navigazione Tag

sanzioni contro Russia

L’euro senza l’industria tedesca

Michael Hudson unz.com La reazione al sabotaggio di lunedì 26 settembre di tre dei quattro gasdotti Nord Stream 1 e 2 si è concentrata sulle speculazioni su chi sia stato e se la NATO farà un serio tentativo di scoprire il colpevole. Tuttavia, invece del panico, si è tirato un grande sospiro di sollievo diplomatico, persino di tranquillità. La disattivazione di questi gasdotti pone fine all'incertezza e alle preoccupazioni dei diplomatici USA/NATO, che, la settimana precedente, avevano quasi…

Qualunque cosa pur di mantenere l’Europa in uno stato di ‘Intervention Lockstep’ (parafrasando Jaroslav Zajicek, rappresentante permanente al COREPER I)

Alastair Crooke strategic-culture.org C'è un sentore di disperazione che aleggia nel teatro bellico di Bruxelles. Dimenticate la guerra in Ucraina - quella è una causa persa ed è solo una questione di tempo, fino al suo definitivo disfacimento; eppure l'Ucraina - icona di come l'euro-élite ha scelto di immaginarsi - non potrebbe essere meno esistenziale. A Bruxelles la considerano (cinicamente) la chiave per mantenere i 27 Stati membri in "sintonia" e un'opportunità per una presa di…

La guerra in Ucraina fa parte di una strategia statunitense per indebolire la Germania? Un documento della Rand dice “si”

Larry Johnson sonar21.com La guerra è un piacere colpevole e indiretto, a patto che non siate rintanati in uno scantinato o in una trincea a pregare che un colpo di artiglieria non colpisca direttamente la vostra posizione. Carri armati che rombano, razzi e missili che fischiano e truppe che sparano con armi automatiche sono le cose che Hollywood propone per intrattenere le masse che accendono la televisione per guardare un film di guerra o, meglio ancora, le dirette dal fronte per gentile…

9 milioni di italiani (almeno) a rischio povertà energetica

Una recente elaborazione realizzata dall’Ufficio studi CGIA (1), sulla base dell’ultimo Rapporto OIPE 2020 (2), evidenzia che sono 4 milioni le famiglie a rischio di povertà energetica in Italia, pertanto, oltre 9 milioni di persone. I dati decisamente allarmanti non tengono conto degli ultimi due anni, e in modo particolare non considerano l’ultimo anno, nel quale il Paese sta subendo un vero e proprio shock energetico. Macron ora vende il gas a Scholz che gli vende elettricità: scatta…

Grido d’allarme di Confindustria: è terremoto economico

Se si aspettassero due mesi prima di intervenire sul caro energia si metterebbe a rischio l’intero sistema, il reddito e l’occupazione: siamo nel pieno di un “terremoto economico”, ha dichiarato il presidente di Confindustria Carlo Bonomi.(1) Stando ai calcoli di Bonomi, anche considerate le misure di emergenza come i rigassificatori di Piombino e Ravenna, potremmo trovarci a spegnere un quinto dell’industria italiana per mancanza di gas, se Draghi dovesse attendere le elezioni e la…

Il suicidio economico e sociale dell’Europa, provocato dagli Stati Uniti e favorito dai leader europei

Moon of Alabama moonofalabama.org A causa della stupidità della leadership politica europea, gli Stati Uniti sono riusciti ad indurla a commettere un suicidio economico e sociale. L'8 febbraio Michael Hudson, professore di economia all'Università del Missouri, aveva scritto dell'imminente conflitto in Ucraina, che gli Stati Uniti stavano intenzionalmente provocando. Michael Hudson: I veri avversari dell'America sono gli Europei e gli altri alleati: Le sanzioni commerciali che i…

Russia rifiuta diplomazia svizzera: sanzioni non neutrali

Anche chi ha una lunga tradizione diplomatica come nazione intermediaria tra Paesi le cui relazioni sono problematiche o conflittuali, questa volta ha appoggiato quasi tutte le sanzioni conto la Russia imposte dall’Unione Europea: stiamo parlando della Svizzera. Il vice portavoce del ministro degli esteri russo, Ivan Nechayev, ha dichiarato la decisione della Russia di rifiutare l’offerta svizzera di rappresentare gli interessi ucraini in Russia e quelli russi in Ucraina, non considerandola…

Alla vecchia e alla nuova maniera

Dmitry Orlov cluborlov.wordpress.com La parte più difficile del vivere un'epoca di cambiamenti stravolgenti è che nessuno si preoccupa di informarvi che i tempi sono cambiati e che nulla sarà più come prima. Di certo non i mezzibusti in televisione, che spesso sono gli ultimi a saperlo. Dovete scoprirlo da soli, se ne siete capaci. Ma io sono qui per aiutarvi. Tutto ha a che fare con l'energia. Non con la tecnologia, che è accessoria; non con la superiorità militare, che è fugace e in…

La guerra dei fertilizzanti della NATO

Declan Hayes strategic-culture.org Basandosi sul dogma fascista di Zbigniew Brzeziński, Fadi Lama sostiene che la nostra economia globale si sta dividendo in tre parti diseguali: la NATO e i suoi vassalli, il Sud ricco di risorse e i tre Stati autonomi di Russia, Iran e Cina (RIC). La missione del soft e hard power della NATO sarebbe quella di mantenere le satrapie della NATO in stato di quiescenza, contenere i Paesi RIC e sfruttare ulteriormente il Sud. Anche se i media a libro paga…

G7: Accordo sul tetto al prezzo del petrolio russo

Il Gruppo dei Sette - G7, comprendente le principali economie occidentali, ha raggiunto questa mattina un accordo per fissare un tetto al prezzo delle esportazioni di petrolio russo, ha riferito Politico. Secondo l'articolo, gli Stati Uniti hanno proposto di revocare le sanzioni per le navi che trasportano il petrolio russo solo se i Paesi accettano di acquistarlo a un prezzo massimo stabilito, facendo così rispettare un tetto massimo di prezzo. Tale idea è stata accettata dalle altre…

Al via il vertice del G7 in Germania

Da oggi, domenica 26 giugno, i leader del Gruppo dei Sette (G7) sono in Germania per un vertice di tre giorni, che si prevede sarà dominato dal dibattito sul conflitto tra Russia e Ucraina. All'ordine del giorno ci saranno ulteriori sanzioni contro Mosca, possibili soluzioni diplomatiche e l'eventuale imposizione di tetti di prezzo sul petrolio russo. Il G7, come sappiamo, comprende Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia e Giappone. Agli eventi del gruppo partecipano…

GAS: La Germania attiva la fase di “allarme” del piano di emergenza

Come vi avevo preannunciato ieri, questa mattina, giovedì 23 giugno, il governo tedesco ha avviato la seconda fase di "allarme" del suo piano di emergenza a tre livelli, preparato per far fronte a possibili interruzioni delle forniture di gas, dichiarando ufficialmente che il Paese sta affrontando una crisi del carburante a causa della diminuzione dei flussi dalla Russia. Il Ministro dell'Economia Robert Habeck ha descritto la carenza di gas russo come un "attacco economico" al suo Paese da…

La Lituania è pronta a espandere il blocco di Kaliningrad

Vilnius è pronta ad ampliare l'elenco delle merci vietate al transito da e verso l'exclave russa di Kaliningrad nel caso in cui l'Unione Europea introduca nuove sanzioni contro Mosca, ha dichiarato quest'oggi, mercoledì 22 giugno, il presidente lituano Gitanas Nauseda. Il Paese è anche pronto ad affrontare eventuali misure di ritorsione che la Russia potrebbe introdurre, ha affermato in un'intervista a Reuters. "Siamo pronti e preparati ad azioni ostili da parte della Russia, come la…

Kaliningrad: La Russia minaccia “gravi conseguenze” per la Lituania

Sabato 18 giugno la Lituania ha bloccato il transito ferroviario di alcune merci russe verso l'Oblast' di Kaliningrad. Per fare un ripasso veloce, Kaliningrad è un'exclave russa in Europa, situata tra la Polonia e la Lituania lungo la costa baltica e, in quanto exclave, ovvero territorio appartenente alla Russia ma geograficamente separato dalla terraferma, dovrebbe sempre essere garantito il pieno accesso da e verso la Russia continentale secondo il diritto internazionale. Le autorità di…

Ucraina: Il Messico condanna le politiche Occidentali

Il presidente messicano Andres Obrador ha criticato i Paesi occidentali per il loro approccio al conflitto in Ucraina, suggerendo che le ondate di spedizioni di armi straniere porteranno solo a ulteriori spargimenti di sangue. Parlando ai giornalisti durante un briefing lunedì 13 giugno, Obrador ha affrontato il conflitto tra Ucraina e Russia. Pur non indicando alcun Paese specifico, ha detto che coloro che inviano armi a Kiev - una politica fortemente favorita dagli Stati Uniti e dalla…

Le politiche statunitensi stanno portando a un “nuovo G8”

Gli Stati Uniti "con le proprie mani" hanno spinto i Paesi che non partecipano alle "guerre delle sanzioni" a formare un "nuovo G8" con la Russia, ha dichiarato quest'oggi, sabato 11 giugno, il presidente della Duma di Stato russa Volodin. Dopo il lancio dell'offensiva militare russa in Ucraina a fine febbraio, Stati Uniti, Unione Europea, Regno Unito e molti altri Paesi hanno imposto dure restrizioni a Mosca, rendendo la Russia il Paese più sanzionato al mondo. Per questo motivo in un post…

La guerra in Ucraina segna la fine del Secolo Americano

Mark Whitney unz.com "La ferocia del confronto in Ucraina dimostra che stiamo parlando di molto più che del destino del regime di Kiev. È in gioco l'architettura dell'intero ordine mondiale." Sergei Naryshkin, Direttore dell'Intelligence Estera Ecco la riflessione del giorno sulla "valuta di riserva": ogni dollaro USA è un assegno emesso su un conto che è scoperto di 30.000 miliardi di dollari. È vero. La "piena fiducia e credito" del Tesoro statunitense è in gran parte un mito tenuto…

Gli Stati Uniti e la NATO (con l’aiuto del WEF) stanno forse preparando una carestia nel Sud del mondo?

Michael Hudson thesaker.is La guerra per procura in Ucraina si sta forse rivelando solo un'anticipazione di qualcosa di più grande, che riguarda la carestia mondiale ed una crisi dei cambi per i Paesi in deficit alimentare e petrolifero? È probabile che moriranno molte più persone a causa della carestia e del dissesto economico che sul campo di battaglia ucraino. È quindi opportuno chiedersi se quella che sembra una guerra per procura in Ucraina non faccia parte di una strategia più…

Ecco perché incolpare Putin aiuta Putin

Dmitry Orlov cluborlov.wordpress.com La crisi sistemica a cui stiamo assistendo in Occidente (e in altre parti del mondo troppo strettamente interconnesse con l'Occidente per non viverla) è oggettivamente causata dall'Occidente stesso. Ma gli Occidentali, non essendo abituati a riconoscere i propri errori (essendo nelle loro menti confuse superiori, indispensabili e infallibili), sono costretti a giustificare i loro epici e ubiquitari fallimenti dando la colpa a Putin. Cioè, non incolpano…

La NATO costringe Lavrov a cancellare la visita in Serbia

Oggi, lunedì 6 giugno, il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha criticato la NATO e l'UE per aver usato mezzi infimi per fare pressione su altri Paesi. La chiusura dello spazio aereo da parte di Sofia, Skopje e Podgorica equivale a "privare uno Stato sovrano del diritto di condurre la propria politica estera", ha sottolineato. La dichiarazione è arrivata dopo che Bulgaria, Macedonia del Nord e Montenegro -  tutti membri della NATO, con la Bulgaria che fa parte anche dell'Unione Europea…