IL DARFUR, IL PETROLIO E NOI

La questione dell'oro nero dietro al conflitto nel Sudan meridionale DI SABINA MORANDI Mentre il circo mediatico si predispone ad allestire la solita replica nella nuova esotica ambientazione del Darfur è forse di qualche interesse fare il punto della situazione. Due o tre cose che, insieme alle decine di migliaia di morti e al milione e passa di sfollati, sono l'unica cosa vera nella sarabanda di menzogne e di lacrime di coccodrillo che alimentano il colonialismo umanitario datato…

MAFIA E CORRUZIONE: IL MOSAICO NERO DI BERLUSCONI, PREVITI, DELL'UTRI

DI MARCO TRAVAGLIO E così, nel giro di sedici ore, l'Italia apprende che Silvio Berlusconi è un corruttore, impunito e impunibile, di magistrati. Come il suo braccio destro Cesare Previti, già condannato a sedici anni in primo grado. In compenso, il suo braccio sinistro (in tutti i sensi) Marcello Dell'Utri, oltre a essere un pregiudicato per frode fiscale e false fatture, è pure un mafioso. Per almeno trent'anni, dal 1974 a oggi, secondo il Tribunale di Palermo ha protetto e rafforzato…

IL DARFUR, IL PETROLIO E NOI

La questione dell'oro nero dietro al conflitto nel Sudan meridionale DI SABINA MORANDI Mentre il circo mediatico si predispone ad allestire la solita replica nella nuova esotica ambientazione del Darfur è forse di qualche interesse fare il punto della situazione. Due o tre cose che, insieme alle decine di migliaia di morti e al milione e passa di sfollati, sono l'unica cosa vera nella sarabanda di menzogne e di lacrime di coccodrillo che alimentano il colonialismo umanitario datato…

AMY GOODMAN: ''LA MIA RADIO SOLA CONTRO BUSH''

DI SIMONETTA COSSU Non capita spesso che incontrando la persona che ti appresti a intervistare ti trovi intervistato. E' quello che può succedere se la persona è Amy Goodman. Giornalista d'attacco, scrittrice, leader del movimento pacifista americano, Amy Goodman è la spina nel fianco del grande "sistema" d'informazione americano. La incontriamo a Roma in occasione dell'uscita in Italia del suo libro, "Scacco al Potere" edizione Nuovi Mondi Media. Prima ancora di avere il tempo di…

AMY GOODMAN: ''LA MIA RADIO SOLA CONTRO BUSH''

DI SIMONETTA COSSU Non capita spesso che incontrando la persona che ti appresti a intervistare ti trovi intervistato. E' quello che può succedere se la persona è Amy Goodman. Giornalista d'attacco, scrittrice, leader del movimento pacifista americano, Amy Goodman è la spina nel fianco del grande "sistema" d'informazione americano. La incontriamo a Roma in occasione dell'uscita in Italia del suo libro, "Scacco al Potere" edizione Nuovi Mondi Media. Prima ancora di avere il tempo di…

ATROCITA' IN IRAQ: "HO UCCISO INNOCENTI PER IL NOSTRO GOVERNO"

di Paul Rockwell “Noi dimentichiamo cosa sia la guerra, cosa fa a chi la conduce ed a quelli che soffrono per essa. Quelli che più la odiano, ho scoperto, spesso sono i veterani che la conoscono.” Chris Hedges, giornalista del New York Times e autore di “La guerra è una forza che ci dà un significato” Per quasi 12 anni, il Sergente Jimmy Massey è stato un Marine fin nel midollo delle ossa , qualcuno direbbe un marine entusiasta. Per tre…

INTERVISTA A HOWARD ZINN: VIETNAM, CUBA, IRAQ…

DI MIGUEL ALVAREZ SANCHEZ Un'intervista a tutto tondo a Howard Zinn, lo storico della dissidenza. Dalla guerra del Vietnam, all'embargo a Cuba fino all'invasione dell'Iraq. Un ragguaglio storico e un'analisi completa sulle conseguenze, nazionali e internazionali, della politica repressiva e belligerante degli Stati Uniti Cominciamo parlando di libri D’accordo. Cosa l’ha spinta a scrivere la Storia degli Stati Uniti d’America? L’ho scritta perché…

SHARON: “SOLUZIONE FINALE” DEL PROBLEMA PALESTINESE

DI MAURIZIO BLONDET A cosa mira Sharon con il ritiro unilaterale da Gaza? Non è un mistero. Lo ha rivelato ad Haaretz (1) il suo consigliere Dov Weisglass il 6 ottobre scorso: “il senso del nostro disimpegno consiste nel congelare il processo di pace. Ci dà la formalina necessaria per chiudere in un boccale ogni negoziato politico coi palestinesi”. Dov Weisglass è un portavoce credibile: è in rapporti molto confidenziali con Condoleezza Rice, che lo chiama affettuosamente “Dovi”.…

INTERVISTA A HOWARD ZINN: VIETNAM, CUBA, IRAQ…

DI MIGUEL ALVAREZ SANCHEZ Un'intervista a tutto tondo a Howard Zinn, lo storico della dissidenza. Dalla guerra del Vietnam, all'embargo a Cuba fino all'invasione dell'Iraq. Un ragguaglio storico e un'analisi completa sulle conseguenze, nazionali e internazionali, della politica repressiva e belligerante degli Stati Uniti Cominciamo parlando di libri D’accordo. Cosa l’ha spinta a scrivere la Storia degli Stati Uniti d’America? L’ho scritta perché…

SHARON: “SOLUZIONE FINALE” DEL PROBLEMA PALESTINESE

DI MAURIZIO BLONDET A cosa mira Sharon con il ritiro unilaterale da Gaza? Non è un mistero. Lo ha rivelato ad Haaretz (1) il suo consigliere Dov Weisglass il 6 ottobre scorso: “il senso del nostro disimpegno consiste nel congelare il processo di pace. Ci dà la formalina necessaria per chiudere in un boccale ogni negoziato politico coi palestinesi”. Dov Weisglass è un portavoce credibile: è in rapporti molto confidenziali con Condoleezza Rice, che lo chiama affettuosamente “Dovi”.…

I MEDICI SONO LA TERZA CAUSA DI MORTE

DI BARBARA STARFIELD Prima ti ignorano, Poi ridono di te, Poi ti combattono, Poi vinci. Mahatma Gandhi Sommario di Kah Ying Choo Questo articolo del Journal of the American Medical Association fa luce sul fallimento del Sistema Sanitario Americano nel fornire una cura medica decente agli Americani. Nonostante i costi crescenti della sanità che forniscono l'illusione che la sanità…

I MEDICI SONO LA TERZA CAUSA DI MORTE

DI BARBARA STARFIELD Prima ti ignorano, Poi ridono di te, Poi ti combattono, Poi vinci. Mahatma Gandhi Sommario di Kah Ying Choo Questo articolo del Journal of the American Medical Association fa luce sul fallimento del Sistema Sanitario Americano nel fornire una cura medica decente agli Americani. Nonostante i costi crescenti della sanità che forniscono l'illusione che la sanità…

SANTA KLAUS

DI MARCO TRAVAGLIO Incerto se occuparsi dei processi Berlusconi e Dell’Utri, o se invece presentare il suo ultimo libro anche a Porta a Porta avendo esaurito gli altri programmi Rai, lunedì Bruno Vespa ha optato per un caso ben più serio che lacera la società contemporanea: le gemelle Lecciso. Erano con lui, in quell’ora grave, Barbara Palombelli e Paolo Crepet, che distillavano gli stessi alti concetti espressi di solito sul pigiama della mamma di Cogne. Poi, al posto del…

SANTA KLAUS

DI MARCO TRAVAGLIO Incerto se occuparsi dei processi Berlusconi e Dell’Utri, o se invece presentare il suo ultimo libro anche a Porta a Porta avendo esaurito gli altri programmi Rai, lunedì Bruno Vespa ha optato per un caso ben più serio che lacera la società contemporanea: le gemelle Lecciso. Erano con lui, in quell’ora grave, Barbara Palombelli e Paolo Crepet, che distillavano gli stessi alti concetti espressi di solito sul pigiama della mamma di Cogne. Poi, al posto del…

LA CINA: TEMERLA O AMARLA?

DI GIULIETTO CHIESA Parliamo di Cina, questa volta. Fino a cinque o sei anni fa era ai margini del mondo. Certo, grande, certo antica. Ma di lei, della Cina, allora si accorgevano soltanto i cittadini di Khabarovsk, o dell’Estremo Oriente russo. Semplicemente perché erano e sono invasi dai cinesi. Invasi come da una immensa ondata di popolo che attraversa pacificamente le frontiere e non c’è modo di fermarla. Anche perché, al momento, è un’ondata benefica, che porta denaro, sviluppo,…

LETTERA APERTA A GEORGE BUSH

DI RALPH NADER Presidente George W. Bush The White House Washington, DC 20500 Caro Presidente Bush, Il 30 giugno 2004, vi ho scritto una lettera aperta che sollecitava la sua amministrazione ad includere, nel conto ufficiale degli incidenti degli Stati Uniti in Iraq: (1) le ferite riportate in situazioni di non-combattimento; (2) il personale militare che ha sviluppato malattie disabilitanti; e (3) i casi di trauma mentale che richiedono l'evacuazione dall'Iraq. Lei…

LA CINA: TEMERLA O AMARLA?

DI GIULIETTO CHIESA Parliamo di Cina, questa volta. Fino a cinque o sei anni fa era ai margini del mondo. Certo, grande, certo antica. Ma di lei, della Cina, allora si accorgevano soltanto i cittadini di Khabarovsk, o dell’Estremo Oriente russo. Semplicemente perché erano e sono invasi dai cinesi. Invasi come da una immensa ondata di popolo che attraversa pacificamente le frontiere e non c’è modo di fermarla. Anche perché, al momento, è un’ondata benefica, che porta denaro, sviluppo,…

LETTERA APERTA A GEORGE BUSH

DI RALPH NADER Presidente George W. Bush The White House Washington, DC 20500 Caro Presidente Bush, Il 30 giugno 2004, vi ho scritto una lettera aperta che sollecitava la sua amministrazione ad includere, nel conto ufficiale degli incidenti degli Stati Uniti in Iraq: (1) le ferite riportate in situazioni di non-combattimento; (2) il personale militare che ha sviluppato malattie disabilitanti; e (3) i casi di trauma mentale che richiedono l'evacuazione dall'Iraq. Lei…

ASSALTO ALL'AMBIENTE

Dopo le elezioni l'amministrazione Bush studia la revisione delle leggi che proteggono l'ecosistema. DI ALESSANDRO URSIC Dopo essere stato rieletto con il più alto numero di voti popolari della storia, George W. Bush avrà mano libera per attuare la sua politica estera, nonché quella fiscale, senza doversi preoccupare più di tanto. E’ la conclusione a cui sono arrivati molti osservatori dopo il 2 novembre. Ma l’attivismo della seconda amministrazione Bush sembra concentrarsi…

ASSALTO ALL'AMBIENTE

Dopo le elezioni l'amministrazione Bush studia la revisione delle leggi che proteggono l'ecosistema. DI ALESSANDRO URSIC Dopo essere stato rieletto con il più alto numero di voti popolari della storia, George W. Bush avrà mano libera per attuare la sua politica estera, nonché quella fiscale, senza doversi preoccupare più di tanto. E’ la conclusione a cui sono arrivati molti osservatori dopo il 2 novembre. Ma l’attivismo della seconda amministrazione Bush sembra concentrarsi…

LASCIATEMI PARLARE DI MUMIA

DI SILVIA BARALDINI Oggi Mumia Abu Jamal inizia il suo ventiquattresimo anno di detenzione nel braccio della morte dell'istituto penale statale SCI Greene nello stato della Pennsylvania. Costruito nel 1996, SCI Greene è basato sul sistema dei pod, moduli che isolano totalmente i detenuti. Mumia vive in una cella di 8 piedi per 12 (2,5 metri per 3,7), ermeticamente sigillata, totalmente bianca ed asettica. Nessuna immagine, fotografia o ricordo può inquinare la asetticità dell'ambiente…

LASCIATEMI PARLARE DI MUMIA

DI SILVIA BARALDINI Oggi Mumia Abu Jamal inizia il suo ventiquattresimo anno di detenzione nel braccio della morte dell'istituto penale statale SCI Greene nello stato della Pennsylvania. Costruito nel 1996, SCI Greene è basato sul sistema dei pod, moduli che isolano totalmente i detenuti. Mumia vive in una cella di 8 piedi per 12 (2,5 metri per 3,7), ermeticamente sigillata, totalmente bianca ed asettica. Nessuna immagine, fotografia o ricordo può inquinare la asetticità dell'ambiente…

IL MERCATINO DEGLI IDEALI IN CRISI

DI MASSIMO FINI Solo in Italia, credo (e spero) le sorelle Lecciso possono diventare un caso e solo in Italia, credo (e spero) può andare avanti per giorni, riempiendo le pagine di tutti i giornali, una polemica condita con insulti e controinsulti, come quella nata sull'infelice battuta di Romano Prodi sui "mercenari" di Forza Italia. Invece di dare luogo alle solite "baruffe chiozzote" farebbero forse meglio a interrogarsi sull'esigenza che ha spinto Silvio Berlusconi, uomo…

IL MERCATINO DEGLI IDEALI IN CRISI

DI MASSIMO FINI Solo in Italia, credo (e spero) le sorelle Lecciso possono diventare un caso e solo in Italia, credo (e spero) può andare avanti per giorni, riempiendo le pagine di tutti i giornali, una polemica condita con insulti e controinsulti, come quella nata sull'infelice battuta di Romano Prodi sui "mercenari" di Forza Italia. Invece di dare luogo alle solite "baruffe chiozzote" farebbero forse meglio a interrogarsi sull'esigenza che ha spinto Silvio Berlusconi, uomo…

NON C'E' ALCUN DUBBIO CHE…

DI FRANCO CARDINI ...sulla bontà delle intenzioni delle insegnanti della scuola elementare Ciardi di Treviso, quelle che hanno proposto di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica, un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto Rosso per non urtar la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani (pare circa il 15% della popolazione scolastica locale) e soprattutto, presumibilmente, delle loro famiglie. Tuttavia, ed è proprio il caso di dirlo,…

NON C'E' ALCUN DUBBIO CHE…

DI FRANCO CARDINI ...sulla bontà delle intenzioni delle insegnanti della scuola elementare Ciardi di Treviso, quelle che hanno proposto di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica, un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto Rosso per non urtar la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani (pare circa il 15% della popolazione scolastica locale) e soprattutto, presumibilmente, delle loro famiglie. Tuttavia, ed è proprio il caso di dirlo,…

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, in cui era vestita…

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, in cui era vestita…

DIMENTICANDO PIAZZA TIENANMEN

DI MARCO BAZZATO La politica italiana ha la memoria corta o tende a ricordare i fatti in modo tale che se diventano scomodi, debbano essere rimossi dalla memoria collettiva. Nella recente visita del Presidente della Repubblica Italiana in Cina accompagnato da alcuni esponenti di governo ed industriali, il Presidente ha auspicato la rimozione della sanzioni sull’esportazioni delle armi che gravano sul paese orientale, istituite sull’onda dell’indignazione mondiale…

DIMENTICANDO PIAZZA TIENANMEN

DI MARCO BAZZATO La politica italiana ha la memoria corta o tende a ricordare i fatti in modo tale che se diventano scomodi, debbano essere rimossi dalla memoria collettiva. Nella recente visita del Presidente della Repubblica Italiana in Cina accompagnato da alcuni esponenti di governo ed industriali, il Presidente ha auspicato la rimozione della sanzioni sull’esportazioni delle armi che gravano sul paese orientale, istituite sull’onda dell’indignazione mondiale…