Home / Notizie dall’Europa

Notizie dall’Europa

Perchè la Francia nasconde una cura sperimentata e poco costosa per il Covid-19?

DI PEPE ESCOBAR asiatimes.com Quello che sta succedendo nella quinta economia del mondo fa capire che, probabilmente, sta per scoppiare un grande scandalo sul modo in cui il governo francese sta aiutando Big Pharma a trarre profitto dalla diffusione del Covid-19. I cittadini francesi al corrente della cosa ne sono assolutamente furiosi. La mia domanda iniziale ad una seria e inattaccabile fonte parigina, la giurista Valerie Bugault, riguardava le pericolose connessioni fra il Macronismo e Big Pharma e, in particolare, …

Leggi tutto »

Campo di battaglia: Draghi, Consiglio Europeo, Coronavirus. Cronache del crollo.

DI  ALESSANDRO VISALLI tempofertile.blogspot.com   Il Governo italiano ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio Europeo che si riunisce oggi, sottoscritta da Emmanuel Macron (Francia), Pedro Sanchez (Spagna), Sophie Wilmes (Belgio), Kyriakos Mitsotakis (Grecia), Leo Varadkar (Irlanda), Xavier Bettel (Lussemburgo), Antonio Costa (Portogallo), Janez Jansa (Slovenia). Si parla di quasi la metà degli stati dell’eurozona (9 su 19), per un totale di 212 milioni di abitanti (64% dell’area) e 7.800 mila miliardi di Pil (il 57% di quello dell’eurozona). …

Leggi tutto »

In mano a dittatori stupidi e crudeli

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it La BCE  “stampa” e ce n’è anche per l’Italia, volendo. Ma il nostro governo piddino preferisce avere i miliardi attraverso il MES, detto Fondo Salva Stati. Come mai? Lo ha spiegato chiaramente l’economista tedesco Clemens Fuest, dell’IFO: “Bene l’intervento della BCE ma, passando dal MES, si ottengono quelle condizionalità che garantirebbero i tedeschi.”  Citato da Giuseppe Liturri) https://startmag.it/economia/verita-e-bugie-su-mes-bce-e-patto-di-stabilita-frantumato/… via @StartMagNews Detto altrimenti: Gualtieri, per abietta servilità,  vuole ottenere i miliardi che servono per salvare la nostra base …

Leggi tutto »

Sconfitta dalla Covid-19? La più grande esercitazione di guerra della NATO “Defender 2020” è a rischio per uno starnuto

FONTE: RT.COM La NATO si stava preparando a mettere in scena la sua più grande esercitazione militare da decenni, quando si è imbattuta in un nemico che apparentemente non era pronta ad affrontare: il coronavirus. Ora, l’esercitazione è in pericolo, mentre il suo vero scopo è reso manifesto. Un’esercitazione su larga scala con il nome roboante “Defender Europe 2020” sarebbe dovuta diventare la più grande dell’Alleanza in un quarto di secolo. Erano previste fino a 20.000 truppe statunitensi, insieme ad …

Leggi tutto »

La Corte costituzionale tedesca deciderà il futuro di euro e UE il 5 maggio

di Antonio Di Siena La notizia sta passando sotto silenzio praticamente in tutta Europa (specialmente in Italia) per questo parlarne è di fondamentale importanza. Il 5 maggio la Corte Costituzionale tedesca si pronuncerà definitivamente sulla compatibilità del quantitative easing dell’era Mario Draghi con i principi fondamentali dello stato tedesco. Una sentenza già prevista per il 24 marzo e rinviata (con molte resistenze) solo a causa dell’emergenza coronavirus a cui i tedeschi tengono molto e che potrebbe decidere una volta per …

Leggi tutto »

CORONAVIRUS UK/ L’errore di Boris Johnson: prevedere 300mila morti per risparmiare sul Pil

DI TOMMASO GABRIELI ilsussidiario.net LONDRA – “È l’economia, stupido”. Lo slogan coniato da James Carville, grande stratega del Partito democratico, che sintetizza la strategia vincente del candidato presidenziale Clinton nel 1992, è diventato una delle pietre miliari del linguaggio politico. Ma questa volta è proprio da stupidi partire dall’economia. Tradotto in italiano su Tempi, un ottimo articolo di Giorgio Gilestro (QUI)– professore associato di neurobiologia dei sistemi complessi all’Imperial College di Londra – spiega la “scommessa” del Governo britannico guidato da …

Leggi tutto »

Da questa crisi uscirà vincitrice la Germania a spese dell’Italia

DI SOUFIANE BELIAZIR laluce.news  Questo è un momento difficile per il paese, a causa dell’emergenza sanitaria che sta mettendo in ginocchio l’Italia ma anche all’azione predatoria dei mercati finanziari che stanno mandando all’aria il sistema economico italiano. Bisogna quindi rievocare uno dei più grandi economisti italiani Federico Caffè e uno dei suoi saggi intitolato “ripudiare la borsa e socializzare la gestione del risparmio per tutelarlo e finanziare gli investimenti”. A dare maggiore credito alle riflessioni di Caffè è stata proprio …

Leggi tutto »

La Germania si consente tutto ciò che la UE vieta

di Maurizio Blondet La Germania ci fa passare di meraviglia in meraviglia. Di colpo, stanzia  550 miliardi di euro (MILIARDI)  per il sostegno della sua economia. Lo fa attraverso la banca pubblica KfW – Kreditanstalt für Wiederaufbau: ossia con “aiuti di Stato”, demonizzati se anche solo li prospettiamo noi, e puniti con multe se  proviamo a realizzarli. Lo fa con estrema rapidità, senza passare per le lungaggini i dubbi e le regole che a noi impone la UE. “Stiamo mettendo tutte le nostre …

Leggi tutto »

Cultura della Guerra

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr La situazione al confine tra Grecia e Turchia si va polarizzando. Da un lato i greci sempre più convinti e compatti dietro alle proprie truppe nel difendere i confini, e dall’altro la Turchia di Erdogan che comincia apertamente ad adottare misure di tipo militare per sostenere l’avanzata dei profughi. La variabile ignota, al momento, è l’èlite greca, politici in testa. Di fronte all’ondata di sostegno popolare al respingimento, al momento Mitsotakis ha adottato la linea dura, …

Leggi tutto »

Minaccia Asimmetrica

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Gli avvenimenti si susseguono velocemente, al confine tra Grecia e Turchia e il post dà conto della reazione dei greci, in gran parte a fianco dei propri soldati, oltre che dei molteplici e convergenti indizi della artificiosità del racconto sui “poveri migranti” ancora così in voga sui nostri media. Non sono migranti, non sono siriani, coloro che premono al confine con l’Europa. E non è la prima volta che accade [come chi ha letto Kelly Greenhill …

Leggi tutto »

Guerra civile. In Europa. Ora

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr In Grecia la situazione dei migranti sta precipitando, e non da ieri, come sembrano far intendere i media mainstream. Già ad inizio febbraio sulle isole la situazione era pronta ad esplodere, con i migranti che attaccavano bancomat e perfino ospedali, appiccando incendi in zone pericolose per la sopravvivenza stessa delle isole che li ospitano. Fin dall’inizio del mese, gli abitanti delle isole si andavano organizzando in squadre di autodifesa, anche armate. I politici locali si sono …

Leggi tutto »

La Svezia si scopre trans, tra le giovani disforia di genere in crescita del 1.500%

europa.today.it – Redazione Bruxelles Sono sempre di più le giovani svedesi che si sentono intrappolati in un corpo che non li rappresenta, e questo sta facendo aprire un forte dibattito nel Paese sull’opportunità o meno di sostenere anche a livello pubblico cure ormonali e operazioni per cambiare il proprio sesso. Disforia in crescita Un rapporto del Board of Health and Welfare del Paese ha ha mostrato che c’è stato un aumento di ben il 1.500% tra il 2008 e il …

Leggi tutto »

“Il Carnevale è antisemita, sia vietato”, Israele contro i carri di Aalst

Il ministro degli Esteri di Tel Aviv ne chiede la cancellazione dopo i controversi carri dello scorso anno che raffiguravano ebrei stereotipati. Il sindaco: “Richiesta sproporzionata, non siamo razzisti” europa.today.it – Redazione Bruxelles Lo storico carnevale di Aalst, in Belgio, che ogni ogni anno si celebra per tre giorni prima della Quaresima e che attira ogni volta fino a 100mila visitatori, dovrebbe essere vietato in quanto antisemita. Il tweet del ministro A chiederlo è il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, che …

Leggi tutto »

Questa è roba che scotta. The Varoufakis Files

Questa è roba che scotta. Yanis Varoufakis ha deciso di fare l’Assange della situazione rendendo pubbliche le sue registrazioni (clandestine) delle drammatiche riunioni Eurogruppo a cui partecipò nel 2015. Come forse sapete, l’Eurogruppo non redige verbali né pubblica alcunché, salvo far trapelare quello che fa comodo. Insieme al Trilogo (di cui ha appena parlato Alberto Bagnai sul suo blog, e che non esiste neppure nei trattati), è uno dei vertici opachi e non eletti della UE dove si prendono le …

Leggi tutto »

Grecia 2020: terra di conquista

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.org Gennaio per la Grecia è iniziato come mese delle ultime feste, come la Teofania (la nostra Epifania) ed il suo rito della Benedizione dell’acqua, ma ben presto gli avvenimenti hanno riportato i greci alla dura realtà. L’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, la signora Sakellaropoúlou, ex presidente del Consiglio di Stato, nota per avere “salvato”, in quella veste, due memoranda e pure l’accordo sulla Macedonia del Nord da “pericolosi” ricorsi, non fa che confermare che gli …

Leggi tutto »

Le responsabilità di Draghi il Mangiafuoco del Britannia

DI GIUSEPPE MASALA facebook.com La pubblicazione del discorso tenuto da Mario Draghi nella sempre negata crociera del panfilo Britannia: un documento dall’eccezionale valore storico e politico La pubblicazione – a quasi trenta anni – del discorso di Mario Draghi nella famosa crociera sul panfilo Britannia dove si decise la privatizzazione (o meglio, il saccheggio) dell’immenso apparato produttivo e finanziario dello stato italiano fa sospettare che mani oscure stiano manovrando la vita politica italiana. E’ chiaro ed evidente che qualcuno (i …

Leggi tutto »

Sull’Iran dilaga la disonestà intellettuale

DI ALBERTO NEGRI ilmanifesto.it Gli europei devono stare bene attenti. Ora Trump bastona arabi e iraniani, poi toccherà anche a noi. Anzi ha già iniziato, sciogliendo la vecchia Nato… Ma la propaganda dei media italiani fa sì che andremo al macello senza lamentarci Dilaga la disonestà intellettuale. Per avventura ho partecipato a una trasmissione televisiva dove un invitato e la conduttrice non sapevano niente di Iran e delle sanzioni imposte dagli Usa alla Repubblica islamica, distorcendo i fatti e la …

Leggi tutto »

Manuale pratico e strategico ad uso dei Gilet Jaunes

DI JOSE’ MARTI’ Vogliamo offrire qui, agli oppositori del regime che governa la Francia da anni, idee e sviluppi che vadano oltre le manifestrazioni ripetitive del sabato dei Gilet Jaunes. La resistenza a questo regime illegittimo deve essere di lunga duratae non dobbiamo farci logorare dall’abitudine.Questa guida pratica definisce, sulla base di esperienze note, metodi complementari a quelli che sono già stati praticati dai Gilet Jaunes. Descriviamo quindi qui le pratiche di SFIDA POLITICA e DI NON COOPERAZIONE con il …

Leggi tutto »

Fine 2019 in Grecia: l’assedio

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Tra il generale disinteresse dei media, nel Mediterraneo stanno cambiando gli equilibri. La Turchia conclude un accordo con la Libia, nel quale stabilisce unilateralmente una sua zona di influenza che attraversa il Mediterraneo, comprendendo spazi attualmente in controllo (e sfruttamento) da parte della Grecia, incluse interessanti e promettenti zone di trivellazione al largo di Cipro. Le trivellazioni sarebbero illegali e le navi turche dovrebbero essere respinte a cannonate dalla Marina Greca: sarà così? Intanto i restanti …

Leggi tutto »

Atomiche da Erdogan: perché la notizia è credibile e fondata

DI ALBERTO NEGRI ilmanifesto.it L’Italia finisce l’anno con la possibile opzione di diventare una delle maggiori potenze atomiche europee. Senza volerlo e a sua insaputa, come quasi tutta la nostra politica estera. Che si esprime in Libia con geometrica inconsistenza, esposta nella conferenza stampa di fine anno da uno smarrito premier Conte che di questo passo stanotte confonderà i colpi d’artiglieria di Tripoli e i raid aerei del generale a Haftar con i tradizionali botti di Capodanno. Gli americani, dunque, …

Leggi tutto »

«Colpi di stato con il crepitare degli spread»

DI GIULIO TREMONTI ilsole24ore.com Signor Direttore, ho letto l’articolo di Dino Pesole pubblicato ieri sul Sole-24Ore del 24 dicembre sotto il titolo: «Clausole e neutralizzazioni, una spirale innescata nel 2011». Si tratta di una tesi falsa per omissione di verità. Falsa non perché è falso ciò che nell’articolo è stato scritto, ma per ciò che nell’articolo è stato omesso. Anche nella Bibbia c’è scritto “Dio non esiste”, ma poi è aggiunto come “dice lo stolto”. “Absit iniuria verbis”, anzi con …

Leggi tutto »

Le lotte francesi sono destinate a durare

DI STATHIS KOUVELAKIS jacobinitalia.it Gli scioperi contro la riforma delle pensioni del governo Macron proseguono. La partita è decisiva, per il destino del presidente neoliberista ma anche per i movimenti sociali. La differenza la faranno le spinte dal basso Come gli avversari della riforma pensionistica di Emmanuel Macron avevano previsto, le mobilitazioni del 5 dicembre hanno dato il via alla più grande ondata di scioperi e manifestazioni cui la Francia abbia assistito in più di un decennio. Nell’ultima settimana e …

Leggi tutto »

La guerra è dichiarata e la battaglia inizia

DI GIULIANO SANTORO jacobinitalia.it London Calling quarant’anni dopo continua a ispirarci perché è un disco globale, che provincializza l’Europa e porta il rock’n’roll dove non era mai arrivato Secondo la nota definizione di Italo Calvino, un classico si riconosce dal fatto che «non ha mai finito di dire quello che ha da dire». Più precisamente, argomenta Calvino passando in rassegna alcune delle caratteristiche dei classici, ci troviamo di fronte a un classico quando ci accorgiamo che tende a relegare l’attualità …

Leggi tutto »

Le ragioni di una sconfitta

DI NICOLA MELLONI jacobinitalia.it Dire che Corbyn è stato troppo radicale è una sciocchezza. I risultati mostrano che il consenso si sposta su posizioni estreme e che classi sociali ignorate per decenni si sono sentite defraudate del referendum sulla Brexit. Ma la radicalità non basta. La ricostruzione della sinistra ha bisogno di un lavoro quotidiano nella società. I segnali di una sconfitta c’erano tutti, nonostante le illusioni dettate dalle piazze piene e dalle lunghe file di giovani ai seggi. Ne …

Leggi tutto »

Emmanuel Macron sta affrontando il suo personale “Giudizio di Dio”.

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk Emmanuel Macron sta affrontando il suo personale “Giudizio di Dio”. I sindacati francesi, le corporazioni professionali e i demagoghi di sinistra e di destra si sono uniti per sconfiggere la riforma dell’esorbitante sistema pensionistico francese. È un test per stabilire se il “sacro modello francese” possa essere adattato al 21° secolo, permettendo di mettere sotto controllo il crescente rapporto debito/Pil. Un precedente tentativo di affrontare questa “bestia”, effettuato dal Governo Chirac-Juppe nel 1995, si concluse …

Leggi tutto »

Parigi: i pompieri respingono la polizia e rompono la trappola in Place de la République

FONTE: REVOLUTIONPERMANENTE.FR Mentre la manifestazione è stata bloccata dalla polizia in Boulevard Magenta e in Place de la République, i vigili del fuoco fortemente mobilitati il 5 dicembre hanno spinto la polizia davanti ai manifestanti e hanno rotto il cordone Per più di un’ora la manifestazione di Parigi è stata repressa e gasata violentemente dalla polizia, al punto che l’aria era assolutamente irrespirabile e la manifestazione non ha potuto più avanzare. Di fronte a questa situazione, come si vede in …

Leggi tutto »

A tutt’oggi, sono il solo vincitore delle elezioni del 12 dicembre

DI GILAD ATZMON gilad.online Negli ultimi 15 anni, ho continuato a mettere in guardia sia gli Inglesi che gli Ebrei sulla possibilità delle gravi conseguenze che potrebbero derivare dalla continua attività della lobby ebraica in Gran Bretagna ed oltre. Sull’argomento ho scritto migliaia di articoli, ho tenuto discorsi, interminabili interviste e ho pubblicato dei best seller sulla politica dell’identità ebraica e, in cambio di ciò, ho ricevuto una serie infinita di insulti. Tuttavia, sopravvivo e, con un po ‘di fortuna, …

Leggi tutto »

La sanguinosa truffa del London Bridge

DI ALBERTO NEGRI facebook.com Il vertice Nato si apre nella capitale britannica con il duello rusticano di London Bridge tra un pregiudicato jihadista, che aveva già ucciso due persone, e l’assassino di una disabile, entrambi in libertà vigilata. Una storia di Natale in un’atmosfera pulp e di ipocrisia piccolo borghese che mescola l’assalto alle vendite del Black Friday con l’acquisto da parte dell’Italia dei caccia americani F-35, come se di questo avesse bisogno un Paese che frana e va in …

Leggi tutto »

YES, WE MES

DI ANDREA ZHOK facebook.com Come notava un amico c’è chi dice che il MES dopo tutto non è che una specie di assicurazione. Bene così, se si vuol giocare al gioco delle semplificazioni, facciamolo. Il MES, come emergerebbe nelle formulazione recentemente emendata, sarebbe un po’ come un’assicurazione sulla casa. Un’assicurazione un po’ speciale, però. L’assicurazione MES è un’assicurazione assai costosa (14 miliardi già versati, 125 miliardi di possibile versamento futuro). Beh, però ne varrà la pena, no? Dunque, vediamo. Se …

Leggi tutto »

A Belfast avevo visto i primi scontri e i primi morti. Mi avevano preparato per il Medio Oriente

  Robert Fisk independent.co.uk Rispetto al Medio Oriente, l’Irlanda del Nord era una destinazione tranquilla. Tragica, settaria, brutale, ipocrita; la piccola guerra civile, per quello che era, era ciò che quelli dell’intelligence militare britannica definivano un conflitto a “bassa intensità.” Noi giornalisti scrivevamo le nostre storie. Poi tornavamo nei nostri alloggi in affitto di Belfast. E vivevamo (o almeno così pensavamo) nel Regno Unito. Ho assistito alle mie prime, vere battaglie in Falls Road e a Derry e ho corso …

Leggi tutto »