L’UE lascia una porta aperta al petrolio russo sanzionato

L'India dovrebbe raffinare il greggio sanzionato e rispedirlo all’UE sotto forma di gasolio

rt.com

Secondo quanto riportato lunedì da Bloomberg, l’India potrebbe incrementare notevolmente le esportazioni di gasolio verso l’UE, si tratterebbe di gasolio raffinato a partire dal petrolio russo oggetto delle sanzioni occidentali.

Lo schema non violerebbe i regolamenti dell’UE, ma evidenzia l’inefficienza insita nella politica delle sanzioni, osserva l’articolo.

Il divieto dell’UE su quasi tutte le importazioni di prodotti petroliferi russi scatterà il 5 febbraio, in concomitanza con l’applicazione di un tetto ai prezzi del greggio trasportato via mare dal Paese sanzionato. Le ultime sanzioni legate all’Ucraina vietano alle imprese occidentali di fornire servizi, come le assicurazioni, per i carichi di petrolio russo, a meno che il greggio non venga acquistati ad un prezzo pari o inferiore a 60 dollari al barile. Il tetto massimo dovrebbe essere rivisto in base alle condizioni di mercato.

Fino a poco tempo fa, la Russia era il principale fornitore esterno di gasolio per i Paesi dell’UE, che hanno incrementato gli acquisti in vista del taglio.

A causa delle sanzioni, si prevede che il mercato globale vedrà un notevole spostamento dei flussi di gasolio, in quanto i nuovi importatori del greggio russo stanno rispedendo il carburante ai precedenti acquirenti. Gli analisti prevedono a breve termine sempre più il rischio di un aumento dei prezzi. Tra i nuovi acquirenti dei prodotti petroliferi russi sottoposti a sanzioni ci saranno, secondo quanto riferito, i trader dell’Africa, dell’America Latina e, forse, dell’Asia.

“La perdita dei barili russi è enorme e sostituirli sarà una tremenda sfida logistica,” ha dichiarato a Bloomberg Keshav Lohiya, fondatore della società di consulenza Oilytics. “Ma i prezzi di mercato non sono stati influenzati dal panico, perché i mercati e i flussi commerciali si sono dimostrati resistenti. Si tratterà di riprogrammare il commercio del gasolio.”

Il ruolo dell’India nel rifornire gli Stati membri dell’UE è, secondo quanto riferito, significativo, in quanto, dall’anno scorso, la nazione dell’Asia meridionale si è trasformata in uno dei maggiori importatori di greggio russo scontato.

All’inizio del 2022, la quota della Russia nelle importazioni di petrolio dell’India ammontava ad appena lo 0,2%. Alla fine dello scorso anno, era cresciuta fino a quasi un milione di barili al giorno, raggiungendo più del 20% del paniere delle importazioni di petrolio del Paese. L’India, terzo importatore mondiale di greggio dopo Cina e Stati Uniti, a dicembre era rimasta il primo importatore della Russia per tre mesi di fila.

L’India, insieme agli Stati Uniti, ha recentemente incrementato le esportazioni di gasolio, il pilastro dell’economia globale, verso l’UE, poiché i loro livelli di produzione superano attualmente il consumo interno.

Link: https://www.rt.com/business/569987-oil-diesel-india-russia-eu/
17.01.2023

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix