Ultimi articoli

I MEDICI SONO LA TERZA CAUSA DI MORTE

DI BARBARA STARFIELD Prima ti ignorano, Poi ridono di te, Poi ti combattono, Poi vinci. Mahatma Gandhi Sommario di Kah Ying Choo Questo articolo del Journal of the American Medical Association fa luce sul fallimento del Sistema Sanitario Americano nel fornire una cura medica decente agli Americani. Nonostante i costi crescenti della sanità che forniscono l’illusione che la sanità migliori, il popolo americano non gode di buona salute, rispetto alle altre nazioni industrializzate. Fra tredici paesi compreso il Giappone, la …

Leggi tutto »

I MEDICI SONO LA TERZA CAUSA DI MORTE

DI BARBARA STARFIELD Prima ti ignorano, Poi ridono di te, Poi ti combattono, Poi vinci. Mahatma Gandhi Sommario di Kah Ying Choo Questo articolo del Journal of the American Medical Association fa luce sul fallimento del Sistema Sanitario Americano nel fornire una cura medica decente agli Americani. Nonostante i costi crescenti della sanità che forniscono l’illusione che la sanità migliori, il popolo americano non gode di buona salute, rispetto alle altre nazioni industrializzate. Fra tredici paesi compreso il Giappone, la …

Leggi tutto »

SANTA KLAUS

DI MARCO TRAVAGLIO Incerto se occuparsi dei processi Berlusconi e Dell’Utri, o se invece presentare il suo ultimo libro anche a Porta a Porta avendo esaurito gli altri programmi Rai, lunedì Bruno Vespa ha optato per un caso ben più serio che lacera la società contemporanea: le gemelle Lecciso. Erano con lui, in quell’ora grave, Barbara Palombelli e Paolo Crepet, che distillavano gli stessi alti concetti espressi di solito sul pigiama della mamma di Cogne. Poi, al posto del criminologo …

Leggi tutto »

SANTA KLAUS

DI MARCO TRAVAGLIO Incerto se occuparsi dei processi Berlusconi e Dell’Utri, o se invece presentare il suo ultimo libro anche a Porta a Porta avendo esaurito gli altri programmi Rai, lunedì Bruno Vespa ha optato per un caso ben più serio che lacera la società contemporanea: le gemelle Lecciso. Erano con lui, in quell’ora grave, Barbara Palombelli e Paolo Crepet, che distillavano gli stessi alti concetti espressi di solito sul pigiama della mamma di Cogne. Poi, al posto del criminologo …

Leggi tutto »

LA CINA: TEMERLA O AMARLA?

DI GIULIETTO CHIESA Parliamo di Cina, questa volta. Fino a cinque o sei anni fa era ai margini del mondo. Certo, grande, certo antica. Ma di lei, della Cina, allora si accorgevano soltanto i cittadini di Khabarovsk, o dell’Estremo Oriente russo. Semplicemente perché erano e sono invasi dai cinesi. Invasi come da una immensa ondata di popolo che attraversa pacificamente le frontiere e non c’è modo di fermarla. Anche perché, al momento, è un’ondata benefica, che porta denaro, sviluppo, benessere… …

Leggi tutto »

LETTERA APERTA A GEORGE BUSH

DI RALPH NADER Presidente George W. Bush The White House Washington, DC 20500 Caro Presidente Bush, Il 30 giugno 2004, vi ho scritto una lettera aperta che sollecitava la sua amministrazione ad includere, nel conto ufficiale degli incidenti degli Stati Uniti in Iraq: (1) le ferite riportate in situazioni di non-combattimento; (2) il personale militare che ha sviluppato malattie disabilitanti; e (3) i casi di trauma mentale che richiedono l’evacuazione dall’Iraq. Lei non mi ha risposto, né lo ha fatto …

Leggi tutto »

LA CINA: TEMERLA O AMARLA?

DI GIULIETTO CHIESA Parliamo di Cina, questa volta. Fino a cinque o sei anni fa era ai margini del mondo. Certo, grande, certo antica. Ma di lei, della Cina, allora si accorgevano soltanto i cittadini di Khabarovsk, o dell’Estremo Oriente russo. Semplicemente perché erano e sono invasi dai cinesi. Invasi come da una immensa ondata di popolo che attraversa pacificamente le frontiere e non c’è modo di fermarla. Anche perché, al momento, è un’ondata benefica, che porta denaro, sviluppo, benessere… …

Leggi tutto »

LETTERA APERTA A GEORGE BUSH

DI RALPH NADER Presidente George W. Bush The White House Washington, DC 20500 Caro Presidente Bush, Il 30 giugno 2004, vi ho scritto una lettera aperta che sollecitava la sua amministrazione ad includere, nel conto ufficiale degli incidenti degli Stati Uniti in Iraq: (1) le ferite riportate in situazioni di non-combattimento; (2) il personale militare che ha sviluppato malattie disabilitanti; e (3) i casi di trauma mentale che richiedono l’evacuazione dall’Iraq. Lei non mi ha risposto, né lo ha fatto …

Leggi tutto »

ASSALTO ALL'AMBIENTE

Dopo le elezioni l’amministrazione Bush studia la revisione delle leggi che proteggono l’ecosistema. DI ALESSANDRO URSIC Dopo essere stato rieletto con il più alto numero di voti popolari della storia, George W. Bush avrà mano libera per attuare la sua politica estera, nonché quella fiscale, senza doversi preoccupare più di tanto. E’ la conclusione a cui sono arrivati molti osservatori dopo il 2 novembre. Ma l’attivismo della seconda amministrazione Bush sembra concentrarsi soprattutto su un campo che in campagna elettorale …

Leggi tutto »

ASSALTO ALL'AMBIENTE

Dopo le elezioni l’amministrazione Bush studia la revisione delle leggi che proteggono l’ecosistema. DI ALESSANDRO URSIC Dopo essere stato rieletto con il più alto numero di voti popolari della storia, George W. Bush avrà mano libera per attuare la sua politica estera, nonché quella fiscale, senza doversi preoccupare più di tanto. E’ la conclusione a cui sono arrivati molti osservatori dopo il 2 novembre. Ma l’attivismo della seconda amministrazione Bush sembra concentrarsi soprattutto su un campo che in campagna elettorale …

Leggi tutto »

LASCIATEMI PARLARE DI MUMIA

DI SILVIA BARALDINI Oggi Mumia Abu Jamal inizia il suo ventiquattresimo anno di detenzione nel braccio della morte dell’istituto penale statale SCI Greene nello stato della Pennsylvania. Costruito nel 1996, SCI Greene è basato sul sistema dei pod, moduli che isolano totalmente i detenuti. Mumia vive in una cella di 8 piedi per 12 (2,5 metri per 3,7), ermeticamente sigillata, totalmente bianca ed asettica. Nessuna immagine, fotografia o ricordo può inquinare la asetticità dell’ambiente ed il letto, il tavolo ed …

Leggi tutto »

LASCIATEMI PARLARE DI MUMIA

DI SILVIA BARALDINI Oggi Mumia Abu Jamal inizia il suo ventiquattresimo anno di detenzione nel braccio della morte dell’istituto penale statale SCI Greene nello stato della Pennsylvania. Costruito nel 1996, SCI Greene è basato sul sistema dei pod, moduli che isolano totalmente i detenuti. Mumia vive in una cella di 8 piedi per 12 (2,5 metri per 3,7), ermeticamente sigillata, totalmente bianca ed asettica. Nessuna immagine, fotografia o ricordo può inquinare la asetticità dell’ambiente ed il letto, il tavolo ed …

Leggi tutto »

IL MERCATINO DEGLI IDEALI IN CRISI

DI MASSIMO FINI Solo in Italia, credo (e spero) le sorelle Lecciso possono diventare un caso e solo in Italia, credo (e spero) può andare avanti per giorni, riempiendo le pagine di tutti i giornali, una polemica condita con insulti e controinsulti, come quella nata sull’infelice battuta di Romano Prodi sui “mercenari” di Forza Italia. Invece di dare luogo alle solite “baruffe chiozzote” farebbero forse meglio a interrogarsi sull’esigenza che ha spinto Silvio Berlusconi, uomo pragmatico, a servirsi di mille …

Leggi tutto »

IL MERCATINO DEGLI IDEALI IN CRISI

DI MASSIMO FINI Solo in Italia, credo (e spero) le sorelle Lecciso possono diventare un caso e solo in Italia, credo (e spero) può andare avanti per giorni, riempiendo le pagine di tutti i giornali, una polemica condita con insulti e controinsulti, come quella nata sull’infelice battuta di Romano Prodi sui “mercenari” di Forza Italia. Invece di dare luogo alle solite “baruffe chiozzote” farebbero forse meglio a interrogarsi sull’esigenza che ha spinto Silvio Berlusconi, uomo pragmatico, a servirsi di mille …

Leggi tutto »

NON C'E' ALCUN DUBBIO CHE…

DI FRANCO CARDINI …sulla bontà delle intenzioni delle insegnanti della scuola elementare Ciardi di Treviso, quelle che hanno proposto di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica, un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto Rosso per non urtar la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani (pare circa il 15% della popolazione scolastica locale) e soprattutto, presumibilmente, delle loro famiglie. Tuttavia, ed è proprio il caso di dirlo, di buone intenzioni è lastricato l’Inferno. In …

Leggi tutto »

NON C'E' ALCUN DUBBIO CHE…

DI FRANCO CARDINI …sulla bontà delle intenzioni delle insegnanti della scuola elementare Ciardi di Treviso, quelle che hanno proposto di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica, un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto Rosso per non urtar la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani (pare circa il 15% della popolazione scolastica locale) e soprattutto, presumibilmente, delle loro famiglie. Tuttavia, ed è proprio il caso di dirlo, di buone intenzioni è lastricato l’Inferno. In …

Leggi tutto »

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, …

Leggi tutto »

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, …

Leggi tutto »

DIMENTICANDO PIAZZA TIENANMEN

DI MARCO BAZZATO La politica italiana ha la memoria corta o tende a ricordare i fatti in modo tale che se diventano scomodi, debbano essere rimossi dalla memoria collettiva. Nella recente visita del Presidente della Repubblica Italiana in Cina accompagnato da alcuni esponenti di governo ed industriali, il Presidente ha auspicato la rimozione della sanzioni sull’esportazioni delle armi che gravano sul paese orientale, istituite sull’onda dell’indignazione mondiale dopo che erano sorti i moti spontanei del 1989 da parte degli studenti …

Leggi tutto »

DIMENTICANDO PIAZZA TIENANMEN

DI MARCO BAZZATO La politica italiana ha la memoria corta o tende a ricordare i fatti in modo tale che se diventano scomodi, debbano essere rimossi dalla memoria collettiva. Nella recente visita del Presidente della Repubblica Italiana in Cina accompagnato da alcuni esponenti di governo ed industriali, il Presidente ha auspicato la rimozione della sanzioni sull’esportazioni delle armi che gravano sul paese orientale, istituite sull’onda dell’indignazione mondiale dopo che erano sorti i moti spontanei del 1989 da parte degli studenti …

Leggi tutto »

DOV'E' LA TUA CONFESSIONE POST ELETTORALE ?

Sarà mai più capace di riemergere il vero Michael Moore? DI RALPH NADER Caro Michael, Riemergerà mai più il vero Michael Moore, quello che sbatterebbe la porta in faccia al proprio teatro dell’assurdo? E’ stata una corsa alla presidenza selvaggia e pazzesca, non è vero, Michael? Settimane di discorsi di fronte a grandi audience universitarie a mescolare una pozione fatta di promozione per i propri libri e i propri film con un messaggio che più che farci ridere pareva alquanto …

Leggi tutto »

DOV'E' LA TUA CONFESSIONE POST ELETTORALE ?

Sarà mai più capace di riemergere il vero Michael Moore? DI RALPH NADER Caro Michael, Riemergerà mai più il vero Michael Moore, quello che sbatterebbe la porta in faccia al proprio teatro dell’assurdo? E’ stata una corsa alla presidenza selvaggia e pazzesca, non è vero, Michael? Settimane di discorsi di fronte a grandi audience universitarie a mescolare una pozione fatta di promozione per i propri libri e i propri film con un messaggio che più che farci ridere pareva alquanto …

Leggi tutto »

LA RIAPERTURA DELLA SCALA

DI IDA MAGLI E’ con grande dolore che vediamo come Riccardo Muti si sia piegato alla volontà cinicamente truffaldina dei politici. Tuttavia l’operazione compiuta con la scelta dell’opera di Salieri intitolata “Europa riconosciuta” è talmente abile che possiamo (anzi vogliamo) supporre che Muti non si sia reso conto del messaggio propagandistico incluso nell’esecuzione di quest’opera. Spieghiamo quale sia la truffa. Il compositore italiano Antonio Salieri nacque a Legnago in provincia di Verona nel 1750, suddito quindi dell’Impero Austriaco. Si trasferì …

Leggi tutto »

LA RIAPERTURA DELLA SCALA

DI IDA MAGLI E’ con grande dolore che vediamo come Riccardo Muti si sia piegato alla volontà cinicamente truffaldina dei politici. Tuttavia l’operazione compiuta con la scelta dell’opera di Salieri intitolata “Europa riconosciuta” è talmente abile che possiamo (anzi vogliamo) supporre che Muti non si sia reso conto del messaggio propagandistico incluso nell’esecuzione di quest’opera. Spieghiamo quale sia la truffa. Il compositore italiano Antonio Salieri nacque a Legnago in provincia di Verona nel 1750, suddito quindi dell’Impero Austriaco. Si trasferì …

Leggi tutto »

STATE CON L'ACQUA O CON I LADRI D'ACQUA ?

DI ALEX ZANOTELLI In certe occasioni occorre avere il coraggio di dire le cose come stanno, bisogna saper usare anche espressioni forti se è il caso. E questa volta è davvero il caso. L’umanità è di fronte ad un bivio, lo scrivo oggi su Liberazione e l’ho detto qualche mese fa ai parlamentari di Strasburgo: se non si cambierà rotta, il ricco occidente sarà artefice e complice di genocidio verso la popolazione povera del pianeta. A che cosa mi riferisco? …

Leggi tutto »

STATE CON L'ACQUA O CON I LADRI D'ACQUA ?

DI ALEX ZANOTELLI In certe occasioni occorre avere il coraggio di dire le cose come stanno, bisogna saper usare anche espressioni forti se è il caso. E questa volta è davvero il caso. L’umanità è di fronte ad un bivio, lo scrivo oggi su Liberazione e l’ho detto qualche mese fa ai parlamentari di Strasburgo: se non si cambierà rotta, il ricco occidente sarà artefice e complice di genocidio verso la popolazione povera del pianeta. A che cosa mi riferisco? …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »