Il pollo senza testa e l’orso

The Saker
thesaker.is

Facciamo la conoscenza del pollo senza testa

L’UE ha un grosso problema: è gestita da una classe di “venduti allo straniero” che dipende interamente dagli Stati Uniti. Va bene, questo di per sé non è il problema a cui mi riferisco. Il problema è quello che potremmo chiamare il problema del pollo decapitato: un pollo decapitato può correre senza testa, ma, di certo, non sa dove sta correndo o perché. Questo accade a tutte le classi vendute quando i loro amati datori di lavoro svaniscono improvvisamente. Questo è esattamente ciò che era successo alle classi dirigenti europee quando Trump era arrivato alla Casa Bianca: avevano “perso la testa” e avevano iniziato a correre dappertutto, ovviamente senza ottenere nulla. Ora che i Neo-Conservatori hanno dato il benservito a Trump, i governanti dell’UE vogliono disperatamente dimostrare ai nuovi leader statunitensi che quello che odiano è solo Trump, non gli Stati Uniti, e quale modo migliore per dimostrare la loro completa sottomissione se non abbaiare al celebre Mordor dell’Asia orientale conosciuto come “Russia“?

Quest’ultima PSYOP è stata apparentemente organizzata negli Stati Uniti lo scorso autunno, quando Trump era ancora al potere, almeno nominalmente. Il che è logico, proprio come era successo con il “Patriot Act,” che era stato preparato con cura mesi, se non anni, prima dell’11 settembre. Questa volta, qualche agenzia di intelligence statunitense (probabilmente la CIA) ha passato la palla al BND tedesco, che avrebbe dovuto agire da intermediario per dare agli Stati Uniti la possibilità di una “plausibile negabilità.” Il grosso problema è che i Tedeschi, a quanto pare, hanno sbagliato tutto e il piano è stato un fiasco: l’ultima vittima sacrificale non è morta (di nuovo!). Per quanto riguarda Putin, subito dopo che i medici russi avevano stabilizzato Navalny, aveva ha usato il suo potere esecutivo per consentire a Navalny (che era in libertà vigilata) di volare immediatamente in Germania per essere curato. Da lì in poi, tutto è andato a rotoli e i manovratori di Navalny si sono affrettati a salvare il salvabile.

Hanno prodotto un video sul palazzo di Putin in Crimea, solo per permettere ai giornalisti russi di filmare realmente la location e dimostrare che il video era un falso totale. Poi hanno rimandato Navalny in Russia, pensando che, se le autorità russe lo avessero arrestato, sarebbero seguite enormi proteste o, in alternativa, se i Russi non avessero fatto nulla, Navalny sarebbe stato in grado di creare il caos durante un importante anno elettorale in Russia. Altro fiasco, non solo le folle in Russia sono state insignificanti, ma il loro comportamento è stato ritenuto profondamente offensivo e anche leggermente inquietante dalla maggior parte dei Russi, che hanno visto abbastanza Maidan e Rivoluzioni Colorate e sanno  bene come potrebbe andare a finire tutta la faccenda. Per quanto riguarda Navalny, è stato arrestato immediatamente dopo essere atterrato e la sua libertà vigilata è stata revocata.

Naturalmente, tutto questo è stato riportato in modo assai diverso in quella che io chiamo la Zona A, ma, mentre questo ha permesso agli autori di questa PSYOP di nascondere la gravita del loro fallimento, nel resto del mondo e soprattutto in Russia, è stato subito chiaro che questa ridicola buffonata, era fallita. Questo risultato ha presentato un grosso problema al pollo senza testa (l’Unione Europea): da un lato, protestiamo perché “Putin ha ucciso la sua stessa gente con gas nervino,” mentre dall’altra stiamo per completare il North Stream 2 (NS2), perché dobbiamo assolutamente rimanere competitivi; se continuiamo, perderemo il NS2 e ci alieneremo ulteriormente la Russia, ma, se smettiamo di comportarci come dei pazzi con tendenze suicide, i nostri padroni d’oltremare ce la faranno pagare. I leader dell’UE, ovviamente, non sono riusciti a mettersi d’accordo su un tale piano e, proprio come un pollo senza testa, hanno corso in tutte le direzioni: hanno protestato pubblicamente, ma hanno anche inviato il Vicepresidente della Commissione Europea, Josep Borrell, come loro alto funzionario e come rappresentante dell’Unione Europea per quanto riguarda gli affari esteri, per tentare di avviare una politica di sicurezza e cercare di placare gli animi russi. Borrell, in realtà, ha fatto un discreto lavoro nel calmare i Russi, ma qualcosa è andato storto. Non solo il Ministro degli Esteri Lavrov è stato molto schietto nei suoi commenti pubblici, ma i Russi hanno anche espulso tre diplomatici dell’UE per aver partecipato alle manifestazioni, proprio mentre Borrell e Lavrov stavano ancora parlando. E qui è successo il casino, almeno nell’UE, quando i “giornalisti-cani da guardia” (qui uso il termine “cane da guardia” nel senso di  “abbaiare immediatamente a chiunque osi allontanarsi dalla linea propagandistica ufficiale“) sono impazziti e hanno accusato Borrell di essersi fatto infinocchiare dai Russi. Alcuni ne hanno persino chiesto le dimissioni. Quanto allo stesso Borrell, ha fatto quello che fanno tutti i funzionari occidentali dopo una visita a Mosca: non appena arrivato a casa ha cambiato versione. Infine, Maria Zakharova, la portavoce del Ministero degli Esteri russo, ha aggiunto che “Il compito [di Borrell] era quello di farsi fustigare pubblicamente, cosa che, credo, avessero pianificato con molta attenzione, una vera e propria accozzaglia di argomenti: ha parlato di comizi, di giornalisti, facendo di [Alexey] Navalny il tema principale del discorso.Secondo la Zakharova, questo piano è fallito perché la Russia ha insistito per discutere di “questioni reali.”

È interessante notare che i Russi non hanno ancora espulso alcun diplomatico statunitense (almeno per ora), nonostante fossero tutti d’accordo che la PSYOP provenisse dall’estero e nonostante la quasi assoluta certezza che funzionari statunitensi avessero preso parte alle proteste di Mosca e di San Pietroburgo. Va però detto che l’ambasciata statunitense a Mosca aveva raccomandato a tutti i cittadini statunitensi di stare alla larga dalle manifestazioni, definendole illegali. Questa crisi è ancora in corso e quando questa analisi verrà pubblicata, le cose potrebbero essere cambiate radicalmente. Il mio obiettivo oggi non è guardare agli Stati Uniti o all’UE, ma a quello che, secondo me, è un importante cambiamento nella politica russa.

A questo punto,  dovremmo considerare le espulsioni dei tre diplomatici dell’UE semplicemente come un semplice avvertimento, un modo per indicare che il vento è cambiato. Queste espulsioni non sono abbastanza significative per qualificarsi come una vera e propria ritorsione. Come mai?

Perché il vero schiaffo in faccia alla UE è stata la conferenza stampa di Lavrov e Borrell, in cui Lavrov è stato veramente schietto. Ad esempio, Lavrov ha detto senza mezzi termini: “Noi partiamo dal presupposto che l’UE non sia un partner affidabile, almeno in questa fase. Spero che, in futuro, venga data piu attenzione strategica agli interessi che l’Unione Europea ha nei confronti dei suoi vicini più prossimi e che i colloqui che abbiamo tenuto oggi promuovano il passaggio ad una traiettoria più costruttiva. Noi siamo pronti.”

Tradotto dal “diplomatichese” significa: 1) che siamo stufi di te,  2) non abbiamo bisogno di te.

Questa dichiarazione alquanto schietta è quella che a Bruxelles ha innescato tutte le verie isterie sul maltrattamento di Borrell da parte dei Russi e la successiva dichiarazione di Borrell, secondo cui “la Russia non vuole un dialogo costruttivo,” e l’UE deve ora decidere se vuole continuare ad avvicinarsi alla Russia o prendere le distanze da un Paese che sta cadendo nell’autoritarismo.

Nota. Nel linguaggio occidentale il grado di “democrazia” o di “autoritarismo” è definito unicamente dalla volontà di un Paese di essere una satrapia dell’Impero. Secondo questa definizione, tutti i Paesi sovrani sono “dittature” e tutte le satrapie anglosassoni sono esempi di democrazia.

Ne avrà avuto abbastanza l’orso russo?

Solo due settimane fa avevo scritto che “con Biden alla Casa Bianca, il Cremlino ora ha bisogno di cambiare marcia” e credo che questo sia esattamente ciò che stiamo vedendo oggi. Ecco le prove:

*Il tono russo è cambiato ed è molto più diretto e schietto. Il fatto poi che i tre diplomatici dell’UE siano stati espulsi, tra l’altro mentre Borrell era ancora a Mosca, è stato uno schiaffo assolutamente deliberato sul volto collettivo dell’UE.

*Anche il tono dei media russi è cambiato, giornalisti ed esperti stanno tutti esprimendo il loro totale disgusto per l’UE e chiedono meno parole e più fatti.

*La lobby del NS2, (che ha sempre sostenuto una politica di totale “non-confronto,” almeno fino al completamento del NS2) è piuttosto assente dalla scena pubblica russa. Ciò potrebbe significare che questa lobby ha gettato la spugna o, in alternativa, che il gruppo che io chiamo dei “sovranisti eurasiatici” non considera il NS2 vitale per la Russia (hanno ragione, tra l’altro) e pensa che mettere l’UE sotto pressione sia molto più importante (ancora una volta, sono d’accordo con loro).

* Anche l’altra vendetta anti-russa dell’Unione Europea, mi riferisco al recente tentativo di rovesciare Lukashenko, è fallita. Tuttavia, quest’altra PSYOP è stata molto inopportuna e rozza e l’UE si è mossa con tale arroganza che, in realtà, non ha dato alla Russia altra scelta che agire, non solo facendo volare i Tu-160 lungo il confine bielorusso e vendendo al Paese gli S-400, ma anche utilizzando contromisure diplomatiche altamente simboliche.

*Le forze aerospaziali russe (2 Su-24M, 2 Su-27 e 2 Su-30SM) hanno condotto finti attacchi missilistici contro le navi dell’USN non appena sono entrate nelle acque del Mar Nero meridionale. Notate che, nello stesso giorno, un aereo cinese ha condotto un finto attacco ad una portaerei statunitense nel Pacifico.

*La Russia ha ora schierato sia il Bal che il formidabile sistema di difesa missilistica costiera Bastion.Questo, insieme alle formidabili capacità del Distretto Militare Meridionale e della Flotta del Mar Nero, trasforma l’intero Mar Nero in un poligono di tiro e qualsiasi nave ostile in un facile bersaglio per i Russi. Chiaramente, i Russi sono stufi dell’arroganza dell’USN.

* Il Ministro della Difesa Shoigu ha appena annunciato un forte aumento della produzione di armi ad alta precisione e ipersoniche.

Questi sono solo alcuni esempi di un elenco molto più lungo di cambiamenti che stanno avvenendo sotto i nostri occhi.

Finora, non sembra che l’UE abbia ricevuto il messaggio. Almeno non ufficialmente. Ma, assistere alle lotte interne che ci sono state non solo durante il viaggio di Borrell, ma anche quando si doveva decidere cosa fare con i vaccini (The Lancet ha appena pubblicato un importante articolo intitolato “Il vaccino candidato Sputnik V COVID-19 sembra essere sicuro ed efficace” che in pratica dice che tutto l’Occidente racconta sciocchezze sul fatto che lo Sputnik-V sia: 1 insicuro, 2 inefficace), fa chiaramente capire che i governanti dell’UE sono seriamente preoccupati. In questo momento, sembra proprio che l’UE stia perdendo la “guerra propagandistica sul COVID” e che tutti questi stati russo-fobici (eccetto quei pazzi dei 3B + PU [Paesi Baltici più Polonia e Ucraina]) dovranno ora mendicare i vaccini alla Russia. Finora, l’unica reazione ufficiale dell’UE è stata quella di espellere tre diplomatici russi e protestare un po’. Ma queste sono solo le salve d’apertura di un confronto tra Russia e UE destinato a durare molto a lungo.

Il fattore cruciale da considerare è questo: mentre il potere aggregato di USA + NATO + UE + 5EYES è più grande di quello della Russia, la paralisi mentale dei leader dell’UE rende l’UE molto più debole della Russia. Naturalmente, dal momento che l’amministrazione Biden è un elenco aggiornato dei russofobi più isterici, è probabile che gli Stati Uniti interferiscano e cerchino di sostenere le fazioni anti-russe nell’UE. Considerando il tono usato dai funzionari russi durante le ultime provocazioni dell’USN nel Mar Nero e nel Mar del Giappone, non metto in dubbio la determinazione del Cremlino ad agire sia con le parole che con i fatti.

Poi ci sono le minacce sottili a cui il grande pubblico è raramente esposto. L’ultimo esempio è un articolo molto specialistico dal titolo “Riflessioni sull’uso dell’aviazione da combattimento per interrompere un massiccio attacco aereo integrato durante un’operazione multidominio nemica,” che spiega come la Russia potrebbe sconvolgere e respingere un attacco NATO. Non entrerò nei dettagli (molto interessanti), mi limiterò a dire che, secondo gli autori, la Russia può passare da una politica di deterrenza basata sulle forze nucleari ad una politica di deterrenza (convenzionale), avendo i mezzi per ” infliggere una sconfitta globale (ai paesi della NATO) usando ogni tipo di arma per scoraggiare eventuali avversari e causare loro una sconfitta complessa e insostenibile solo con azioni preventive nel caso in cui si verifichi il pericolo di una guerra locale che minacci la Federazione Russa.“ In verità, questo non è l’unico articolo specializzato russo che discute di una guerra futura e ciò che lo rende davvero unico è che, tra tutti i vari media, abbia deciso di parlarne RT in un suo pezzo intitolato “Gli esperti dell’aeronautica russa pubblicano il piano per neutralizzare le forze militari della NATO con un bombardamenti a tutto campo.“ Sembra davvero che il Cremlino voglia essere assolutamente sicuro che i politici occidentali (a differenza degli analisti militari occidentali che leggono queste notizie quotidianamente) riflettano a lungo su ciò che i piani militari statunitensi per la NATO significherebbero per l’UE.

Poi c’è il risultato dell’esercitazione Winter-20 del comando militare polacco, che, non scherzo, ha visto la Russia  sconfiggere completamente l’esercito polacco in soli 5 giorni! (Per i dettagli, vedere qui, qui o qui). Ancora una volta, questa non è neanche una novità, gli Stati Uniti e/o la NATO hanno condotto molte esercitazioni che hanno visto le “orde russe” sconfiggere le “forze della democrazia e del progresso.” E, ancora una volta, la vera differenza è nello spazio che la Russa ha dato a questa notizia: per la prima volta i Russi hanno apertamente preso in giro la NATO e i Polacchi (sempre molto paranoici e follemente russofobi). In verità, i Russi hanno sempre saputo che l’esercito polacco è tanto bravo nelle cerimonie e nelle parate quanto inetto sul campo di battaglia, ma questo tipo di aperto disprezzo è qualcosa di nuovo, almeno per quanto riguarda i media di stato.

È chiaro che, finora, l’UE non sta facendo i conti con questa nuova realtà.Ecco l’ultimo (incredibilmente stupido) piano dell’UE per cercare di spaventare “Putin” (qui per “Putin” intendo l’uomo nero collettivo del Cremlino): Svetlana Tikhanovskaia ha fatto appello alla moglie di Navalnyi, Iulia, affinchè si dichiari “Presidentessa della Russia.” Seriamente. Iulia Navalnaia come prossimo presidente della Russia!

Quanto ai sostenitori di Navalny nell’UE, hanno deciso di creare un governo russo in esilio. Ancora una volta, questo non è uno scherzo. A proposito, il “ministro degli affari esteri” di questo “governo russo in esilio,” Leonid Volkov, aveva inizialmente dichiarato che le rivolte illegali avrebbero dovuto essere represse. Dopo essere stato cazziato dai suoi superiori, ha immediatamente fatto marcia indietro e ha dichiarato pubblicamente di sperare che le proteste riprendano. Maria Zakharova ha reagito su Facebook senza mezzi termini e in modo al quanto ufficiale al “cambio di direzione” di Volkov:

La NATO raddoppia la posta

Il 4 febbraio 2021, Volkov ha dichiarato che le proteste in Russia erano state annullate e che sarebbero riprese in primavera e in estate.
“Non terremo un raduno il prossimo fine settimana… L’ondata di proteste dovrà finire quando raggiungerà il massimo. Perché se continuiamo a rallentare, sarà terribilmente demotivante e frustrante per tutti… Ci prepareremo bene e faremo qualcosa di più grande in primavera e in estate. Non rinunceremo mai alle nostre richieste.” Poi, il 9 febbraio 2021, Volkov ha cambiato idea e ha annunciato che la campagna continuerà fino a febbraio. “Renderemo il tutto molto più complesso,” ha aggiunto. Cosa è successo tra il 4 e il 9 febbraio che ha costretto l’“opposizione” a cambiare radicalmente tattica? molto semplice: l’8 febbraio 2021 si è svolto un incontro online con Volkov e Ashurkov presso la Missione permanente della Polonia dell’UE a Bruxelles, a cui hanno preso parte i vari paesi dell’UE, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. E questo, a tutti gli effetti, è stato un incontro dei paesi NATO. I membri della NATO hanno istruito l'”opposizione” e, di fatto i loro agenti, su come continuare “con maggiore astuzia” a condurre un’attività sovversiva. L’Occidente ha già investito troppi soldi e troppe risorse per aspettare la primavera.
Hanno capito che, in primavera, la campagna di disinformazione pompata dagli Occidentali sarebbe stata spazzata via. Non possono più destreggiarsi con la storiella delle “armi chimiche” senza presentare prove: sono inchiodati al muro. Quindi raddoppiano la posta.

Quanto a Navalny e ai suoi sostenitori, la Zakarova è stata ancora più diretta, dicendo “smettetela di chiamarli oppositori, sono agenti della NATO!

Come ho spiegato molte volte, i politici occidentali non raddoppiano la posta quando si sentono forti, lo fanno quando si sentono deboli e quando ripongono le loro speranze nella volontà della controparte di non escalare ulteriormente.

E, solo per assicurarsi che l’Impero possa vincere la battaglia per i “cuori e le menti” del popolo russo, i Britannici stanno ora facendo affidamento (di nuovo) sulle Pussy Riot per pubblicare una canzone a sostegno delle proteste. Ancora una volta, anche se questo sembra uno scherzo, non lo è.

Ora arriva la parte migliore: ci sono molti segnali che l’UE, sempre con il pio pretesto della “solidarietà“, seguirà i politici dei 3B + PU e che, anche se non tratterà questo governo come un “governo esilio,” considererà comunque i suoi membri come veri funzionari. Una cosa del genere dovrebbe terrorizzare il Cremlino, immagino. Ma se questo è il meglio che l’UE può inventare, Putin e il popolo russo, possono dormire sonni tranquilli.

Ora dove si va?

Fare previsioni è una cosa difficile quando si ha a che fare con: 1) Paesi con sovranità e intelligence limitate, 2) Paesi guidati da politici incompetenti/deliranti. Le normali teorie di deterrenza presumono che esista quello che in genere viene chiamato un “attore razionale” e uno stato veramente sovrano. Quel che è certo è che l’Impero ed i suoi protettorati dell’UE aumenteranno solo quelle che io chiamo le “piccole misure di molestia” per cercare di offendere e umiliare la Russia (cose come questa schifezza). In risposta a queste punture di spillo la Russia farà due cose: abbandonerà ogni pretesa di diplomazia denunciando queste punture di spillo per quello che sono (provocazioni) e si rivolgeà esclusivamente alla Zona B (alias “partner affidabili“) per gli accordi di cooperazione. La Russia spiegherà anche senza mezzi termini agli Europei i rischi che corrono se insisteranno con il loro malsano tintinnar di sciabole lungo il confine russo. Purtroppo, questo probabilmente significa che, proprio come ha recentemente fatto la Marina cinese, le forze aerospaziali e la Marina russa avranno l’ordine di ingaggiare qualsiasi aereo o nave che minacci la Russia (finora queste sono solo voci, ma sono persistenti e sembrano avere un forte sostegno nella Duma). Questo è uno sviluppo molto pericoloso, in quanto i politici occidentali, essendo creature principalmente ideologiche (e quindi deliranti) preferiranno sempre fare il gioco del pollo (senza testa), sperando che sia l’altro a tirarsi indietro. Il fatto che “l’altro,” russo o cinese, in passato si sia, in effetti, tirato indietro e abbia mostrato moderazione, incoraggia ulteriormente i politici occidentali a raddoppiare sempre la posta, qualunque cosa accada. Per questi motivi definirei come “probabile nel 2021” un effettivo scontro militare tra USA/NATO e/o Russia/Cina. Per quanto riguarda il futuro del NS2, avevo sempre pensato che i politici dell’UE fossero in grado di fare due conti e capire che l’UE ha bisogno di quel progetto molto più della Russia. Francamente, ora non ne sono così sicuro: contare sulle capacità mentali di un pollo senza testa probabilmente non è una buona idea! Né contare sul coraggio di politici che Boris Johnson una volta aveva definito “gelatine protoplasmatiche invertebrate e supine.”

Sembra che la Russia e l’UE siano in rotta di collisione. Francamente, la cosa mi fa piacere nonostante gli evidenti pericoli. Perché? Perché niente, tranne un vero confronto, può riportare i politici dell’UE sul pianeta Terra dal mondo fantastico in cui attualmente vivono. L’orso russo deve dare una mazzata al pollo senza testa. E bella forte.

The Saker

Fonte: thesaker.is
Link: http://thesaker.is/the-headless-chicken-and-the-bear/
09.02.2021
Tradotto da Giacomo Esposito per comedonchisciotte.org

47 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
VincenzoS1955
VincenzoS1955
20 Febbraio 2021 14:21

…L’UE ha un grosso problema: è gestita da una classe di “venduti allo straniero” che dipende interamente dagli Stati Uniti. Va bene, questo di per sé non è il problema a cui mi riferisco…”
Buona questa. Figuriamoci la classe che gestisce e ha gestito gli italioti. Venderebbero (o avrebbero venduto) persino i loro genitori! Scusate la cattiveria😈. Quando c’è vo’ c’è vo'”.

oriundo2006
oriundo2006
Risposta al commento di  VincenzoS1955
20 Febbraio 2021 15:41

Ma sai, chi non è ‘venduto’ lì nei posti di comando NON arriva: da vivo, si intende. Vendersi è l’arte della sopravvivenza dei deboli, nostra arte da secoli … Un tempo ci si vendeva per salvar il salvabile: oggi per lucrare sugli altri.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  oriundo2006
20 Febbraio 2021 16:02

Hai ragione: gli italioti si meritano la classe dirigente che hanno.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  oriundo2006
20 Febbraio 2021 16:02

Hai ragione: gli italioti si meritano la classe dirigente che hanno.

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  VincenzoS1955
21 Febbraio 2021 4:25

Oddio come dice l’articolo anche gli altri paesi europei non eccellono di certo nel campo basta pensare alla tanto elogiata e lodata dalle nostre presstitutes madre d’Europa Angela Merkel.

mazzam
mazzam
20 Febbraio 2021 13:30

Russia is better,

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  mazzam
20 Febbraio 2021 14:24

Really!!!

Cangrande65
Cangrande65
20 Febbraio 2021 14:44

Non si è ancora messo a fuoco che il “nemico” non risiede negli USA, ma in Inghilterra.
Questo, da Cromwell in poi, ininterrottamente.

E gli USA sono solo il rozzo Golem, sacrificabile, alle dipendenze di CHI veramente comanda in Inghilterra.

oriundo2006
oriundo2006
Risposta al commento di  Cangrande65
20 Febbraio 2021 15:37

Si. E sin dai tempi di John Dee…che istituì il link esoterico ancora oggi fortissimo.
Se vogliamo però esser oggettivi, loro hanno una classe dirigente con veri poteri e veri cervelli, noi una congrega di imbecilli, di ladri e di sciacquette capitanata da vili affaristi a loro ossequio,loro libro paga e loro gradimento. Loro hanno dominato nel mondo ovunque, mentre quei meschini dei nostri antenati non erano capaci di armare una galea e andar a vedere un pò oltre le Colonne d’ Ercole che aria tirava. Alle volte mi chiedo davvero che cosa straordinaria sarebbe stata avere la cultura italiana, la sua eleganza stilistica, la sua raffinatezza in ogni cosa, messa a disposizione di popoli ad esempio del Sudamerica invece di Spagna o Portogallo, paesi rozzi, violenti e mentalmente arretrati rispetto a quello che noi eravamo.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  oriundo2006
20 Febbraio 2021 15:59

“Loro” avevano infiltrato quasi tutti gli stati italiani. Tranne lo Stato della Chiesa, il ducato di Modena e la Repubblica Veneta.
Tranne, per quest’ultima, negli ultimi 60-70 anni, ma senza grossi risultati, tranne che poco prima dell’inglorioso e illegittimo auto-scioglimento.

“Loro” (sappiamo chi) avevano pagato i nobili poveri (i cosiddetti barnabotti), che avevano diritto di voto esattamente come tutti gli altri nobili.

A Venezia c’erano state discussioni sul trafficare con le Americhe, ma tutte le energie economiche e di sangue, erano per la lotta contro il Turco.

Mentre spagnoli, portoghesi e poi inglesi, olandesi e francesi dilagavano nelle Americhe, Venezia, quasi da sola, fermava il Turco a Lepanto, salvando l’Europa.
E nel ‘600 fece altrettanto, letteralmente dissanguandosi, nella guerra di Candia (Creta).

P.s.: la primissima cosa che hanno fatto i francesi a Venezia è stata quella di aprire il ghetto…

E nel ghetto di Verona, durante le Pasque Veronesi, i cittadini, insorti contro i francesi, trovarono delle armi nascoste…

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  Cangrande65
20 Febbraio 2021 17:02

Mi sembra di aver capito che i russi, nel caso di guerra nucleare, abbiano riservate le prime proprio per Londra. Tu dici che basterà?

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  Annibal61
20 Febbraio 2021 17:23

Credo Londra e New York. Ma non solo. Purtroppo, almeno ai tempi dell’URSS, sicuramente anche verso il Triveneto e Lombardia orientale. Finché resiste Putin, però, non credo.

nicola bosco
nicola bosco
Risposta al commento di  Cangrande65
21 Febbraio 2021 3:41

Le prime saranno tutte verso l’italia, perchè è il cuore pulsante della nato in europa (la maggioranza dei comandi e delle riserve sono qui da noi).
Per quanto riguarda il Triveneto mi piace far rilevare questo piccolo particolare:
Aviano e Vicenza sono certamente due capisaldi in italia della nato (il terzo è Napoli).
Sapete chi ha costruito il famoso ” palazzo di Putin in Crimea” ? Le strutture e gli arredamenti sono tutti arrivati da aziende del triveneto; sapete chi produce il vino che Putin beve e regala? un enologo del triveneto; sapete chi sovraintende le macchine della cantina di Putin? tecnici del triveneto.
Fosse stato obama al posto di Putin, l’avrebbero scritto su ogni palo della luce …

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  nicola bosco
21 Febbraio 2021 5:44

Non so se sia vero. Ma sembra che Putin abbia sangue veneto (vicentino per la precisione. Costabissara, se non sbaglio).

Paola Marconi
Paola Marconi
Risposta al commento di  Cangrande65
21 Febbraio 2021 10:01

Si, ho letto questa notizia. Pare che il suo cognome andrebbe pronunciato Putìn.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  Paola Marconi
21 Febbraio 2021 13:02

Che vuol dire “bambino piccolo”.

Dino79
Dino79
Risposta al commento di  Cangrande65
20 Febbraio 2021 18:13

E mica solo in Inghilterra…

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  Dino79
20 Febbraio 2021 19:25

Certo. Stanno un po’ ovunque. La “mente esoterica” per ora sta a New York, come aveva svelato Kubrick nel suo ultimo film, prima di essere ucciso proprio per questo.
Ma dal punto di vista geopolitico/militare/mediatico la testa dell’idra sta a Londra.

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  Cangrande65
21 Febbraio 2021 4:32

Andrebbe schiacciata una volta per tutte invece di continuare a traccheggiare.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Cangrande65
21 Febbraio 2021 8:11

La City di londra

PietroGE
PietroGE
20 Febbraio 2021 14:25

Sono anni che sento parlare di ‘probabile’ scontro NATO contro Russia, il ‘tintinnar di sciabole al confine, secondo me, rimarrà un tintinnio perché una guerra convenzionale contro un Paese dotato di armamento nucleare rischia sempre di sfociare in uno scontro nucleare dal quale nessuno risulterà vincitore, oppure se è molto limitato l’unico vincitore sarà la Cina. Sia gli occidentali che i russi sanno benissimo che la Russia non può difendere i suoi immensi confini solo con l’armamento convenzionale.
La UE non va da nessuna parte da punto di vista geopolitico o geostrategico primo perché non ha l’armamento adeguato e secondo perché né gli USA (cioè la lobby che decide della politica estera americana) né FR e GB vogliono una Germania dominante anche militarmente in Europa dopo che sta dominando economicamente l’UE. Lo sviluppo degli armamenti russi, sia in quantità che in tecnologia, non è diretto solo verso occidente, è diretto anche al vicino a Sud che sta diventando una potenza militare di prim’ordine.

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  PietroGE
21 Febbraio 2021 4:28

Non credo sia diretto verso i cinesi; Russia e Cina in fondo hanno molti più interessi convergenti rispetto ai possibili motivi di frizione e per quante provocazioni possa fare l’occidente ritengo che i russi ne siano ben consapevoli come i cinesi d’altronde.

Lucio
Lucio
Risposta al commento di  maxjuve
21 Febbraio 2021 18:23

non ne sarei così sicuro.
La Russia e la Cina convergono in molti interessi ma sicuramente la Russia vede nel vicino cinese una potenza economica che tende a fagocitare le altre.
La CIna ha bisogno di materie prime che la Russia possiede… vedremo per quanto tempo la Cina non tenterà di appropiarsene.

Tonguessy
Tonguessy
20 Febbraio 2021 14:59

“i Neo-Conservatori hanno dato il benservito a Trump”.
Ecco servito il carpiato politico: da forze del miglioramento sociale a forze del conservatorismo. Beh, pensavate che qui in Italia dove amiamo scimmiottare gli USA (Tu vo’ fà l’ammerigano) le cose fossero diverse?

“tutti i Paesi sovrani sono “dittature” e tutte le satrapie anglosassoni sono esempi di democrazia.”
Amen

casalvento
casalvento
Risposta al commento di  Tonguessy
21 Febbraio 2021 13:16

Amen and Awoman.
Attento!

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  casalvento
21 Febbraio 2021 13:23

Questo un vero capolavoro, ma ho già dimenticato il nome della cretina…

clausneghe
clausneghe
20 Febbraio 2021 14:59

Un pollo decapitato non ha bisogno di mazzate: è già morto.
Proprio come la UE, che però non lo sa. Ancora.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  clausneghe
20 Febbraio 2021 15:07

Come puo’cacciar fuori la Ue i soldi promessi se e’defunta?
Mi sa che sono morti anche a roma.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  Astrolabio
20 Febbraio 2021 16:08

Defunta o non defunta gli italioti i soldi non li avranno mai, almeno non aggratis.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  VincenzoS1955
20 Febbraio 2021 16:27

E bisognava che PdC ci fosse Draghi per questo?lo si sapeva gia’

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  Astrolabio
20 Febbraio 2021 16:29

Draghi porta la “vaselina” per gli italioti… anzi: niente vaselina! E vai! Se lo meritano!😈

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  VincenzoS1955
21 Febbraio 2021 4:34

Hai fatto caso che il servo dei circoli atlantici Renzi e i suoi 4 sgherri da quando c’è il Drago non chiedono più il Mes da mane a sera come facevano finché c’era Conte? Ovvio no, la garanzia ora è il Drago stesso.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  maxjuve
21 Febbraio 2021 6:29

Esatto! Ma fallo capire agli italioti masochisti.

danone
danone
20 Febbraio 2021 19:09

Il pollo senza testa rischia di essere la stessa geopolitica tradizionale che non collima con gli scenari finto-pandemici. Come si spiega il fatto che la Russia e l’Iran stiano seguendo, più o meno, la stessa falsa narrazione covid, come gli avversari geopolitici occidentali? Salta in aria ogni scenario di guerra batteriologica. I vaccini che ruolo hanno davvero? Solo quello di tracciamento e controllo, già non è poco, o nascondono qualcos’altro di inconfessabile? E non ditemi subito il depopolamento, perchè è una congettura senza vere prove al momento, o il business di big-pharma, che non giustifica da solo l’ansiogena e forsennata corsa alle vaccinazioni forzate mondiali di massa, pur con tutti gli effetti collaterali che vediamo. Scenario incredibile e ancora inspiegabile. Le narrazioni come quella dell’articolo sanno ormai di vetusto, logiche da superata guerra fredda. Non è così che è davvero diviso e governato il mondo. Oggi come ben sappiamo, e come forse è sempre stato, è più evidente la spartizione in verticale del potere, non più in orizzontale, fra Stati o imperi militari-commerciali, ma nelle gerarchie socio-economiche, governate dai grandi proprietari privati, elite auto-elette sul potere finanziario della rendita e della proprietà, di tutto, sopra un mare depauperato e indifferenziato… Leggi tutto »

MarcBin
MarcBin
Risposta al commento di  danone
20 Febbraio 2021 19:53

Concordo.
Le congetture vecchie sono ormai storia.
Credo stiano cercando di capire cosa possono fare, è anche un grande test.
Il depopolamento può essere plausibile, anche perché non sarebbe una cattiva idea.
L’unica cosa sicura è che hanno fretta, perché stanno agendo troppo velocemente.
Solitamente diluivano le azioni nel tempo, così era difficile collegare i fatti.
Oggi hanno fretta, è la fretta ti rende sia vulnerabile che visibile.
Non ho ancora capito cosa vogliono fare di preciso.
In qualsiasi caso molta gente ha iniziato a guardare bel buio, proprio perché queste anime nere stanno venendo alla luce.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  MarcBin
20 Febbraio 2021 20:01

Sì. Hanno una fretta dannata.
Arrivare al punto di scoprirsi così platealmente, sembrerebbe inspiegabile.

Il punto interrogativo sta qui.

Io credo che le motivazioni siano principalmente esoteriche/millenaristiche.

Non è ben chiaro, ma “loro” sanno benissimo il perché…

MarcBin
MarcBin
Risposta al commento di  Cangrande65
20 Febbraio 2021 20:08

Grazie del commento.
Concordo in pieno.
Ad alti livelli è una guerra esoterica e spirituale.
Ho fatto parecchie ricerche e francamente non ho capito molto, almeno non da essere preciso.
Ci sono principalmente due fazioni, euroasiatica e totalitarista (sole – simbolo dell’asino) e quella occidentale (luna – simbolo morte danzante).
Credo sia qui il gioco.
In qualsiasi caso, tutto ciò che sta accadendo è un’enorme opportunità per noi, poiché è proprio grazie al buio che si vedono le luci, quelle interiori.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  MarcBin
20 Febbraio 2021 20:14

Vero.
Ma siamo in pochissimi.
Parafrasando Nietzsche, “noi siamo iperborei”.
E non è una frase “buttata lì”, da lui, come pensavo una volta.

È veramente così…
È un discorso di sangue/DNA.

Ma si rischia di divagare…

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  danone
20 Febbraio 2021 20:32

Condivido.
Un appunto, però. Non sottovaluterei l’importanza della NATO.
È il braccio operativo della Truffa.
Come lo è/era per la “strategia della tensione” in Italia, attentati “islamici”, caso Moro e molto, molto altro.

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  danone
21 Febbraio 2021 4:38

La Russia mi risulta che abbia seguito la narrativa covid fino ad un certo punto; se non sbaglio già da una ventina di giorni Putin ha riaperto praticamente tutto.

Diogene
Diogene
20 Febbraio 2021 21:54

Da questa parte sono disperati.
Non solo non riescono a rendersi minacciosi verso l’esterno (il tono dell’articolo è chiaro, la UE è vista come una caccola mentre la nato un insetto contro il parabrezza) ma gli sta crollando anche il fronte interno con il coronafarsa.
Preparatevi perchè qualcuno, un pollo più intraprendente (quindi scemo) della media, la farà grossa: guardatevi dai vaccini russi. Qui hanno bisogno di rimettere in piedi la narrativa e di coalizzare la gente quindi saboteranno i vaccini russi che arriveranno da noi. Il taglio delle forniture delle zozzerie di Pfizer, Moderna e AstraZeneca anche se originato dall’eccessivo numero di incidenti sul breve periodo (in questo momento ne staranno scaricando a galloni nella tazza), va tranquillamente in quella direzione, anzi potrebbe essere la vera ragione del taglio delle forniture.

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  Diogene
21 Febbraio 2021 4:40

Il gioco ormai è sempre più scoperto, la loro propaganda mostra già crepe da tutte le parti, basta solo essere un minimo svegli ed unire i puntini.

Quasar
Quasar
20 Febbraio 2021 22:09

speriamo solo che alla fine in europa non siano cosi cog**lioni come sembrano

perche’ se lo sono siamo nei guai

Quasar
Quasar
20 Febbraio 2021 22:09

speriamo solo che alla fine in europa non siano cosi cog**lioni come sembrano

perche’ se lo sono siamo nei guai

maxjuve
maxjuve
21 Febbraio 2021 4:23

Sono pienamente d’accordo, è ora di dare una bella mazzata al pollo senza testa.

Lucio
Lucio
21 Febbraio 2021 18:20

Ottimo articolo. Concordo in pieno.
Guarda caso non è solo la Russia ad aver cambiato i toni rispetto al passato, ma pure la Cina.
Non so se le cose siano effettivamente collegate ma sicuramente per la Russia ha influito la vittoria dei Dem in America.
Il ritorno dei pazzi fomentatori di colpi di stato ha messo in pre allarme la Russia che stavolta ha deciso di reagire in maniera più forte e diretta. Questo perchè sapeva che stavolta sarebbe stata colpita direttamente lei.

Il virus sta’ decapitando l’economia reale occidentale. Non vorrei che il conflitto arrivi davvero ma come unica via di uscita da questa crisi. L’occidente è sempre più isterico e non solo per motivi ideologici.

mystes
mystes
22 Febbraio 2021 5:29

“L’UE ha un grosso problema: è gestita da una classe di “venduti allo
straniero” che dipende interamente dagli Stati Uniti. Va bene, questo di
per sé non è il problema a cui mi riferisco…” No, è proprio questo il problema, per ricominciare bisognerebbe denunciare il Trattato di Pace firmato dai servetti degli americani nel 1945…