Home / 2018 / novembre

Archivi mensili: novembre 2018

IL VERO GOLDFINGER: quel banchiere londinese che ha spezzato l’ordine finanziario mondiale

DI OLIVER BULLOUGH theguardian.com La vera storia del modo in cui la City ha inventato la banca “offshore”. Ogni anno in Gennaio , in occasione del forum economico mondiale di Davos, Oxfam (1) ci spiega come le persone più ricche del mondo diventano ancora più ricche. Nel 2016, il loro rapporto indicava che le 62 persone più ricche al mondo possedevano la stessa ricchezza della metà inferiore della popolazione mondiale. Quest’anno, il numero era sceso a 42, ovvero tre dozzine …

Leggi tutto »

Benvenuti a GenderWorld

DI JAMES HOWARD KUNSTLER kunstler.com La sconfitta di Hillary, e l’ascesa del volgare Signor Trump ha scatenato la furia delle donne contro gli uomini in America, che ora rasenta una sorta di caos che consuma tutto, come quegli incendi in occidente che trasformano ogni prodotto dello sforzo umano in un sentiero bruciato di fumo e cenere. Tutte le sofferenze della nostra vita nazionale, ultimamente, sono attribuite al patriarcato del malvagio maschio bianco che deve essere sconfitto per lasciare spazio a …

Leggi tutto »

Il nemico della Gran Bretagna non è la Russia ma la sua stessa classe dirigente. Un rapporto dell’ONU lo conferma

DI JOHN WIGHT rt.com Mentre la classe politica inglese è lacerata a causa della Brexit, una crisi molto più grave continua a colpire i milioni di vittime dell’austerity voluta dai conservatori. Un devastante rapporto delle Nazioni Unite sulla povertà nel Regno Unito evidenzia in modo incontrovertibile che il vero nemico del popolo britannico è la sua stessa classe politica che negli ultimi anni ha fatto di tutto per convincerlo che è colpa della Russia. Il Professor Philip Alston, nella sua …

Leggi tutto »

Tre centesimi e sette

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Penso che le notizie più brutte dell’anno siano quelle che vengono dalla Francia in queste ore. Perché riguardano qualcosa che va alla radice stessa della nostra vita. Riassumiamo. Gli scienziati ci dicono che siamo sull’orlo di una catastrofe planetaria, indotta dai cambiamenti climatici, a loro volta indotti da come la specie umana sta trasformando il pianeta, e che l’unica speranza sia prendere subito misure drastiche. Le previsioni e le statistiche precise su un argomento come il …

Leggi tutto »

Come l’economia è diventata una religione

DI JOHN RAPLEY theguardian.com Sebbene l’Inghilterra abbia una sua chiesa, pochi di noi la praticano veramente. Seguiamo una religione ben più potente sulla quale abbiamo orientato le nostre vite: l’economia. Pensateci. L’economia offre una dottrina onnicomprensiva con codici morali che promettono ai seguaci la salvezza in questo mondo; un’ideologia talmente necessaria da far si che i fedeli modifichino intere società per renderla conforme alle sue richieste. Possiede propri santoni, mistici e maghi che trasformano il nulla in soldi usando formule …

Leggi tutto »

Serge Latouche: consumatori perfetti, cioè infelici. Serviamo così

FONTE: LIBREIDEE.ORG L’espressione “decrescita felice” suscita ancora oggi molta perplessità. E’ un equivoco tutto italiano. Io non ho mai usato questa espressione. La decrescita ha un significato preciso e parte dall’assunto che noi viviamo in un mondo finito e con risorse finite. La seconda legge della termodinamica ci dice che se bruciamo 10 litri di benzina essa “non si distrugge”, ma non la possiamo nemmeno più riutilizzare come forma di energia. Come forma di energia la benzina se n’è andata …

Leggi tutto »

Il cessate il fuoco in Gaza, è la fine di Netanyau?

DI TOM LUONGO zerohedge.com “La democrazia è la teoria secondo la quale le persone comuni sanno quello che vogliono e meritano di farlo bene e duramente.”  H.L. Mencken Le dimissioni del Ministro della Difesa Avigdor Lieberman a causa dei i termini del cessate il fuoco con i palestinesi in Gaza ha gettato il mondo politico israeliano in uno stato di profonda confusione. Si potrebbe essere tentati di vedere tale fatto, in funzione della specifica analisi della questione, sotto una luce positiva …

Leggi tutto »

L’Italia può vincere la guerra all’Europa

DI PAOLO BECCHI E GIOVANNI ZIBORDI liberoquotidiano.it Martedì sera Bloomberg ha scritto: «I populisti in Italia scoprono il bluff della Ue», ripresentando il budget dell’Italia tale e quale, senza nessuna riduzione del deficit pubblico indicato al 2,4% che la Ue voleva invece tenere all’1,8%. È un mese che scriviamo su questo giornale la stessa cosa: la Ue non ha nessuna carta in mano contro il governo, sta bluffando pensando che i nostri si sarebbero lasciati intimidire dal rialzo dei tassi …

Leggi tutto »

Nazionalisti, Patrioti e ex banchieri dei Rothschild

DI RAUL ILARGI MEIJER zerohedge.com Se e quando un ex banchiere dei Rothschild comincia a spiegare che cosa significano veramente le parole nei nostri rispettivi linguaggi, dobbiamo fare attenzione. Anche se ha dozzine di speech writers professionisti e spin doctors che lo fanno per lui. E anche se il significato e l’interpretazione delle parole, nonostante possano sembrare facilmente traducibili, si differenziano tra inglese, francese, tedesco, russo, cinese a tal punto che ‘Lost in Translation’ sarebbe un eufemismo. Ma se siete quel …

Leggi tutto »

Quando sento parlare di ambiente, mi cascano le…

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Appena qualcuno mette il naso su questioni ambientali, ecco che viene subito tacciato d’essere un “pro-ICCP”, e quindi un catastrofista prezzolato oppure, al contrario, d’essere un negazionista della santa verità scientifica o, ancora, uno che lega tutto all’attività di HAARP o delle scie chimiche. E – notatelo bene – il dibattito non si sposta di un centimetro: nessuno che porti dati comprovati, sillogismi perfetti…no, soltanto la nostra abitudine di sollevarci sopra la massa per chiarire un …

Leggi tutto »

L’apocalisse in California: fuoco e furia

DI HARVEY WASSERMAN opednews.com Nell’ America di oggi, omicidi di massa casuali si fondono con la devastazione ecologica. Cinquant’anni fa, da ventenne, spesso andavo in autostop dalla Pacific Coast Highway alla Southern California. Allora dormivo su spiagge incontaminate, nuotavo nell’ oceano e passavo ore a guardare foche e delfini cavalcare le onde a pochi metri dalla costa. Uno dei miei posti preferiti era a Santa Monica, dove il Sunset Boulevard incontra il mare al Will Rogers State Park. Questo meraviglioso …

Leggi tutto »

Sovrani si nasce

comedonchisciotte controinformazione alternativa carraro conditi

DI FRANCESCO CARRARO comedonchisciotte.org Ve lo ricordate quel famoso aneddoto sull’aquila che credeva di essere un pollo? Il magnifico rapace, catturato quand’era un pulcino, venne costretto a razzolare insieme ai pennuti di un pollaio. Crescendo, e pur conservando il suo magnifico e regale piumaggio, l’augusto volatile seguitò a comportarsi come gli era sempre stato “insegnato”, cioè da gallina. Nel celebre best seller di Anthony de Mello, la metafora si è fatta titolo: messaggio per un’aquila che si crede un pollo. …

Leggi tutto »

La partita della Russia in Libia – Ecco il piano di Vladimir Putin

  LORENZO VITA occhidellaguerra.it Non si può avere un ruolo di primo piano in Libia, senza passare per la Russia. È questa una delle poche certezze che si hanno nel caos che pervade il paese nordafricano. La strategia di Vladimir Putin, nel difficile scacchiere libico, è sempre stata particolarmente silente. Il Cremlino, dopo la caduta di Muhammar Gheddafi, si è mosso con prudenza, consapevole che la fine del colonnello ha avuto un effetto disastroso sulla costruzione della strategia russa nel …

Leggi tutto »

La Terra è in una spirale mortale. Servono azioni radicali per salvarci

DI GEORGE MONBIOT theguardian.com Il collasso climatico potrebbe essere rapido e imprevedibile. Non possiamo più permetterci di prendere tempo e sperare che cambiamenti irrilevanti evitino il disastro. E’ stato un momento di quelli che cambiano la vita. A una conferenza stampa tenuta la settimana scorsa dagli attivisti di Extinction Rebellion, due di noi giornalisti presenti incalzavamo gli organizzatori riguardo alla perseguibilità dei loro obiettivi. Per esempio, avevano affermato che le emissioni di anidride carbonica nel Regno Unito avrebbero dovuto essere azzerate …

Leggi tutto »

Ringraziare i veterani per il loro “servizio”? E perché mai?

THE SAKER thesaker.is In base al contesto, la parola “perchè” può essere completamente inoffensiva o addirittura il più sovversivo e sacrilego termine pronunciabile. Questo è forse il motivo per cui amo così tanto questa espressione, per la sua capacità di colpire a fondo i miti più intoccabili e i principi più inamovibili. Così, oggi voglio chiedere a tutti: come mai tanta gente sente il bisogno di ringraziare i veterani di guerra per il loro “servizio”? Per prima cosa, cominciamo a …

Leggi tutto »

A volte ritornano. I cosiddetti 40 mila del Sì-Tav

DI ANGELO D’ORSI temi.repubblica.it Ritornano i 40 mila? Ma quali 40 mila? Non erano in quarantamila il 14 ottobre 1980, non erano in quarantamila il 10 novembre 2018. Al di là delle cifre, su cui come sempre si assiste a una un po’ risibile battaglia, il fatto più grave della recente esibizione del “popolo Sì-Tav”, è stato precisamente l’avere evocato quel precedente (che tale non era), che segnò la fine dell’ondata progressiva della società italiana, e l’inizio dell’arretramento del movimento …

Leggi tutto »

Gaza brucia più di Hollywood ma non c’è nessuno per spegnere il fuoco

DI GEORGE GALLOWAY rt.com Il mondo è ossessionato dalle foreste in fiamme che incendiano le tenute delle star a Hollywood. Con estrema ironia alcune delle case bruciate appartengono a persone che hanno aiutato la raccolta fondi di milioni di dollari per l’esercito israeliano che sta bruciando le baracche a Gaza. I guerrieri di Hollywood sono assicurati, ovviamente, e hanno altre case, a volte, molte. Gli abitanti delle catapecchie di Gaza no. I coraggiosi vigili del fuoco della California sono ben …

Leggi tutto »

Facebook, la merda incontra il ventilatore? Quel che una stampa di puttane non dice su Facebook

FONTE: KEINPFUSCH.NET Sono passati pochi giorni da quando i giornalisti sono stati definiti “puttane” con grande scandalo da parte di chi ama scandalizzarsi a testa bassa, e gia’ me la sento di ribadire il giudizio. E sia chiaro: anche quelli che si stanno stracciando le vesti (di solito si stracciano le vesti per farsi un selfie a tette fuori e guadagnare followers) sarebbero stati d’accordo con me se solo non lo avesse detto il cinghiale di turno.Sia chiaro: la stampa …

Leggi tutto »

L’Iran è disconnesso dal sistema SWIFT – cosa ancora ci si può aspettare?

DI VALENTIN KATASONOV fondsk.ru Se la Russia sarà la prossima, quanto è pronta alla disconnessione? Il 5 novembre è entrata in vigore una nuova serie di sanzioni economiche contro l’Iran da parte di Washington. Include il blocco delle riserve internazionali di Teheran, il divieto dell’uso dei porti iraniani e l’esportazione di petrolio iraniano. Ha avuto luogo anche la disconnessione delle organizzazioni finanziarie iraniane dal sistema di trasferimento delle comunicazioni di pagamento SWIFT. L’Iran ci è abituato: le prime sanzioni anti-Iran di …

Leggi tutto »

Michel Houellebecq ha immaginato la distopia sessuale. Ora è arrivata

DI ADAM DI KIRSCH nytimes.com Quando in aprile Alek Minassian ha guidato un furgone su un marciapiede di Toronto, uccidendo 10 persone, si è unito ad una crescente lista di giovani assassini di massa maschi. Aveva lasciato una serie di post su internet che portano a pensare che il movente avesse a che fare col suo status di “incel”, cioè celibe involontario – un’etichetta adottata da uomini che non sono in grado di formare relazioni sessuali con donne e che spesso …

Leggi tutto »

La crocifissione di Julian Assange

  CHRIS HEDGES truthdig.com Il rifugio di Julian Assange nell’ambasciata ecuadoriana di Londra si è trasformato in una piccola bottega degli orrori. Negli ultimi sette mesi [il giornalista] è stato praticamente escluso da ogni forma di comunicazione con il mondo esterno. La cittadinanza ecuadoriana, che gli era stata concessa in virtù del suo status di richiedente asilo, sta per essergli revocata. Le sue condizioni di salute si vanno deteriorando. Gli vengono negate le cure mediche. I suoi tentativi di ottenere …

Leggi tutto »

Liberariamoci dalle catene immaginarie

comedonchisciotte controinformazione alternativa elefante e paletto

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org È arrivato il momento di liberarci delle nostre catene immaginarie. Questo racconto si intitola “L’elefante incatenato” ed è tratto da “Lascia che ti racconti. Storie per imparare a vivere” dello scrittore argentino Jorge Bucay. Quando ero piccolo adoravo il circo, ero attirato in particolar modo dall’elefante che, come scoprii più tardi, era l’animale preferito di tanti altri bambini. Durante lo spettacolo faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune… ma …

Leggi tutto »

Dissesto ambientale, non dite che è catastrofismo. È peggio

DI LUCA MERCALLI ilfattoquotidano.it È uscito per Einaudi il nuovo libro di Luca Mercalli “Non c’è più tempo”, un viaggio per comprendere che quella climatica e ambientale è un’emergenza di cui dobbiamo preoccuparci. Tanto piú in un’epoca di riscaldamento globale che, tra alluvioni, siccità e aumento dei livelli marini, minaccia il benessere dei nostri figli e nipoti. Ne proponiamo un estratto. Molti uomini (e poche donne) nel lungo corso della storia hanno dimostrato di essersi fumati il cervello. Alcuni di …

Leggi tutto »

Giornalisti dalla parte sbagliata

DI MASSIMO BORDIN ilfoglio.it Fra i giornalisti che Alessandro Di Battista ritiene dei modelli ce n’è uno che forse non è presentissimo alla memoria dei lettori di quotidiani. Fulvio Grimaldi però ebbe un notevole momento di visibilità quando nel Tg3 di Sandro Curzi commentava temi ecologi sempre accompagnato da un simpatico cane bassotto. Come volevasi dimostrare è partita la difesa corporativista, puerile, patetica, ipocrita, conformista e oltretutto… Posted by Alessandro Di Battista on Monday, November 12, 2018 Quando poi si occupava di …

Leggi tutto »

Scoperta e fermata una cospirazione militare in Germania ?

FONTE: IT.SPUTNIKNEWS.COM Il dipartimento federale di polizia criminale della Germania ha scoperto una cospirazione di alcuni militari tedeschi che pianificavano omicidi mirati di politici. Lo scrive Focus con riferimento ai materiali dell’indagine. Si osserva che il gruppo era composto da soldati della Bundeswehr, delle forze speciali e membri dell’associazione di soldati d’élite “Uniter”. I cospiratori, convinti dell’inevitabile collasso dello Stato, avevano preparato il cosiddetto “X-Day”, in cui avrebbero riunito in un solo posto per eliminare fisicamente i politici secondo loro scomodi e …

Leggi tutto »

“L’Iran ha imparato a uscire da situazioni simili”: la possibilità che avrà Teheran di aggirare le sanzioni di Washington

DI GEORGY MOSALOV e ANASTASIJA RUMJANTSEVA russian.rt Teheran continuerà a commerciare il petrolio, nonostante le sanzioni statunitensi imposte il 5 novembre. Lo ha affermato il Presidente della Repubblica Islamica, Hassan Rouhani. In precedenza, le azioni di Washington sono state condannate dai partecipanti all’accordo sul nucleare iraniano. Nel Gabinetto dei Ministri tedesco hanno segnalato l’intenzione di tutelare le imprese tedesche dall’influenza di misure restrittive. Il meccanismo corrispondente è già in fase di sviluppo a Bruxelles. Nel Consiglio della Federazione(1) ritengono che le …

Leggi tutto »

Michel Onfray: la mia battaglia contro “l’Impero di Maastricht”

DI FEDERICO IARLORI davincipost.info L’avanzata dei partiti populisti in Europa e nel mondo, l’avvenire della sinistra, l’opposizione tra liberalismo ed ecologia, il servilismo dei media tradizionali ed il ruolo delle reti sociali nell’informazione, le elezioni europee e la rovina della civiltà occidentale. Il filosofo Michel Onfray risponde alle nostre domande In Francia Marine Le Pen resta lo spauracchio. Ad ogni elezione rappresenta un pericolo, ma dopo sono sempre gli altri (gli stessi) che vincono e lei scompare fino alle seguenti …

Leggi tutto »

Verdi come i dollari di Soros ?

DI NANDO ROSSI nandorossi.wordpress.com Opinionisti e politici italiani fanno il giro dei talk show e, un po’ per mascherare la sconfitta dei loro CDU, CSU e SPD, un po’ per farsi coraggio, teorizzano la comparsa di una nuova ‘sinistra verde’, che fermerà la deriva sovranista e populista in Europa Perché i media e i partiti italiani hanno finto stupore verso il successo elettorale dei Verdi in Baviera, quando era evidente (tanto da essere da mesi nei loro pronostici) che i …

Leggi tutto »

Yemen – Tenere Hodeidah è l’ultima possibilità per gli Houthi

  MOON OF ALABAMA moonofalabama.org Dal MoA review della settimana scorsa: • October 31 – Yemen – After 200,000 Died An Embarrassed U.S. Finally Calls For Negotiations Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) e i loro mercenari hanno ripreso il loro deciso attacco in direzione di Hodeidah. Se dovessero catturarla, controllerebbero tutti i rifornimenti destinati alle zone popolate dagli Houthi. I Sauditi e l’UAE sembra stiano utilizzando i 30 giorni concessi loro da Trump per conquistare il più territorio possibile. L’attacco …

Leggi tutto »

Quattro funerali

DI TONGUESSY comedonchisciotte.org La fortunata trasmissione “4 Ristoranti” condotta dal simpatico Alessandro Borghese (giunta ormai alla quinta edizione) ha dato il via alle serie televisive 4x. Borghese mette a confronto 4 ristoratori che cercano di conquistarsi il premio per avere totalizzato il migliore punteggio relativamente a servizio, menù, location e conto. Tutta la vicenda si inserisce nel filone teleculinario che da qualche anno a questa parte ha visto montare progressivamente l’interesse mediatico e quindi popolare al punto che secondo i …

Leggi tutto »