Home / Attualità / La campagna elettorale piu’ costosa di sempre la pagherete voi, in tasse

La campagna elettorale piu’ costosa di sempre la pagherete voi, in tasse

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

Questo governo venne eletto con un mandato di sfida alla UE e ai Mercati per maggior spesa pubblica, ma non di uscita dalla moneta euro.

Sfidare Ue e Mercati col Ministero del Tesoro totalmente evirato dall’assenza di una moneta nazionale sovrana, è un atto suicida, alla lettera.*

Infatti il governo è stato sconfitto e umiliato in pochi attimi: si è arreso a una spesa pubblica in eccesso delle tasse addirittura inferiore alla media di tutti i governi precedenti da quando l’Italia ha adottato l’euro.

Ma questo è un governo che gioca sull’insipienza del pubblico per incassare consensi elettorali a breve, è infatti un governo in perenne campagna elettorale. Quindi insiste, da totale sconfitto, nell’atto suicida di provocare la UE e i Mercati con una pioggia incessante di dichiarazioni antagoniste slabbrate e irresponsabili, particolarmente sui Social media. Il suo calcolo è ovvio: riscuotere il consenso elettorale da ‘eroi patrioti’ precisamente perché il pubblico non capisce nulla della tragedia economica che in questo modo si va gonfiando come un aneurisma nazionale.

Infatti ciò che davvero accade alle spalle di questo pubblico insipiente è che ogni volta che la stampa finanziaria riporta le sopraccitate dichiarazioni antagoniste slabbrate e irresponsabili di sti dilettanti, i disperati tecnici al Ministero del Tesoro, che ripeto: sono evirati, impotenti, disarmati, non possedendo valuta sovrana – si trovano costretti a vendere Debito Pubblico a prezzi sempre più alti, o peggio: talvolta non completano neppure le aste.

L’ammassarsi di questi rialzi continui del prezzo a cui il Tesoro deve vendere Debito, e ribadisco: sempre causati dalle cieche strategie elettorali di questo governo – si traduce in rendimenti da pagare con denaro pubblico che si gonfiano di continuo con scadenze a 5-7-10-15-30 anni.

E indovinate chi fra 5-7-10-15-30 anni sarà tassato a sangue per ripagare quei soldi?

Ecco cosa vi sta costando, ma soprattutto costando a vostri figli in termini di miliardi in soffocanti tasse che sborseranno, la perenne sciagurata campagna elettorale di un governo di irresponsabili fin alla soglia del criminoso. Perché loro lo sanno benissimo che sfidare Ue e Mercati col Ministero del Tesoro totalmente evirato dall’assenza di una valuta sovrana E’ UNA FUCINA IMPLACABILE DI FUTURE TASSE. Loro incasseranno voti oggi, voi le pagherete domani.

* Come una campagna elettorale e una coalizione responsabili si sarebbero dovuti armare PRIMA di sfidare chiunque l’ho già scritto in circa ottomila articoli, o forse ottomiladue.

 

Paolo Barnard

Fonte: www.paolobarnard.info

Link: https://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=2119

24.11.2018

Pubblicato da Davide

3 Commenti

  1. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Allora non ci resta che uscire dalla UE e riprenderci la sovranità monetaria e non solo quella, rinegoziare il debito o, come fecero i bolscevichi durante la rivoluzione del 1917(*), “chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…chi ha dato, ha dato, ha dato… scurdámmoce ‘o ppassato…..! Insomma anche questa una bella “rivoluzione”. Chi si mette a guidarla?
    (*) Un mio collega di lavoro mi raccontava spesso che suo nonno andò in miseria perché perse tutti i risparmi che aveva investito in titoli di stato russi nei primi anni del 1900.

  2. barnard leggiti questo

    ”“È stato più volte dimostrato che i Paesi che hanno bisogno e vogliono recuperare dai fallimenti economici fanno meglio concentrandosi e promuovendo le proprie capacità socioeconomiche interne, col minimo possibile di interferenze esterne. Uno dei casi più importanti è la Cina. Dopo che la Cina emerse il 1° ottobre 1949 da secoli di colonizzazione occidentale e oppressione grazie alla creazione del Presidente Mao della Repubblica popolare cinese (RPC), Mao e il Partito Comunista Cinese dovettero prima
    mettere in ordine una “casa in rovina”, un Paese rovinato da malattia, mancanza di istruzione, sofferenza da carestie spietate causate da uno sfruttamento spudorato da parte dei colonialisti occidentali. Per fare ciò, la Cina rimase praticamente chiusa al mondo fino a circa la metà degli anni ’80. Solo allora, quando la Cina superò malattie e carestia sfrenate, costruì un sistema istruttivo nazionale e divenne un esportatore netto di cereali e altri prodotti agricoli, la Cina, ormai completamente autosufficiente, aprì gradualmente i confini ad investimenti e scambi internazionali. E guardate dove è oggi la Cina. Solo 30 anni dopo, non solo è diventata l’economia numero uno al mondo,
    ma anche una superpotenza mondiale che non può più essere invasa
    dall’imperialismo occidentale
    . ( P . Koenig ex banca mondiale )

    La cina ci indica la “lunga via” necessaria per salvare questo paese dal colonialismo della finanza ” occidentale”. Forse ci vorrà mezzo secolo di immani sacrifici , ma una cosa è certa :l’€uro è morte.

  3. L’ unico punto in cui sono d’ accordo con Barnard è il fatto che attaccare l’ europa senza il controllo della moneta è come battersi i maroni. Certo che per tornare al controllo della moneta non è che ci voglia chissà cosa…basterebbe un piano…e un weekend …STATI UNITI permettendo. Se invece al di là dell’ atlantico vogliono l’EU, euro e NATO al loro servizio…almeno una cosa in alternativa sto governo potrebbe tentare di fare…togliere l’ asta marginale BTP e venderli direttamente al risparmiatore finale, magari residente. Devono essere tutti corrotti al MEF o tutti rincoglioniti per non accorgersi che noi paghiamo il 3% più dei tedeschi perchè piazziamo i BTP seguendo procedure diverse. Voi dite che al MEF possono fare come i tedeschi?