Home / Notizie dall’Europa (pagina 2)

Notizie dall’Europa

Il miglior mercato mondiale dell’auto elettrica è un mito da sfatare

NAWAR ALSAADI oilprice.com La Norvegia viene presa a modello di mercato per il passaggio ai veicoli elettrici (EV), dal momento che, a giugno di quest’anno, le immatricolazioni di mezzi elettrici sono state più del 57% sul totale delle vendite di auto nuove. Questo risultato è in contrasto con il resto del mondo, dove nonostante sostanziali sussidi, le vendite di veicoli elettrici si mantengono su percentuali a cifra singola. La realtà del successo delle vendite di veicoli elettrici in Norvegia si …

Leggi tutto »

Se tutti passeranno alle auto elettriche …

DI ANTON KANEVSKIJ fondsk.ru “La fine del petrolio” non sarà visibile nell’immediato futuro Continuando la conversazione che abbiamo iniziato sulla prospettiva di fonti energetiche alternative, in riferimento alle quali il Presidente russo ha recentemente espresso un ragionevole scetticismo, notiamo che il problema energetico si suddivide in trasporti e produzione termica. Se si parla di fonti tradizionali, per produrre energia termica o elettrica, letteralmente “tutto ciò che brucia” può essere usato – carbone, gas naturale, olio combustibile, legna da ardere e, infine, …

Leggi tutto »

La Regina Elisabetta e Boris Johnson condannano i Windsor al destino degli Asburgo

  MARTIN SIEFF strategic-culture.org Una fiera dinastia imperiale che aveva dominato su un intero continente per la metà di millennio. Anche quando era stata costretta ad abbandonare il suo ruolo globale, aveva continuato ad essere un vastissimo regno nel cuore pulsante dell’Europa. La sua capitale era diventata mitica per la sua vibrante cultura, l’impareggiabile attività teatrale e la sua straordinaria musica che aveva incantato il mondo intero. In netto contrasto con il suo passato imperiale, si vantava di essere un …

Leggi tutto »

Boris Johnson prende il potere

MOON OF ALABAMA moonofalabama.org Il Primo Ministro britannico Alexander Boris de Pfeffel Johnson vuole condurre la Gran Bretagna all’uscita dall’Unione Europea senza un accordo specifico che regoli i vari dettagli. La maggioranza parlamentare è contraria a lasciare l’UE senza un accordo. Il Parlamento si riunirà nuovamente all’inizio di settembre. La data prevista per la Brexit è il 31 ottobre. L’opposizione aveva cercato di votare un provvedimento per fermare la Brexit e/o una mozione di sfiducia al governo Johnson. Questo avrebbe …

Leggi tutto »

E’ Lisbona la nuova Gerusalemme?

  GILAD ATZMON unz.com Introduzione di GA. Nel 2015 i governi di Spagna e Portogallo hanno approvato leggi per consentire ai discendenti degli Ebrei sefarditi di richiedere cittadinanza e passaporto. Quattro anni dopo, apprendiamo che la stampa israeliana afferma che “milioni” di Ebrei israeliani avrebbero diritto alla cittadinanza portoghese. Quella che segue è la traduzione di un articolo israeliano che fornisce una buona rappresentazione della psiche ebraica. Secondo l’articolo, 2200 Israeliani richiedono, ogni mese, la cittadinanza portoghese; non perché siano …

Leggi tutto »

Dilemma per Kiev – federalismo o rinuncia dal Donbass

DI ALEXANDER DUDCHAK fondsk.ru Domande alle quali non c’è risposta Il futuro del Donbass appare nebuloso. Nonostante il cambio di potere a Kiev non si vedono schiarite. La DNR (Repubblica Popolare di Donetsk ndr.) e la LNR (Repubblica Popolare di Lugansk ndr.) rimarranno stati non riconosciuti, diventeranno riconosciuti in parte, come l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia, entreranno a far parte della Russia, o ritorneranno a far parte dell’Ucraina? Queste opzioni hanno diversi gradi di probabilità. In prospettiva, sul breve termine, è …

Leggi tutto »

Grecia: la caccia ai giovani ribelli è aperta

DI YANNIS YOULOUNTAS facebook.com Il nuovo governo sta per mettere in pista un offensiva senza precedenti contro il movimento libertario ed autogestito, che è diventato fastidioso e popolare nel corso degli anni. Il primo ministro di fresca nomina e capo della destra, Kyriakos Mitsotakis, ha promesso di “pulire Exarcheia (1)” nel corso dell’estate e di “farla finita con Rouvikonas (2)”. Aldilà del celebre quartiere libertario e dell’imprendibile gruppo anarchico, è tutta la nebulosa rivoluzionaria e la rete squat che sono presi …

Leggi tutto »

Greta la scienziata

DI  MICHAEL ONFRAY michelonfray.com Francois de Rugy che si è fatto catturare quest’estate da alcune aragoste impazzite, forse perché erano imbevute di Yquem (1), ha lasciato il suo posto di Ministro dell’Ecologia. Mi sarebbe piaciuto che fosse sostituito da Greta Thunberg la quale è vegana e non avrebbe mai potuto causare la morte di quei poveri crostacei giganti. Vegana e probabilmente bevitrice di acqua, non esce mai senza la sua borraccia rossa eco-responsabile come una volta il comandante Cousteau con …

Leggi tutto »

Sandro Gozi Vice Ministro (Sottosegretario) agli Affari Europei del Governo italiano prima con Renzi e poi con Gentiloni adesso sarà sempre nello stesso ruolo nel Governo…della Francia!

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Sorpresi? Io no, infatti proprio dalle colonne di questo quotidiano sono mesi che mi domando (e sospetto) che il PD sia una succursale della Francia e che non curi l’interesse italiano ma quello d’oltralpe. Ragazzi se non è giornalismo di inchiesta questo… Adesso leggo (oltre a quotidiani tardivi come Il Fatto con Gianni Rosini) di Pino Cabras per il 5s, di Giorgia Meloni per FdI, addirittura Salvini, emettere dei ruggiti ma pur sempre contro il soggetto …

Leggi tutto »

Boris Johnson – Un pericoloso Yes Man di Washington

  strategic-culture.org La figura clownesca di Boris Johnson si è presentata carica di bagagli anti-russi al suo arrivo, questa settimana, a Downing Street nella sua veste di nuovo Primo Ministro britannico. La povera e sventurata Theresa May è stata sostituita da un tizio che sembra pensare che la geopolitica sia un circo dove ci prende a torte in faccia. I suoi deplorevoli commenti sull’affare Skripal, quando l’anno scorso aveva accusato il presidente russo Vladimir Putin di aver ordinato un tentativo …

Leggi tutto »

Il dilemma di Zelenskii

THESAKER thesaker.is Le recenti elezioni per il rinnovo della Rada ucraina hanno portato a due interessanti risultati: In primo luogo, quasi tutti i partiti nazionalisti non sono riusciti ad eleggere alla Rada nemmeno un rappresentante (i partiti di Poroshenko e Timoshenko hanno ottenuto alcuni seggi, ma solo 25 ciascuno). In secondo luogo, per la prima volta dall’indipendenza dell’Ucraina, il presidente del paese avrà la maggioranza assoluta nella Rada. Questi sono i risultati riportati dall’agenzia di informazioni Unian: Il Partito dei …

Leggi tutto »

Attenzione, caduta NATO

FONTE  KEINPFUSCH.NET C’e’ una notizia che decisamente NON ha avuto la dovuta rilevanza sui giornali italiani, mentre ne ha avuta molta sui giornali tedeschi. Ovvero il fatto che la Turchia e’ stata estromessa dal programma F-35 dal pentagono, e che Putin ha gia’ promesso loro di vendere il nuovo gioiello russo, a dir loro paragonabile all’ F35.Per la precisione, la notizia e’ questa: Il pentagono espelle la Turchia dal programma F-35 https://www.spiegel.de/politik/ausland/usa-werfen-tuerkei-aus-programm-fuer-f-35-kampfjets-a-1277837.html Cui segue questa: https://www.heise.de/tp/features/Nach-F-35-Lieferstopp-Strafe-Russen-bieten-Tuerkei-Kampfflugzeuge-an-4474112.html La Russia offre il …

Leggi tutto »

Di Battista, Salvini ed il vero target del Sistema Illuminato Mafioso che Savoini cita nell’intercettazione

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Oggi stavo transitando in una libreria ed ho incontrato un saggio dedicato a Soros. Non potevo non accorgermi di questa opera dato che si trovava in bella vista. Il titolare del negozio ha una certa peculiarità che non posso rivelare, mi limito soltanto a dire che il suo voto politico e la posizione del libro hanno la stessa causa, privata. Chiaramente nel sottotitolo si poteva constatare il solito accostamento da fuori di testa tra sovranismo, razzismo, …

Leggi tutto »

Basta battute: risponda

DI MARCO TRAVAGLIO ilfattoquotidiano.it I fatti sono ormai stranoti, ne parlano tutti i quotidiani e i siti italiani, ma anche internazionali: il 18 ottobre 2018, mentre Matteo Salvini era in visita a Mosca e il giorno prima aveva parlato alla Confindustria russa, il suo ex portavoce Giampaolo Savoini, leghista a 24 carati e presidente dell’Associazione Lombardia-Russia, incontrava cinque personaggi di cui si ignora l’identità nella hall dell’hotel Metropol: due italiani (Luca e Francesco) e tre russi. I quali parlavano di …

Leggi tutto »

La Lega e i suoi tre padroni. Uno paga gli altri due no?

DI ALBERTO NEGRI facebook.com Salvini è andato in Israele è ha allineato le sue posizioni su quelle dello stato ebraico come mai aveva fatto un ministro della repubblica italiana, mettendo persino a rischio i soldati italiani in Libano con le sue dichiarazioni contro Hezbollah. E’ andato in Usa è ha allineato le sue posizioni con quelle Usa, soprattutto contro l’Iran e in contrasto con gli interessi delle nostre imprese. E’ andato in Russia e forse – ma è tutto da …

Leggi tutto »

Alternanza senza alternative. (Primi resoconti dopo le Elezioni in Grecia)

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Primi resoconti dopo le Elezioni in Grecia. Da “Ha votato!” pubblicato lunedì 8 luglio 2019 Articolo originale QUI Presunto paese, presunto voto. L’alternanza senza alternative, con gli occhi sbarrati o meno, di Kyriakos Mitsotakis e Aléxis Tsipras subito dopo il passaggio del cosiddetto potere, lunedì 8 luglio. Atene a 40 gradi Celsius è fatto di stagione. Quasi il 43% di astensione ed ecco “questa chiara vittoria” della Nuova Democrazia con una percentuale di poco meno del …

Leggi tutto »

Dacci oggi la nostra emergenza quotidiana

DI ANDREA ZHOK facebook.com Si può aprire un canale a scelta, e anche oggi si vedranno, tratteggiate con doveroso pathos, condizioni di necessità umanitaria, e urgenza inderogabile, tali per cui solo un bruto potrebbe mettere in dubbio l’obbligo morale dell’accoglienza. Le emergenze umanitarie – con connessi riflettori, tempeste mediatiche, stracciamento di vesti, invettive morali, arrembaggi di deputati in cerca di gloria, infuocate prese di posizione internazionali – vengono in esistenza intorno al limite della acque territoriali libiche e scompaiono nel …

Leggi tutto »

Gilets-Jaunes, mai morti

DI MICHEL ONFRAY michelonfray.com In un primo tempo i Gilets-Jaunes hanno avuto il loro luogo simbolico: le Rotonde. Era il momento vero e chimicamente puro del movimento. In un film di Jacques Tati, il mio regista preferito, “Trafic”, la rotonda è il luogo dove la civiltà gira in tondo, si morde la coda, ritorna su se stessa, non riesce a trovare una via d’uscita, quella di cui Cartesio ci diceva che una volta persi nella foresta era necessario una rotta …

Leggi tutto »

La Sea Watch è puro liberismo

DI FRANCESCO ERSPAMER facebook.com La Sea Watch è puro liberismo e il suo capitano, ormai una celebrity, è una agente dell’offensiva globalista contro la diversità e le autonomie. Un evento peraltro di per sé insignificante, che riguarda poche decine di persone mentre migliaia muoiono ogni settimana di violenza e degrado ambientale e sociale in Africa nell’indifferenza generale (ed è bene così, ogni volta che l’Occidente è intervenuto per portare aiuti umanitari era per aprire la strada alle multinazionali e al …

Leggi tutto »

Sanzioni contro la Russia. Quali conseguenze per l’Europa?

DI EMMANUEL LEROY lesakerfrancophone.fr Prima di tentare di rispondere alla domanda riguardante le conseguenze di questa crisi per l’Europa e per la Francia in particolare, mi pare necessario ricordare il contesto di queste sanzioni prese contro la Russia dopo il colpo di mano di Maidan -sostenuto dall’Occidente, ricordiamocelo – e che ha ha avuto come conseguenza il rovesciamento del presidente ucraino legittimamente eletto, Viktor Yanukovitch, e porterà poi al referendum di autodeterminazione della Crimea nel marzo 2014 e alla ricongiunzione …

Leggi tutto »

Una Europa parassita e indifesa …

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk La guerra valutaria è il prossimo passo nel conflitto globale e l’Europa, il più grande dei parassiti, è indifesa L’Europa è stata avvertita. Qualsiasi uso  di leve monetarie per mantenere basso il tasso di cambio dell’euro sarà considerato una provocazione da parte dell’amministrazione Trump. Altri tagli dei tassi di interesse che ne riducano il valore di mezzo punto percentuale o più verranno trattati l’attenzione che si deve dare alle manipolazioni valutarie. Una ripresa del quantitative easing sarà …

Leggi tutto »

Il 6 giugno, giorno del Vassallaggio

DI MICHEL ONFRAY michelonfray.com Il 6 giugno 2019, la città di Caen è morta – finalmente questo è stato un bel modo  per commemorare il 75° anniversario del D-Day, visto che l’esercito americano lasciò questa città sotto un tappeto di bombe, effetto di una strategia militare della quale qualche storico comincia a sussurrare che forse non fu la migliore. In effetti! Un patrimonio storico incommensurabile, importanti musei, opere d’arte inestimabili, archivi di un valore unico, edifici storici e edifici medievali …

Leggi tutto »

Perchè la Svezia si sta suicidando?

  ROBERT BRIDGE strategic-culture.org Fermamente convinto di essere il rappresentante della “superpotenza morale” del mondo, il popolo svedese continua i suoi pericolosi flirt con tutti i possibili nuovi esperimenti culturali. Questa politica è veramente ‘progressista,’ o è la strada per la rovina nazionale? In Svezia, tutto sembra possibile, tranne il dissenso; dissenso dall’onnipresente messaggio sociale che dice ai suoi cittadini che devono essere tolleranti verso ogni nuova moda culturale, dal farsi impiantare un microchip sotto la pelle al permettere che …

Leggi tutto »

D-DAY: 75 anni dopo bisogna ricordare la verità

NIKOLAI GORSHKOV sputniknews.com/europe La regina Elisabetta II è stata raggiunta a Portsmouth da 15 leader provenienti da tutto il mondo in occasione della commemorazione del D-Day, l’invasione alleata della Francia avvenuta nel giugno 1944. Hanno celebrato il 75° anniversario dell’evento che aveva aperto un secondo fronte nella guerra contro la Germania nazista. Ma al leader del paese che aveva sopportato tutto il peso dei combattimenti sul fronte principale, quello orientale, non è stato chiesto di partecipare. Né la Gran Bretagna …

Leggi tutto »

Blitzkriegs e altro; quando la guerra lampo non basta per vincere in Europa

DI ALESSANDRO GUARDAMAGNA comedonchisciotte.org Si chiama Blitzkrieg, la “guerra lampo”, perfezionata dalle forze del Terzo Reich nella Seconda Guerra Mondiale, nonostante il termine non compaia in nessun manuale militare tedesco dell’epoca, e i cui primi tentativi sperimentali risalgono alla Guerra Civile Americana. Si basa su un intenso bombardamento di artiglieria, a cui fanno seguito massicce incursioni aeree sui centri di comunicazione nevralgici del nemico per paralizzarlo. Poi scatta l’avanzata di veloci avanguardie meccanizzate e corazzate, che applicano la forza in …

Leggi tutto »

EUTANASIE

DI ANDREA ZHOK facebook.com Stando a quanto riportato dai giornali (ma ancora non voglio crederci) in Olanda alla diciassettenne N.P. è stato concesso il diritto all’eutanasia. N.P., da quanto si legge, è stata molestata a 11 anni e violentata a 14. Non si comprende se a partire da allora, o se già in precedenza, ha sofferto con continuità di severi stati depressivi. Secondo la commissione medica che la legge olandese ha preposto alla decisione ultima in questi casi, ci sono …

Leggi tutto »

Le lunghe mani del gruppo Bilderberg

DI MANLIO DINUCCI ilmanifesto.it Tre italiani sono stati invitati quest’anno alla riunione del gruppo Bilderberg, svoltasi a Montreux in Svizzera dal 30 maggio al 2 giugno. Accanto a Lilli Gruber, la conduttrice televisiva de La7 ormai ospite fissa del Bildelberg, è stato invitato un altro giornalista: Stefano Feltri, vicedirettore del Fatto Quotidiano diretto da Marco Travaglio. Il «terzo uomo» scelto dal Bildenberg è Matteo Renzi, senatore del Partito Democratico, già presidente del Consiglio. Il gruppo Bilderberg, costituitosi nel 1954 formalmente …

Leggi tutto »

Euro: tutti si preparano alla rottura per limitare i danni?

DI GIUSEPPE MASALA lantidiplomatico.it Diciamocela tutta. L’Euro come moneta è moribonda dal 2011. Quando saltarono in aria Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda e l’Italia si salvò per il rotto della cuffia.Da allora, piaccia o non piaccia la politica economica è cambiata: il controllo del saldo della partite correnti è diventato ferreo in tutti i paesi dell’area. Hanno iniziato a rientrare tutti compresa la Spagna che è passata da un 100% di pil di posizione finanziaria netta sull’estero all’85%. La strada …

Leggi tutto »

Il Naufragio dei Gilets Jaunes

DI MICHEL ONFRAY michelonfray.com Il vantaggio con BHL (Bernard Henry-Levy ) [1] è che si sbaglia continuamente e basta pensare il contrario di quello che lui scrive o dice, per essere sicuri e certi di stare nel vero. È una vera performance intellettuale, un destino unico nella stessa storia delle idee, il fatto di essere la bussola che indefettibilmente indica il Sud! Promuovendo se stesso e il suo One Man Show in tutte le capitali d’Europa dove le sale si riempiono …

Leggi tutto »

A grandi passi verso la Crisi

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo: i partiti “sovranisti” aumentano i seggi, ma restano ininfluenti nel nuovo emiciclo, dove la grande coalizione di popolari e socialisti si allargherà ai liberali. Regno Unito e Italia appaiono però sempre più distanti dal Continente: l’exploit del partito Brexit rafforza lo scenario di un’uscita inglese dall’Unione Europea senza accordo, mentre l’affermazione della Lega isola ulteriormente l’Italia, incamminata verso una silenziosa uscita dall’eurozona. Gli angloamericani lanceranno …

Leggi tutto »