Ultimi articoli

CONTESTUALIZZARE IL DISASTRO

Come può una persona capire la magnitudine, l’impatto e il contesto di un disastro che ha provocato più di 100.000 morti? Quasi come l’invasione dell’Iraq… Il recente maremoto in Asia fa sorgere più domande che risposte. Cosa sapevano gli Stati Uniti? E quando l’hanno saputo? La vicenda legata allo tsunami fa sorgere molti interrogativi. DI MICKEY Z Questo è un inizio: Qual è il contesto politico del disastro? I racconti sullo tsunami asiatico generalmente ignorano il cruciale background storico di …

Leggi tutto »

CONTESTUALIZZARE IL DISASTRO

Come può una persona capire la magnitudine, l’impatto e il contesto di un disastro che ha provocato più di 100.000 morti? Quasi come l’invasione dell’Iraq… Il recente maremoto in Asia fa sorgere più domande che risposte. Cosa sapevano gli Stati Uniti? E quando l’hanno saputo? La vicenda legata allo tsunami fa sorgere molti interrogativi. DI MICKEY Z Questo è un inizio: Qual è il contesto politico del disastro? I racconti sullo tsunami asiatico generalmente ignorano il cruciale background storico di …

Leggi tutto »

UNA VITA PER LA PACE

Intervista a Wangari Maathai, premio Nobel per la pace nel 2004 DI ALESSANDRO URSIC E PABLO TRINCIA Una vita spesa nella lotta per i diritti delle donne, la conservazione ambientale e la conquista della democrazia. Quasi trent’anni di sforzi, riconosciuti lo scorso ottobre con il Nobel “per il suo contributo allo sviluppo sostenibile, alla democrazia e alla pace”. Wangari Maathai, sessantaquattro anni, è la leader del Green Belt Movement, “movimento della cintura verde”: una comunità di oltre 100mila persone che …

Leggi tutto »

UNA VITA PER LA PACE

Intervista a Wangari Maathai, premio Nobel per la pace nel 2004 DI ALESSANDRO URSIC E PABLO TRINCIA Una vita spesa nella lotta per i diritti delle donne, la conservazione ambientale e la conquista della democrazia. Quasi trent’anni di sforzi, riconosciuti lo scorso ottobre con il Nobel “per il suo contributo allo sviluppo sostenibile, alla democrazia e alla pace”. Wangari Maathai, sessantaquattro anni, è la leader del Green Belt Movement, “movimento della cintura verde”: una comunità di oltre 100mila persone che …

Leggi tutto »

LA TURCHIA IN EUROPA ?

È un paese europeo, la Turchia? È plausibile annetterla pertanto nel novero degli aderenti all’Unione Europea? La questione si organizza a tre differenti livelli: etnografico, storico e politico. Esaminiamoli brevemente… DI FRANCO CARDINI Le polemiche, nella vita politica di un paese libero, sono necessarie e salutari. A patto di mantenersi su un piano di correttezza e di dignità, di onestà e di rispetto dei dati di fatto. Altrimenti scadono nella mistificazione e nella demagogia. È un paese europeo, la Turchia? …

Leggi tutto »

LA TURCHIA IN EUROPA ?

È un paese europeo, la Turchia? È plausibile annetterla pertanto nel novero degli aderenti all’Unione Europea? La questione si organizza a tre differenti livelli: etnografico, storico e politico. Esaminiamoli brevemente… DI FRANCO CARDINI Le polemiche, nella vita politica di un paese libero, sono necessarie e salutari. A patto di mantenersi su un piano di correttezza e di dignità, di onestà e di rispetto dei dati di fatto. Altrimenti scadono nella mistificazione e nella demagogia. È un paese europeo, la Turchia? …

Leggi tutto »

OLTRE LO TZUNAMI

DI MARCO BAZZATO La tragedia del 26 dicembre, sta mostrando ogni giorno di più tutto il suo carico di morte e distruzione, accendendo i riflettori su una delle zone più povere del mondo, portando alla ribalta l’atroce realtà i più di centomila morti, ben lungi da essere la cifra finale. I media continueranno a dare risalto alla tragedia, almeno finché tutti i cinquemila connazionali saranno rientrati dal Paradiso dei ricchi, divenuto in Inferno per tutti. I nostri rientrano in Italia …

Leggi tutto »

OLTRE LO TZUNAMI

DI MARCO BAZZATO La tragedia del 26 dicembre, sta mostrando ogni giorno di più tutto il suo carico di morte e distruzione, accendendo i riflettori su una delle zone più povere del mondo, portando alla ribalta l’atroce realtà i più di centomila morti, ben lungi da essere la cifra finale. I media continueranno a dare risalto alla tragedia, almeno finché tutti i cinquemila connazionali saranno rientrati dal Paradiso dei ricchi, divenuto in Inferno per tutti. I nostri rientrano in Italia …

Leggi tutto »

SUPERAMANDA, OVVERO ECHELON ALL' ITALIANA

DI PIERLUIGI TOLARDO Telecom Italia è pronta a creare un centro di ascolto nazionale per telefonate, Sms ed e-mail; è solo la mancata approvazione della legge di riforma sui servizi segreti che la blocca. Telecom Italia ha messo a punto uno dei sistemi più sofisticati di intercettazione telefonica ed elettronica, e lo ha recentemente messo a disposizione di tutte le Procure della Repubblica con un'offerta commerciale ad hoc. Si chiamerebbe “SuperAmanda” il centro di ascolto realizzato da Telecom Italia in …

Leggi tutto »

SUPERAMANDA, OVVERO ECHELON ALL' ITALIANA

DI PIERLUIGI TOLARDO Telecom Italia è pronta a creare un centro di ascolto nazionale per telefonate, Sms ed e-mail; è solo la mancata approvazione della legge di riforma sui servizi segreti che la blocca. Telecom Italia ha messo a punto uno dei sistemi più sofisticati di intercettazione telefonica ed elettronica, e lo ha recentemente messo a disposizione di tutte le Procure della Repubblica con un'offerta commerciale ad hoc. Si chiamerebbe “SuperAmanda” il centro di ascolto realizzato da Telecom Italia in …

Leggi tutto »

UCRAINA: UNA SCONFITTA CHE BRUCIA

DI GIULIETTO CHIESA Vladimir Putin è molto arrabbiato. Sarà utile che Washington e Bruxelles non sottovalutino questo dato. Il pragmatismo del leader russo ha un limite, e questo limite è stato raggiunto. Forse non ancora superato, ma sicuramente raggiunto. L’Ucraina non è archiviata. La sconfitta di Mosca era ormai inevitabile, ma non tutte le sconfitte danno luogo alla pacificazione tra i contendenti. Janukovic era battuto ancor prima dell’ultimo ballottaggio, ma non era un bluff, come dimostra il 43,77% che ha …

Leggi tutto »

UCRAINA: UNA SCONFITTA CHE BRUCIA

DI GIULIETTO CHIESA Vladimir Putin è molto arrabbiato. Sarà utile che Washington e Bruxelles non sottovalutino questo dato. Il pragmatismo del leader russo ha un limite, e questo limite è stato raggiunto. Forse non ancora superato, ma sicuramente raggiunto. L’Ucraina non è archiviata. La sconfitta di Mosca era ormai inevitabile, ma non tutte le sconfitte danno luogo alla pacificazione tra i contendenti. Janukovic era battuto ancor prima dell’ultimo ballottaggio, ma non era un bluff, come dimostra il 43,77% che ha …

Leggi tutto »

SIAMO NIENTE

DI MASSIMO FINI La tragedia del Sud est asiatico, la potenza immane, e anche affascinante, confessiamolo, dello Tsunami, le decine di migliaia di vittime non saranno state, forse, invano se ci aiuteranno a riflettere sulla nostra fragilità. Questa volta l’uomo non c’entra, non ci sono responsabilità di governi, di amministrazioni o di popolazioni, è la Natura, indifferente, che si è mossa un poco, che ha dato appena uno scrollone. Da troppo tempo, in preda ad un ubris sempre più incontenibile, …

Leggi tutto »

SIAMO NIENTE

DI MASSIMO FINI La tragedia del Sud est asiatico, la potenza immane, e anche affascinante, confessiamolo, dello Tsunami, le decine di migliaia di vittime non saranno state, forse, invano se ci aiuteranno a riflettere sulla nostra fragilità. Questa volta l’uomo non c’entra, non ci sono responsabilità di governi, di amministrazioni o di popolazioni, è la Natura, indifferente, che si è mossa un poco, che ha dato appena uno scrollone. Da troppo tempo, in preda ad un ubris sempre più incontenibile, …

Leggi tutto »

SCHUMACHER E L'ECONOMIA DELLA SOPRAVVIVENZA

DI KIRKPATRICK SALE FRITZ SCHUMACHER era, tendiamo a dimenticarlo, un uomo veramente radicale. Era così affascinante e pacato come persona, e così fluido e diretto nella scrittura, che la maggior parte delle persone non hanno capito quanto lungimirante è stato il nocciolo delle sue politiche e i suoi programmi. La sua era una visione che andava molto al di là della mera tecnologia intermedia e della conservazione, e della proprietà dei lavoratori, – infatti la parte più importante di questa …

Leggi tutto »

SCHUMACHER E L'ECONOMIA DELLA SOPRAVVIVENZA

DI KIRKPATRICK SALE FRITZ SCHUMACHER era, tendiamo a dimenticarlo, un uomo veramente radicale. Era così affascinante e pacato come persona, e così fluido e diretto nella scrittura, che la maggior parte delle persone non hanno capito quanto lungimirante è stato il nocciolo delle sue politiche e i suoi programmi. La sua era una visione che andava molto al di là della mera tecnologia intermedia e della conservazione, e della proprietà dei lavoratori, – infatti la parte più importante di questa …

Leggi tutto »

TI RICORDI WOUNDED KNEE ?

Il 29 dicembre 1890 centinaia di lakota minneconjou furono massacrati dall’esercito Usa. Nella memoria dei nativi questo luogo è il simbolo della resistenza DI DANIELE BARBIERI E MILENA PATUELLI «Con il massacro di Wounded Knee, il 29 dicembre 1890 contro i lakota minneconjou, l’esercito degli Usa fa il suo ingresso nel moderno sistema di guerra, impiegando un’arma automatica (la Gatlin) contro un gruppo di persone considerate ostili, ribelli secondo l’odierna terminologia di George Bush. Oggi l’omologo di quell’arma è montata …

Leggi tutto »

TI RICORDI WOUNDED KNEE ?

Il 29 dicembre 1890 centinaia di lakota minneconjou furono massacrati dall’esercito Usa. Nella memoria dei nativi questo luogo è il simbolo della resistenza DI DANIELE BARBIERI E MILENA PATUELLI «Con il massacro di Wounded Knee, il 29 dicembre 1890 contro i lakota minneconjou, l’esercito degli Usa fa il suo ingresso nel moderno sistema di guerra, impiegando un’arma automatica (la Gatlin) contro un gruppo di persone considerate ostili, ribelli secondo l’odierna terminologia di George Bush. Oggi l’omologo di quell’arma è montata …

Leggi tutto »

LA NATURA INUMANA

“1. Che rispetto abbiamo della natura noi, uomini della tecnica che la visualizziamo solo come materia prima?; 2. Che rispetto abbiamo degli altri uomini, e che soccorso diamo a loro noi, ricchi della terra, che ammiriamo la loro natura nel passatempo delle nostre vacanze?” DI UMBERTO GALIMBERTI Abbiamo chiamato “madre” la natura nel tentativo di propiziarcela e abbiamo dimenticato che la natura è semplicemente indifferente alle vicende umane. Come dice il Tao Te Ching al capitolo quinto: “Il cielo e …

Leggi tutto »

LA NATURA INUMANA

“1. Che rispetto abbiamo della natura noi, uomini della tecnica che la visualizziamo solo come materia prima?; 2. Che rispetto abbiamo degli altri uomini, e che soccorso diamo a loro noi, ricchi della terra, che ammiriamo la loro natura nel passatempo delle nostre vacanze?” DI UMBERTO GALIMBERTI Abbiamo chiamato “madre” la natura nel tentativo di propiziarcela e abbiamo dimenticato che la natura è semplicemente indifferente alle vicende umane. Come dice il Tao Te Ching al capitolo quinto: “Il cielo e …

Leggi tutto »

KARMABANQUE…E' TEMPO DI COLPIRE COCA-COLA

Coca cola, Microsoft, Citigroup, Dreamworks animation, Boeing… la prestigiosa rivista inglese “The Ecologist” spiega come e perchè boicottarle. Una strategia a lungo termine contro le grandi multinazionali che prevede in diversi casi anche di aspettare il momento migliore prima di agire. Motivi per boicottare Coca Cola Avere cura della tua salute: – Una lattina di Coca Cola contiene l’intera dose giornaliera raccomandata di calorie ricavabili da zucchero (equivalente a dieci cucchiaini da the ) – In India, alcuni test hanno …

Leggi tutto »

CONDOLEEZZA RICE

DI LEA MELANDRI Dietro la nomina di Condoleezza Rice a Segretario di Stato negli Usa, si è tentati di vedere il riscatto da una duplice o triplice emarginazione: Condoleezza è donna, è nera, e viene da una modesta classe sociale. Inoltre, è nata e cresciuta in quel “profondo Sud” dell’America, l’Alabama, che gli intellettuali, i liberal, hanno sempre snobbato e guardato con diffidenza. Nella sua parabola di “ragazza prodigio”, che passa dall’esperienza della segregazione razziale a una delle cariche di …

Leggi tutto »

KARMABANQUE…E' TEMPO DI COLPIRE COCA-COLA

Coca cola, Microsoft, Citigroup, Dreamworks animation, Boeing… la prestigiosa rivista inglese “The Ecologist” spiega come e perchè boicottarle. Una strategia a lungo termine contro le grandi multinazionali che prevede in diversi casi anche di aspettare il momento migliore prima di agire. Motivi per boicottare Coca Cola Avere cura della tua salute: – Una lattina di Coca Cola contiene l’intera dose giornaliera raccomandata di calorie ricavabili da zucchero (equivalente a dieci cucchiaini da the ) – In India, alcuni test hanno …

Leggi tutto »

CONDOLEEZZA RICE

DI LEA MELANDRI Dietro la nomina di Condoleezza Rice a Segretario di Stato negli Usa, si è tentati di vedere il riscatto da una duplice o triplice emarginazione: Condoleezza è donna, è nera, e viene da una modesta classe sociale. Inoltre, è nata e cresciuta in quel “profondo Sud” dell’America, l’Alabama, che gli intellettuali, i liberal, hanno sempre snobbato e guardato con diffidenza. Nella sua parabola di “ragazza prodigio”, che passa dall’esperienza della segregazione razziale a una delle cariche di …

Leggi tutto »

SOSPIRO OCEANICO

Il risveglio del 26 dicembre 2004, sarà ricordato negli annali della storia umana come uno dei giorni in cui la Terra ha emesso un rantolo affannoso, travolgendo il mare e la terra con l’ansimo del suo respiro asmatico. Il Paradiso per l’uomo occidentale, trasformato nel volgere di poche ore nell’Inferno Dantesco di caos, distruzione e morte, portando all’eguaglianza turisti e miseria costante nella mancanza d’infrastrutture sociali e sanitarie d’una parte del mondo che decora depliant dei pacchetti turistici. Il pianeta …

Leggi tutto »

SOSPIRO OCEANICO

Il risveglio del 26 dicembre 2004, sarà ricordato negli annali della storia umana come uno dei giorni in cui la Terra ha emesso un rantolo affannoso, travolgendo il mare e la terra con l’ansimo del suo respiro asmatico. Il Paradiso per l’uomo occidentale, trasformato nel volgere di poche ore nell’Inferno Dantesco di caos, distruzione e morte, portando all’eguaglianza turisti e miseria costante nella mancanza d’infrastrutture sociali e sanitarie d’una parte del mondo che decora depliant dei pacchetti turistici. Il pianeta …

Leggi tutto »

A PARIGI VAL BENE UNA COZZA

DI MARCO TRAVAGLIO Sul Corriere della sera, da un po’ di tempo, è (era?) vietato nominare Eugenio Scalfari. Previti e Dell’Utri, la Fallaci e le Lecciso, persino Vespa sì. Scalfari no. Ordini superiori. Dev’essere per questo che ci scrivono tanti «liberali». Sono, costoro, una categoria curiosa. Vivono sotto il governo che, quotidianamente, più calpesta, maciulla e irride i principi del liberalismo, ma loro, i «liberali», parlano d’altro. Nell’ultima settimana, mentre in America un ministro si dimetteva perchè non pagava i …

Leggi tutto »

A PARIGI VAL BENE UNA COZZA

DI MARCO TRAVAGLIO Sul Corriere della sera, da un po’ di tempo, è (era?) vietato nominare Eugenio Scalfari. Previti e Dell’Utri, la Fallaci e le Lecciso, persino Vespa sì. Scalfari no. Ordini superiori. Dev’essere per questo che ci scrivono tanti «liberali». Sono, costoro, una categoria curiosa. Vivono sotto il governo che, quotidianamente, più calpesta, maciulla e irride i principi del liberalismo, ma loro, i «liberali», parlano d’altro. Nell’ultima settimana, mentre in America un ministro si dimetteva perchè non pagava i …

Leggi tutto »

LO SCANDALO ''OIL FOR FOOD'' E' UNA CINICA CORTINA FUMOGENA

DI SCOTT RITTER   I senatori degli Stati Uniti, guidati dal repubblicano Norm Coleman, hanno lanciato una sorta di crociata, cercando di “presentare” il programma Oil For Food applicato dalle Nazioni Unite dal 1996 al 2003 come il più grande scandalo nella storia di questa istituzione. Ma questo postulato non è niente più di un’ipocrita sciarada, ideata per spostare l’attenzione dalla disfatta del pantano creato del presidente Bush stesso in Irak, e per legittimare l’invasione dell’Irak utilizzando come scusa la …

Leggi tutto »

LO SCANDALO ''OIL FOR FOOD'' E' UNA CINICA CORTINA FUMOGENA

DI SCOTT RITTER   I senatori degli Stati Uniti, guidati dal repubblicano Norm Coleman, hanno lanciato una sorta di crociata, cercando di “presentare” il programma Oil For Food applicato dalle Nazioni Unite dal 1996 al 2003 come il più grande scandalo nella storia di questa istituzione. Ma questo postulato non è niente più di un’ipocrita sciarada, ideata per spostare l’attenzione dalla disfatta del pantano creato del presidente Bush stesso in Irak, e per legittimare l’invasione dell’Irak utilizzando come scusa la …

Leggi tutto »