Home / Asia / Come gli Houthi rovesciarono la scacchiera

Come gli Houthi rovesciarono la scacchiera

DI PEPE ESCOBAR tramite il blog di The Saker

zerohedge.com

Lo spettacolare attacco del gruppo sciita yemenita ad Abqaiq solleva la netta possibilità di una spinta per scacciare la casa Saudita dal potere.

Un uomo sciita yemenita tiene la sua arma e una bandiera con un’iscrizione araba che recita “La disgrazia è lontana da noi”, mentre partecipa a una processione religiosa tenuta dai ribelli Houthi per celebrare il primo giorno di Ashura. Foto: Hani Al-Ansi / dpa.

Siamo gli Houthi e stiamo arrivando in città.Con lo spettacolare attacco ad Abqaiq, gli Houthi dello Yemen hanno rovesciato la scacchiera geopolitica nel sud-ovest asiatico – arrivando a introdurre una nuova dimensione: la chiara possibilità di investire in una spinta per far perdere il potere alla Casa Saudita.

Blowback è una cagna. Gli Houthis – sciiti Zaidi del nord dello Yemen – e i vahabiti (Wahhabis) sono stati l’uno alla gola dell’altro per secoli. Questo libro [This book] è assolutamente essenziale per capire la complessità sconvolgente delle tribù Houthi;come bonus, pone il tumulto nelle terre dell’Arabia meridionale ben oltre una mera guerra per procura tra Iran ed Arabia Saudita.

Tuttavia, è sempre importante considerare che gli sciiti arabi nella provincia orientale – lavorando negli impianti petroliferi sauditi – hanno avuto modo di essere alleati naturali degli Houthi che lottano contro Riyadh.

La capacità di attacco degli Houthi– da sciami di droni ad attacchi di missili balistici– è andata migliorando notevolmente negli anni scorsi. Non è un caso che gli Emirati Arabi Uniti abbiano visto come soffiavano i venti geopolitici e geoeconomici: Abu Dhabi si è ritirato dalla feroce guerra del principe Mohammad bin Salman contro lo Yemen ed ora è impegnato in quella che descrive come una strategia essenzialmente di pace.

Anche prima di Abqaiq, gli Houthi avevano già pianificato diversi attacchi contro gli impianti petroliferi sauditi e gli aeroporti di Dubai e Abu Dhabi. All’inizio di luglio, il Centro Operativo di Comando dello Yemen ha allestito una mostra in pompa magna a Sana’A con la loro intera gamma di missili alati, balistici e droni.

Il Ministero della Difesa saudita mostra droni e parti di missili usati nell’attacco

La situazione ha ora raggiunto un punto in cui ci sono un sacco di chiacchiere attraverso il Golfo Persico su uno scenario spettacolare: gli Houthis che investono in una folle corsa attraverso il deserto arabo per catturare la Mecca e Medina in concomitanza con una rivolta di massa sciita nella “Easternoilbelt” [zona sud orientale]. Questo [scenario] non è più così inverosimile. Sono successe cose anche più strane in Medio Oriente. Dopo tutto, i sauditi non possono nemmeno vincere una rissa da bar – ecco perché si affidano ai mercenari.

L’orientalismo colpisce di nuovo

Il ritornello delle informazioni [di intelligence] degli Stati Uniti che gli Houthi sarebbero incapaci di un attacco così sofisticato tradisce i peggiori filoni dell’orientalismo e del complesso [fardello] di superiorità dell’uomo bianco.

Le uniche parti di missili mostrate finora dai sauditi provengono da un missile da crociera Yemeni Quds 1. Secondo il generale di brigata Yahya Saree, portavoce delle forze armate yemenite con sede a Sana, il sistema Quds ha dimostrato la sua grande capacità di colpire i suoi obiettivi e di bypassare i sistemi di intercettazione nemici.”

Questa immagine satellitare fornita dal governo degli Stati Uniti mostra i danni alle infrastrutture di petrolio/ gas dagli attacchi dei droni (lo scorso fine settimana) ad Abqaiq.

Le forze armate Houthi hanno rivendicato la responsabilità per gli attacchi ad Abqaiq: “Questa operazione è una delle più grandi operazioni svolte dalle nostre forze (armate) nella profondità dell’Arabia Saudita, a seguito di un’accurata operazione di intelligence e di monitoraggio avanzato e la cooperazione di onorevoli e liberi uomini all’interno del Regno (Saudita).”

Da notare il concetto chiave di “cooperazione” dall’interno dell’Arabia Saudita– che potrebbe includere l’intero spettro dallo Yemen alla provincia sciita orientale.

Ancora più rilevante è il fatto che una enorme quantità di sistemi/armamenti americani distribuiti ovunque dentro e fuori l’Arabia Saudita– satelliti, AWACS, missili Patriot, droni, corazzate, aerei da caccia – non ha visto nulla, o certamente non l’ha visto in tempo. L’avvistamento di tre droni vaganti da parte di un “cacciatore di uccelli in Kuwaitiano” probabilmente diretti verso l’Arabia Saudita è stato invocato come “prova”. Pensa all’immagine imbarazzante di uno sciame di droni– da dovunque siano partiti – che volano indisturbati per ore sopra il territorio saudita.

I funzionari delle Nazioni Unite ammettono apertamente che ora tutto ciò che conta è entro i 1.500 km di gittata del nuovo drone UAV-X degli Houthis: giacimenti di petrolio in Arabia Saudita, una centrale nucleare ancora in costruzione negli Emirati Arabi e il mega-aeroporto di Dubai.

Le mie conversazioni con fonti a Teheran negli ultimi due anni hanno accertato che i nuovi droni e i missili in mano agli Houthi sono essenzialmente copie di progetti iraniani assemblati nello Yemen stesso con l’aiuto cruciale degli ingegneri Hezbollah.

Gli Stati Uniti insistono nell’affermare che 17 droni e missili da crociera sono stati lanciati in combinazione dall’Iran meridionale. In teoria, i radar dei Patriot avrebbero intercettato i droni/missili e colpiti dal cielo. Finora non è stato reso noto alcun documento di questa traiettoria. Gli esperti militari concordano generalmente che il radar sul missile Patriot è buono, ma il relativo tasso di successo è, a dir poco, “discutibile”. Ciò che è importante, ancora una volta, è che gli Houthi hanno missili offensivi avanzati. E la loro precisione in Abqaiq è stata sbalorditiva.

Questa immagine satellitare mostra i danni alle infrastrutture petrolifere/ gas causati dagli attacchi di droni (lo scorso fine settimana) ad Abqaiq in Arabia Saudita. Per gentile concessione di Planet LabsInc.

Per ora, sembra che il vincitore della guerra saudita alla popolazione civile yemenita, appoggiata da Stati Uniti/Regno Unito, che iniziò nel marzo 2015 e generò una crisi umanitaria che secondo le Nazioni Unite è stata di proporzioni bibliche, non è certamente il principe ereditario, ampiamente conosciuto come MBS.

Ascolta la voce del generale

Le torri di stabilizzazione (raffinazione) del petrolio greggio – molte di loro – ad Abqaiq sono stati obiettivi mirati, insieme con i serbatoi di stoccaggio di gas naturale. Le fonti del settore energia del Golfo Persico mi hanno detto che le riparazioni e/o la ricostruzione potrebbero durare mesi. Anche Riyadh lo ha ammesso.

Incolpare ciecamente l’Iran, senza prove, non basta (a risolvere il problema). Teheran può contare su moltissimi pensatori strategici. Non hanno bisogno o vogliono far saltare in aria l’Asia sud-occidentale, cosa che, tra l’altro,potrebbero fare: i generali delle Guardie rivoluzionarie hanno già detto molte volte che sono pronti per la guerra.

Il professor Mohammad Marandi, del l’Università di Teheran, che ha stretti rapporti con il Ministero degli Esteri, è irremovibile: “(il drone) non proveniva dal l’Iran. Se lo avesse fatto, sarebbe molto imbarazzante per gli americani, dimostrando che non sono in grado di rilevare un gran numero di droni e missili iraniani. Questo non ha senso.”

Marandi sottolinea inoltre che le difese aeree saudite non sono attrezzate per difendere il paese dallo Yemen, ma dall’Iran. Gli yemeniti hanno colpito i sauditi, stanno migliorando sempre più, avendo sviluppato la tecnologia missilistica e dei droni per quattro anni e mezzo, e questo è stato un bersaglio molto facile.”

Un obiettivo semplice e non protetto: i sistemi PAC-2 e PAC-3 degli Stati Uniti sono tutti orientati verso est, in direzione dell’Iran. Né Washington né Riyadh sanno con certezza da dove provengano realmente gli sciami di droni o missili.

I lettori dovrebbero prestare molta attenzione a questa rivoluzionaria intervista con il generale Amir Ali Hajizadeh, il comandante dell’aeronautica della Guardia rivoluzionaria islamica. L’intervista, in Farsi (con sottotitoli in inglese), è stata condotta dall’intellettuale iraniano (sottoposto alle sanzioni degli Stati Uniti) Nader Talebzadeh, e include le domande inoltrate dai miei amici analisti americani Phil Giraldi e Michael Maloof e da me stesso.

Spiegando l’autosufficienza iraniana nelle sue capacità di difesa, Hajizadeh sembra un attore molto razionale. La linea di fondo è:

“Il nostro punto di vista è che né i politici americani né i nostri funzionari vogliono una guerra. Se un incidente come quello con il drone [l’RQ-4N abbattuto dall’Iran nel mese di giugno] accade, o succede un malinteso, che evolve in una guerra più grande, è una questione diversa. Pertanto siamo sempre pronti per una grande guerra.”

In risposta a una delle mie domande, su quale messaggio le Guardie Rivoluzionarie vogliano trasmettere, soprattutto agli Stati Uniti, Hajizadeh non modera le sue parole: “Oltre alle basi statunitensi in varie regioni come l’Afghanistan, l’Iraq, il Kuwait, gli Emirati Arabi e il Qatar, abbiamo identificato tutte le navi fino a una distanza di 2000 chilometri e le stiamo monitorando costantemente. (Gli americani) Pensano che se stanno a una distanza di 400 km sono fuori dalla nostra portata. Ovunque si trovino, basta una sola scintilla, colpiamo le loro navi, le loro basi aeree, le loro truppe.”

Prendete gli S-400 o qualcos’altro.

Per quanto riguarda il fronte energetico, Teheran ha giocato un gioco molto preciso sotto pressione– vendendo carichi di petrolio spegnendo i trasmettitori delle loro petroliere mentre lasciano l’Iran e trasferendo il petrolio in mare aperto, da petroliera a petroliera, di notte, e rivendendo il loro carico come fosse originario di altri produttori a un certo prezzo. Ho controllato questo per settimane con i miei commercianti fidati del Golfo Persico– e tutti lo confermano. L’Iran potrebbe continuare a farlo per sempre.

Naturalmente, l’amministrazione Trump lo sa. Ma il fatto è che guardano dall’altra parte. Per dirla nel modo più conciso possibile: sono presi in trappola dall’assoluta follia di abbandonare il trattato JCPOA [Accordo sul nucleare con l’Iran], e stanno cercando una via d’uscita per salvarsi la faccia. Il Cancelliere tedesco Angela Merkel ha messo in guardia l’amministrazione con tante parole: gli Stati Uniti dovrebbero tornare all’accordo che hanno violato prima che sia troppo tardi.

E ora passiamo alla parte da far rizzare i capelli.

Lo sciopero di Abqaiq dimostra che l’intera produzione di petrolio in Medio Oriente di oltre 18 milioni di barili al giorno, compresi Kuwait, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, può facilmente essere messa fuori uso. Non c’è una difesa adeguata contro questi droni e missili.

Beh, c’è sempre la Russia.

Ecco cos’è successo alla conferenza stampa dopo il vertice di Ankara di questa settimana sulla Siria, che ha riunito i Presidenti Putin, Rouhani ed Erdogan.

Domanda: La Russia fornirà aiuto o sostegno all’Arabia Saudita per ripristinare le sue infrastrutture? 

Presidente Putin: Per quanto riguarda l’assistenza all’Arabia Saudita, è scritto anche nel Corano che la violenza di qualsiasi tipo è illegittima tranne quando si protegge il proprio popolo. Per proteggere loro e il paese, siamo pronti a fornire l’assistenza necessaria all’Arabia Saudita. Tutti i leader politici dell’Arabia Saudita devono prende re una saggia decisione, come ha fatto l’Iran con l’acquisto del sistema missilistico S-300, e come ha fatto il Presidente Recep Tayyip Erdogan quando ha comprato l’ultimo sistema antiaereo russo S-400 Triumph. Questi sistemi offrirebbero una protezione affidabile per qualsiasi infrastruttura saudita. 

Presidente Hassan Rouhani: Quindi hanno bisogno di acquistare il S-300 o il S-400? 

Presidente Vladimir Putin: Sta a loro decidere [ridendo]. 

In “La trasformazione della guerra”, Martin van Creveld aveva infatti previsto che l’intero complesso di sicurezza industriale-militare sarebbe crollato quando fu chiaro che la maggior parte delle sue armi sono inutili contro avversari asimmetrici di quarta generazione. Non c’è dubbio che l’intero “Sud Globale” stia guardando– e avrà ricevuto il messaggio.

Guerra ibrida, ricaricata.

Stiamo ora entrando in una nuova dimensione nella guerra ibrida asimmetrica.

Nell’orribile caso in cui Washington decidesse di attaccare l’Iran, istigato dai soliti sospetti “neocon”, il Pentagono non potrebbe mai sperare di colpire e disattivare tutti i droni iraniani e/o yemeniti. Gli Stati Uniti potrebbero aspettarsi, di sicuro, una guerra totale. E poi nessuna nave attraverserebbe più lo Stretto di Hormuz. Sappiamo tutti le conseguenze che questo comporterebbe.

Il che ci porta alla grande sorpresa (“The Big Surprise”). La vera ragione per cui non ci sarebbero navi ad attraversare lo Stretto di Hormuz è che non ci sarebbe più petrolio da pompare nel Golfo. I giacimenti di petrolio, dopo essere stati bombardati, sarebbero in fiamme.

Torniamo quindi alla realistica linea di fondo che è stata sottolineata non solo da Mosca e Pechino, ma anche da Parigi e Berlino: il presidente statunitense Donald Trump ha azzardato troppo ed ha perso. Ora (egli) deve trovare una via d’uscita per salvare la faccia. Sempre che il Partito della Guerra glielo permetta.

 

Di Pepe Escobar tramite il blog di The Saker

19/09/2019

Fonte: https://www.zerohedge.com

Link: https://www.zerohedge.com/geopolitical/escobar-how-houthis-overturned-chessboard

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da CHRIS KINK

 

 

Pubblicato da Rosanna

La mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale. Allergica al pelo di capra e alle fake news.

Lascia un commento