Il golpe anglo-americano che aveva messo fine all’indipendenza dell’Australia

 

John Pilger
theguardian.com

Nel 1975, il Primo Ministro Gough Whitlam, che è mancato questa settimana [L’articolo è dell’ottobre 2014 ed era stato scritto subito dopo la morte dell’ex primo ministro, N.D.T.], aveva osato rivendicare l’autonomia del proprio paese. La CIA e il MI6 si erano assicurati che ne pagasse il prezzo.

Sui media e nell’establishment politico australiano è calato il silenzio sulla memoria del grande Primo Ministro riformatore Gough Whitlam. I suoi successi sono riconosciuti, seppur a malincuore, i suoi errori vengono sottolineati con falso rincrescimento. Ma la ragione principale del suo straordinario insuccesso politico, essi sperano, sarà seppellita con lui.

L’Australia, durante gli anni di Whitlam, 1972-75, era diventata per un breve periodo di tempo uno stato indipendente. Un commentatore americano aveva scritto che nessun paese aveva “invertito la sua posizione negli affari internazionali in modo così totale senza passare attraverso una rivoluzione interna.” Whitlam aveva posto fine alla servilità coloniale della sua nazione. Aveva abolito il patrocinio reale, indirizzato l’Australia verso il Movimento dei paesi non allineati, sostenuto le”zone di pace” e si era opposto ai test sulle armi nucleari.

Anche se non veniva considerato un laburista di sinistra, Whitlam era un socialdemocratico anticonformista per principio, orgoglio e correttezza. Credeva che una potenza straniera non dovesse controllare le risorse del suo paese e dettarne la politica economica ed estera. Aveva intenzione di “ricomprare la fattoria.” Nel redigere i primi atti legislativi sui diritti delle terre degli aborigeni, il suo governo aveva risvegliato il fantasma del più grande esproprio terriero nella storia dell’umanità, la colonizzazione britannica dell’Australia e la questione di chi fossero le enormi ricchezze naturali del continente insulare.

I Latino-Americani riconosceranno l’audacia e il pericolo di questa “voglia di libertà” in un paese il cui establishmente era indissolubilmente legato ad un grande potenza straniera. Gli Australiani avevano partecipato ad ogni avventura imperiale britannica, fin da quando in Cina era stata repressa la ribellione dei Boxer. Negli anni ’60, l’Australia aveva implorato per unirsi agli Stati Uniti nell’invasione del Vietnam, poi aveva messo a disposizione i suoi “black team” [gruppi di specialisti per operazioni clandestine], gestiti però dalla CIA. I cablogrammi diplomatici statunitensi pubblicati lo scorso anno da Wikileaks rivelano i nomi di figure di spicco in entrambi i principali partiti, tra cui un futuro primo ministro e un ministro degli esteri, nel ruolo di informatori di Washington durante gli anni di Whitlam.

Whitlam conosceva il rischio che stava correndo. Il giorno dopo la sua elezione, aveva ordinato che il suo staff non venisse “controllato o molestato” dal servizio di sicurezza australiana, Asio, allora come adesso legato all’intelligence anglo-americana. Quando i suoi ministri avevano pubblicamente condannato i bombardamenti americani sul Vietnam definendoli “corrotti e barbari,” un funzionario della stazione della CIA a Saigon aveva dichiarato: “Ci hanno detto che gli Australiani potrebbero benissimo essere considerati dei collaboratori dei Nord-Vietnamiti.

Whitlam aveva chiesto di sapere se e perché la CIA gestisse una base di spionaggio a Pine Gap, vicino ad Alice Springs, un gigantesco aspirapolvere che, come ha da poco rivelato Edward Snowden, consente agli Stati Uniti di spiare tutti. “Se cercherete di fregarci o di manipolarci,” aveva detto il primo ministro all’ambasciatore degli Stati Uniti, “[Pine Gap] diventerà una questione tutta da rivedere.

Victor Marchetti, l’ufficiale della CIA che aveva contribuito a creare Pine Gap, mi aveva confidato in seguito: “Quella minaccia di chiudere Pine Gap aveva fatto venire un colpo apoplettico alla Casa Bianca … si era iniziato a preparare una specie di [golpe come in] Cile.”

I messaggi top-secret di Pine Gap venivano decodificati da un’azienda dipendente dalla CIA, la TRW. Uno dei decodificatori era Christopher Boyce, un giovane turbato dall’inganno e dal tradimento da parte di un alleato. Boyce aveva riveato che la CIA si era infiltrata nella dirigenza politica e sindacale australiana e che si riferiva al Governatore Generale dell’Australia, Sir John Kerr, come “il nostro uomo, Kerr.”

Kerr non era solo l’uomo della Regina, aveva legami di vecchia data con l’intelligence anglo-americana. Era un appassionato sostenitore dell’Associazione Australiana per la Libertà Culturale, descritta da Jonathan Kwitny del Wall Street Journal nel suo libro, The Crimes of Patriots, come “un gruppo d’élite, esclusivamente su invito … smascherato di fronte al Congresso come fondato, finanziato e completamente gestito dalla CIA.” La CIA “aveva pagato i viaggi di Kerr, costruito il suo prestigio … Kerr aveva continuato ad assecondare la CIA per soldi.”

Quando Whitlam era stato rieletto per un secondo mandato, nel 1974, la Casa Bianca aveva inviato a Canberra come ambasciatore Marshall Green. Green era una figura imperiosa e sinistra, che operava all’ombra dello “stato profondo” americano. Conosciuto come il “maestro del golpe,” aveva avuto un ruolo centrale nel colpo di stato del 1965 contro il presidente Sukarno in Indonesia, che aveva provocato quasi un milione di morti. Uno dei suoi primi discorsi in Australia, presso l’Australian Institute of Directors, era stato descritto da un membro allarmato del pubblico come “un incitamento agli imprenditori del paese a ribellarsi contro il governo.

Gli Americani e gli Inglesi avevano lavorato insieme. Nel 1975, Whitlam aveva scoperto che il MI6 britannico stava operando contro il suo governo. “Gli Inglesi stavano effettivamente decodificando i messaggi segreti che arrivavano nel mio ufficio per gli affari esteri,” aveva detto in seguito. Uno dei suoi ministri, Clyde Cameron, mi aveva riferito: “Sapevamo che il MI6 stava spiando le riunioni di gabinetto per conto degli Americani.” Negli anni ’80, alcuni alti funzionari della CIA avevano rivelato che il “problema Whitlam” era stato discusso “con urgenza” dal direttore della CIA, William Colby e dal capo del MI6, Sir Maurice Oldfield. Un vicedirettore della CIA aveva detto: “Kerr ha fatto quello che gli era stato detto di fare.

Il 10 novembre 1975, a Whitlam era stato mostrato un messaggio telex top-secret proveniente da Theodore Shackley, il noto capo della divisione della CIA per l’Asia Orientale, che aveva contribuito al colpo di stato contro Salvador Allende in Cile, due anni prima.

Il messaggio di Shackley era stato letto a Whitlam. In esso si diceva che il primo ministro australiano rappresentava un rischio per la sicurezza del suo paese. Il giorno prima, Kerr aveva visitato il quartier generale del Defence Signals Directorate (DSD), la NSA australiana, dove era stato informato sulla “crisi della sicurezza.”

L’11 novembre, il giorno in cui Whitlam avrebbe dovuto informare il parlamento della presenza segreta della CIA in Australia, era stato convocato da Kerr. Invocando arcaici, vice-regali “poteri di riserva,” Kerr aveva licenziato il suo primo ministro democraticamente eletto. Il “problema Whitlam” era stato risolto e la politica australiana, e la nazione intera, non avrebbero mai più riconquistato la loro vera indipendenza.

John Pilger

Fonte: theguardian.com
Link: https://www.theguardian.com/commentisfree/2014/oct/23/gough-whitlam-1975-coup-ended-australian-independence
23.10.2014
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

5 Comments
  1. Pizellone de Luppi says

    E di chi e’ la colpa? Dei cittadini mongoli

  2. Quintus Sertorius says

    Gough Whitlam è anche il traditore che ha aperto i confini australiani all’immigrazione selvaggia e ha ratificato tutti i trattati internazionali in materia di migrazione, rifugiati e antirazzismo. Il suo governo segna la fine dell’Australia europea e l’alba dell’ennesimo paradiso multirazziale.

    1. Proder says

      Com’è scritto nell’articolo, e facilmente riscontrabile da qualunque altra fonte, Whitlam ha governato dal dicembre 1972 al novembre del 1975. Secondo un documento del Parlamento australiano intitolato “Detention of Boat People” del 27.02.2001 che analizza nei dettagli il problema, la prima ondata di profughi vietnamiti (perché QUELLI erano gli immigrati) inizia ad arrivare in Australia nell’aprile del 1976 (56 barche con 2100 persone) e termina nell’agosto del 1981. E’ da ricordare che i precedenti governi australiani avevano “pregato” gli usa di poter mandare un corpo di spedizione per combattere la criminale guerra del Vietnam ed erano quindi direttamente responsabili di quei profughi. Whitlam riportò a casa i soldati australiani. Detto questo non capisco per quale caxxo di motivo lo etichetta addirittura come traditore visto che i periodi non coincidono assolutamente. Forse perché voleva restituire ai VERI australiani parte delle terre occupate dai colonialisti inglesi e dalla feccia criminale ora chiamata popolo australiano? Forse è uno di quelli che preferisce essere servo della dominazione anglo-sionista ma, per carità, di pura razza ariana? Io preferirei che l’Italia fosse pienamente sovrana e poi discutere …

      1. Quintus Sertorius says

        Oltre al linguaggio da taverna, Lei fa scarso uso della logica sui seguenti punti:

        – l’immigrazione di milioni di non europei in Australia è stata resa possibile dalla modifica delle precedenti norme, in particolare dall’abolizione della c.d. “White Australia Policy” e dalla promulgazione di una serie di leggi contro la “discriminazione razziale” nei processi di selezione dei nuovi immigrati; si dà il caso che gli interventi salienti risalgano al governo Whitlam: emendamenti alle leggi sull’immigrazione (1973), Racial Discrimination Act (1975);

        – non sorprende dunque che la prima ondata di profughi extraeuropei inizio l’anno successivo alla fine del governo Whitlam (1976): naturalmente è Sua facoltà non vedere la continuità causale e temporale;

        – Lei stigmatizza gli australiani come “feccia criminale”, immagino sulla base dei circa 200.000 criminali deportativi fino al 1868; oltre a colpevolizzare i discendenti per le colpe degli avi, sorvola però sui milioni di non criminali che vi sono immigrati da tutta Europa (l’assoluta maggioranza dei coloni);

        – gli “anglo-sionisti” comprendono un ampio numero di ebrei, non potendo quindi assolutamente essere definiti di razza ariana.

  3. SimSim says

    Questa storia dice molto. In pratica secondo questo modello alcune nazioni possono spiare i fatti di altre, ed é considerato legit. Se le nazioni spiate provano ad evitare questo, magari tentando di isolare le talpe, facendo circolare le informazioni in maniera piú accorta, sono automaticamente additate come nazioni i cui governanti stanno secretando tutto operando una svolta autoritaria.

    Stessa cosa in europa. Se fai quello che dice il palazzo (cioé austeritá e politica neoliberista) sei un fantastico moderato degno di fiducia (vedi Conte, passato da “burattino” a “statista”), se parli di manovre espansive sei un populista, inteso come insulto.

    Io so solo che fino ad oggi la storia ha presentato il conto a tutti alla fine.

Comments are closed.