Home / 2019 / Settembre

Archivi mensili: Settembre 2019

L’affare Biden in Ucraina

  Israel Shamir unz.com I confini dell’Ucraina sono stati per secoli un campo di battaglia decisivo. Qui, Stoccolma, Berlino e Mosca avevano lottato per la supremazia. Qui, Carlo XII aveva perso per mano di Pietro il Grande, Stalin aveva sconfitto Hitler ed ora è probabile che i Clintoniani subiscano in Ucraina la loro sconfitta decisiva. I Democratici hanno commesso l’errore politico più grande del secolo attaccando Trump sull’affare Biden, cioè, così sarebbe se gli Americani avessero ancora un minimo di …

Leggi tutto »

Avviso ai naviganti: hanno già deciso di aumentare l’IVA agevolata del 10% al 12% (+20%)

DI MITT DOLCINO mittdolcino.com Avviso ai naviganti: hanno già deciso di aumentare l’IVA agevolata del 10% al 12% (+20%), ma stanno ancora cercando il modo per non farvelo capire, con vari specchietti per le allodole (rimborsi con uso carta di credito ecc.). E’ tutto un teatrino…. A me fa sorridere che gli italiani non lo abbiamo capito: la manovra del 2020 sarà molto simile a quella del 2019 come entità ed anche come impostazione (visto che quota 100 e reddito …

Leggi tutto »

Quanti migranti può accogliere l’Europa?

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr La Grecia entra nell’autunno dove trova le prime avvisaglie del nuovo governo Mitsotakis, prima fra tutti una strisciante ulteriore apertura delle frontiere greche ai flussi migratori favoriti dai ricatti della vicina Turchia. E, se non ci stanno più nelle isole, il governo che fa? Li manda in Macedonia con tutto spesato, compresa la carta prepagata da Soros, chissà che non annacquino un po’ il nazionalismo di quelle regioni. Intanto si preparano ulteriori dismissioni di importanti asset …

Leggi tutto »

Futuri inaspettati, pagabili in comode rate

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com La notizia più interessante, nel panorama politico, è senz’altro l’inizio delle indagini sui (presunti) trascorsi affaristico/politico/stragisti di Silvio Berlusconi con la mafia. Qualcuno griderà al complotto: libero di farlo, però, prima, dovrebbe tenere in conto alcune cosette. La vicenda, di per sé, non è nuova: già Paolo Borsellino – che s’aspettava d’essere ammazzato (1992) – ne parlò in una serie d’interviste, nelle quali tracciava i primi lineamenti della nuova strategia dei rapporti stato/mafia risultante dal crollo …

Leggi tutto »

Il clima e la pista dei soldi

  William Engdahl journal-neo.org Il clima. E chi l’avrebbe mai detto. Le mega-corporazioni e i mega-miliardari responsabili della globalizzazione dell’economia mondiale degli ultimi decenni, che, a forza di ricercare l’aumento delle rendite azionarie e la riduzione dei costi, hanno provocato così tanti danni al nostro ambiente, sia nel mondo industriale che nelle economie sottosviluppate di Africa, Asia e America Latina, sono i principali sostenitori del movimento di decarbonizzazione “dal basso,” dalla Svezia alla Germania, agli Stati Uniti ed oltre. Sono …

Leggi tutto »

L’Era della Barbarie Climatica (intervista a Naomi Klein)

DI NATALIE HAMMAN The Guardian.com L’autrice di “No Logo” parla di soluzioni alla crisi climatica, di Greta Thunberg, dei primi scioperi contro la natalità e di cosa ne pensa.  Naomi Klein: “Si dovranno fare i conti con questo  consumo infinito di usa e getta.” Come mai pubblica questo libro in questo momento? Sento ancora che il modo in cui stiamo parlando del cambiamento climatico sia troppo settorializzato, troppo insensibile rispetto alle altre crisi che stiamo affrontando. Il filo che attraversa tutto …

Leggi tutto »

Il crollo della Germania è reale e sta accelerando sempre di più

  DI TOM LUONGO tomluongo.me Ad aprile vi avevo detto che la Germania era una “Dead Economy Walking”. Oggi posso dirvi che sono sparite le gambe. La pubblicazione, stamattina, dell’indice PMI [Purchase Managers Index] è stata la peggior notizia che Angela Merkel potesse immaginare: 41,4. Una figura così orribile che i cani vorranno rotolarcisi sopra. Nel complesso l’economia tedesca, secondo i Purchase Managers, sta contraendosi. E con la Merkel che sta mascherando il massiccio aumento delle tasse come un cedimento …

Leggi tutto »

Come la CIA, il Mossad e “la rete di Epstein” stanno sfruttando le sparatorie di massa per creare un incubo orwelliano

DI WHITNEY WEBB mintpressnews.com A seguito di un’altra catastrofica sparatoria di massa o un evento di crisi, le “soluzioni” orwelliane sono destinate a essere propinate a un pubblico americano spaventato, da parte della stessa rete connessa non solo a Jeffrey Epstein, ma a una litania di crimini e a una storia spaventosa di piani per annichilire il dissenso interno negli Stati Uniti. In seguito all’arresto e alla successiva morte in prigione del presunto trafficante di sesso minorile Jeffrey Epstein, una …

Leggi tutto »

SULLA SCOMPARSA DEL BELLO

Alla ricerca della bellezza

DI FLORES TOVO Comedonchisciotte C’è una frase che da tempo viene continuamente citata nel mondo più o meno colto, e che è ormai consunta da quanto è stata usata, che ci racconta che solo “la bellezza salverà il mondo”. Essa è stata pronunciata dal principe Myskin, protagonista del famoso romanzo “L’idiota” di Dostoevskij.  Tuttavia mai una frase, che in sé sarebbe profondissima, si è manifestata del tutto insensata se riferita al nostro presente storico, in cui la bellezza, soprattutto artistica, …

Leggi tutto »

La moneta è un bene pubblico che appartiene alla gente

comedonchisciotte controinformazione alternativa draghi lagarde moneta

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org “La Bce deve ascoltare e parlare con i mercati, ma non farsi guidare da essi; deve anche ascoltare e comprendere le persone, perché una moneta è in fin dei conti un bene pubblico che appartiene alla gente”. Christine Lagarde lo ha dichiarato nel suo discorso davanti al Parlamento Europeo il 4 settembre 2019. Visto che la nostra associazione Moneta Positiva sostiene da anni una “campagna per una moneta dei cittadini e libera dal debito“, stiamo pensando …

Leggi tutto »

L’inquietante culto di Greta Thunberg

  Rob Slane theblogmire.com Il Culto di Greta Thunberg è estremamente inquietante e tocca un nuovo livello di bassezza in quella che sembra essere l’agonia della civiltà occidentale. Anche se credessi veramente che il gas presente in natura, che ognuno di noi espira migliaia di volte al giorno e che le piante usano per la fotosintesi, finirà per essere la nostra morte, sarei comunque profondamente disturbato dall’uso che viene fatto di questa ragazzina (chiaramente mentalmente instabile) come bambino poster per …

Leggi tutto »

L’Insostenibile Leggerezza del Politicamente Corretto

DI ALESSANDRO GUARDAMAGNA comedonchisciotte.org Alla fine tutto sta andando come previsto. La politica degli sbarchi del M5S che da programma prevedeva i respingimenti, ad eccezione che per gli aventi diritto e richiedenti asilo pari a circa il 10%, si sta trasformando nella politica degli accoglioni del PD, dove le pratiche solidali di sodali prevalgono e portano alla scelta di porti di sbarco sicuri e condivisi oggetto di rotazione, in nome del “politically correct”. Lampedusa, Marsala e poi Catania ruoteranno per …

Leggi tutto »

“Facebook è privata, censuri come vuole”

DI ALESSANDRO GILIOLI Piovono rame Va sfatato un mito, un pensiero erroneo ma estremamente diffuso: quello secondo il quale, trattandosi di società private, Facebook e gli altri colossi del web possono fare tutto quello che vogliono in modo assolutamente arbitrario e senza rispondere a nessuno se non a se stessi. Va sfatato intanto per un semplice principio di buon senso che si applica a qualsiasi altra attività privata, cioè il rispetto per alcune regole di utilità collettiva: anche il ristoratore …

Leggi tutto »

Il golpe anglo-americano che aveva messo fine all’indipendenza dell’Australia

  John Pilger theguardian.com Nel 1975, il Primo Ministro Gough Whitlam, che è mancato questa settimana [L’articolo è dell’ottobre 2014 ed era stato scritto subito dopo la morte dell’ex primo ministro, N.D.T.], aveva osato rivendicare l’autonomia del proprio paese. La CIA e il MI6 si erano assicurati che ne pagasse il prezzo. Sui media e nell’establishment politico australiano è calato il silenzio sulla memoria del grande Primo Ministro riformatore Gough Whitlam. I suoi successi sono riconosciuti, seppur a malincuore, i …

Leggi tutto »

Amazzonia in fiamme: il business di Carrefour, Nestlé e soci

FONTE: LIBREIDEE.ORG L’incendio dell’Amazzonia e l’oscuramento dei cieli da San Paolo in Brasile e a Santa Cruz in Bolivia hanno catturato la coscienza del mondo. «Gran parte della colpa degli incendi è giustamente caduta sul presidente brasiliano Jair Bolsonaro per aver incoraggiato direttamente l’incendio delle foreste e il sequestro delle terre delle popolazioni indigene». Ma l’incentivo alla distruzione proviene da grandi aziende internazionali di carne e soia come Jbs e Cargill, e dai marchi globali come Stop & Shop, Costco, …

Leggi tutto »

Come gli Houthi rovesciarono la scacchiera

DI PEPE ESCOBAR tramite il blog di The Saker zerohedge.com Lo spettacolare attacco del gruppo sciita yemenita ad Abqaiq solleva la netta possibilità di una spinta per scacciare la casa Saudita dal potere. Siamo gli Houthi e stiamo arrivando in città.Con lo spettacolare attacco ad Abqaiq, gli Houthi dello Yemen hanno rovesciato la scacchiera geopolitica nel sud-ovest asiatico – arrivando a introdurre una nuova dimensione: la chiara possibilità di investire in una spinta per far perdere il potere alla Casa …

Leggi tutto »

Jean-Claude Juncker, il presidente uscente della Commissione Europea, ancora non si rende conto dei propri errori

  Guillaume Durocher unz.com Il presidente uscente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, durante le sue ultime settimane in carica si è rivelato di una franchezza sorprendente. Ha da poco concesso una lunga intervista al quotidiano belga L’Écho, in cui parla della sua attività e delle sue frustrazioni come capo dell’Unione Europea. Juncker, dal 2014 ha dovuto affrontare la crisi greca, la crisi dei migranti e la cosa più temuta dagli eurocrati, il voto britannico sull’uscita dall’UE. I suoi commenti rispecchiano …

Leggi tutto »

Il fondo… ma è una tragedia?

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com I negatori dei cambiamenti climatici non criticano solo alcune ipotesi (in senso scientifico) sul clima stesso. Ma sono preoccupati, cioè affermano che l’interesse, o la moda, o il panico ambientalista di questi anni costituisca un grave pericolo, da cui cercano di salvare l’umanità. Nei commenti qui, qualcuno fa l’esempio del panico terrorismo islamico del 2001, che ha portato alla guerra in Afghanistan e poi in Iraq. Voglio regalare loro una notizia, che probabilmente riassume in sé …

Leggi tutto »

Il più importante prigioniero politico al mondo

DI CRAIG MURRAY craigmurray.org.uk Siamo a solo una settimana dalla fine della lunghissima detenzione di Julian Assange, reo di non essersi presentato in tribunale dopo esser stato rilasciato su cauzione. Dal resto di quella sentenza riceverà la libertà condizionale, ma continuerà a rimanere in custodia cautelare in attesa dell’udienza sull’estradizione verso gli Stati Uniti – un processo che potrebbe durare diversi anni. A quel punto, svaniranno tutte le giustificazioni per la prigionia di Assange che i finti liberali britannici hanno …

Leggi tutto »

Hong Kong ha paura – Dei manifestanti

  Andre Vltchek journal-neo.org Un tempo era una stazione di polizia britannica ed anche una struttura penitenziaria, con il Victoria Prison Compound. Gli abitanti di Hong Kong tremavano solo a sentirne pronunciarne il nome. Qui è dove le persone venivano arrestate, interrogate, umiliate, torturate e fatte sparire. Ora, dopo che Hong Kong “è ritornata in Cina,” il complesso è stato convertito nel Tai Kwun Center, una delle istituzioni d’arte più grandi e dinamiche dell’Asia. Questa trasformazione è stata simbolica, così …

Leggi tutto »

Per il bene della vita sulla Terra, mettiamo un freno alla ricchezza

DI GEORGE MONBIOT The Guardian.com Non è colpa solo dei mega-ricchi: l’aumento della nostra capacità di spendere ci sta portando a dover sopportare danni contro l’ambiente. È ora di cambiare radicalmente. Non è vero che ogni grande fortuna si è creata grazie al grande crimine, ci sono musicisti e romanzieri, per esempio, che possono diventare estremamente ricchi dando piacere agli altri. Ma sembra che sia universalmente vero che le ricchezze immense si traducano automaticamente in un enorme impatto sull’ambiente, indipendentemente …

Leggi tutto »

Sul denaro contante

DI PAOLO CARDENA’ facebook.com Nella vita comune, l’utilizzo del denaro contante è una delle cose più normali che esista. La possibilità di utilizzare denaro contante, per compensare transazioni commerciali, costituisce elemento di libertà di ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo. Quotidianamente, avvengono milioni e milioni di transazioni che hanno come contropartita l’utilizzo del denaro contate, senza il quale, con ogni probabilità, parte di queste non avverrebbero mai, o avverrebbero in maniera …

Leggi tutto »

Dalla tenaglia dei due Mattei

DI ALESSANDRO GIGLIOLI Piovono rane Il saluto di Renzi al Pd non è al momento salutato con entusiasmo dai sondaggi: per ora sembra una di quelle cose con più finanziatori che elettori già viste in passato, da Montezemolo a Passera (i meno giovani ricorderanno anche la lista Giannini, qualcuno può severamente riferirsi anche al più recente tentativo di Oscar Giannino e sodali). Tuttavia questi sondaggi valgono poco, perché Renzi – al contrario dei suddetti Montezemolo etc – è un politico …

Leggi tutto »

Il re è nudo e il principe in mutande

DI ANTONIO DE MARTINI italiaeilmondo.com Tra ieri e oggi mi sono divertito a leggere qua e là i commenti dei « geopolitici » che spuntano come funghi dopo la pioggia. Cercano di scrutare nella breve dichiarazione di Mike Pompeo come gli auruspici nelle viscere degli animali sacrificati. E, conseguentemente, segnalano merda. 1) prima cacca:lasciano intendere che gli Houti siano poco più che una milizia filo iraniana e sciita. FALSO: sono una tribù che vive da almeno un secolo alla frontiera …

Leggi tutto »

Tutti A Terra!

  DI GEORGE MONBIOT Monbiot.com La storia sarebbe stata clemente con i dimostranti che avrebbero voluto fermare i voli all’aeroporto di Heathrow. Sarebbero stati gli eroi del clima, ma rimarranno nell’oblio, forse li hanno arrestati senza clamore e non è successo niente, ma il loro sarebbe stato un atto veramente rivoluzionario ( NdR) Obbedire è pericoloso. Obbedire favorisce ogni forma di oppressione istituzionale e di violenza. Ogni avanzamento nel cammino della giustizia, della pace e della democrazia è sempre stato …

Leggi tutto »

L’unico ghetto ebraico in Medio Oriente

  GILAD ATZMON gilad.online I risultati delle elezioni israeliane di martedì scorso hanno confermato ciò che molti di noi sapevano già da molto tempo. Lo stato ebraico è una palude dell’ultra destra nazionalista. Israele è più falco e più falco che mai. Non esiste più un solo partito ebraico israeliano di sinistra. Il Partito Democratico è presieduto e guidato da un criminale di guerra. Quello che resta del Partito Laburista israeliano ha ben poco a che vedere con la pace, …

Leggi tutto »

Il governo è caduto perché era nei patti

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.com Roma, 18 settembre 2019 L’isteria della Lega poco prima del Ferragosto. Rilanci, dichiarazioni sanguinose, protervie assortite, pretese maramaldesche. Alle soglie del Ferragosto: quasi a materiare la crisi d’una assurdità metafisico-balneare. Certe rodomontate le si apprezzava da lontano; psicologicamente, remoti dal fervore della cure quotidiane, attutite: veniva voglia di dire: e fatela ‘sta crisi, ci rivediamo a settembre! Mentre si ingollava una bibita fresca, le piante dei piedi sprofondate nelle frescure dell’umida battigia. Un atto gravissimo, onusto di …

Leggi tutto »

LIBERTA’, SOVRANITA’, DEMOCRAZIA

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Di Andrea Cavalleri Comedonchisciotte Questa riflessione non punta a disquisire sul dettaglio dei singoli termini, ma, una volta chiarita la sostanza degli stessi, a mostrare la loro correlazione. Dato che queste parole sono diventate pane quotidiano del dibattito politico, è essenziale approfondirne il significato, perché l’alternativa che si presenta al cittadino è fra prenderne coscienza o esserne preso per il naso.   Libertà. La parola più difficile da comprendere è senza dubbio la prima. L’istinto e …

Leggi tutto »

Come i servizi di sicurezza del Regno Unito hanno neutralizzato il principale quotidiano liberale del paese

  MATT KENNARD & MARK CURTIS dailymaverick.co.za Il Guardian, il principale quotidiano liberale britannico, con una reputazione mondiale di giornalismo indipendente e critico, è stato preso di mira con successo dalle agenzie di sicurezza, allo scopo di ‘neutralizzare’ i suoi pericolosi articoli sullo “stato di polizia,” secondo documenti e prove fornite da ex ed attuali giornalisti del Guardian. I servizi di sicurezza del Regno Unito avevano preso di mira il Guardian nel giugno 2013, subito dopo l’inizio delle pubblicazioni da …

Leggi tutto »