Home / ComeDonChisciotte / IMPRENDITORI, SIATE FRANCESI, NON SOLO SFIGATI

IMPRENDITORI, SIATE FRANCESI, NON SOLO SFIGATI

PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Imprenditori e dipendenti italiani, ma quanta sfiga avete?
Veramente piange il cuore per voi, e non sto scherzando. Non c’è da scherzare
in sta tragedia.

A parte il fatto che avete a rappresentarvi dei fenomeni
come Peotta, Squinzi, o Camusso e Rinaldini assortiti (nei corridoi della BCE
continuano a chiedersi “ma con leader
così, chi mai aveva bisogno di Monti per suicidare l’italia?
”). Lasciamo
perdere.

La cosa straziante è che mentre qui da noi i tromboni delle
Austerità tengono la scena insistendo che i tagli alla spesa pubblica sono La
Via Unta dal Signore per il risanamento del Paese in recessione (tradotto: il
campo in siccità si salva drenandogli anche la rugiada del mattino, mica mai
irrigarlo!), in Francia il governo del sig. Hollande, proprio quell’Hollande
del “Bravo Monti!”, fa il contrario.
E cosa fa?

Bé, apre i rubinetti di Stato sul campo delle aziende
francesi a secco, e le irriga con 20 miliardi di euro di ossigeno. Tradotto: crediti
d’imposta alle aziende per 20 miliardi in 3 anni. Ri-tradotto: 300.000 nuovi
posti di lavoro stimati. Ma di più!

Il governo di Jean-Marc Ayrault era sotto pressione da parte
della lobby dei grandi industriali francesi dell’export per tagliare il costo
del lavoro in busta paga. Cioè: far pagare come sempre ai dipendenti l’ossigeno
per le aziende. E invece no! Ayrault ha rispolverato prima Keynes, poi Kalecki,
poi Warren Mosler, e invece di togliere il pane agli operai ha aumentato la
spesa pubblica di Stato con l’idea – proprio Mosleriana – di offrire alle
aziende i crediti d’imposta (lo Stato incasserà meno tasse, ergo il deficit
sale). Cioè: stesso risultato per il datore di lavoro (tagli del 6% sul costo
del lavoro, i più alti tagli d’Europa) ma nessuna penalizzazione per i
dipendenti. Ma di più, imprenditori! (e non sto scherzando, non è uno di quei
pezzi che finisce con “poi mi sono
svegliato ed era tutto un sogno
”)

I crediti d’imposta sono offerti a tutte le aziende francesi,
non solo ai big dell’export, e sono fruibili
però solo dalle imprese che li useranno per creare occupazione e per investire
in produzione
. Vietato sfruttarli per scommettere in finanza. Madonna! Ma
questo è Minsky! è la ME-MMT!

Vero è, e per serietà lo devo scrivere, che Ayrault ha però
detto che quei 20 miliardi regalati saranno ripresi dallo Stato con tagli alla
spesa pubblica e con un aumento IVA, ma…

… ma questo prelievo accadrà, e con un ‘forse’ lasciato intendere da Ayrault,
fra 3 anni, e poi si consideri che l’IVA francese è molto al di sotto della
nostra. Nel mezzo ci sono 3 anni cruciali per le aziende francesi, durante i
quali, come scritto sopra, dovranno usare questo regalo per creare occupazione
e produzione di beni e servizi per i francesi. Questo significa un volano per
l’economia straordinario, una cosa che qui da noi quell’incapace di Passera e
quell’economista da circo Barnum che è il criminale Monti non faranno mai.

La Francia oggi, alla faccia delle Austerità, fa una cosa controcorrente,
e riafferma che almeno lei ancora uno straccio di sovranità l’ha mantenuta,
alla faccia di Maastricht, dell’Eurozona e del Patto di Stabilità. La mossa di
Ayrault non è certo neppure vicina a ciò che un’economia sana dovrebbe fare
oggi in Europa, ma è qualcosa, Cristo!

Poi fra 3 anni, quando le imprese francesi saranno al lavoro
e quelle italiane all’obitorio, i tromboni criminali delle Austerità italiane rimetteranno
gli occhiali da professori, la pettinatura da primari, e vi diranno che la
colpa è vostra, imprenditori, che non sapete lavorare, mentre i francesi sì. Sì
stocazzo! E quello che sarà peggio è che i vostri leader, cari imprenditori,
gli daranno ragione! Svegliatevi, abbiate dignità! Siate qualcuno! Fate
qualcosa! Siate francesi, non solo sfigati!

Paolo Barnard
Fonte: http://paolobarnard.info
Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=485
6.11.2012

Pubblicato da Davide

  • Ercole

    Evviva il nazionalismo del signor barnard finalmente sei uscito allo scoperto ,vecchia talpa non e piu un problema di sistema ,ma di concorrenza fra sfruttati,non cadiamo in queste trappole ,denunciamo i servi del capitale ,e i sedicenti riformisti ,vero cancro da estirpare ,per tutti coloro a cui sta a cuore la lotta di classe.

  • Notturno

    Il discorso di Barnad e’ cosi’ evidente e clamoroso che avevo commessom l’errore di credere che il rispetto di se’ ed un residuo pudore avrebbero impedito i soliti attacchi vaneggianti dei soliti depistatori.
    Mi sbagliavo.

  • aNOnymo

    Ma cos’e’ tutto questo sensazionalismo alla Giucas Casella?
    Non mi sembra che abbiano STAMPATO moneta per finanziare la spesa pubblica, anzi hanno aumentato l’IVA e tagliato la spesa. Non hanno aperto i rubinetti ma hanno usato acqua stagnante spostata da un recipiente ad un altro. Quindi?
    Alle aziende che sono in difficolta perche non sanno come pagare i lavoratori, che registrano un abbassamento dei consumi, che si trovano con un’ offerta ben al di sopra rispetto alla domanda, che hanno costi di produzione maggiori rispetto ai ricavi di vendita, a tutte queste aziende, che poi sono la maggior parte delle aziende, non e’ stato dato alcun beneficio.
    E allora?
    Il concetto e’ se crei lavoro ti faccio pagare meno tasse, ma come posso creare lavoro se non c’e’ domanda?
    Ora a me invece sembra che sia stato appositamente creato uno STERILE incentivo per le aziende in modo da poter giustificare l’aumento dell’IVA ed il taglio della spesa pubblica.
    Il governo sa’ che l’aumento dell’ occupazione dipende soprattutto dalla capacita’ di stimolare la domanda e la domanda la si puo’ stimolare aumentando il reddito disponibile dei “consumatori”, il quale puo’ essere aumentato anche attraverso una diminuzione delle tasse, ma per i CITTADINI(consumatori) e non per le ipotetiche aziende che casomai decidessero di assumere operai.
    Questo decreto non aiuta le aziende in difficolta’!!!!

  • Giancarlo54

    Cosa vuoi farci? C’è gente a cui piace avere il cetriolone in quel posto e piuttosto che farselo togliere preferisce vaneggiare di improbabili rivoluzioni mondiali.

  • mikaela
  • aNOnymo

    Ciao scusami ma perche’ comprare una pagina di carta straccia sul Corriere della Sera che il giorno dopo nessuno si ricordera’,piuttosto che comprare spazio su internet? Con lo stesso esborso si avrebbe sicuramente molta piu’ visibilita’. Poi, osservando il sito di Barnard mi chiedevo perche’ non pubblicasse i movimenti del conto corrente, magari formato pdf, dato che il conto viene esclusivamente utilizzato per il MMT. E’ una semplice domanda senza vena polemica. Ciao

  • Zret

    Barnard for dummies…

  • RicBo

    La mossa di Ayrault non è certo neppure vicina a ciò che un’economia sana dovrebbe fare oggi in Europa..

    E allora perchè parlarne? A cosa si deve aggrappare questa persona per sopravvivere..

  • Mondart

    BARNARD parbleu, quando avevi scritto il pezzo “Sono stato a puttane” mi sembrava che tu avessi capito tutto: tornare ad una civiltà di stampo MATRIARCALE risolverebbe ogni problema dell’ attuale umana odissea. Sparirebbe il tragico errore di fondare una civiltà sul solo dare/avere, sul solo rapporto di tipo economicista … E giustamenti concludevi ( io l’ ho letto in metafora ) che se le donne la dessero di più, noi non dovremmo comprarla: splendida sintetizzazione del concetto di “civiltà del dono”.

    La MMT potrebbe in effetti essere un grandissimo volano per l’ introduzione di tale tipo di civiltà ( che comporta per sua stessa essenza l’ adozione di una CIVILTA’ DEL DONO vs la CIVILTA’ DEL POSSESSO ), che potrebbe portare all’ abbandono definitivo dello schema patriarcale-economicistico: l’ Eros liberato ( nella sua accezione stavolta più alta e universale di “impulso alla vita” ) sublimerebbe spontaneamente in LAVORO PRODUTTIVO NON ALIENANTE e in CREATIVITA’ ( ad ogni livello: sociale, di pensiero, di rapporti ). La MMT potrebbe effettivamente fornire il necessario sostrato pratico a tale idea, neanche tanto folle.

    Non capisco perchè, avendo già messo a segno due goal, ti incaponisci a mandare la palla contro il palo con la terza palla: tutto questo non può essere conseguito anche in ambito Europeo ( come tanto piacerebbe agli ingegneri di tutto l’ ambaradàn ?? ) … Perchè focalizzarsi su un recupero “italico” non solo altamente improbabile, ma che non apporterebbe una cippa a tale “svolta” davvero decisiva ??? … n’ est-ce pas ?

  • siletti86

    Che ci volete fare: in Francia hanno Ayrault… noi Airaudo. E ho detto tutto!

  • siletti86

    Vaglielo a dire ai cinesi, agli indiani o ai brasiliani se vogliono vivere in un mondo nel quale “siamo tutti uguali”… poi ne riparliamo.

  • Ercole

    caro siletti infatti sono gia tutti uguali ,tutti sfruttati allo stesso modo come in tutto il mondo, anche da sfruttatori italioti.

  • mincuo

    Madonna! Ma questo è Minsky! è la ME-MMT!
    aNOnymo ha scritto un commento sensato, sulla realtà di questi crediti d’imposta, e dicendo solo una parte di verità. 1388 parole. Ho contato.
    E il Guru uno slogan ebete. Ma di 8 parole. Morale: aNOnymo non può vincere.

  • greiskelly

    Mincuo hai sbagliato.
    Ho contato. Le parole del commento di aNonymo sono 122. I caratteri, con spazi inclusi, sono 1388.
    aNonymo può ancora farcela, ma tu no. 🙂

  • Jor-el

    Forse non hai letto con attenzione. Barnard non sostiene l’Italia contro la Francia, fa soltanto rilevare che, volendo, un governo potrebbe prendere provvedimenti anti- austerità, nonostante il fiscal compact e la supposta volontà dei “mercati”. I crediti d’imposta, infatti, non sono altro che una forma di moneta che lo stato investe nella produzione.

  • Jor-el

    Potresti aver ragione. Resta però il fatto che si tratta di un intervento anticiclico, il primo e, finora, l’unico in ambito europeo nel quadro della crisi dei debito; anche se poi quello che gli hanno dato con una mano, si propongono di toglierglielo con l’altra (aumento IVA). E’ il concetto che è importante: non è vero che che “non ci sono alternative”, qualche strumento economico esiste ancora, a volerlo usare. Dipende dalla volontà politica di un governo e dalla determinazione dei cittadini ad esigere una svolta. Certo, il governo Hollande è forse anche peggio del nostro Monti (come ha ripetuto spesso Parguez al summit MMT del mese scorso), ma le contraddizioni bisogna renderle pubbliche ed evidenti.

  • Ercole

    per fare questo bisogna ,abolire il sistema dei capitali,non esiste una terza via , non puo esistere il capitalismo dal volto umano ,ripartire meglio la ricchezza ecc…ecc,..queste sono teorie premarxiste e neo riformiste,si rischia di parlare del sesso degli angeli..