 A story in the Daily Mirror, 16/7/05 titled ‘Exclusive: Was it suicide?’, attempts to use essentially the same facts presented here but still make them out to be bombers. There are a lot of problems with this approach, especially in the light of the latest information to emerge. Firstly, they all bought return tickets and bought an eight-hour ‘park and ride’ ticket in Luton, so they most definately intended to return. The …

Leggi tutto »

IRAQ, TERRA DI NESSUNO

DI MASSIMO FINI «Il problema chiave è che il nostro governo ha gestito le politiche di lotta al terrorismo spalla a spalla con gli Stati Uniti, non nel senso di un eguale potere decisionale, ma piuttosto come un passeggero sul sedile posteriore costretto a lasciare ogni iniziativa all’alleato che tiene il volante in mano… Il supporto e la partecipazione alla guerra in Afghanistan e in Iraq hanno senza dubbio aumentato a dismisura la minaccia terroristica». Non sono parole di Fausto …

Leggi tutto »

THE ANTI-EMPIRE REPORT N° 22

Cose che dovreste sapere prima che finisca la guerra DI WILLIAM BLUM Cavolo, come possiamo fare a capire perché non gli piacciamo? La settimana scorsa il Pentagono ha assegnato tre appalti del valore di oltre 300 milioni di dollari a compagnie che spera possano introdurre nuova linfa creativa alle operazioni americane di carattere psicologico atte a migliorare l’opinione pubblica estera relativa agli Stati Uniti, in modo particolare l’opinione riguardo il contingente militare americano. “Vorremmo poter utilizzare tipologie medianiche all’avanguardia” ha …

Leggi tutto »

RESPONSABILITA' E RESISTENZA

DI HENRY MAKOW Al suo processo del 1961, Adolf Eichmann ammise di aver organizzato la deportazione degli Ebrei ai campi di concentramento, ma aggiunse di aver spesso richiesto un trasferimento. Pensava che l’Olocausto ebraico fosse ingiustificato e non necessario. “A volte lo stato è implicato in attività criminose , ma bisogna obbedire agli ordini”, affermò. “Perché non fu trasferito?” chiese la pubblica accusa “Stavo facendo davvero un buon lavoro. Ero meticoloso” concesse Eichmann. C’è una lezione da imparare qui. Se …

Leggi tutto »

L'INFORMAZIONE SIAMO NOI

DI TRUMAN BURBANK ComeDonChisciotte L’informazione siamo noi. E ciò provoca il dovere morale di farlo al meglio, ma anche la necessità di capire il nuovo mezzo di cui disponiamo. Una volta erano i giornalisti ad inseguire le notizie, adesso sono le notizie ad inseguire i giornalisti. Ma è un inseguimento vano. I giornalisti dei media ufficiali evitano le notizie come la peste. A loro interessa solo raccontare quello che vuole il padrone e confezionarlo nel modo più appetibile. L’informazione diventa …

Leggi tutto »

FORTUNE COSTRUITE SULLE BOMBE

DI LOUISE ARMITSTEAD E RICHARD FLETCHER Migliaia di investitori si sono uniti alle istituzioni finanziarie per fare milioni di sterline sfruttando il breve crollo dei prezzi delle azioni seguito agli attacchi terroristici di Londra la scorsa settimana. É stato il giorno di maggior contrattazione degli ultimi due anni. La Borsa di Londra afferma che il giovedì furono cambiati titoli per 4,75 miliardi, a fronte di una media giornaliera del recente passato di 3,1 miliardi. BP e Vodafone sono state tra …

Leggi tutto »

DA LONDRA ALLA FALLACI

DI MAURIZIO BLONDET I lettori dovrebbero ormai avere abbastanza elementi per formarsi un giudizio sull’attentato islamista di Londra. Ricordiamoli: i quattro giovani attentatori hanno preso a nolo due auto per arrivare dalle loro abitazioni (Leeds, per tre di loro) fino a Luton, estremo sobborgo a nord di Londra. Qui, hanno preso il treno suburbano Thameslink, che li ha portati nel centro della capitale (a King’s Cross). Ebbene: hanno acquistato un biglietto di “andata e ritorno”. E non hanno abbandonato le …

Leggi tutto »

Il bus 30 di Londra

Due articoli riguardanti l’attentato del 7 luglio al bus 30 di Londra. Il conveniente malfunzionamento della videocamera sul bus di Londra di Jon Rappoport 13 luglio 2005 Dal quotidiano britannico, the Mirror: “Ma l’indagine ha avuto un serio ritardo quando si è scoperto che non funzionavano le videocamere CCTV (a circuito chiuso, ndr) sul bus che è esploso, così i detective non potranno ricavarne vitali immagini dell’attentatore. Una fonte di Scotland Yard ha detto: “E’ un grande colpo ed una …

Leggi tutto »

CHE SAREBBE SE JFK NON FOSSE STATO ASSASSINATO ?

DOVE SAREMMO NOI OGGI?Seguiamo prima la pista dei soldi, e mostriamo come è connessa direttamente con JKF, e cosa JFK fece per cercare di aiutare il popolo americano riguardo al debito nazionale e bancario. Per spiegare la pista dei soldi, il modo più facile è quello di far riferimento alla storia di Abraham Lincoln. Lincoln fu presidente durante la Guerra Civile Americana. La guerra tra il Nord ed il Sud sulla questione dello schiavismo. Gli Yanks contro i Confederates. Il …

Leggi tutto »

Ariel Sharon ha dato una ''prima autorizzazione'' per un attacco all'Iran

Comunità iraniano-americana negli Stati Uniti Le corporazioni dei media americane hanno raggiunto ancora una volta livelli sempre più bassi, collaborando con i neoconservatori della Casa Bianca. L’ultima novità è l’affermazione che il presidente eletto dell’Iran, Mahmoud Ahmadinejad, sia stato uno dei sequestratori degli ostaggi nel 1979. Quello che invece per comodità non hanno menzionato, è che in realtà erano stati i repubblicani, durante la campagna di Ronald Reagan, a trattare con i conservatori del governo della Repubblica Islamica, per trattenere …

Leggi tutto »

IPOCONDRIA SOCIALE

DI BEPPE GRILLO Come sarebbe bello scoprire che i mali della società sono solo percepiti e non reali Una persona è convinta di avere la tubercolosi e un esperto la rassicura: quei sintomi che avverte, che percepisce nel suo corpo, non significano che ha la tubercolosi. Ci sono tante cose che può fare l’esperto – in questo caso il dottore – tranne una: sentire quello che sente il suo paziente ipocondriaco. Anche se non ha la tubercolosi dovrà ammettere ugualmente …

Leggi tutto »

Euro o lira?

Esistono alternative alle attuali politiche economiche dei governi europei. Basta guardare la storia. di Lino Rossi La mancata ratifica della costituzione europea da parte dei Francesi e degli Olandesi ha ovviamente fatto scaturire numerosi commenti e prese di posizione: euro si, euro no, lira si, lira no, ecc. A mio modesto parere, per avere un panorama chiaro della situazione, è necessario far presente che esiste un’altra questione preliminare a quella del tipo di moneta; si tratta della proprietà della stessa …

Leggi tutto »

'Il prossimo sarò io?'

Di Ann Scott Tyson – Washington Post – Lunedì 20 Giugno 2005 All’alba, Miller e il suo plotone si svegliano da un pesante sonno tutti stretti negli Humvees o distesi nello sporco ammassato di un’austera base militare nel Ramadi orientale conosciuta come “Combat Outpost”. La base non ha acqua corrente, solo alcune latrine di legno e viene regolarmente bombardata dai mortai… Sotto lo sguardo truce del sole di metà mattinata il Sergente Jody Hayes sta in piedi grondante di sudore …

Leggi tutto »

IL PATTO INDIGESTO

DI GIULIETTO CHIESA Sì, Berlusconi è cotto, i topi abbandonano la nave. Il problema è chi verrà dopo di lui e come se ne andrà. Cioè dove andrà. Dopo Londra (ma anche prima) in molti avevano la sensazione che l’Italia stesse imbarcandosi per un giro sulle montagne russe. Pensavamo che si sarebbe ballato, rollato, beccheggiato. Adesso ne siamo certi. E una nave scassata come questa Italia potrebbe rovesciarsi. Come minimo c’è il rischio che qualcuno cada in mare, sbalzato da …

Leggi tutto »

NELLA TERRA DI NESSUNO

DI DAHR JAMAIL Il confine tra l’Iraq e la Giordania è una terra di desolazione. Bobine di filo spinato si snodano nel deserto mentre vi si impigliano dei sacchetti di plastica ingrigiti dal sole, sventolati da venti caldi e secchi. Nella terra di nessuno, Jamail espone un’altra faccia delle conseguenze umane dell’occupazione statunitense subita dall’Iraq – la sofferenza e la resistenza dei rifugiati Curdi-Iraniani e palestinesi. Lunghe colonne di camion aspettano al confine giordano per portare i loro carichi di …

Leggi tutto »

L’Organizzazione della Conferenza Islamica vuole creare un blocco commerci

L’Organizzazione della Conferenza Islamica (OIC)ha detto che i paesi musulmani creeranno un blocco di commercio preferenziale entro la fine dell’anno per colmare il baratro tra i paesi ricchi e poveri di petrolio. “Questo primo passo è molto importante per raggiungere l’obiettivo più ampio di una maggiore integrazione economica tra i paesi membri dell’OIC, ha detto il presidente del gruppo Abdullah Ahmad Badawi, primo ministro della Malesia ad un forum sul commercio dell’OIC a Putrajaya, vibino alla capitale malese Kuala Lumpur. …

Leggi tutto »

GLI ATTENTATI DI LONDRA

‘SIAMO TUTTI…’ di Felicity Arbuthnot e Luci Carolan. Sono sempre gli innocenti che vengono colpiti, che pagano con la vita gli errori di chi li governa. Il lutto per i morti e i feriti del 7 luglio sono stati accompagnati dall’imprudente linguaggio di uomini di legge che lo dovrebbero sapere bene. Il primo ministro Blair e il ministro degli esteri Straw quasi immediatamente hanno accusato l’Islam con un discorso intempestivo. Quando si stavano contando i morti, raccogliendo i feriti e …

Leggi tutto »

IL SERVIZIO SEGRETO ALLA SCUOLA ELEMENTARE BOOKER

OVVERO IL CANE CHE NON HA ABBAIATO Florida Straits: Bush Spinge per il Piano d’Istruzione nello Stato del Sole W A S H I N G T O N, Sept. 10 – Il Presidente Bush si è recato oggi in Florida per una breve visita a sostegno delle sue riforme per l’Educazione mentre la declinante ecomonia richiede una crescente attenzione nella capitale della nazione.” [ABC News] La notizia della visita del Presidente Bush alla scuola elementare Booker era di pubblico …

Leggi tutto »

Londra: Come organizzare gli attentati con 10 semplici mosse.

Di Paul Joseph Watson/Prison Planet | July 13 2005 Metodo in 10 mosse per organizzare un attacco terroristico 1) Commissiona un’impresa di “Gestione di crisi” per un’esercitazione che si svolga parallelamente all’attacco terroristico che si vuole organizzare. Fai svolgere l’esercitazione esattamente nei luoghi e nello stesso tempo degli attentati. Qualora i tuoi arabi vengano catturati durante lo svolgimento dell’operazione, comunica alla polizia che facevano parte di un’esercitazione. 2) Assumi quattro arabi dicendo loro che prenderanno parte ad un’importante esercitazione per …

Leggi tutto »

TOMGRAM: DAHR JAMAIL SUL FENOMENO ZARQAWI

DI TOM ENGELHARDT Tom Dispatch Proprio in questi ultimi giorni, secondo USA Today, è stato diffuso un “video di propaganda” appositamente preparato da Abu Musab al-Zarquawi, sospetto terrorista collegato con al-Qaeda, mostrante attacchi suicidi contro forze USA in Iraq, presumibilmente ispirato o commissionato dallo stesso terrorista. Dato che George Bush lo citò per la prima volta nell’Ottobre 2002 in un discorso a Cincinnati, come prova della presenza di al-Qaeda in Iraq e quindi del nesso essenziale tra Saddam Hussein ed …

Leggi tutto »

False flag a Londra

di John Leonard Online Journal 8 luglio 2005 — Ieri abbiamo visto un classico attacco false flag (1) a Londra, organizzato dai servizi segreti occidentali per distrarre l’attenzione dai sempre più gravi guai politici di Bush e Blair, e forse persino per creare il pretesto per una guerra all’Iran. Di certo, Bush e le valutazioni a lui riferite nei sondaggi stanno calando a picco sotto scandali e avvisaglie di impeachment. Anche Blair è stato danneggiato gravemente dal memorandum di Downing …

Leggi tutto »

Lettera ai britannici da una figlia dell’Iraq

Spedisco questa lettera alla popolazione britannica e soprattutto ai residenti di Londra. Per diverse ore, avete vissuto momenti di disperata ansietà ed orrore. In quelle ore avete perso un membro della vostra famiglia o un amico, e vorremo dirvi in totale onestà che siamo davvero addolorati quando si perdono delle vite umane. Non posso dirvi quanto ci fa male quando vediamo disperazione e dolore sulla faccia di un’altra persona. Noi abbiamo vissuto questa situazione, e continuiamo a viverla ogni giorno, …

Leggi tutto »