Grecia 2022: terra di conquista (in svendita o meno)

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Dalla Grecia arrivano notizie che disegnano un quadro dove nemmeno il Monte Athos, con la sua autonomia secolare sia religiosa che amministrativa, potrà continuare ad essere a lungo indipendente. I suoi 200 monaci russi saranno la scusa per prendere il controllo anche di questo estremo angolo di indipendenza, mentre dal fronte orientale le provocazioni sempre più evidenti della Turchia vanno a colpire un territorio, quello delle isole dell’Egeo, ormai del tutto privo di difese militari (spedite in mano ai trafficanti di armi in Ucraina). Ormai più di un analista prevede un qualche tipo di invasione prima della fine dell’anno, ma sul fronte meridionale, le operazioni di “pulizia” dell’esercito turco nei confronti dei curdi non sono una previsione, ma una realtà da molto tempo [NB: Panagiotis scrive PRIMA che fosse noto l’assenso Turco all’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO in cambio del loro riconoscimento, fin qui sempre negato, della natura terroristica del PKK, il movimento indipendentista curdo]. E come un flagello, si ritorna a parlare del debito greco (oltre che di quello italiano), che è tutt’altro che superato, come problema, in particolare dopo le ennesime improvvide uscite della Lagarde, mentre larghe fette del paese continuano ad essere svendute. Case, alberghi, terreni, imprese, tutto sta passando di mano a prezzi di saldo, sotto la pressante necessità di pagare i debito o anche, semplicemente, di fare la spesa. Impressionanti, infine, e tutte da leggere le parole di Yorgios Pappàs, partigiano del 1944, profetiche nel vedere (e prevedere) il crollo dello spirito critico insieme con l’omologazione culturale che i nuovi tempi già allora sembravano richiedere.

 Il blog di Panagiotis Grigoriou vive delle donazioni dei lettori. Per contribuire clicca QUI

 

Da “Guerra Sacra” – Sabato 4 giugno 2022

(…) il Monte Athos e i suoi miracoli si trovano all’estremità sud-orientale della Calcidica, nella nostra regione storica della Macedonia, considerata una mecca della spiritualità del cristianesimo ortodosso fin da Bisanzio. Qui esiste ancora un’importante comunità monastica, dato che Atanasio l’Athonita fondò il primo monastero della penisola, quello della Grande Lavra, nel 963.

L’attuale comunità, giuridicamente autonoma, è composta da venti monasteri con circa 2.000 monaci ortodossi: greci, bulgari, rumeni, russi, serbi e altri. Ricordiamo che il Monte Athos è allo stesso tempo un tesoro inestimabile di conoscenze e documenti, per l’insieme delle scienze umane e delle scienze, un’arca della presenza della vita spirituale stessa. Allo stesso tempo, si tratta di una mostra d’arte continua, una vera e propria sfida per l’amante dell’arte che tenterà un’esplorazione senza tempo nel mondo della grande arte, rappresentando ed esprimendo uno spazio culturale con ampi confini geografici e temporali.

Così, secondo il sito web della comunità dei monaci, sul Monte Athos nel suo complesso si trova: “La più grande collezione di manoscritti greci del mondo, la più grande collezione di documenti greci bizantini e post-bizantini del mondo, la più grande collezione di immagini portatili del mondo, una delle più alte densità di dipinti murali del mondo 100.000 m², il più grande volume di monumenti storici in Grecia, la più grande collezione di incisioni in Grecia, la più grande collezione di documenti ottomani fuori dalla Turchia, la più grande collezione di documenti russi fuori dalla Russia, la più grande collezione di documenti rumeni fuori dalla Romania”.

“E ancora, una delle più importanti collezioni di tessuti ecclesiastici della Chiesa ortodossa, una delle più importanti collezioni di pubblicazioni greche antiche in archetipi e copie, una delle più grandi collezioni di lastre fotografiche antiche in Grecia. A titolo indicativo possiamo citare alcuni valori comparativi approssimativi: manoscritti greci: Monte Athos 15.000, Monastero di Santa Caterina al Sinai 3.500, Biblioteca Nazionale di Parigi 3.500, Vaticano 3.000”.

In termini di politica visibile, dal punto di vista amministrativo, il Ministero degli Affari Esteri di Atene si occupa delle questioni relative alla penisola, che è territorio greco, ma dove si applicano leggi diverse.

Sono essenzialmente compatibili con il suo status di “Ávaton”, letteralmente “dove gli amministratori del potere degli uomini non metteranno piede”, una diversità che è teoricamente garantita dalla Costituzione. Canonicamente, i venti monasteri non rientrano nell’autorità del vescovo locale e sono posti direttamente sotto l’unica responsabilità episcopale dell’arcivescovo di Costantinopoli, il cosiddetto patriarca ecumenico, attualmente Bartolomeo, un mondialista… tra i satanassi del genere.

E per un po’ di tempo è stata una tempesta geopolitica. La Chiesa ortodossa russa, da parte sua, teme ora che i monaci russi vengano espulsi con la forza dal Monte Athos, come ha riferito l’agenzia di stampa Tass alla fine di maggio. “Questo è probabilmente legato all’imminente visita del Patriarca ecumenico Bartolomeo al Monte Athos alla fine di maggio”, ha dichiarato Dmitry Safonov, ecclesiastico presso il Dipartimento per le relazioni con le Chiese straniere.

“Il Patriarca Bartolomeo visiterà il Monte Athos alla fine di maggio e questo potrebbe coincidere con le azioni di polizia già intraprese dalla polizia greca contro i monaci del monastero di Esphigmenou, che non sono d’accordo con la politica di Bartolomeo”, afferma il religioso russo. Va notato che i monaci di Esphigmenou si oppongono alla politica dei vaccini, che trabocca di wokismo, sia della Chiesa greco-ortodossa che del Patriarcato di Costantinopoli.

“Il rappresentante del Patriarcato di Mosca ha detto che Bartolomeo ha recentemente visitato la Grecia e ha incontrato il primo ministro Mitsotákis, avendo ricevuto da lui, secondo la stampa, il pieno consenso all’espulsione del monachesimo russo dal Monte Athos.

La storia in divenire è una questione di tappe. Dopo la rottura diplomatica nelle relazioni tra Atene e Mosca, ora sembra che stia prendendo forma uno scisma ecclesiastico. Secondo gli ambienti ecclesiastici, si prevedono espulsioni di massa di russi – e di altri filorussi – tra i monaci del Monte Athos. Si sta quindi… organizzando il caos, poiché si può immaginare che i futuri e probabili espulsi cercheranno logicamente l’aiuto, o addirittura la protezione, del Patriarcato di Mosca, in altre parole di Vladimir Putin.

Il divario tra la Grecia del fantoccio Mitsotákis e la Russia si sta quindi allargando, in “occasione” dell’Ucraina. Il terreno è stato sufficientemente preparato da qualche settimana, da… una serie di fughe di notizie dai media greci agli ordini dei facoceri della NATO, dove, più o meno, il Monte Athos viene presentato come “questo covo di agenti di Putin”.

In questo contesto, la riproduzione dei luoghi comuni che prendono di mira la Russia su un monastero descritto come “un rifugio per i cristiani-talebani” fa impressione anche ai greci. La scena è diventata ancora più interessante quando il carosello di “rivelazioni” è stato seguito dal giornale tedesco Bild, che di recente si è trovato naturalmente sulla stessa lunghezza d’onda.

Si stima che i monaci nei monasteri russi siano circa duecento e quelli di origine russa settanta. Gli altri erano di altre nazionalità. Già in occasione della guerra in Ucraina, Bartolomeo, parlando con Mitsotákis, aveva detto: “La nostra intera esistenza, i nostri pensieri e le nostre preghiere sono vicini ai nostri fratelli ucraini. Ringrazio il Primo Ministro per le armi inviate all’Ucraina.

Va notato che il Patriarca ecumenico ha attribuito l’autocefalia alla Chiesa ucraina, che il Patriarcato di Mosca considera scismatica, mentre gravi reazioni sono state provocate all’interno della Chiesa ortodossa internazionale e, allo stesso modo, della Chiesa greca. Mosca, inoltre, aveva specificato “che questa decisione di Bartolomeo era stata presa in consultazione con agenti americani”.

È trapelata la notizia che la stazione di polizia del Monte Athos, recentemente istituita, è stata rafforzata per diventare essenzialmente il centro di comando della polizia greca. Questo significa praticamente molti rinforzi e personale per portare il Monte Athos sotto… il controllo della polizia.

Infine, l’eventuale decisione di espellere i monaci russi dal Monte Athos comporterà una rottura ancora più profonda nelle relazioni tra Atene e Mosca. (…)

Le maschere sono cadute… e le nazioni con loro. Anche nei dettagli. Quelli della famiglia Mitsotákis, sempre vincenti nell’attuale business mafioso, hanno piazzato parenti e poi affini nella cosiddetta Alta Autorità per l’Energia, e di recente permettono ad esempio ad alcune società turche di vendere elettricità alla Grecia.

I turchi producono elettricità con il gas russo, che viene acquistato a un prezzo quasi dieci volte inferiore a quello del gas che la Grecia acquista ora dagli Stati Uniti; poi l’elettricità prodotta e la dipendenza dalla Turchia vengono acquistate al prezzo di borsa, fissato dall’altra banda mafiosa altamente organizzata che fa capo a Ursula von der Leyen e ai suoi parassiti europeisti.


 

Da “Delfi, oltre il mito!” – Giovedì 9 giugno 2022

(…) Le esegesi, peraltro tra le più intelligenti del nostro tempo, come quella di Jacques Lacarrière, difficilmente hanno ignorato la portata del significato tragico dell’ultimo oracolo, molto tempo fa.

“Dite al re: la bella casa è crollata, Febo ha perso la sua casa, il suo alloro profetico e la sua sorgente canora. L’acqua che ha parlato tace.

“Ho cercato di rendere al meglio le brevi e commoventi parole dell’ultimo oracolo di Delfi, dato all’imperatore Giuliano l’Apostata. L’ultima profezia – trasformata qui in una semplice affermazione – pronunciata in questo ombelico del mondo. Da quel giorno, a Delfi non c’è stato altro che silenzio.

“Un silenzio che non è solo quello delle pietre e dei templi caduti, come in tutte le rovine. Il silenzio di Delfi è soprattutto quello di questo oracolo spento.

Tuttavia, il turista di oggi non viene a sapere quasi nulla degli illustri visitatori e persino dei praticanti del sito, di quasi un secolo fa. Di certo, sul sito del teatro, una fotografia e la sua didascalia ricordano la storia effimera dei Festival Delfici, del 1927 e del 1930, avviati dal poeta Ángelos Sikelianós e da sua moglie, l’americana Eva Palmer. Diciamo che lo sguardo digitalizzato di oggi è soprattutto desideroso di paesaggi e di vecchie pietre morte.

Delfi e il suo sito avevano, per così dire, vissuto una seconda vita, ma questo molto prima del turismo di massa (…) trasformando in realtà la visione dell’idea delfica e ricordando a tutti… che “Delfi è l’ombelico della Terra e questo per l’eternità”.

(…) i Sikelianós avevano un altro motivo, molto serio, per scegliere Delfi, dopo la scoperta delle antichità, ossia le loro percezioni teosofiche e occulte, molto più ampie ma non necessariamente esibite.

(…)

Così, se consideriamo l’ormai dettagliatissimo catalogo della biblioteca dei Sikelianós, di cui è stato redatto l’inventario completo, troviamo, accanto ai grandi mistici, molti libri cosiddetti occulti, tra cui e soprattutto quelli che i Sikélianos consideravano i loro maestri, come Édouard Schuré, Joséphin Peladan, Helena Blavatsky e Rudolf Steiner.

Va inoltre ricordato che la spirituale Eva Palmer aveva incontrato a Parigi anche Khurshedben Naoroji, una donna di carattere e di rete… che apparteneva alla stretta cerchia di Gandhi e attraverso la quale Eva fu iniziata all’induismo.

(…)

Delfi 2022, molto dopo il barocco e il rococò. Se non più pesante che mai, almeno dalle grandi guerre del secolo scorso. La casa di Sikelianos appartiene ora agli epigoni… usurpatori storici dell’Idea delfica, quelli del cosiddetto Centro Culturale Europeo di Delfi, emanazione del wokismo tra iniziati… sotto le logge e sotto Soros, usurpatori se possibile ellenizzanti.(…)

Nell’estate del 2022, nel tradizionale villaggio di Aráhova, vicino a Delfi, il kitsch e poi il nuovo secolo eErsatz regnano sovrani. Ho incontrato la donna che utilizza ancora l’ultimo telaio tradizionale e funzionante nel suo negozio. “Sto liquidando l’attività. Questa è la fine.

“Nessuno vuole più comprare, né i greci né i turisti. Pensano che sia costoso. Quindi la mia attività sarà sicuramente chiusa prima di luglio. La tradizione è morta. Ad Aráhova si vendono solo caffè e brutte copie di oggetti d’arte.


 

Da “Lettera dalla Russia” – Sabato 11 giugno 2022

(…)

Nell’ultimo mese, la Turchia ha aumentato le provocazioni verbali e le violazioni dello spazio greco nel Mar Egeo. Ankara sostiene che la presenza militare greca sulle isole sia una minaccia per le sue coste, mentre è vero il contrario. La Grecia non invaderà l’Asia Minore, ma la Turchia è sempre più pronta ad attaccare le isole greche, compresa la restante presenza greca a Cipro.

Si tratta certamente di un gioco per tenere in piedi la casta al potere ad Atene nei momenti più difficili, anche a costo di provocarla. Ma è un gioco pericoloso, innanzitutto per la Grecia, che non è mai stata il Paese dei Mitsotáki.

Con un gioco di prestigio, la Turchia fa del mancato disarmo delle isole greche un casus belli, mentre allo stesso tempo è proprio sotto il governo del maledetto Mitsotákis che le nostre isole sono di fatto disarmate. Batterie antiaeree, armi pesanti, missili, carri armati, tutto passa attraverso di essa… per finire sotto il controllo della mafia di Kiev e poi cadere nelle mani di reti criminali e persino terroristiche, quando questo armamento non è… abbastanza fortunato da essere distrutto sulla sua strada, dai russi.

 

Il clan degli alti ufficiali dell’esercito greco, una casta ampiamente fagocitata dalla Loggia e dal wokismo, si è finalmente arrabbiato, forse anche per coprirsi in caso di perdita del territorio nazionale, visto che circolano molte voci su “un possibile attacco dei turchi tra giugno e settembre” di questo… già enorme anno 2022.

(…)

In questa Grecia del 2022, in cui Mitsotakis annuncia apertamente che il suo obiettivo è sostituirci con i pakistani, e in cui il tasso ufficiale di mortalità per le prime 17 settimane dell’anno è del 20% superiore alla media degli anni 2016-2021, secondo il calendario eugenetico e vaccinista, sappiamo, come dice Yángos, il mio amico giornalista di Atene, che “dovremo mettere fuori gioco, in modo radicale, quasi 100.000 persone, solo per ripulire le stalle di Augias in questo Paese”.

 

Nell’epoca della biopolitica, o addirittura della necropolitica, il calendario elettorale è solo un mezzo piuttosto debole per affrontare i nostri nemici, già interni. Ma per il momento esiste.

 

Nel frattempo, e questa volta all’esterno, il taccuino geopolitico diventa ogni giorno più chiaro. Un articolo molto illuminante, di attualità e di analisi… certamente orientata, è stato messo on line sull’Internet greco e la cui fonte è un russo, per di più Konstantin Kotlin, giornalista piuttosto ben informato da Mosca. Questa… lettera dalla Russia, menziona la guerra greco-turca come imminente, e soprattutto che in tali circostanze, i russi preferirebbero schierarsi con i turchi.

Sono ormai lontani i tempi in cui i marinai della flotta della Federazione Russa erano accolti come buoni amici dalla popolazione greca, ad esempio sull’isola di Poros. Purtroppo, queste visite non avranno più luogo, almeno finché in Grecia regnerà lo stantismo della NATO.

Marinai russi. Poros, settembre 2018

(…)

“(…) Secondo un sondaggio sociologico condotto dal canale televisivo filo-governativo greco MEGA TV, il 66% della popolazione greca, la grande maggioranza, si oppone al trasferimento di armi a Kiev. Questa è la posizione politica del popolo greco (…) Tuttavia, agli attuali politici di Atene non importa nulla. Lo status di patria storica della democrazia, e per l’attuale leadership greca in questo caso, si è rivelato una frase vuota. Credere che il governo di Kyriákos Mitsotákis possa non conoscere lo stato d’animo che prevale nella società greca è quantomeno ingenuo. No, qui è più probabile che ci sia un totale disinteresse per l’opinione del proprio popolo a favore degli interessi dei padroni stranieri. (…)

“L’intero destino storico della Grecia moderna è stato de facto determinato dalla guerra russo-turca del 1828-1829, conclusasi con la vittoria dell’Impero russo. In seguito al Trattato di pace di Andrinopoli, firmato alla fine di questa guerra, l’Impero Ottomano riconobbe l’autonomia greca (…) “Cioè, la Russia fece letteralmente rinascere lo Stato greco, concedendo ad Atene l’indipendenza e la sovranità che aveva perso. Non ne ha annesso il territorio, non ne ha fatto uno Stato vassallo, ma gli ha permesso di riacquistare la statualità, persa per quasi quattrocento anni dalla caduta di Costantinopoli. E se i greci di duecento anni fa sapessero cosa stanno facendo i loro discendenti… in relazione al Paese liberatore – la Russia – si spaventerebbero. Tanto più che il fattore turco nel campo della politica estera greca non è affatto scomparso.

(…)

“Le relazioni tra Turchia e Grecia si sono deteriorate negli ultimi anni. Il motivo è una disputa territoriale sulla proprietà dei confini lungo i quali si estende la zona economica speciale. (…)

“Ankara e Atene denunciano regolarmente violazioni del loro spazio aereo da parte di aviatori della parte opposta. Inoltre, i due Paesi si stanno armando attivamente a vicenda e svolgono esercitazioni regolari nei pressi dei territori contesi. Inoltre, non è più necessario parlare di una soluzione diplomatica al conflitto. Così, alla fine di maggio, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato apertamente che il primo ministro greco non esisteva più ai suoi occhi e quindi si rifiutava di tenere negoziati bilaterali con lui.

“E il rifiuto della diplomazia in questo caso sembra estremamente preoccupante. Dopo tutto, negli ultimi anni, Ankara ha costantemente rafforzato le proprie forze armate, conducendo operazioni militari contro le formazioni curde in Iraq e Siria. Dal 2017, Ankara ha condotto tre operazioni militari nel nord della Siria: Euphrates Shield, Olive Branch e Source of Peace. E alla fine di maggio 2022, Erdogan ha annunciato la quarta operazione di questo tipo”.

“Inizia quindi una nuova fase turca in Siria, attraverso una cosiddetta zona di sicurezza di 30 km nell’entroterra dal confine con la Turchia. -Stiamo liberando Tall Rifat e Manbij dai terroristi – ha dichiarato il presidente turco il 1° giugno, precisando che in seguito altre zone di confine con la Turchia saranno liberate dai militari nemici”.

(…)

“Sorge allora una domanda sensata: su cosa contiamo ad Atene? Con l’aiuto di Washington, naturalmente. Non a caso, a metà maggio del 2022, Grecia e Stati Uniti hanno firmato un nuovo accordo di cooperazione in materia di sicurezza [ma] (…) “La NATO non salverà Atene dalle ambizioni turche, soprattutto perché la Turchia è un membro dell’alleanza molto più prezioso della Grecia. (…) in caso di guerra tra Turchia e Grecia, Washington cercherà di rimanere in disparte, mascherando la propria impotenza politica con appelli al dialogo da parte delle parti coinvolte. “Sì, ci saranno basi statunitensi in territorio greco, ma è improbabile che combattano l’esercito turco. Molto probabilmente lasceranno che i greci difendano autonomamente quello che considerano il loro spazio. E allora Atene chiederà disperatamente aiuto… a tutti i Paesi. Probabilmente anche la Federazione Russa. Dopo tutto, è stata la Russia a garantire l’indipendenza della Grecia dalla Turchia.

(…)


Da “Il momento della litania” – Giovedì 16 giugno 2022

(…)

Paese greco con mito infranto. Zóis Béglis, ex medico militare e attuale leader del Movimento 21 – “Kínima 21”, rivela che “i casi di morti strane e inspiegabili di medici, da quando sono stati vaccinati, si stanno moltiplicando. Solo che i media, ancora una volta, tacciono, perché ogni possibile legame tra le vaccinazioni e le morti improvvise che si moltiplicano deve essere nascosto.

 

“Così, secondo le mie fonti che sono amici medici militari, sono morti quattro medici degli ospedali pubblici di Serres e Kilkis nel nord della Grecia, due nell’ospedale di Evangelismós ad Atene, altri due medici nell’ospedale di Lesbo. Terapeuti di Asclepio, avendo così attraversato… le ultime sponde dell’Acheronte.

Notiamo che quelli di Zóis Béglis formano ora un nuovo movimento patriottico, che ha come obiettivo, almeno annunciato, “la messa a morte dell’attuale Regime e la vendetta storica… accumulata dal popolo greco, dopo 190 anni di xenocrazia dall’assassinio del nostro governatore Kapodístrias da parte di Londra, la sua Loggia; così come dai loro scagnozzi locali a Nauplia e Idra”.

Solo che la storia e i suoi resti sono più che altro uno sfondo. In questo Peloponneso antico come il tempo, i nostri fortunati turisti visitano anche Mystrá, la meraviglia di Morea vicino a Sparta. La città è stata costruita ad anfiteatro intorno alla fortezza eretta nel 1249 dal principe di Acaia, Guglielmo di Villehardouin, al tempo dei Franchi. Liberata dai greco-bizantini, poi occupata dai turchi e dai veneziani, la città fu completamente abbandonata nel 1832, dopo la creazione dello Stato greco contemporaneo.

Michele VIII Paleologo fece di Mystrá la capitale del Despotato di Morea, che mantenne fino alla caduta dell’Impero bizantino nel 1453. Nel 1348, l’imperatore Giovanni VI Cantacuzen nominò suo figlio Manuele a capo del Despotato, segnando l’inizio di un periodo di prosperità, sia economica che spirituale e culturale, per la città murata. Da quel momento in poi, Mystrá divenne la seconda città dell’Impero, dopo Costantinopoli. È Bisanzio, anche sotto il sole.

Mystrá, capitale del Despotat di Morea. 2022

 

Vicino a questo suggestivo insieme di rovine medievali in un panorama di grande bellezza, l’attuale villaggio omonimo diventa a sua volta e per forza di cose… la Mecca delle taverne e degli alberghi della regione. E tra due portate di moussaka o un’insalata necessariamente greca, i nostri visitatori parlano poco della Grecia contemporanea. O quando lo fanno, spesso è per ripetere ciò che hanno sentito su BFM o France-Inter. “La Grecia non è più indebitata, il Paese ne sta uscendo e ha addirittura saldato il suo debito.

(…)

E contrariamente a quanto BFM o France-Inter pensano di “sapere” sulla questione, la situazione del cosiddetto “debito greco” si sta deteriorando. La vera stampa economica di Atene, come Bankingnews, non lo nasconde più.

“Gli hedge fund stanno nuovamente realizzando profitti sulle obbligazioni greche e italiane, nonché sulle obbligazioni europee periferiche in generale. Il tasso delle obbligazioni greche a 10 anni è salito al 4,40% e quello delle obbligazioni italiane al 3,83%.

(…) “L’errore criminale della Lagarde è quello di aver dato agli hedge fund il diritto di testare i mercati vulnerabili della Grecia, il paese con la peggiore performance in Europa, e quelli dell’Italia, un paese il cui debito rimane anch’esso problematico. La Grecia, con un debito di 395 miliardi, è quindi destinata al fallimento, se ovviamente non avrà più il sostegno della BCE.

 

“Mentre tutti si concentrano sui titoli italiani, l’imbarazzo per la Grecia è ancora maggiore. Il debito greco non è sostenibile con 395 miliardi di euro, e se si aggiunge il debito privato e quello dei fondi sanitari e pensionistici, il debito complessivo raggiunge i 635 miliardi di euro.

(…)


Da “Paese in svendita” – Martedì 21 giugno 2022

Sotto la patina di bellezza turistica, gli affari quotidiani del Paese continuano a essere gestiti dalla cricca. Secondo le notizie ufficiali, “la Grecia sta finalmente attirando gli investitori”, in realtà… gli avvoltoi. La tendenza è forte, perché il Paese viene svenduto da ogni parte. (…)

Indubbiamente c’è chi si aggrappa alla terra, e Dio solo sa quanti ce ne vogliono in questo Paese spopolato dai suoi cittadini, ma per il resto, allo stesso tempo, una certa stampa economica molto mainstream finisce per allarmarsi per un altro fenomeno, seguendo l’esempio del sito web “Capital” il cui titolo dell’articolo della settimana è semplicemente: “Tutta la Grecia è in vendita”. L’abbiamo capito?”.

 

(…) E ciò che non è ancora stato venduto, lo sarà presto. Immobili, aziende private e terreni, anche agricoli, tutto viene svenduto, ed è inimmaginabile. Allo stesso tempo, e a un ritmo crescente, molte aziende e persino alcune famiglie greche stanno trasferendo il loro domicilio fiscale all’estero.

(…)

“Tutti sono impegnati in questo momento con le prossime e probabili elezioni anticipate, ma forse stiamo trascurando ciò che accade quotidianamente nel nostro Paese. Cosa sta succedendo nell’economia. Ciò che sta per accadere è ancora più grave, in seguito alla generalizzazione dei sequestri automatizzati di beni immobili, in particolare attraverso il processo noto come… aste online”.

“Già ora molti vecchi e nuovi complessi residenziali di ogni tipo stanno cambiando proprietario. Così come la nostra vecchia industria. Così come il settore alberghiero; infine, il nostro artigianato di medie dimensioni, storicamente ben consolidato. Tutto”.

“Sono anche tutte le sue case, vecchie e nuove, che se ne vanno; poi, quelle ville, famose o sconosciute fino ad oggi, nella capitale, in altre parti del Paese, sulle isole, vicino alle spiagge, o sulle montagne… della Grecia. Proprietà, tra quelle che un tempo costituivano la cosiddetta ricchezza nazionale. (…)

Come per caso e attraverso la stessa notizia, fondi piuttosto rapaci, come Davidson Kempner Capital Management LP, Fortress Investment Group, Bain Capital LP e Aroundtown SA, si stanno preparando a “comprare” i debiti di 75 alberghi greci. Questi hotel a 5 e 4 stelle si trovano a Creta, Corfù, nel Dodecaneso, compresa Rodi, e nelle Cicladi. Questo per quanto riguarda l’altra storia del momento.

(…)


Da “Vasche smaltate” – Sabato 25 giugno 2022

Un paese bellissimo, visto dall’alto. Trezene e il suo mito di Teseo, le sue arance, i suoi limoni e presto i suoi fichi in questa costa settentrionale dell’Argolide ricca di monasteri. Tra cielo, terra e mare, il più delle volte alla fine delle strade, i loro monaci, uomini per definizione solitari, conducono questa vita essenzialmente spirituale e contemplativa, o almeno ci provano… seguiti da vicino dai loro gatti.

Un paese bellissimo, visto dall’alto. Trezene, giugno 2022

 

(…) i tempi sono altrettanto duri per loro, nonostante l’apparenza tranquilla. Per cominciare, c’è il problema delle vocazioni, sempre più rare. “Vedete, il nostro Paese è stato svuotato, e prima di tutto è stato svuotato della sua popolazione greca. I nostri giovani non sono nati affatto o hanno lasciato il Paese.

“Il monastero femminile di fronte è ormai chiuso, dopo la partenza dell’ultima suora alcuni anni fa. In altre parti della Grecia, questa mancanza di monache è stata talvolta compensata dalle sorelle che sono venute a vivere nei nostri monasteri dall’Ortodossia rumena. E, a dire il vero, non riusciamo nemmeno a trovare operai che facciano il lavoro lì. Compreso… tra gli stranieri”.

(…)

“Le nostre campagne, i nostri villaggi, le nostre montagne, così come le nostre pianure, sono vuote. La dirimpettaia Poros, con le sue barche a vela, i suoi yacht e i suoi turisti, è solo il sipario che nasconde piuttosto male il teatro d’ombre che il nostro Paese è diventato. (…) La vista è, come si suol dire, mozzafiato, solo che si tratta più di un paesaggio che di uno spazio. Gli animali, ad esempio, non ci sono più, quelli che già venivano allevati.

Perché anche l’allevamento di bestiame in Grecia è in pessime condizioni. Lo sappiamo. Anche la stampa tradizionale ne parla ora. “L’industria zootecnica greca sta affrontando giorni bui a causa dell’aumento vertiginoso dei costi di produzione dei mangimi e dell’energia. Così, in tutta la Grecia, gli agricoltori, non potendo più sostenere i costi infernali dell’alimentazione di pecore e capre, ad esempio, stanno… semplicemente portando le loro mandrie al macello”.

[ciò] sta creando una serie di effetti a catena, come previsto. Per cominciare, sappiamo che il bestiame perso sarà difficile da ricostituire. O meglio, mai.

“In secondo luogo, e secondo i dati disponibili, si registra una diminuzione della produzione di latte vaccino, caprino e ovino, già nel primo trimestre dell’anno, rispetto al 2021. Di conseguenza, la Grecia potrebbe trovarsi ad affrontare una crisi alimentare interna, poiché le importazioni di latte sono ormai troppo costose e rimarranno particolarmente insufficienti.

(…) Gli allevatori vedono tutto questo, fanno i loro calcoli e poi si dicono: se devono mantenere le loro mandrie, finiranno sicuramente per indebitarsi. Non c’è motivo di tenerli, quindi li portano al macello ora(…)  Ci saranno molti pignoramenti di aziende agricole, l’elettricità sarà tagliata, perché i nostri agricoltori non potranno permettersela. Molti di loro sono già stati colpiti da pignoramenti e stanno combattendo in tribunale.

(…)

La storia non si ripete, se non fosse che gira in tondo fin dai tempi di Trezene e del suo fin troppo vecchio mito di Teseo. Yórgos Pappás, mente acuta del suo tempo, combattente della Resistenza tra i patrioti conservatori sotto l’altra occupazione tedesca, quella degli anni ’40, annotò nel suo taccuino, con tanta amarezza, i suoi pensieri piuttosto diacronici, scritti durante i primi giorni della guerra civile ad Atene, nel dicembre 1944.

(…) “Lo vediamo in questi giorni di guerra e di occupazione, quando siamo smarriti, senza comodità, senza acqua e riscaldamento, quando i nostri genitori avrebbero potuto continuare a vivere in modo quasi normale – questi giorni hanno così confuso le persone che ci siamo appropriati di formule già pronte, forgiate da altri e per altri, nello stesso modo in cui abbiamo accettato i motori delle automobili e le vasche da bagno smaltate. “Il risultato è stato una confusione mortale, una ptosi, in altre parole, una caduta dello spirito critico, una pigrizia dello spirito stesso. D’ora in poi, tutto sarà fatto con lo stesso stampo, che sarà presentato molto bene, come i piatti pregiati sugli scaffali dei moderni negozi di alimentari.

“Tutto sarà organizzato, sia il tempo libero che l’intrattenimento. I circoli prima e il cinema dopo la cena distruggono la vita familiare, che esiste davvero solo intorno alla tavola. Gli sport saranno di squadra e le escursioni saranno fatte in gruppo. Si insegnerà un po’ di igiene e tutto sarà magnetizzato dalla grande parola falsa della SCIENZA.

“Assaggeremo calorie e ingeriremo vitamine, la radio forzerà gli angoli più segreti e i momenti più tranquilli e acquisiremo la mentalità del branco, scivoleremo sempre più velocemente verso la rinuncia al sé, verso la schiavitù incompresa ma reale, sotto il giogo di un’oligarchia consapevole e attenta a reprimere violentemente ogni tentativo di fantasia, di differenziazione”.

(…)

Era il dicembre 1944.

TRADUZIONE A CURA DI FRANZ-CVM

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix