Home / ComeDonChisciotte / L’ AMERICA DI PAUL CRAIG ROBERTS

L’ AMERICA DI PAUL CRAIG ROBERTS

DI PAUL CRAIG ROBERTS
informationclearinghouse.info

A meno che io sia un illuso, diverse centinaia di lettori mi hanno scritto per selezionare i nomi della nuova ammistrazione del Presidente. Sono onorato. Alcuni hanno chiesto se fossi eletto e non immediatamente assassinato, di riscriverla, chi vorrei nominare?

Una domanda piuttosto facile a cui rispondere.

Nomi Prins potrebbe essere il segretario del tesoro, e Pam Martens la sua assistente

Lew Rockwell potrebbe essere il direttore della Federal Reserve

Nella foto: Norman Filkestein (proposto da Craig Roberts come ambasciatore Usa in Israele)Michael Hudson potrebbe essere il direttore del Council of Economic Advisors ( http://en.wikipedia.org/wiki/Council_of_Economic_Advisers)

Harvey Silverglate diventerebbe il Procuratore Generale

Glenn Greenwald il suo assistente

Dean Booth and Larry Stratton sarebbero i consulenti legali della Casa Bianca ( http://en.wikipedia.org/wiki/White_House_Counsel)

Willie Nelson diventerebbe il Ministro dell’agricoltura

Jeffrey St. Clair lo metterei alla testa dell’ Agenzia governativa ambientale

Elizabeth Warren avrebbe qualsiasi posto desideri

Cynthia McKinney sarebbe il Segretario di Stato

La CIA dovrebbe essere guidata da Ray McGovern e Philip Giraldi.

L’ FBI da Sibel Edmonds.

IL Dipartimento della Sicurezza Interna dovrebbe essere abolito

David Ray Griffin and Richard Gage potrebbero condurre le investigazioni sull’ 9/11

Bradley Manning avrebbe il compito di chiudere le prigioni della tortura

Julian Assange e John Pilger potrebbero essere messi a capo della Public Broadcasting Corporation. ( http://it.wikipedia.org/wiki/PBS_(azienda)

Gerald Celente sarebbe l’addetto stampa della Casa Bianca

John Williams (shadowstats.com) andrebbe alla carica di Statistiche federali (http://en.wikipedia.org/wiki/Federal_Statistical_Office_(Switzerland)

I membri chiave dei regimi Bush e Obama dal presidente in giù, e ogni neoconservatore sarebbe consegnato al tribunale per i crimini di guerra

I repubblicani della Corte Suprema sarebbero messi sotto accusa e rimossi dai loro incarichi

Brooksley Born sarebbe in carica per tutte le agenzie federali che regolano la finanza ( http://en.wikipedia.org/wiki/Federal_Financial_Supervisory_Authority)

Il maggior generale Antonio Mario Taguba sarebbe il Segretario della Difesa

IL colonnello Lawrence Wilkerson diventerebbe l’assistente del Segretario di Stato

Ron Unz sarebbe i capo dello staff della Casa Bianca.

Norman Filkestein come ambasciatore Usa in Israele

Noam Chomsky come ambasciatore americano alle Nazioni Unite

David M. Walker diventerebbe il Direttore dell’ Ufficio per la Gestione e il Bilancio

La lobby israeliana sarebbe iscritta come agente straniero

Potrei continuare. Ci sono almeno duecento o trecento posti da riempire, ma penso che il quadro possa essere chiaro. Sarebbe un’amministrazione che rappresenta gli americani, e non interessi particolari e stranieri, e una amministrazione che ha messo il Paese in ordine.

Ma, naturalmente, tutto questo è un sogno. Attualmente Nessuno a cui interessi veramente il nostro paese è autorizzato a servire in cariche pubbliche.

Paul Craig Roberts
Fonte: http://www.informationclearinghouse.info/
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article32984.htm
10.11.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura della redazione

Pubblicato da Davide

  • Affus

    ma con quale programma ?
    Bisogna avere delle idee alla fine , non solo uomini onesti da collocare .

  • mincuo

    Quelli che ha nominato, e ne conosco solo 2/3, iidee ne hanno da vendere, emolto simili anche.

  • Saysana

    Io sono sicuro che, in fondo in fondo, anche i peggiori crimjnali sappiano quali siano le cose di buon senso che aiutano il popolo (naturalmente come popolo intendo i comuni mortali come noi e non gli straricchi che vivono su un altro pianeta), partendo da quel fatto credo che i programmi siano secondari alle persone nel governo di un paese.

    Comunque qui si parlava di persone e non di programmi.