Kaliningrad: La Russia minaccia “gravi conseguenze” per la Lituania

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Sabato 18 giugno la Lituania ha bloccato il transito ferroviario di alcune merci russe verso l’Oblast’ di Kaliningrad. Per fare un ripasso veloce, Kaliningrad è un’exclave russa in Europa, situata tra la Polonia e la Lituania lungo la costa baltica e, in quanto exclave, ovvero territorio appartenente alla Russia ma geograficamente separato dalla terraferma, dovrebbe sempre essere garantito il pieno accesso da e verso la Russia continentale secondo il diritto internazionale.

Le autorità di Vilnius hanno giustificato la decisione affermando che le merci in questione sono state sanzionate da Bruxelles in relazione al conflitto in Ucraina e quindi non possono più transitare nel territorio dell’UE anche se viaggiano da una parte all’altra della Russia. Secondo i funzionari lituani, la decisione è stata presa dopo aver ottenuto l’approvazione della Commissione europea, il principale organo di governo dell’UE.

Nonostante non sia stato bloccato il transito di tutte le merci, ma solo di quelle sanzionate, la posizione di Vilnus però, secondo Mosca, è una chiara distorsione del diritto internazionale, e, pertanto, alcuni analisti suggeriscono che la mossa della Lituania di bloccare in parte l’accesso della Russia al proprio territorio potrebbe, in qualche misura, essere considerata un “casus belli” – una causa per la dichiarazione di guerra.

Tra le merci sanzionate e quindi da sabato impossibilitate a transitare ci sono ovviamente il petrolio greggio e i prodotti petroliferi, il carbone, i metalli, i materiali da costruzione, la tecnologia avanzata, la vetreria, alcuni alimenti e fertilizzanti, l’alcol, ecc. Secondo il governatore dell’Oblast’, Anton Alikhanov, il divieto significa che potrebbe essere bloccato fino al 50% di tutte le merci destinate a Kaliningrad che, dovendo necessariamente essere trasportate via mare per superare il blocco, subirebbero dai 3 ai 6 mesi di ritardo.

Mosca di tutta risposta, definendo la decisione della Lituania illegale, ieri, lunedì 20 giugno, ha convocato l’ambasciatore lituano, mentre oggi il Ministero degli Esteri ha convocato l’inviato dell’UE in Russia, Markus Ederer.

“Abbiamo chiesto che venga ripristinato immediatamente il normale funzionamento del transito di Kaliningrad”, ha dichiarato il Ministero in un comunicato.

Nel frattempo Nikolay Patrushev, capo del Consiglio di sicurezza russo, si è recato oggi nell’Oblast’ e, durante il viaggi,o ha dichiarato ai giornalisti: “Naturalmente la Russia risponderà alle azioni ostili. Le misure appropriate sono in fase di elaborazione e saranno adottate nel prossimo futuro”, sottolineando che le ritorsioni di Mosca al “blocco” dei trasporti della Lituania nell’Oblast’ di Kaliningrad avranno gravi conseguenze per i cittadini lituani.


Massimo A. Cascone, 21.06.2022

Fonte:

https://www.theguardian.com/world/2022/jun/20/russia-condemns-lithuania-transit-ban-some-goods-kaliningrad

https://www.rt.com/russia/557536-russia-threatens-lithuania-serious-consequences/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix