Home / Notizie dall’Europa (pagina 4)

Notizie dall’Europa

Uno studio mostra che il 60% dei britannici crede alle teorie del complotto

DI ESTHER ADDLEY theguardian.com Il 60% dei britannici crede ad almeno una teoria del complotto su come viene gestito il paese o sulla veridicità delle informazioni che vengono diffuse. Nel Regno Unito, chi ha sostenuto la Brexit è più propenso a dare credito alle teorie del complotto rispetto a chi si è opposto, 71% contro 49%. Quasi la metà (47%) di chi ha votato “leave” ritiene che il governo abbia deliberatamente nascosto la verità su quanti immigrati vivono nel Regno …

Leggi tutto »

La Brexit e lo Spirito del Natale passato

FINIAN CUNNINGHAM strategic-culture.org Dato il periodo, sembra appropriato presentare la saga della Brexit in una luce dickensiana. ‘Il canto di Natale’ (pubblicato nel 1843) è forse il più celebre racconto di Charles Dickens, dove compare, come personaggio principale, l’avaro Ebenezer Scrooge, perseguitato dai fantasmi del passato. Il processo della Brexit comporta di certo molte recriminazioni e spilorcerie, e anche alcuni episodi del passato sono collegati all’attuale pasticcio. La premier britannica Theresa May, con i suoi lineamenti angolari, la severa personalità …

Leggi tutto »

A LONDRA PER JULIAN ASSANGE, PER IL GIORNALISMO

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Dal 27 dicembre al 6 gennaio sarò tutte le mattine per 3 ore davanti all’Ambasciata dell’Ecuador a Londra a manifestare per la libertà del giornalismo di usufruire dei whistleblowers senza rischiare la pena di morte o la galera a vita. Significa la vita stessa del vero giornalismo. Ciò significa di conseguenza la libertà di Julian Assange. Porterò al collo il cartello qui sotto, che recita: IL MIO LAVORO E’ TENUTO PRIGIONIERO QUI, LIBERATE ASSANGE, LIBERATE IL …

Leggi tutto »

Gilets Jaunes – La fine della distopia

  ISRAEL SHAMIR unz.com I Francesi sono i migliori.  Gli uomini non ingrassano. Le donne non dormono da sole. I bambini sono educati. Hanno la migliore architettura, il miglior stile di vita, il miglior pane, il miglior vino, il miglior olio d’oliva, la migliore cucina, alcuni dei migliori romanzi, film, pittura, poesia, profumo e donne. Inoltre eccellono nelle rivoluzioni. Ogni loro rivoluzione è come una pesca, perfetta, rotonda e succosa. Aprono una nuova epoca per l’umanità. Il solo pensiero di …

Leggi tutto »

L’Economia della Germania sarà il Problema dell’Europa

  DI ASHOKA MODY Bloomberg.com Se la gente non vive bene, non pensa a cose come l’integrazione L’imminente conclusione del mandato finale della cancelliera tedesca Angela Merkel rappresenta una grande sfida per il suo paese e per l’intero progetto europeo. Se il suo successore non riuscirà a far risollevare l’economia tedesca dallo scivolone che la sta portando verso un livello più basso, l’Unione europea potrebbe perdere il suo maggior alleato finanziario. Da quando la Merkel ha annunciato che non correrà per …

Leggi tutto »

L’implosione di Macron – Si diffonderà ad altri membri dell’UE?

DI PETER KOENIG journal-neo.org Il Movimento dei Gilet Gialli – fine settimana 8 e 9 dicembre – Round 4. Alcuni dicono che sono i peggiori scontri in Francia dopo la mini-rivoluzione studentesca del maggio 1968. Negli [ultimi] quattro fine settimana, centinaia di migliaia [di manifestanti] erano nelle strade, persone della classe media, dagli studenti ai lavoratori, ai duri e puri dipendenti e casalinghe. Le forze di polizia aumentano ad ogni nuovo Round – e così anche i dimostranti. Oggi – …

Leggi tutto »

L’Ucraina vuole l’atomica – L’Occidente si inchinerà al regime di Kiev?

  FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org Gli sforzi volti a prevenire la proliferazione nucleare sono uno dei pochi temi su cui le grandi potenze concordano, l’intenzione è quella di continuare a limitare la diffusione delle armi atomiche ed impedire l’ingresso di nuovi membri nell’esclusivo club nucleare. L’ex inviato ucraino presso la NATO, il Maggiore-Generale Petro Garashchuk, ha dichiarato di recente in un’intervista a Obozrevatel TV: “Lo dirò ancora una volta. Abbiamo la capacità di sviluppare e produrre le nostre armi atomiche, [come …

Leggi tutto »

Tutti i misteri della strage di Strasburgo e il grande fallimento della sicurezza francese

DI ALBERTO NEGRI notizie.tiscali.it Perché lo ha fatto? E soprattutto perché glielo hanno lasciato fare? Sono due domande che forse resteranno senza risposta dopo l’uccisione di Cherif Chekat, fulminato dalle squadre speciali dell’anti-terrorismo in quelle strade di Strasburgo dove era nato e cresciuto, a poche centinaia di metri dove aveva fatto perdere le sue tracce. Fatto di per sé già clamoroso. In quelle strade dove lo conoscevano perché frequentava più il bar che la moschea, più per l’alcol e gli …

Leggi tutto »

La religione laica di Einstein, maestro di vita

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Christie’s ha venduto all’asta a New York per 2 milioni e 892.500 dollari una lettera che Albert Einstein scrisse a Eric Gutkind nel 1954, a 74 anni, mezzo secolo dopo aver preso il Nobel per la Fisica. Ma più fortunati del ricco Epulone che l’ha acquistata siamo noi che possiamo leggere gratuitamente questa straordinaria lettera di questo straordinario scienziato e di quest’uomo straordinario i cui pensieri continuano ad abitarci, come quelli di tutti i grandi, da …

Leggi tutto »

Un “Maidan francese” o una rivolta nazionale?

OLLIE RICHARDSON thesaker.is Prima di affrontare l’argomento di questo articolo vorrei rendere un omaggio speciale a William Blum. Per coloro che non lo sapessero, è morto per malattia il 9 dicembre, all’età di 85 anni. A chi non lo conosce, consiglierei di leggere in particolare “Killing Hope” [Uccidere la speranza]. È un’enciclopedia delle aggressioni della CIA contro l’umanità. L’importanza del lavoro di Blum è infinita ed è un esempio che tutti noi dovremmo seguire. Ora andiamo al nocciolo della questione: …

Leggi tutto »

Una lettura alla Tsipras

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Il solito balletto delle cifre e dei decimali ha condotto il governo in un vicolo cieco, per la mancanza di memoria storica e per non aver capito che il nocciolo della questione non è economico, è politico. In altre parole, i nostri politicanti non si sono accorti d’essere precipitati in una lettura della nostra Storia recente delle politiche europee “alla Tsipras”, una lettura che ci conduce al fatidico 1992, all’inutile – e profondamente sbagliata – “difesa” …

Leggi tutto »

Gilet “giovani” (*)

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr (*) NdT gioco di parole basato sulla somiglianza tra i termini francesi “jaunes” (gialli) e “jeunes” (giovani), per paragonare le manifestazioni dei Gilet Jaunes (Gilet Gialli) in Francia con quelle dei giovani studenti in Grecia. La Grecia osserva i Gilet Gialli di Francia ricordando il 2010, momento di massima espressione della protesta, spento dal tempo e dagli atti di violenza deliberata per far rientrare le persone nelle proprie case. Infatti oggi in Grecia ci sono solo …

Leggi tutto »

Grandezza del popolino

DI MICHEL ONFRAY rt.com In opposizione alla casta, che egli accusa di giudicare con arroganza il movimento dei “Gilet Jaunes”, il filosofo e saggista Michel Onfray decifra le rivendicazioni di questi manifestanti che reclamano più democrazia diretta. Ho detto quali mezzi utilizza il potere per avvelenare e screditare il movimento dei “Gilet Jaunes” disprezzo, menzogna, criminalizzazione, demonizzazione, attacco personale, riduzione al minimo, discredito, drammatizzazione. Possiamo aggiungerne un altro: il processo sulla sua immaturità politica- la svalutazione. Queste persone sono troppo …

Leggi tutto »

L’ANATOMIA DEL POPULISMO E LA SFIDA DI MATRIX

DI ALEXANDER DUGIN geopolitica.ru Riproponiamo la traduzione riveduta e corretta dell’articolo di Alexander Dugin pubblicata ieri con il titolo: “Oggi non c’è più destra e sinistra: solo le persone sono contro l’élite. I “giubbotti gialli” stanno creando una nuova storia politica, una nuova ideologia”. Le proteste in Francia, simboleggiate dai giubbotti gialli, coinvolgono una parte sempre più grande della società. Gli esperti politici hanno già definito questo movimento una “nuova rivoluzione”. L’escalation del movimento dei “gilet gialli” è già così …

Leggi tutto »

L’Italia, l‘UE e la caduta dell’Impero Romano

  ALASTAIR CROOKE strategic-culture.org La leadership europea sta cercando di contenere una crisi che sta emergendo a velocità sempre più alta: questa sfida è rappresentata dal crescente numero degli stati ribelli (Gran Bretagna, Polonia, Ungheria e Italia) e dei gruppi storico-culturali indipendentisti (Catalogna), tutti ormai sinceramente contrari al concetto di convergenza obbligatoria verso un ‘ordine’ globale amministrato dall’UE e alla sua ‘disciplina’ di austerità monetaria. [Questi stati e questi gruppi] rigettano anche la pretesa dell’UE di far parte, in qualche …

Leggi tutto »

Ecco come la polizia francese agli ordini di Macron e del suo Ministro degli interni Castaner tratta gli studenti

FONTE: TWITTER.COM This is how the French police, under the orders of #Macron and minister of the interior of #Castaner, treat children in France in 2018#YellowVests #GiletsJaunes #ViolencesPolicieres pic.twitter.com/iN8cwyAa61 — HDG ⭐⭐ (@hdgremix) December 6, 2018   Fonte: https://twitter.com Link;: https://twitter.com/search?q=Violences%20polici%C3%A8res%C2%BB%20&src=typd&lang=it&lang=it&lang=it 7.12.2018   Francia, 100 studenti fermati: interrogati in ginocchio e con le mani sulla testa I liceali sono stati allineati con le mani sopra la testa e alcuni ammanettati, le immagini che hanno scosso il Paese. Capitale blindata in …

Leggi tutto »

Oggi non c’è più destra e sinistra: solo le persone sono contro l’élite. I “giubbotti gialli” stanno creando una nuova storia politica, una nuova ideologia.

  DI ALEXANDER DUGIN rt.com Le proteste in Francia, simboleggiate dai giubbotti gialli, coprono una parte sempre più grande della società. Gli esperti politici hanno già definito questo movimento una “nuova rivoluzione”. La escalation del movimento dei “gilet gialli” è già così grave che è assolutamente necessario analizzare in modo dettagliato questo fenomeno. Abbiamo a che fare con una vivida manifestazione del populismo europeo moderno. Il significato del populismo, come fenomeno che emerge dalla struttura politica nelle società formatesi  sulla …

Leggi tutto »

Ancora un altro batterio fuori controllo dell’America sta dilagando in Europa

DI JEAN PERIER journal-neo.org Nei miei articoli precedenti ho trattato le micidiali armi del futuro, quelle che puzzano di morte e distruzione per l’umanità, sviluppate nei laboratori top secret statunitensi. In precedenza, ho esaminato il batterio mutato, il cui nome in codice è Cynthia, che originariamente era stato progettato per consumare ammassi di idrocarburi, ma invece ha iniziato a consumare carne umana. Anche se c’è stato un numero di casi letali lungo il Golfo del Messico, le autorità americane hanno …

Leggi tutto »

I pro e i contro del gasdotto israeliano verso l’Europa

TOM LUONGO tomluongo.me Israele ha reso pubblico un importante progetto per la realizzazione di un gasdotto che, partendo dalle sue coste, interesserà quattro paesi e terminerà nell’Italia del Nord. La EastMed Pipeline potrebbe essere uno dei più lunghi gasdotti della storia, ma anche il più tecnicamente difficile da realizzare. Il progetto era stato annunciato alcuni giorni fa da World Israel News, dopo essere stato oggetto di negoziati per almeno due anni. E’ stato definito come una contromossa al predominio energetico …

Leggi tutto »

L’Europa ha ragione: non è finita la pacchia

  DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Una sera, discorrevo con un sindaco: un bravo sindaco, uno che fa pagare l’acqua (pubblica, del Comune) ai suoi abitanti una ventina di euro l’anno, che fa pagare poco la spazzatura…insomma, un bravo sindaco. Della Lega. Ciò che mi disse, mi meravigliò. Parlando di bilanci, mi confessò che lo Stato aveva tagliato non ricordo più quante decine di migliaia di euro per il suo Comune (come per gli altri) e di come fosse arduo mantenere …

Leggi tutto »

Quello che Poroshenko non capisce – G.H.W. Bush e l’Ucraina

  MOON OF ALABAMA moonofalabama.org Agli inizi della settimana scorsa, Petro Poroshenko, il Presidente ucraino, aveva cercato di provocare una guerra con la Russia nel tentativo di rimanere al potere, cancellando le prossime elezioni. Oggi ha provato ad accattivarsi il favore degli Stati Uniti commentando la morte dell’ex Presidente degli Stati Uniti George H.W. Bush. Петро Порошенко @poroshenko – 10:59 utc – 1 Dec 2018 L’ex Presidente americano George W. Bush ci ha lasciati. Un vero leader e statista. Quest’uomo …

Leggi tutto »

“I gialli gilets della Francia cattolica”

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Tra le persone interessanti che mi capita di conoscere, c’è Osvaldo Pesce, una vita decisamente avventurosa, è stato anche uno dei pochi italiani ad essere stati ricevuti da Mao Zedong. Chi pensa che il mondo dei marxisti-leninisti italiani di quegli anni fosse una buffa congrega di settari resterà sorpreso a sapere che Osvaldo è capace di fare riflessioni originali e profonde senza pregiudizi e senza retorica. Poi ovviamente mi sento lontano dalla sua visione fortemente novecentesca. …

Leggi tutto »

Guerra o suo Simulacro ? L’escalation delle relazioni russo-ucraine dopo il conflitto nel mare d’Azov

DI ALEXANDER DUGIN geopolitica.ru Guerra o il suo simulacro? L’escalation delle relazioni russo-ucraine dopo il conflitto nel mare d’Azov richiede un’analisi. Il lato formale è chiaro: Poroshenko, che non è in grado di vincere le elezioni, organizza una provocazione per imporre uno stato d’emergenza e far fallire le elezioni. In Russia, questo viene commentato con un sorrisetto. Tutto ciò è vero, ma non è certo una decisione spontanea e nemmeno un’agonia. Poroshenko ha un piano, non può non averlo, ed …

Leggi tutto »

Un esercito europeo agli ordini degli Stati Uniti incentiverebbe solo l’imperialismo e la corruzione militare

  FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org L’idea di creare un esercito comunitario per le nazioni dell’UE è stata riproposta numerose volte, negli ultimi dieci anni, da molti sostenitori dell’elite globalista. L’ultimo esempio ci arriva dal Presidente francese Macron che, durante le commemorazioni per la fine della Prima Guerra Mondiale, ha sfruttato l’occasione per rivitalizzare un’idea che rappresenta più una fantasia che una possibilità reale. Prima le buone notizie. Richard Shirreff, un ufficiale di carriera in pensione dell’esercito inglese aveva dichiarato che: “Penso …

Leggi tutto »

Aiutiamo l’Africa andandocene via

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it “Il debito è la nuova forma di colonialismo. I vecchi colonizzatori si sono trasformati in tecnici dell’aiuto umanitario, ma sarebbe meglio chiamarli tecnici dell’assassinio. Sono stati loro a proporci i canali di finanziamento, i finanziatori, dicendoci che erano le cose giuste da fare per far decollare lo sviluppo del nostro Paese, la crescita del nostro popolo e il suo benessere… Hanno fatto in modo che l’Africa, il suo sviluppo e la sua crescita obbediscano a delle …

Leggi tutto »

CHI BENEFICIA DELL’INCIDENTE DELLO STRETTO DI KERCH ?

 DI VALENTIN VASILESCU voltairenet.org Valentin Vasilescu riassume il ruolo degli aerei da ricognizione statunitensi e israeliani nell’incidente di Kerch. Questi dati sono stati confermati dallo FSB russo (da cui dipendono le guardie costiere) che hanno divulgato i video dell’interrogatorio dei marinai ucraini e un documento sequestrato a bordo di una delle loro navi.  I media internazionali hanno disinformato sull’incidente nello stretto di Kerch, cercando di far sembrare che la Russia stesse riducendo i trasporti internazionali (dal e verso il mar D’Azov, …

Leggi tutto »

La trattativa è una farsa. Si litiga per pochi spiccioli

DI PAOLO BECCHI E GIOVANNI ZIBORDI liberoquotidiano.it Seguire la cronaca delle trattative e dichiarazioni dentro il governo e nella UE sulla manovra di bilancio e i movimenti dello “spread” sta diventando oltre che frustrante inutile. Sei mesi dopo la formazione del governo, reddito di cittadinanza e revisione della legge Fornero sono ancora scatole vuote, perché si sono accantonati i fondi relativi nel progetto di bilancio, senza definirne contenuti e tempi, e ora sembra che il reddito di cittadinanza diventi un …

Leggi tutto »

Ombre della rivoluzione del 1789 nelle proteste per il carburante in Francia

DI LARA MARLOWE irishtimes.com È facile immaginare l’impopolare Macron come un marchese incipriato condotto alla ghigliottina I movimenti di protesta in Francia portano inevitabilmente echi di guerra di classe e della rivoluzione del 1789. I gilets jaunes dalle casacche gialle, che sono riusciti a mobilitare 290.000 persone in tutta la Francia sabato [17 novembre], senza un’organizzazione e senza leader, non fanno eccezione. Anche se il loro numero sta diminuendo, i gilets jaunes hanno continuato lunedì a bloccare autostrade, ponti e …

Leggi tutto »

Timeo Danaos et cazzate ferentes

FONTE: KEINPFUSCH.NET Leggo che nel bailamme di un governo di imbecilli si e’ inserito uno dei piu’ catastrofici imbecilli della storia recente, un certo Tsipras. Il quale si e’ messo a dispensare consigli non richiesti, cosa che fa guardare il rischio che succeda qualcosa che non puo’ succedere. Al contrario, sarebbe meglio essere realistici, e chiedersi quale sia il rischio reale, cioe’ chiedersi che cosa possa succedere davvero. Allora, punto primo: l’Italia non e’ la Grecia. E non e’ una …

Leggi tutto »

Trump ha dato la sua benedizione alla creazione di un esercito europeo

DI  VLADIMIR PROKHVATILOV fondsk.ru La formazione di un unico complesso industriale militare europeo sotto il controllo degli USA Il 10 novembre a Parigi, ha avuto luogo un incontro del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e del Presidente francese Emmanuel Macron. Prima dell’inizio dell’incontro, Trump aveva definito le parole di Macron, sulla necessità di creare un esercito europeo per proteggersi da “Cina, Russia e persino dagli Stati Uniti”, “molto offensive” (very insulting). “Forse l’Europa dovrebbe prima contribuire con la sua …

Leggi tutto »