Home / Archivi etichette: brexit

Archivi etichette: brexit

Ogni “click” ci porta un po’ più vicini al “bang!”

DI THE SAKER thesaker.is Trump ha tirato il grilletto, ma, invece di un “bang”, quello che il mondo ha sentito è stato un modesto “click”. Considerando che stiamo parlando di un gioco estremamente pericoloso, una roulette russsa anglosionista, possibilmente nucleare, il “click” è davvero una buona notizia. Ma, per usare le parole di Nikki Haley, la “pistola” americana è sempre “carica e pronta”. Ci sono diverse versioni su quanto accaduto veramente, ma io credo che la spiegazione più plausibile di …

Leggi tutto »

Caso Skripal, una false flag per far cadere il governo May ?

FONTE: ZEROHEDGE.COM Zero Hedge rilancia e dà spessore ad un’analisi che Tom Luongo ha proposto sul “caso Skripal”. La tesi è che si sia trattato di una trappola tesa alla May dalla monarchia e dalle oligarchie economiche britanniche, per mezzo dello MI-6, per far cadere il suo Governo. Un “colpo di stato”, quindi, per portare al governo i laburisti (previa sostituzione di Corbyn con un clone di Tony Blair), allo scopo di denunciare la Brexit e tornare nell’ambito della “Galassia …

Leggi tutto »

Un futuro “lacrime e sangue” per l’Italia

Mauro Bottarelli Il sussidiario.net L’Italia continua a seguire le consultazioni al Quirinale. Nel frattempo sui mercati e altrove ci si prepara a tempi bui. E noi rischiamo il peggio. Vi state appassionando alle consultazioni per il nuovo governo? Bene, sono contento. Non importa che, nel quasi disinteresse generale, sia ora chiaro che servirà una manovra correttiva a causa dell’impatto dei salvataggi bancari sui conti dello Stato e nemmeno che il titolo Monte dei Paschi sia tornato sull’altalena della speculazione, ieri …

Leggi tutto »

The Cambridge Analytica Files. “Sono io che ho creato lo strumento psicologico di guerra di Steve Bannon” (intervista)

DI CAROLE CADWALLADR theguardian.com Per oltre un anno abbiamo studiato Cambridge Analytica e i suoi collegamenti con la campagna per la Brexit nel Regno Unito e il Team di Trump nelle elezioni presidenziali americane. Ora, il ventottenne Christopher Wylie parla entrando nel merito per discutere del suo ruolo nel dirottare i profili di milioni di utenti di Facebook per colpire l’elettorato statunitense La prima volta che ho incontrato Christopher Wylie, non aveva ancora i capelli rosa. Questo è avvenuto dopo. …

Leggi tutto »

Il filo che unisce la morte di Skripal alla Brexit

DI MAURO BOTTARELLI ilsussidiario.net Sembra ci sia più di una cosa che non torna nella morte per avvelenamento di Sergei Skripal che ha provocato uno scontro tra Regno Unito e Russia. Guardate la “torta” più in basso, fa parte dell’ultimo report di JP Morgan, pubblicato giovedì e dedicato ai principali tail risk globali nella visione dei grandi manager della finanza, principalmente gestori di fondi. Come vedete, la Russia e la sua presunta volontà di intromissione politica non appare esattamente una …

Leggi tutto »

Il crollo del credo sull’olocausto: un punto di vista da Israele

DI GILAD ATZMON gilad.co.uk Quello che segue è un estratto da un rilevante articolo scritto da Ofri Ilani per Haaretz, intitolato “Il crollo del consenso sul fatto che gli ebrei siano statti le prime vittime dell’Olocausto”. L’articolo esplora i fondamenti della religione globale dell’Olocausto, identifica le istituzioni internazionali che sostengono questa dottrina e gli eventi politici che lasciano capire che i Goyim non ce la fanno più con questa storia degli ebrei-solo-popolo-ad-avere-il-primato della sofferenza. Sono abbastanza d’accordo con la maggior parte delle osservazioni …

Leggi tutto »

Secondo Ipsos, il PD è il primo partito…

DI DANIELE SCALEA facebook.com Secondo Ipsos, il PD è il primo partito tra gli ultra-65enni, tra le persone meno istruite e tra le persone religiose e praticanti. Tre categorie che su Brexit e Trump sono state bistrattate alla stregua di un cancro della società, dopo il 4 marzo saranno salutate in Italia dai medesimi giornalisti e intellettuali come “ceti responsabili” e “freno al populismo”‘.   Daniele Scalea Fonte: www.facebook.com Link: https://www.facebook.com/daniele.scalea/posts/1480651745366051?pnref=story 28.01.2018   Nella foto: Matteo Renzi con le sue …

Leggi tutto »

Previsioni 2018 – Che cosa potrebbe andare storto?

DI JAMES HOWARD KUNSTLER russia-insider.com “…avanti tutta verso una lunga fase di emergenza” Se voi prendete i vostri riferimenti a partire dal “Consenso disinformato”(1)  (“Consensus Trance Central” nell’originale -N.d.T.), dalle reti di informazione cablate, dal New York Times, dal Washington Post, e dall’ Huffington Post, Trump  è responsabile di tutto ciò che affligge questo Impero che sprofonda. E anche si possono associare Trump e la Russia, perché il Golem d’Oro della grandeur ha fatto comunella con Vladimir Putin per saccheggiare …

Leggi tutto »

Aprite gli occhi sulle fake news! Sono solo un pretesto per censurare. Ve lo dimostro qui

DI MARCELLO FOA Il Cuore Del Mondo Non è un caso. E’ un metodo. Con un pretesto, le fake news, e uno scopo finale: mettere a tacere le voci davvero libere. Attenzione, non si tratta di una questione meramente italiana bensì di quella che definirei una “corale internazionale”. Il là lo hanno dato gli Stati Uniti, dove, dopo la vittoria di Trump, è partita una massiccia campagna ispirata dagli ambienti legati al partito democratico con l’entusiastico consenso di quello repubblicano, …

Leggi tutto »

Perché il movimento indipendentista catalano sta fallendo

FONTE: GEFIRA.ORG La lotta catalana per l’indipendenza non sta avvenendo nel modo giusto. Alcuni movimenti indipendentisti hanno avuto successo nella storia, altri no. Al momento sembra che il tentativo catalano sia destinato a fallire. Forse in futuro i catalani cambieranno strategia e raggiungeranno il proprio obiettivo, ma ad oggi il movimento sembra tanto rumore per nulla. Abbiamo quindi esaminato ciò che ha funzionato in passato e ciò che al momento chiaramente non sta funzionando. 1. Un piano sbagliato sin dall’inizio …

Leggi tutto »

Ray Dalio scommette contro l’ Unione Europea

DI RAUL ILARGI MEIJER TheAutomaticEarth.com C’è un punto di cui ha parlato recentemente il governatore della Bank of England, Mark Carney, che può essere il primo  (o il secondo? poi vedremo) ingranaggio che fa girare la ruota dell’UE. Cioè, la compensazione dei derivati. È una delle poche aree in cui Bruxelles può rimetterci molto di più di Londra, ma è un’area bella robusta. E Carney ha voluto mettere  un punto interrogativo gigante sulla preparazione della UE. Carney Rivela il Potenziale …

Leggi tutto »

Come risolvere la crisi in soli 100 giorni

Partecipazione e condivisione di idee

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Molti mi chiedono : “Cosa faresti per uscire dalla crisi se tu fossi al Governo ?”. Bella domanda, perché è facile parlare di soluzioni finchè sai che non sarai tu a doverle attuare, altra cosa è essere lì ed avere la responsabilità della vita di 60 milioni di persone. Noi italiani. Tutti sanno che il problema dell’attuale crisi economica è la mancanza di soldi nell’economia reale, ma nessuno lo dice. Tutto il resto sono solo chiacchiere …

Leggi tutto »

Guerra lampo, colpo di stato silenzioso e IV Reich nell’UE

FONTE: DEDEFENSA.ORG È la Brexit il miglior affare realizzato dal Quarto Reich dopo il suo lancio da parte delle ditte Monnet, UE, CIA e  Compagnia dagli anni 50 in poi e dopo il “Gran Premio di Roma” (1)  che istituiva il trattato con lo stesso nome?. “Oggigiorno c’è  in corso un vero colpo di Stato tedesco nelle istituzioni europee”, ci spiega una fonte informativa partecipe e in ottima posizione per ascoltare nel vento le ultime notizie europee… “amico mio,-…the answer …

Leggi tutto »

I veri motivi delle nuove elezioni generali inglesi

DI MATTHEW JAMISON strategic-culture.org Martedì 18 aprile il primo ministro britannico, la signora Theresa May, ha sorpreso un pubblico britannico ormai stanco di elezioni. Nonostante avesse più volte ripetuto, dopo essere divenuta Primo Ministro e leader del Partito Conservatore, che non ci sarebbero più elezioni a sorpresa, la signora May ha fatto un’ennesima inversione di marcia e ha cambiato idea. A differenza della signora Thatcher, questa signora qui adora i cambi di programma. E lo fa piuttosto spesso. Durante la campagna …

Leggi tutto »

Attali, supermassone oligarchico: Macron, una mia creatura

FONTE: LIBREIDEE.ORG Emmanuel Macron è una mia creatura, rivela. E sottolinea: «Sono molto felice. Il suo primo posto è un risultato insperato fino a poche settimane fa». Autore dell’esternazione: Jacques Attali, uomo-ombra del vero potere europeo, tra i massimi strateghi (sul versante francese) del sistema euro-Ue. Paolo Barnard lo ha definito «il maestro di Massimo D’Alema, che quand’era a Palazzo Chigi si vantò di aver realizzato il record di privatizzazioni, in Europa». Per un ex consigliere di Mitterrand come l’insigne …

Leggi tutto »

#Macron, #LePen, chi perderà di più?

DI PINO CABRAS megachip.globalist.it Il risultato del primo turno delle presidenziali francesi regala al candidato di plastica Emmanuel Macron, l’uomo dei Rothschild, le apparenti maggiori possibilità di vittoria per il secondo appuntamento alle urne, quello del 7 maggio, quando dovrà vedersela con Marine Le Pen. I quattro candidati più votati (Macron, Le Pen, Fillon, Mélenchon) si sono spartiti l’80 per cento dei voti, collocandosi ciascuno poco sopra o poco sotto il 20 per cento. Con un dato di partenza così …

Leggi tutto »

Prime conseguenze della Brexit: Theresa May pronta alla guerra per proteggere Gibilterra

FONTE: ZEROHEDGE.COM L’inchiostro usato per firmare il divorzio dall’UE deve ancora asciugarsi ma già l’Europa è scossa dalle dichiarazioni dell’ex leader conservatore Michael Howard: la May sarebbe pronta a far guerra per proteggere Gibilterra, un po’ come la Thatcher lo era per le Falkland. Il Guardian lo ha già bollato come “provocatore”. Howard ha detto domenica a Sky News che: “Non c’è alcun dubbio che il nostro governo starà al fianco di Gibilterra … 35 anni fa di questo periodo …

Leggi tutto »

Sarà davvero un disastro la Brexit per gli inglesi ?

DI DANIEL SHELTER think-beyondtheobvious.com Oggi la signora May potrebbe annunciare ufficialmente la Brexit e dare il via al processo di divorzio dalla UE. Un disastro per la Gran Bretagna, secondo i funzionari di Bruxelles, Berlino e Parigi. È veramente così? Raramente c’è stato un consenso così ampio: gli elettori britannici hanno fatto un errore enorme a votare la Brexit. Il paese soffrirà per i decenni a venire e si pentirà molto per la decisione, mentre l’UE e la zona euro …

Leggi tutto »

Attentato a Westminster: l’ISIS sbarca in Regno Unito in vista della Brexit

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org A distanza di un anno esatto dagli attacchi terroristici di Bruxelles ed a sette giorni dall’avvio dei negoziati per il divorzio tra il Regno Unito e l’Unione Europea, Londra è stata teatro di un attentato carico di significati: un’auto ha travolto i passanti sul ponte di Westminster, per poi schiantarsi contro i cancelli del Parlamento britannico. Cinque i morti, una quarantina di feriti ed un inequivocabile messaggio: la Brexit non destabilizzi ulteriormente la già moribonda Unione …

Leggi tutto »

C’è poco da fare, a Londra come Parigi, il mercato adora gli attentati. Anzi, ne adora le conseguenze

DI MAURO BOTTARELLI rischiocalcolato.it Mentre scrivo, ho un’unica certezza rispetto a quanto accaduto a Londra: il mercato adora gli attentati terroristici. Anzi, con quasi certezza, posso dire che adora le conseguenze politico-sociali che spesso e volentieri portano con sè. Il computo dei morti, per ora, è di due persone: un poliziotto ucciso mentre tentava di fermare l’assalitore e una donna investita dal suv lanciatosi sulla folla lungo Westminster Bridge. Un medico dell’ospedale St. Thomas, raggiunto dalla BBC, ha parlato di …

Leggi tutto »

Visto l’Olanda? L’effetto Erdogan c’è stato. Ma contro Wilders

DI MARCELLO FOA Il cuore Del Mondo Ora si sprecano le interpretazioni sul voto in Olanda, dove il centrodestra ha vinto e il candidato antiestablishment Wilders ha ottenuto meno voti del previsto. In termini di comunicazione e di strategie elettorali, l’analisi è piuttosto semplice, benchè, a prima vista, paradossale. A favorire questo risultato è stata la crisi con il premier turco Erdogan. Immagino la reazione del lettore: ma come? Tutti dicevano che la polemica con il governo turco avrebbe favorito …

Leggi tutto »

Stiamo assistendo al momento più strano nella storia dell’economia?

DI BRANDON SMITH   alt-market.com   E’ una sfortunata realtà che la maggior parte della gente tende a non prestare molta attenzione agli enormi cambiamenti in termini geopolitici ed economici. Potremmo pensare che eventi di questa portata dovrebbero attirare subito l’attenzione di ognuno mentre succedono, ma generalmente non accade mai finché il soggetto non vede che il microcosmo della sua vita individuale è una conseguenza di quello che accade nel macrocosmo, allora la gente si sveglia e se ne rende …

Leggi tutto »

Uno strumento fiscale per uscire dalla crisi : il “SIRE”

SIRE SIstema di Riduzione Erariale

DI FABIO CONDITI E STEFANO DI FRANCESCO comedonchisciotte.org Come può lo Stato trovare il denaro per uscire dalla crisi economica ?   Uno strumento fiscale come il SIRE, concreto e realizzabile fin da subito, potrebbe farci uscire dalla crisi economica ? L’analisi dei cosiddetti esperti economici è paradossale : tutti concordano ormai che per uscire dalla crisi economica sarebbe necessario un quantitativo importante di denaro da immettere nell’economia reale per uscire dalla recessione, visto che è caratterizzata da deflazione e …

Leggi tutto »

Il danno non è un’opinione

DI EMANUELA LORENZI comedonchisciotte.org E’ bastata una lettera della nostra Beatrice nazionale [1], moderna Torquemada senza toga né camice, per far saltare la proiezione di Vaxxed prevista il 9 febbraio nientemeno che a Bruxelles [2], cui doveva seguire una tavola rotonda con la presenza del dr Wakefield (di cui tutti conoscono il nome ma nessuno la storia, cominciata in quel 17 maggio del 1995 quando una madre lo chiamò e trovò, dopo molte porte chiuse, finalmente un Medico disposto a …

Leggi tutto »

La battaglia che non si combatte

DI ALCESTE pauperclass.myblog.it La geopolitica è interessante, appassionante e ci consente di tifare come juventini e interisti, ma in Italia non esiste che un conflitto: quello del patriziato italiano contro il resto del paese. Il patriziato, che assomma circa il 20% degli italiani, è assai variegato al suo interno. Ne fanno parte, infatti, personaggi fra loro apparente diversi: Prodi e Monti, capoccia dell’ANM e del CSM, presidenti di Camera e direttori di talent show, i giudici del TAR e i …

Leggi tutto »

Soros alle corde

DI WAYNE MADSEN Strategic Culture.org Anche se il multi-miliardario, magnate degli ‘hedge fund’ e agitatore politico su scala internazionale – George Soros – ha già perso alla grande con l’elezione di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti e la vittoria della Brexit nel Regno Unito, rischia di perdere altro terreno politico e finanziario, mentre soffiano sul globo i venti burrascosi del cambiamento politico. Soros, che si considera il Maestro Supremo delle opzioni a breve termine sulle azioni, riuscendo spesso …

Leggi tutto »

Grillo ha deciso di “suicidarsi”. Chiedetevi: a chi conviene?

DI MARCELLO FOA Il Cuore Del Mondo Eh già, c’è chi decide di suicidarsi buttandosi giù da un ponte. E chi prendendo le decisioni sbagliate nel momento più sbagliato, dimostrando una miopia politica così clamorosa da chiedersi se sia davvero solo il frutto di un errore di valutazione o se invece non sia voluta, con estrema e raffinata perfidia, per distruggere il Movimento 5 Stelle. Mettiamo in fila gli elementi. Il M5S ha combattutto una battaglia durissima contro il sistema; …

Leggi tutto »

“We the people” ha modificato il concetto di insurrezione

FONTE: DEDEFENSA.ORG “We the people” finalmente si mostra particolarmente docile ed adattabile. Le popolazioni interessate, che hanno uno stile molto globalizzato, se si misura l’ampiezza e la dimensione della insurrezione rivoluzionaria, hanno ormai perfettamente capito che i concetti come “insurrezione” e “rivoluzione” devono essere radicalmente modificati ovvero trasformati. Non è più necessario ed è anche a volte radicalmente controindicato, se non come misura per aumentare la pressione, scendere nelle strade per reclamare, per rivendicare e sperare di ottenere i cambiamenti …

Leggi tutto »

Renzi come Hillary: la propaganda non funziona più

DI MARCELLO FOA Il Cuore del Mondo Ma perché Renzi non piace più? Perché non riesce più a convincere gli italiani? Me lo ha chiesto un giornalista de il sito ilsussidiario.net, Federico Ferrau, intervistandomi sulla campagna referendaria. Ne è uscita una bella intervista, che potete leggere integralmente qui. La mia tesi è che Renzi stia ripetendo gli errori di Hillary Clinton, puntando soprattutto al controllo dei media mainstream. Controlla la Rai, Mediaset lo aiuta, i principali giornali sono favorevoli o …

Leggi tutto »

Trump è arrivato alla Casa Bianca grazie ai social, i media main stream non se lo sarebbero mai aspettato

FONTE:  RT.COM Intervista a Pepe Escobar Entrambi i partiti negli USA, Wall Street e i media erano assolutamenti certi che Hillary avrebbe vinto con una probabilità del 98%, ma con il suo mantra “Make America Great Again” Trump ha dimostrato loro che si sbagliavano, ha detto l’analista politico Pepe Escobar a RT. Non appena i seggi sono stati chiusi, i mercati azionari hanno fatto fatica ad assorbire il risultato. I Dow Jones futures stavano di poco salendo, ma non appena …

Leggi tutto »