Ultimi articoli

QUEL CHE MC DONALD'S NASCONDE

L’obesità alla fine del pasto In Gran Bretagna, paese particolarmente colpito dal problema dell’obesità , Mc Donald’s risulta il terzo inserzionista (per volume) alla televisione e alla radio, mentre al quinto posto compare un’altra industria di fast food: la Kentuky Fried Chicken. In Francia, dove il numero di adulti obesi è raddoppiato in quindici anni, la popolazione dei bambini sovrappeso si è moltiplicata per cinque, mentre i minori insidiati da una grave obesità si sono decuplicati. McDonald’s si fa pubblicità …

Leggi tutto »

MAREMOTO. STATI UNITI E MOLTI TACCAGNI

DI MARCO D’ERAMO Negli album di Topolino che leggevamo da bambini Paperone era tirchio sì, però non ci pareva così crudele, tranquillamente inumano come invece si presenta al mondo il paperone in carne e ossa che domina il pianeta terra. Ma Walt Disney non poteva prevedere che il suo personaggio, sempre a tuffarsi in piscine colme di monete d’oro, avrebbe prefigurato l’impero più potente e più tirchio della storia umana. A usare il termine “tirchio” (stingy) è stato pochi giorni …

Leggi tutto »

QUEL CHE MC DONALD'S NASCONDE

L’obesità alla fine del pasto In Gran Bretagna, paese particolarmente colpito dal problema dell’obesità , Mc Donald’s risulta il terzo inserzionista (per volume) alla televisione e alla radio, mentre al quinto posto compare un’altra industria di fast food: la Kentuky Fried Chicken. In Francia, dove il numero di adulti obesi è raddoppiato in quindici anni, la popolazione dei bambini sovrappeso si è moltiplicata per cinque, mentre i minori insidiati da una grave obesità si sono decuplicati. McDonald’s si fa pubblicità …

Leggi tutto »

MAREMOTO. STATI UNITI E MOLTI TACCAGNI

DI MARCO D’ERAMO Negli album di Topolino che leggevamo da bambini Paperone era tirchio sì, però non ci pareva così crudele, tranquillamente inumano come invece si presenta al mondo il paperone in carne e ossa che domina il pianeta terra. Ma Walt Disney non poteva prevedere che il suo personaggio, sempre a tuffarsi in piscine colme di monete d’oro, avrebbe prefigurato l’impero più potente e più tirchio della storia umana. A usare il termine “tirchio” (stingy) è stato pochi giorni …

Leggi tutto »

IL SISTEMA POLITICO NELL'ISLAM

Alla base del sistema politico nell’Islam ci sono tre principi: Tawheed (Monoteismo), Risalat (Profezia) e Khilafat. Senza la comprensione completa di questi principi, capire molti aspetti della forma amministrativa dello stato islamico sarebbe molto difficile; quindi cominciamo con una piccola introduzione di ciascuno di questi principi. Tawheed: Il riconoscimento del fatto che soltanto Allah(SWT) è il creatore dell’universo e tutte le creature sono soggette soltanto a Lui. Il benessere e la prosperità di questo mondo proviene soltanto da Allah(SWT). Soltanto …

Leggi tutto »

UN COLPO NATURALE INFERTO ALL'APPARATO DEL TERRORE DI STATO ?

Il dopo tsunami in Aceh DI SYLVIA TIWON E BEN TERRALL Migliaia di persone mancanti all’appello, i campi per i rifugiati senza cibo e acqua, le fosse comuni: fra gli effetti del terremoto di grandezza 9.0 e di uno tsunami che il 26 Dicembre 2004 hanno colpito il bacino dell’Oceano Indiano, queste immagini sono venute ad identificare Aceh agli occhi del mondo. Al momento in cui viene scritto tutto questo, è stato riportato che più di 80.000 Acehnesi sono stati …

Leggi tutto »

UN COLPO NATURALE INFERTO ALL'APPARATO DEL TERRORE DI STATO ?

Il dopo tsunami in Aceh DI SYLVIA TIWON E BEN TERRALL Migliaia di persone mancanti all’appello, i campi per i rifugiati senza cibo e acqua, le fosse comuni: fra gli effetti del terremoto di grandezza 9.0 e di uno tsunami che il 26 Dicembre 2004 hanno colpito il bacino dell’Oceano Indiano, queste immagini sono venute ad identificare Aceh agli occhi del mondo. Al momento in cui viene scritto tutto questo, è stato riportato che più di 80.000 Acehnesi sono stati …

Leggi tutto »

L'ARCHIVIO DEL TERRORE

Intervista al Dr. Martìn Almada DI GIORGIO BONGIOVANNI Dietro la storia di un Paese vi sono spesso delle forze sovranazionali che intervenendo in dati momenti tendono a modificare la naturale evoluzione sia essa di natura politica o economica. Talvolta tali intromissioni sono sfociate in repressioni civili e genocidi di Stato come nel caso dell’America Latina durante gli anni ’70 – ’80 quando il Generale Pinochet era ancora Presidente del Cile. Oggi l’ex graduato deve rispondere di pesanti accuse. Contro di …

Leggi tutto »

COSI' NON E' PERO' PARE

DI ADRIANO SCIANCA In un bell’articolo di qualche anno fa , Charles Champetier individuava il nuovo volto del nemico in un triplice sistema di dominio composto da tecnica, mercato e spettacolo. Le figure tradizionali della contrapposizione politica, spiegava, Champetier, sono ormai obsolete; al giorno d’oggi il potere è esercitato da meccanismi impersonali che non vengono esercitati in momenti e luoghi simbolici, ma in ogni istante e dappertutto. Più che da una struttura di potere, il sistema è oggi costituito da …

Leggi tutto »

L'ARCHIVIO DEL TERRORE

Intervista al Dr. Martìn Almada DI GIORGIO BONGIOVANNI Dietro la storia di un Paese vi sono spesso delle forze sovranazionali che intervenendo in dati momenti tendono a modificare la naturale evoluzione sia essa di natura politica o economica. Talvolta tali intromissioni sono sfociate in repressioni civili e genocidi di Stato come nel caso dell’America Latina durante gli anni ’70 – ’80 quando il Generale Pinochet era ancora Presidente del Cile. Oggi l’ex graduato deve rispondere di pesanti accuse. Contro di …

Leggi tutto »

COSI' NON E' PERO' PARE

DI ADRIANO SCIANCA In un bell’articolo di qualche anno fa , Charles Champetier individuava il nuovo volto del nemico in un triplice sistema di dominio composto da tecnica, mercato e spettacolo. Le figure tradizionali della contrapposizione politica, spiegava, Champetier, sono ormai obsolete; al giorno d’oggi il potere è esercitato da meccanismi impersonali che non vengono esercitati in momenti e luoghi simbolici, ma in ogni istante e dappertutto. Più che da una struttura di potere, il sistema è oggi costituito da …

Leggi tutto »

TSUNAMI: COME SALVARE I TERREMOTATI SENZA SPENDERE UN EURO

DI SEBASTIANO SCROFINA “Rinuncia alle feste” “Manda un SMS” “Fai una donazione” “Il ministro si dimetta”. Decido di spegnere la TV, inizia a confondermi. Come al solito le intenzioni sono ottime, ma – mi chiedo – come possiamo fare qualcosa di veramente significativo di fronte ad un’apocalisse così spaventosa ? Accendo il PC. I danni sono riassunti da cifre a nove zeri (di euro) e difficilmente i nostri piccoli contributi potranno far qualcosa di più che regalarci – per l’inizio …

Leggi tutto »

TSUNAMI: COME SALVARE I TERREMOTATI SENZA SPENDERE UN EURO

DI SEBASTIANO SCROFINA “Rinuncia alle feste” “Manda un SMS” “Fai una donazione” “Il ministro si dimetta”. Decido di spegnere la TV, inizia a confondermi. Come al solito le intenzioni sono ottime, ma – mi chiedo – come possiamo fare qualcosa di veramente significativo di fronte ad un’apocalisse così spaventosa ? Accendo il PC. I danni sono riassunti da cifre a nove zeri (di euro) e difficilmente i nostri piccoli contributi potranno far qualcosa di più che regalarci – per l’inizio …

Leggi tutto »

HOMO VIDENS

Intervista a Giovanni Sartori DI VICTOR M. AMELA   «La televisione è la catena a cui l’uomo moderno è legato dalla testa ai piedi. Chi ha le chiavi di questa catena è la moderna élite delle informazioni. Una élite che esiste solo per schiavizzare l’umanità con le immagini». Con questa fosca visione il filosofo tedesco Hans-Georg Gadamer ha riassunto i rischi che si nascondono dietro l’elettrodomestico che da alcuni decenni – in Italia da cinquant’anni precisi – è diventato parte …

Leggi tutto »

HOMO VIDENS

Intervista a Giovanni Sartori DI VICTOR M. AMELA   «La televisione è la catena a cui l’uomo moderno è legato dalla testa ai piedi. Chi ha le chiavi di questa catena è la moderna élite delle informazioni. Una élite che esiste solo per schiavizzare l’umanità con le immagini». Con questa fosca visione il filosofo tedesco Hans-Georg Gadamer ha riassunto i rischi che si nascondono dietro l’elettrodomestico che da alcuni decenni – in Italia da cinquant’anni precisi – è diventato parte …

Leggi tutto »

OPTOR, ARANCIONE A STELLE E STRISCE

Serbo di Novi Sad, è uno degli «istruttori» che ha allenato la piazza di Kiev contro il regime. Per idealità, dice, ma anche per soldi. I committenti? I governi Usa ed europei. E’ il «consigliere speciale» per l’Ucraina dell’American Freedom House. Accrediti professionali, Milosevic in galera all’Aja, Shevardnadze deposto in Georgia, e ora Yanukovic rovesciato. Tante trasferte e tanti «seminari sulla non violenza» tenuti da un ex colonnello della Cia, per lui e gli altri «trainer». Chi paga? DI ENNIO …

Leggi tutto »

OPTOR, ARANCIONE A STELLE E STRISCE

Serbo di Novi Sad, è uno degli «istruttori» che ha allenato la piazza di Kiev contro il regime. Per idealità, dice, ma anche per soldi. I committenti? I governi Usa ed europei. E’ il «consigliere speciale» per l’Ucraina dell’American Freedom House. Accrediti professionali, Milosevic in galera all’Aja, Shevardnadze deposto in Georgia, e ora Yanukovic rovesciato. Tante trasferte e tanti «seminari sulla non violenza» tenuti da un ex colonnello della Cia, per lui e gli altri «trainer». Chi paga? DI ENNIO …

Leggi tutto »

STRANE COINCIDENZE

Coincidenza o tragedia causata dalle multinazionali del petrolio ? DI ANDREW LIMBURG Non sostengo di essere un esperto di attività sismiche, ma ci sono stati una serie di eventi che hanno preceduto il terremoto di magnitudo 9,0 al largo delle coste di Sumatra, che non possono esser ignorati. Tutto questo potrebbe essere un’enorme coincidenza, ma ognuno deve guardare all’informazione e valutare autonomamente. Il 28 novembre, la Reuters riferì che nel breve arco di tre giorni 169 tra balene e delfini …

Leggi tutto »

STRANE COINCIDENZE

Coincidenza o tragedia causata dalle multinazionali del petrolio ? DI ANDREW LIMBURG Non sostengo di essere un esperto di attività sismiche, ma ci sono stati una serie di eventi che hanno preceduto il terremoto di magnitudo 9,0 al largo delle coste di Sumatra, che non possono esser ignorati. Tutto questo potrebbe essere un’enorme coincidenza, ma ognuno deve guardare all’informazione e valutare autonomamente. Il 28 novembre, la Reuters riferì che nel breve arco di tre giorni 169 tra balene e delfini …

Leggi tutto »

CONCORSO IPPICO

DI MARCO TRAVAGLIO Si è chiuso in Cassazione il processo Andreotti, dopo dieci anni di calvario. Calvario, ovviamente, per i magistrati di Palermo che, in ossequio alla Costituzione e al Codice penale, hanno doverosamente processato il senatore a vita. Ora è il momento delle scuse: ai magistrati di Palermo, s’intende, per l’onda anomala (o forse «normale») di calunnie e falsità che li ha travolti per dieci anni, fra i silenzi di chi doveva parlare e le panzane di chi doveva …

Leggi tutto »

CANDIDATURA A CAPO DEL GOVERNO

Al dott. Massimo Gramellini, premesso che l’attuale presidente del consiglio Silvio Berlusconi – non ha mai dato una ragionevole spiegazione sull’origine dei capitali con cui ha costruito interi quartieri alla periferia di Milano; – ha giurato il falso davanti ai giudici (reato coperto dall’amnistia del 1989); – è stato proprietario di un’azienda nella quale i suoi dipendenti sono stati condannati per avere pagato quattro tangenti alla guardia di Finanza (egli è stato invece assolto in Cassazione per mancanza di una …

Leggi tutto »

CANDIDATURA A CAPO DEL GOVERNO

Al dott. Massimo Gramellini, premesso che l’attuale presidente del consiglio Silvio Berlusconi – non ha mai dato una ragionevole spiegazione sull’origine dei capitali con cui ha costruito interi quartieri alla periferia di Milano; – ha giurato il falso davanti ai giudici (reato coperto dall’amnistia del 1989); – è stato proprietario di un’azienda nella quale i suoi dipendenti sono stati condannati per avere pagato quattro tangenti alla guardia di Finanza (egli è stato invece assolto in Cassazione per mancanza di una …

Leggi tutto »

ABOLIAMO IL DEBITO

DI ALEX ZANOTELLI Il maremoto nel Sud est asiatico è qualcosa di talmente immane che ci colpisce dritti al cuore. Ma non vorrei che questo dolore sparisse di colpo il giorno in cui riprenderemo i voli per andare a fare le nostre vacanze in quei paesi martoriati. Vorrei che questa tragedia costituisse invece un’occasione per riflettere sui poveri del Sud-est asiatico, che sono quelli che hanno pagato maggiormente il prezzo del disastro. In questo senso, ritengo necessario rilanciare la discussione …

Leggi tutto »

ABOLIAMO IL DEBITO

DI ALEX ZANOTELLI Il maremoto nel Sud est asiatico è qualcosa di talmente immane che ci colpisce dritti al cuore. Ma non vorrei che questo dolore sparisse di colpo il giorno in cui riprenderemo i voli per andare a fare le nostre vacanze in quei paesi martoriati. Vorrei che questa tragedia costituisse invece un’occasione per riflettere sui poveri del Sud-est asiatico, che sono quelli che hanno pagato maggiormente il prezzo del disastro. In questo senso, ritengo necessario rilanciare la discussione …

Leggi tutto »

VIA SPIRITO MALIGNO, ESCI DA QUESTO CORPO !

I coloni israeliani che si oppongono al ritiro Gaza hanno adottato come simbolo della protesta una stella di David arancione, in memoria della stella gialla che i nazisti imposero agli ebrei in Europa. Per loro, l’evacuazione degli insediamenti e’ equivalente alla Shoah, e’ una persecuzione degli ebrei e un tentativo di cancellarne l’identita’ nazionale. Un editoriale di Ha’aretz DI ZVI BAREL Un distintivo arancione? E perché no? Lasciamo pure che i coloni della Striscia di Gaza e della Cisgiordania indossino …

Leggi tutto »

VIA SPIRITO MALIGNO, ESCI DA QUESTO CORPO !

I coloni israeliani che si oppongono al ritiro Gaza hanno adottato come simbolo della protesta una stella di David arancione, in memoria della stella gialla che i nazisti imposero agli ebrei in Europa. Per loro, l’evacuazione degli insediamenti e’ equivalente alla Shoah, e’ una persecuzione degli ebrei e un tentativo di cancellarne l’identita’ nazionale. Un editoriale di Ha’aretz DI ZVI BAREL Un distintivo arancione? E perché no? Lasciamo pure che i coloni della Striscia di Gaza e della Cisgiordania indossino …

Leggi tutto »

DEBITO MORTALE

DI GALAPAGOS Il mondo finanziario ha il «pelo sullo stomaco» e riesce a affrontare con disinvoltura devastazioni epocali che riguardano la vita di ognuno di noi. Con una aggravante: i numeri sono grandi e tendono a crescere. I numeri, ovviamente, sono quelli dei morti e dei dispersi: per molti media solo cifre con le quali cercare di far aumentare le vendite. Diventa così curiosità sapere l’effetto del maremoto sul pil. Quanto crescerà di meno nell’area? Dello 0,5%, dell’1% o magari …

Leggi tutto »

DEBITO MORTALE

DI GALAPAGOS Il mondo finanziario ha il «pelo sullo stomaco» e riesce a affrontare con disinvoltura devastazioni epocali che riguardano la vita di ognuno di noi. Con una aggravante: i numeri sono grandi e tendono a crescere. I numeri, ovviamente, sono quelli dei morti e dei dispersi: per molti media solo cifre con le quali cercare di far aumentare le vendite. Diventa così curiosità sapere l’effetto del maremoto sul pil. Quanto crescerà di meno nell’area? Dello 0,5%, dell’1% o magari …

Leggi tutto »

UNA VERGOGNOSA RISPOSTA AL DISASTRO

Bush è troppo impegnato a uccidere Iracheni DI DAVE LINDORFF La notizia che il governo degli Stati Uniti ha offerto 10 miseri milioni di dollari in aiuti a quei paesi le cui coste sono state devastate dalle ondate di marea del più grande terremoto degli ultimi 40 anni dovrebbe essere ragione di imbarazzo nazionale. Il fatto che una nazione che può parlare con indifferenza dei propri deficit annuali di 400-500 miliardi di dollari, e che si propone di spendere un …

Leggi tutto »

UNA VERGOGNOSA RISPOSTA AL DISASTRO

Bush è troppo impegnato a uccidere Iracheni DI DAVE LINDORFF La notizia che il governo degli Stati Uniti ha offerto 10 miseri milioni di dollari in aiuti a quei paesi le cui coste sono state devastate dalle ondate di marea del più grande terremoto degli ultimi 40 anni dovrebbe essere ragione di imbarazzo nazionale. Il fatto che una nazione che può parlare con indifferenza dei propri deficit annuali di 400-500 miliardi di dollari, e che si propone di spendere un …

Leggi tutto »