Home / Attualità / Quanti migranti può accogliere l’Europa?
La vera esperienza greca. Atene, settembre 2019

Quanti migranti può accogliere l’Europa?

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

La Grecia entra nell’autunno dove trova le prime avvisaglie del nuovo governo Mitsotakis, prima fra tutti una strisciante ulteriore apertura delle frontiere greche ai flussi migratori favoriti dai ricatti della vicina Turchia. E, se non ci stanno più nelle isole, il governo che fa? Li manda in Macedonia con tutto spesato, compresa la carta prepagata da Soros, chissà che non annacquino un po’ il nazionalismo di quelle regioni. Intanto si preparano ulteriori dismissioni di importanti asset nazionali, come i frantoi per la produzione dell’olio, che verranno chiusi per far posto a tre mega-impianti in mani straniere, o i cantieri navali che – un tempo – avevano costruito una delle maggiori flotte navali al mondo. E perfino l’ultima frontiera della bellezza greca, le spiagge, verrà privatizzata e lottizzata. E qualcuno, giustamente, comincia a chiedersi “quanti migranti pensate che l’Europa in generale e la Grecia in particolare possano accogliere? Tre milioni? Cinque? Dieci? Cento? Un miliardo? Quanti? Possiamo generalmente fissare un limite al numero di persone che entrano nel nostro paese, dopo di che possiamo considerare la chiusura delle frontiere o le nostre frontiere dovrebbero rimanere aperte per l’eternità? (…) E a quanti migranti pensate che l’Europa possa offrire una “vita migliore” anche sacrificando la sua identità culturale? Esiste una soglia numerica per tale accoglienza in Europa, anche si trattasse di centinaia di milioni?”[Konstantinos Grivas]

 

Da “Oli essenziali” – pubblicato Giovedì, Settembre 5, 2019

Articolo originale QUI

(…)

Le spiagge sono state certamente occupate in Attica alla fine di agosto, da questo vero paese, in gran parte, troppo ampiamente, anche popolare, ma allo stesso tempo ci sono muri che esprimono grande dolore in faccia ai turisti: “Vivi la vera esperienza greca. Stipendi a 500 euro, affitti a 400. Airbnb sta facendo aumentare gli affitti.”

E questo è solo un esempio, un aspetto dei cambiamenti in corso. Il paese si sta trasformando traumaticamente in uno spazio amministrato, colonizzato a dir poco, dall’alto dagli “investitori”, e dal basso, dai migranti sradicati che il progetto in via di attuazione prevede di installare tra gli autoctoni, acculturati o in istruzione. I recalcitranti, vale a dire gli spiriti ancora logici e radicati nella loro cultura e nel loro territorio, saranno nel frattempo etichettati in tutti i modi possibili. (…) Erdogan e i contrabbandieri para-mafiosi hanno aperto le porte della miseria, causata e sfruttata; i migranti sono arrivati a migliaia nelle ultime settimane sulle rive delle isole greche dell’Egeo, quindi l’agenda sembra accelerare. Aprirò tutte le porte verso l’Europa, dice Erdogan, chiedendo, tra le altre cose, il controllo di una parte del Mar Egeo e dei relativi idrocarburi, sul lato greco, Cipro inclusa (stampa del 5 settembre). I migranti, e soprattutto la loro strumentalizzazione, sono un’arma… geopolitica di massa.

E, come per caso, il governo Mitsotakis, con la scusa di decongestionare le isole – la situazione nei campi di Lesbo in particolare è davvero esplosiva – installa [i migranti] nella Macedonia greca, esattamente vicino al confine con i vicini paesi slavi, esattamente al centro della “ristrutturazione” che la Germania e gli Stati Uniti stanno imponendo ancora una volta in questa regione balcanica. I greci nei paesi interessati sono molto arrabbiati, dicono i reportages, e ne hanno tutti i motivi (stampa della settimana). Perché sono già stati traditi dall’accordo macedone di Tsapras e Mitsotakis non lo metterà in dubbio in alcun modo, secondo la stampa tedesca, dato che questa era la condizione necessaria per essere ricevuto a Berlino, presso il cancelliere … dell’ennesimo Reich.

(…)

La vera esperienza greca. Atene, settembre 2019

(…)

“I governi si succedono dal 2010, uno dopo l’altro, come i treni nelle stazioni, ma sempre più, questi governi sono soggetti a potenze straniere. Arrivano e se ne vanno, promettendo vari interventi, che vanno dall’abolizione dei memorandum alla riduzione delle eccedenze e delle tasse sui beni primari, e poi [una volta al potere] applicano una politica economica contraria ai loro proclami pre-elettorali, una politica che è ovviamente imposta da Berlino. A livello geopolitico, il paese è anche subordinato al potere degli Stati Uniti, più che ai tempi della giunta dei colonnelli, a quel che sembra.”

“(…) la “politica” è diventata una sorta di professione redditizia e di marketing, mentre la vera politica economica del paese è praticata dalla cancelleria tedesca”, testo di Papoulis sul sito web del Plan-B.

(…)

Lo stesso vale per la produzione di olio nella terra dell’ulivo, come a volte ci piace chiamarla. Secondo una fonte menzionata e tradotta in particolare da Constant Kaimakis (e lo ringraziamo tutti), la chiusura di 2.750 frantoi greci sarebbe già in programma, [citata] anche su Facebook, anche dal mio amico, storico e scrittore, Olivier Delorme.

“Il “tesoro nazionale” dell’olio d’oliva sarà così consegnato alle multinazionali americane. Quest’ultimo esorta il governo greco a chiudere 2.750 unità greche. All’inizio di gennaio, il famoso sindacalista Fthiotida Vaios Ganis ha rivelato a newx.gr che negli ultimi quattro anni sono state depositate proposte per costruire tre “mega fabbriche” di olive e olio d’oliva in regioni specifiche. In effetti, secondo Ganis, banche sembrano sostenere questo sforzo. Quale sarà l’impatto della costruzione delle tre “mega fabbriche”? Vaios Ganis descrive la situazione, nel più scuro dei colori, dichiarando:

“2750 piccole presse saranno cancellate da un giorno all’altro nelle aree in cui saranno localizzati i mega impianti. Le tre aree interessate dalla multinazionale statunitense sono la Grecia occidentale, il Peloponneso e Creta. (…)

“Ci sono parecchie persone al ministero, tra cui alcuni funzionari, o individui che stanno semplicemente cercando di farsi vedere dal governo, con l’obiettivo di chiudere queste piccole unità produttive con il pretesto delle economie di scala che una tale offerta porterebbe. Sono greci e hanno anche un buon posto nelle università.”

(…)

Paese con il pilota automatico coloniale. Il territorio, le sue rive, la sua memoria e i suoi resti che i visitatori difficilmente possono vedere, l’acculturazione soprattutto dei più piccoli fa terra bruciata per una parte della popolazione. E quanto ai migranti, a causa della loro situazione sapientemente provocata, faranno lo stesso uso del paese dei predatori globalisti. Il paese è un “topos”, un luogo da usare senza storia, passato o radici (…)

E’ il rientro, e questo blog saluta e poi ringrazia i suoi amici con tutto il cuore. Senza di loro, senza il loro sostegno morale e materiale, sarebbe già stato inghiottito dal nulla circostante.

———————————

Da “L’anima perduta” – pubblicato Sabato, Settembre 21, 2019

Articolo originale QUI

Il negozio del vecchio libraio e della principessa. Atene, settembre 2019

(…) la propaganda dei media ci dice che “il governo Mitsotakis è molto popolare”, quindi… va tutto bene.

(…) Il ministro delle Finanze, che, come noto, è controllato da Bruxelles, vale a dire da Berlino, è stato recentemente in tour a Londra per un forum di “investimenti” che riunisce la… Crème brulèe greca e la crema bruciante straniera. Egli è stato molto soddisfatto: “Gli investitori stranieri sono molto interessati alle privatizzazioni in Grecia”, stampa greca del 20 settembre.

(…) Nel frattempo, il nostro amico, il vecchio libraio del centro storico, è appena stato “gentilmente” sfrattato dalla sua attività. L’edificio è stato acquistato, appunto da… Investitori. Il suo negozio è già stato svuotato, gli è permesso di esporre alcuni oggetti davanti all’ingresso, mentre ora può servire i suoi clienti solo in strada. “Per fortuna, gli altri rivenditori del luogo hanno accettato di farmi esporre la mia poca merce residua insieme alla loro, per venderla, se possibile. Non è facile… la mia pensione non arriverà subito. Per non parlare dell’anima perduta del mio negozio, e di Principessa, la mia gatta, che è ovviamente molto disturbata.

No ai controllori privati. Agenzia finanziaria in Grecia. Atene, settembre 2019

(…)

E ad Atene, i funzionari del “Ministero delle Finanze” fingono di protestare contro la graduale privatizzazione del loro servizio. “No alle società private responsabili del controllo fiscale”, dice il loro striscione davanti ai “loro” locali. Ma è troppo tardi. L’amministrazione fiscale in Grecia è ora posta sotto il controllo totale di una società per azioni gestita da alcuni da Bruxelles e Berlino, la cosiddetta “Agenzia finanziaria indipendente di Grecia”. Syriza, come i “governi” prima e dopo di essa, avrà… coraggiosamente lavorato per i colonizzatori, con la gentile partecipazione di rapaci locali, naturalmente. Dopo tutto… la Grecia offre ottime opportunità di investimento internazionale, anche sotto forma di debito ad alto rendimento!

(…) Allo stesso tempo, la cosiddetta Commissione europea ha ordinato la chiusura definitiva del più grande cantiere navale vicino al Pireo a Skaramangs. Eppure la Grecia è un paese di armatori, dotato di una preziosa Marina Nazionale che ha fatto fronte all’aggressività storica della Turchia nel Mar Egeo e a Cipro, e di conseguenza, ha spesso fatto ricorso al cantiere navale di Skaramangs (stampa greca della settimana). L’autunno bussa… alla porta.

Le spiagge si stanno svuotando. Grecia continentale, settembre 2019

Gli… “investitori” arrivano o quasi, le spiagge si svuotano e… si vendono. La nuova legge sulla protezione e lo sviluppo costieri, annunciata dal governo ma non ancora adottata, prevede la privatizzazione delle coste, in altre parole, pone effettivamente fine al suo carattere pubblico. “La vecchia costa è ora classificata come proprietà privata dello stato. La via è così aperta al suo uso esclusivo definendo zone di attività, per l’industria, alberghi e tempo libero. E’ anche definita una parte dei segmenti di costa vicini al mare definiti “investimenti strategici”. Gli affitti sono addirittura ridotti nel contesto dell’uso della costa a scapito delle entrate pubbliche”, ha riportato la stampa greca.

(…)  Nell paese senza frontiere, gli “investitori” stanno affluendo, così come i migranti. Nel solo mese di agosto, sono arrivati quasi 400 migranti al giorno, secondo una statistica riportata dalla stampa, quasi mille al giorno nella settimana più critica (radio 98.9 FM, 21 settembre), e la Turchia apre il rubinetto umano a suo piacimento, il FRONTEX, unica vera espressione dell’europeismo nel paese, incarna oggi il ruolo di receptionist dei migranti per farli stabilire in Grecia, mentre quasi 600.000 greci hanno lasciato la loro patria e nazione dal 2010, il tutto sotto l’incoraggiamento della classe politica e dei leader della Troika.

(…) Apprendiamo dalla stampa che il governo ha fatto stampare in tutta fretta più di 250.000 moduli di domanda di asilo (…).

Il mio amico Yorgos di Trikala osserva tutto ciò ogni giorno senza sapere come reagire: “Queste famiglie si sono finalmente sistemate da noi. Sono pochi al momento, beneficiano di 450 euro al mese per pagare l’affitto di abitazioni private, non pagano le tasse, né l’elettricità, né il riscaldamento, né l’acqua, e nemmeno il telefono. Inoltre, hanno denaro per le spese correnti sotto forma di carte bancarie prepagate, marchiate Soros e ONU. E nei nostri ospedali sono state date istruzioni affinché i migranti possano essere curati prima dei greci, senza fare la fila, perché si tratta di “persone vulnerabili”. Avrebbero potuto dare tutto questo aiuto ai nostri giovani in modo che non andassero in Germania o altrove e ancora. E ‘irrazionale”.

Konstantinos Grivas, un accademico che lavora su questioni geopolitiche e strategiche, non racconta niente di diverso: “I dati demografici sono implacabili. (…) Il Bangladesh ne è un buon esempio. È un paese che fornisce così tanti migranti alla Grecia. Questo paese asiatico è leggermente più grande della Grecia, si potrebbe dire che si tratta di una Grecia con un’altra Tessaglia in più, ma la sua popolazione supera i 160 milioni di abitanti. La Nigeria è un altro caso: entro il 2050, potrebbe avere una popolazione di oltre 400 milioni di abitanti. Questi due paesi da soli possono popolare l’Europa e far sparire il popolo greco dalla storia passata e soprattutto dai suoi territori storici, se gli venisse permesso di mandare ondate della loro popolazione verso l’Europa in modo incontrollabile, grazie alle “frontiere aperte”. Quindi la questione è essenzialmente quantitativa. Il razzismo non è affatto il problema, per quanto ampio possa essere. A meno che non consideriamo “razzismo”, la lotta per la sopravvivenza stessa della nazione greca e del suo popolo.”

(…) In effetti, se le cose sono ancora in evoluzione e non sarebbe esagerato dire che la Grecia come paese, come lo conosciamo oggi, non esisterà più nella seconda metà del XXI secolo, mentre dell’ellenismo non resteranno che poche tracce in tutto il mondo, che gradualmente scompariranno.

(…) Data la dinamica demografica dei migranti in arrivo e il declino demografico dei greci, nel momento in cui la popolazione vedrà i greci in minoranza [il cambiamento] diventerà irreversibile, e non è tutto. Inoltre, va tenuto presente che questo cambiamento demografico, tenendo conto dell’esperienza storica, diventerà inevitabile e porterà al fenomeno della libanizzazione o addirittura della Rwandizzazione del nostro paese. Vale a dire che prima o poi ci saranno reazioni, odi nazionalisti e rivalità: [esiste una] tragica probabilità che le ultime generazioni di greci si trovino di fronte a un violento conflitto tra nazionalismi concorrenti nelle città, anche nei quartieri e negli edifici.

“Quindi dobbiamo guardare a questo fenomeno in modo realistico e senza ossessioni e renderci conto delle potenziali conseguenze nel tempo per prendere le nostre decisioni. E le decisioni dovrebbero essere prese dal soggetto politico dominante. Cioè, il popolo greco e non le minoranze e i centri decisionali che operano dall’estero. Se almeno vogliamo mantenere una qualche forma di democrazia, questo è un minimo. E poiché questo testo sarà ancora accolto con i soliti anatemi, vorrei concludere con alcune domande alle quali i sostenitori “antirazzisti”, quelli che sostengono le “frontiere aperte”, dovrebbero finalmente essere in grado di rispondere. Queste domande sono: quanti migranti pensate che l’Europa in generale e la Grecia in particolare possano accogliere? Tre milioni? Cinque? Dieci? Cento? Un miliardo? Quanti? Possiamo generalmente fissare un limite al numero di persone che entrano nel nostro paese, dopo di che possiamo considerare la chiusura delle frontiere o le nostre frontiere dovrebbero rimanere aperte per l’eternità? Quanti migranti pensate che la Grecia possa accogliere senza rischiare di perdere la sua identità etnica? Quest’ultima questione è di vostro interesse, o è superata secondo la vostra concezione, quella del più ampio “mondo ideale” che dovrebbe lasciarsi alle spalle le nazioni e i popoli?”

“E a quanti migranti pensate che l’Europa possa offrire una “vita migliore” anche sacrificando la sua identità culturale? Esiste una soglia numerica per tale accoglienza in Europa, anche si trattasse di centinaia di milioni? Il popolo greco nel suo insieme ha il diritto, a suo parere, di decidere come gestire questo fenomeno della migrazione di massa oppure no, perché, secondo voi, la libera circolazione è un “diritto umano fondamentale” e non può essere soggetto alla maggioranza? Konstantos Grivas, settembre 2019.

(…)

E per cloroformizzare per sempre i giovani e i meno giovani, la propaganda dei media ci dice che “gli scolari di Atene si sono riuniti in piazza Syntagma per protestare per l’emergenza climatica”, aggiungerei, quelli della Scuola tedesca in testa. Così… tutto va bene e soprattutto nel… meritato lignaggio del costruttivismo sistemico alla Soros, e per la sua ultima creatura… Greta Thunberg, (stampa greca del 20 settembre).

Il vecchio cantante.  Piazza Synagma, settembre 2019

In Piazza Syntagma sempre sta il nostro vecchio cantante impoverito, che si sforza di mantenere un po’ della sua dignità, così come della nostra, attraverso la vivacità della nostra cultura musicale popolare.

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org A CURA DI FRANZ-CVM

Pubblicato da Franz-CVM

Parabancario, sindacalista di base, osservatore critico dei fenomeni socio-economici, con ambizioni di analisi sistemica. Traduttore della crisi greca per missione sociale perchè al tempo della "dittatura della narrazione" l'informazione è tutto. In cerca del tempo per diventare ciò che sono. @ferre_franz - https://cosivailmondo.wordpress.com

Lascia un commento