Home / Anti-Empire Report

Anti-Empire Report

Perché Google è stato un vantaggio per l’NSA

Di NAFEEZ AHMED medium.com All’interno della rete segreta che sta dietro la sorveglianza di massa, la guerra infinita e Skynet… Seconda parte  INSURGE INTELLIGENCE, un nuovo progetto di giornalismo investigativo finanziato per mezzo di crowdfunding, fa breccia nella notizia esclusiva di come la comunità d’intelligence degli Stati Uniti ha finanziato, promosso e incubato Google, come parte di un impulso per dominare il mondo per mezzo del controllo delle informazioni. Finanziato in avvio dall’NSA e dalla CIA, Google è stato solo il …

Leggi tutto »

Esclusiva: Documenti svelano come Hollywood promuova la guerra per conto del Pentagono, CIA e NSA

DI TOM SECKER E MATTHEW ALFORD medium.com Pubblicato da INSURGE INTELLIGENCE, un progetto di giornalismo investigativo per le persone e il pianeta. Date supporto a INSURGE per continuare a scavare dove altri temono di inoltrarsi. Le agenzie militari d’intelligence americane sono state influenti su 1.800 tra film e programmi televisivi Tom Secker e Matthew Alford riferiscono le loro scoperte sorprendenti setacciando migliaia di nuovi documenti militari e dell’intelligence americani, ottenuti nell’ambito del Freedom of Information Act. I documenti rivelano per …

Leggi tutto »

Fondazione – Caduta dell’Impero Galattico Americano

DI JIM QUINN theburningplatform.com “La caduta dell’impero, signori, per quanto sia una cosa dalla portata enorme, non è contrastabile con facilità. È dettata dalla una burocrazia emergente, dall’iniziativa sfuggente, dalla conservazione di prestigio, dal contenimento del desiderio di conoscenza e da un centinaio di altri fattori. Si protrae, come ho detto, da secoli, ed è un movimento troppo maestoso e imponente per arrestarsi.”– Isaac Asimov, Fondazione “Qualsiasi sciocco può dire, quando sopraggiunge, che si tratta di una crisi. Il vero …

Leggi tutto »

Nel frattempo due applausi per lo Stato Nazione

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Il sistema capitalistico imperialista ha dominato il mondo per almeno due secoli e mezzo, oggi si  è ulteriormente trasformato da industriale in finanziario, un  sistema molto volatile e dinamico, che si adatta continuamente rispetto all’evolversi economico in maniera camaleontica, per cambiare pelle, rafforzarsi e impedire ai nemici di colpirlo. L’imperialismo del ‘900 infatti era espressione dei conflitti esistenti tra le diverse potenze occidentali, che sfociavano in una serie di guerre altamente distruttive. Però il periodo di rivalità …

Leggi tutto »

La menzogna diventa verità e passa alla storia

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Il New York Times sta preparando un futuro  di «democrazia» sempre più orwelliana, con la prospettiva di  algoritmi sapienti, in grado di eliminare rapidamente quelle che i network tradizionali definiscono «fake news», ecco perché ha proposto  in una sua ultima edizione un elogio appassionato  alla produzione di un’intelligenza artificiale in grado di dare la caccia alle presunte fake. Insieme al Washington Post, Google, le reti televisive,  praticamente tutti i network dell’informazione, hanno unito le forze al …

Leggi tutto »

PRIMA VOTA. LE DOMANDE FALLE DOPO

DI WILLIAM BLUM Killing hope Prima vota. Le domande falle dopo Ok, togliamo di mezzo le ovvietà. È stata una cosa storica. Varie volte mi è venuto un nodo alla gola, mi venivano le lacrime agli occhi, anche se non ho votato per lui. Per la quarta volta di fila ho votato per Ralph Nader. Durante gli ultimi otto anni ogni giorno quando ascoltavo le notizie alla radio mi assicuravo di essere vicino all’apparecchio, così da poter cambiare canale rapidamente …

Leggi tutto »

NON DITE A MIA MADRE CHE LAVORO ALLA CASA BIANCA

LEI CREDE CHE SUONI IL PIANOFORTE IN UN BORDELLO DI WILLIAM BLUMKilling Hope La campagna presidenziale repubblicana ha cercato di dare grande importanza al fatto che Barack in un certo periodo ha frequentato Bill Ayers, negli anni ’60 un membro dei Weathermen, impegnati in attentati dinamitardi politici. Il governatore Palin ha accusato Obama di “fare amicizia con dei terroristi”, anche se il legame di Ayers con i Weathermen durante il periodo di loro attentati negli USA contro la guerra del …

Leggi tutto »

101 MODI PER ARRICCHIRSI SENZA FARE NIENTE DI SOCIALMENTE UTILE

DI WILLIAM BLUM Killing hope Perché abbiamo questa cosa chiamata “crisi finanziaria”? Perché da quando gli Stati Uniti sono stati creati abbiamo periodicamente avuto una crisi del genere? Che cambiamenti si verificano o cosa succede ogni volta che causa la crisi? Dimentichiamo come fare le cose di cui la gente ha bisogno? Le fabbriche vanno a fuoco? Perdiamo i nostri utensili? I progetti scompaiono? Finiamo a corto di persone che lavorino nelle fabbriche e negli uffici? Si provvede così bene …

Leggi tutto »

OSAMA-BIDEN — OSAMA BIN LADEN: UNA COINCIDENZA ? PENSO DI NO

DI WILLIAM BLUM Killing hope Mi dispiace dire che penso che John McCain sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti. Dopo la lunga notte dell’orrore di Bush qualsiasi democratico dovrebbe vincere facilmente, ma i democratici la stanno mandando in vacca e McCain nei sondaggi sta andando più o meno in pari con Barack Obama. I democratici dovrebbero fare la loro campagna con lo slogan “Se Bush vi è piaciuto, adorerete McCain”, ma questo sarebbe troppo franco, troppo diretto per la …

Leggi tutto »

OSAMA-BIDEN — OSAMA BIN LADEN: UNA COINCIDENZA ? PENSO DI NO

DI WILLIAM BLUM Killing hope Mi dispiace dire che penso che John McCain sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti. Dopo la lunga notte dell’orrore di Bush qualsiasi democratico dovrebbe vincere facilmente, ma i democratici la stanno mandando in vacca e McCain nei sondaggi sta andando più o meno in pari con Barack Obama. I democratici dovrebbero fare la loro campagna con lo slogan “Se Bush vi è piaciuto, adorerete McCain”, ma questo sarebbe troppo franco, troppo diretto per la …

Leggi tutto »

OBAMA E L'IMPERO

DI WILLIAM BLUM killinghope La rivista New Yorker nel suo numero del 14 luglio aveva in copertina una vignetta che ha ottenuto una fama istantanea. Mostrava Barack Obama che con indosso un abito da musulmano nello Studio Ovale con un ritratto di Osama bin Laden sul muro. Obama sta dando un pugno a sua moglie, Michelle, che ha una pettinatura Afro e un fucile d’assalto in spalla. Una bandiera americana brucia nel camino. La rivista dice che è tutta satira, …

Leggi tutto »

ECONOMIA CURATIVA – CORSO FONDAMENTALE

DI WILLIAM BLUM Killing hope Alcuni pensieri sul patriottismo scritti il 4 di luglio Pensiero più importante: sono stanco e disgustato da questa cosa chiamata “patriottismo”. I piloti giapponesi che bombardarono Pearl Harbor erano patriottici. I tedeschi che appoggiavano Hitler e le sue conquiste erano patriottici, e combattevano per la Patria. Tutti i dittatori militari latinoamericani che rovesciavano governi democraticamente eletti e di solito torturavano la gente erano patriottici – stavano salvando il loro amato paese dal “comunismo”. Il generale …

Leggi tutto »

L'IMPERO – UNO STATUS REPORT

DI WILLIAM BLUM Killing hope Esistono espressioni e slogan associati con il regime nazista in Germania che sono diventate comuni in inglese. “Sieg Heil!” – Salve vittoria! “Arbeit macht frei” – Il lavoro rende liberi. “Denn heute gehört uns Deutschland und morgen die ganze Welt” – Oggi la Germania e domani il mondo intero Ma nessuna forse è più nota di “Deutschland über alles” – La Germania sopra tutti. Così sono stato preso di sorpresa quando mi sono imbattuto nel …

Leggi tutto »

LA PROPAGANDA COME GARA OLIMPICA

DI WILLIAM BLUM Killing hope Le ultime proteste in Tibet e il giro di vite delle autorità cinesi hanno suscitato in occidente i soliti predicozzi sull’oppressione e sul controllo illegittimo dei tibetani da parte del governo cinese. Anche se ho scarso affetto per i leader cinesi – penso che governino un sistema crudele – qui è richiesta un po’ di opportuna prospettiva storica. Molti tibetani si considerano autonomi o indipendenti, ma resta il fatto che il governo di Pechino da …

Leggi tutto »

COME AVREBBERO POTUTO SAPERLO ? NON ERA SU OPRAH O FOX NEWS

DI WILLIAM BLUM Killing hope Hillary Clinton e molti altri membri del Congresso affermano che il loro appoggio all’invasione dell’Iraq era basato su rapporti erronei dell’intelligence. Come potevano contestare la ricerca e l’analisi di tutti quegli esperti, così ben preparati ed esperti nei loro campi? Beh, a parte il fatto che le agenzie di intelligence americane e i loro rapporti non erano affatto di un’unica opinione (un ben pubblicizzato documento della CIA, ad esempio, prevedeva ogni sorta di conseguenze devastanti …

Leggi tutto »

UN UOMO IRRAGIONEVOLE

DI WILLIAM BLUM Killing hope Raccomando il nuovo documentario su Ralph Nader recentemente trasmesso sul canale televisivo PBS, “An Unreasonable Man”. Si focalizza in primo luogo sugli argomenti sostenuti da Nader per giustificare la sua candidature alle elezioni presidenziali nel 2000 e nel 2004 malgrado il danno che avrebbe arrecato ai candidati del partito democratico. Come ho scritto in precedenza: la scelta che aveva di fronte gente come me non era Ralph Nader o Albert Gore o John Kerry. La …

Leggi tutto »

IL CRIMINE DEL GDS: GOVERNARE DA SOCIALISTA

DI WILLIAM BLUM Killing hope Un’altra psicosi di pace. Ragazzi, stavolta ci siamo andati vicini. La nuova National Intelligence Estimate (NIE) – “Iran: Nuclear Intentions and Capabilities – a cura della comunità dell’intelligence dice intenzionalmente in pubblico (in grassetto): “Questa NIE non (corsivo nell’originale) suppone che l’Iran intenda acquisire armi nucleari.” Il rapporto continua affermando: “Riteniamo con elevata sicurezza che nell’autunno 2003 Tehran ha arrestato il suo programma di armamento nucleare.” Non sono buone notizie, che l’Iran non stia per …

Leggi tutto »

IN UNA SOCIETA' DEL SOUND-BITE, LA REALTA' NON CONTA PIU'

DI WILLIAM BLUM Killing hope Il mese scorso, il ministro degli esteri israeliano Tzipi Livni ha detto ai leader mondiali riuniti alle Nazioni Unite che era venuto il momento di agire contro l’Iran. “Nessuno discute”, ha detto, “che l’Iran nega l’Olocausto e parla apertamente del suo desiderio di cancellare dalla carta geografica uno stato membro – il mio. E nessuno discute che, in violazione di risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, sta attivamente perseguendo i mezzi per raggiungere questo scopo. Troppi …

Leggi tutto »

SE NON ORA, QUANDO? SE NON QUI, DOVE? SE NON VOI, CHI?

DI WILLIAM BLUM Killing hope Un tempo pensavo in quale periodo e luogo storico mi sarebbe piaciuto vivere. Di solito la mia prima scelta era l’Europa negli anni ’30 del Novecento. Man mano che le nuvole di guerra si addensavano, sarei stato circondato da intrighi, spie onnipresenti, pressanti questioni di vita e di morte, l’opportunità di essere coraggioso e retto. Mi immaginavo ad aiutare gente disperata a fuggire in America. Era vera roba da Hollywood: pensate a “Casablanca”. E quando …

Leggi tutto »

IL MONDO E’ STANCHISSIMO DI TUTTO QUESTO E VUOLE TORNARE A RIDERE

DI WILLIAM BLUM Killing hope Okay, Bush non se ne andrà dall’Iraq qualunque cosa si dica o faccia a meno di a) impeachment, b) una lobotomia, o c) una delle sue figlie che si dà fuoco nello Studio Ovale per protesta contro la guerra. Qualche giorno fa, al suo arrivo in Australia, “di umore allegro”, il Vice Primo Ministro gli ha chiesto della sua precedente fermata in Iraq. “Li stiamo stracciando”, ha risposto il re idiota.[1] Un altro epigramma per …

Leggi tutto »

NEOCON, TEOCON, DEMCON, EXCON, E FUTURE TRUFFE

DI WILLIAM BLUM Killing hope Chi pensate che abbia detto questo il 20 giugno? a) Rudy Giuliani; b) Hillary Clinton; c) George Bush; d) Mitt Romney; oppure e) Barack Obama? “I militari americani hanno fatto il loro lavoro. Guardate cosa hanno compiuto. Hanno tolto di mezzo Saddam Hussein. Hanno dato agli iracheni una possibilità di elezioni libere e leali. Hanno dato al governo iracheno la possibilità di cominciare a dimostrare che capisce le sue responsabilità di prendere le dure decisioni …

Leggi tutto »

NON CREDERE A TUTTO QUELLO CHE PENSI!

DI WILLIAM BLUM The Anti-Empire Report Se durante la guerra fredda un giornalista o un visitatore americano in Unione Sovietica riferiva di aver visto chiese piene di gente, questo veniva preso come un segno che la gente rifiutava il comunismo e ne rifuggiva. Se le chiese erano vuote questo chiaramente era prova della repressione della religione. Se i beni di consumo erano scarsi questo veniva visto come un fallimento del sistema comunista. Se i beni di consumo sembravano essere più …

Leggi tutto »

IL MITO DELLA GUERRA BUONA

DI WILLIAM BLUM Killing hope Terra dei liberi, patria della Guerra al terrorismo “Ci hanno detto che era uno dei peggiori terroristi del mondo, e ha avuto la pena che si dà a uno che guida ubriaco,” ha detto Ben Wizner, avvocato per la American Civil Liberties Union, riferendosi a David Hicks, un trentunenne australiano che in base a un patteggiamento con un tribunale militare americano sconterà nove mesi in carcere, in gran parte in Australia. Questo dopo cinque anni …

Leggi tutto »

FULL SPECTRUM DOMINANCE

DI WILLIAM BLUM Killing Hope Non capita spesso che un impero sia messo nella posizione di una delle sue vittime, spaventato del valore tecnico e militare di un altro paese, costretto a parlare di pace e cooperazione, proprio come l’Iraq e altri, sperando di dissuadere l’America da un attacco, sono stati costretti a fare negli anni; proprio come l’Iran adesso. No, la Cina non sta per attaccare gli Stati Uniti, ma l’abbattimento ad opera sua di un satellite (un vecchio …

Leggi tutto »

E JOHNNY PRESE IL FUCILE

DI WILLIAM BLUM Killing Hope Durante lo scorso anno l’Iran ha avvertito varie volte gli Stati Uniti sulle conseguenze di un attacco americano o israeliano. Una dichiarazione, pronunciata in novembre da un alto ufficiale delle forze armate iraniane, affermava: “Se l’America attacca l’Iran, i suoi 200.000 soldati e le sue 33 basi nella regione saranno estremamente vulnerabili, e sia i politici che i comandanti militari americani ne sono consapevoli.” [1] Apparentemente l’Iran crede che i leader americani sarebbero così profondamente …

Leggi tutto »

MOSTRI ALL'ULTIMA MODA

DI WILLIAM BLUM Killing Hope Mahmoud Ahmadinejad è un uomo che sembra fatto su misura per la Casa Bianca nella sua eterna ricerca di nemici con cui spaventare il Congresso, il popolo americano e il mondo per giustificare il comportamento riprorevole dell’impero. Il presidente iraniano ha dichiarato di voler “cancellare Israele dalla mappa”. Ha detto che “l’Olocausto è un mito”. Di recente ha tenuto una conferenza in Iran per “negatori dell’Olocausto”. E il suo governo ha approvato una nuova legge …

Leggi tutto »

GESU' USCIREBBE DALL'IRAQ ?

DI WILLIAM BLUM Killing Hope La buona notizia è che i repubblicani hanno perso. La cattiva notizia è che hanno vinto i democratici. Il problema scottante – il ritiro degli USA dall’Iraq – resta lontano dalla soluzione come prima. Una chiara maggioranza di americani è contraria alla guerra e quasi tutti sarebbero contentissimi se i militari USA cominciassero a lasciare l’Iraq domani, se non oggi. Il resto del mondo tirerebbe un gran respiro di sollievo e la sua lunga storia …

Leggi tutto »

CHI HA DETTO CHE CLINTON NON HA MAI AMMAZZATO NESSUNO ?

DI WILLIAM BLUM Counterpunch Non guardare indietro! L’orrore grottesco della politica estera del sindacato del crimine di Bush è sufficiente a rendere gli americani nostalgici del passato. E che Bill Clinton ricorra nel paese e nel mondo intero associato a cause “nobili”, è sufficiente a evocare riminescenze in molta gente di sinistra che lo dovrebbe ricordare meglio. Qui proponiamo un piccolo promemoria di ciò che era la sua politica estera. Conservatelo, nel caso che Lady Macbeth decida di presentarsi nel …

Leggi tutto »

NON GUARDATE INDIETRO

DI WILLIAM BLUM Killing Hope Il tintinnar dello sciovinismo “In realtà chi pone il maggiore pericolo alla pace mondiale: l’Iraq, la Corea del Nord o gli Stati Uniti?” chiese la rivista Time in un sondaggio online all’inizio del 2003, poco prima dell’invasione USA dell’Iraq. I risultati finali furono: Corea del Nord 6,7%, Iraq 6,3%, Stati Uniti 86,9%; totale dei voti, 706.842.[1] Immaginate che dopo il recente test sotterraneo della Corea del Nord né gli Stati Uniti né alcun altro governo …

Leggi tutto »

ESTADOS UNIDOS Y LOS DERECHOS HUMANOS (ÚLTIMA PARTE)

Guantánamo: El contínuo limbo legal, tratamiento de los detenidos, vías para el abuso y el sufrimiento Quito (Ecuador) – 26 de mayo de 2005 EL CONTÍNUO LIMBO LEGAL Después de más de seis meses la Corte Suprema de los Estados Unidos dispuso que las Cortes Federales pueden conocer demandas de los detenidos de Guantánamo, no es debido a la lentitud del sistema judicial que, los centenares de personas siguen detenidos sin cargos o juicio y, virtualmente, incomunicados en la base …

Leggi tutto »