Berlino: 17enne senza mascherina in tram, la picchiano in sei

La vile aggressione, avvenuta domenica, ha portato all'arresto di tre uomini, mentre le donne che erano con loro sono ancora latitanti

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Un’altra follia cui ci stanno tragicamente abituando i regimi sanitari: a Prenzlauer Berg, Berlino, domenica una ragazzina di 17 anni è salita sul tram non indossando la mascherina. Questo ha fatto scattare tre coppie, con le donne più agguerrite che si sono spinte persino a insulti razziali contro la ragazzina. Non contente, quando sono scesi dal tram una di loro le ha dato un pugno, provando poi a prenderla a calci mentre era a terra; la giovane ha provato a divincolarsi, ma gli uomini l’hanno bloccata e le tre donne si sono accanite su di lei con calci e pugni, per poi defilarsi tutti mentre la ragazza era a terra. Portata in ospedale per la gravità delle ferite, la vittima ha mostrato agli agenti video fatti col cellulare mentre era in tram, che hanno permesso di identificare i tre uomini, arrestati la sera stessa. Questi si sono rifiutati di collaborare con la polizia e identificare le tre donne, e restano in carcere in attesa di giudizio.

I sei mostri di Berlino non sono gli unici colpevoli: sono esecutori materiali di una violenza che ormai regna sovrana da anni nei media di regime, colpevoli quanto loro di questa vile aggressione. E non c’entra affatto che è fatto ormai comprovato che i dispositivi di protezione individuale non proteggono alcunché, e che nei giovani e giovanissimi la Covid non crea particolari problemi. Questo i vari “tecnici” messi al di sopra dei processi democratici lo sanno bene, e in effetti qui il piano sanitario non c’entra nulla. L’obbligo di mascherina, al chiuso come all’aperto, ha una sola ragione: alimentare l’odio sociale verso chi non la indossa. Uno strumento nelle mani della dittatura sanitaria che sui più fragili psicologicamente, vittime del martellante terrorismo mediatico, ha un effetto immediato: li trasforma in una massa di controllori spietati e isterici, pronti a sfogare tutte le ansie e le paure inculcate loro dal governo su chi ha scelto, per non offendere la propria intelligenza, di non ostruirsi il respiro con l’inutile pezza. E anche noi italiani ne sappiamo qualcosa

MDM 08/02/2022

Fonte https://www.berliner-zeitung.de/news/polizeibericht-berlin/berlin-sechs-fahrgaeste-schlagen-maskenverweigerin-krankenhausreif-li.210292

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x