navigazione Tag

gas russo

GAS: La Russia ha interrotto le forniture alla Finlandia

La Russia ha interrotto le forniture di gas naturale alla Finlandia poichè il rivenditore statale di energia Gasum Oy non ha effettuato il pagamento in rubli richiesto, hanno dichiarato questa mattina, sabato 21 maggio, le autorità finlandesi. "Le importazioni di gas attraverso il punto di ingresso di Imatra sono state interrotte", si legge nel comunicato. Gazprom Export ha confermato il blocco totale delle forniture di gas alla Finlandia, attraevrso un messaggio pubblicato sul canale…

ENI: avviata l’apertura dei conti presso Gazprom Bank

Con un comunicato pubblicato sul suo sito martedì 17 maggio, ENI ha reso noto di aver avviato in via cautelativa la procedura per l’apertura dei conti presso Gazprom Bank, "in vista delle imminenti scadenze di pagamento previste per i prossimi giorni". L'azienda ci tiene a ribadire che l'apertura dei due conti correnti, uno in euro ed uno in rubli, è stata voluta da "Gazprom Export secondo una pretesa unilaterale di modifica dei contratti in essere, in coerenza con la nuova procedura per il…

Germania: Senza gas russo catastrofe industriale

L'interruzione delle forniture di gas russo avrebbe un effetto catastrofico sull'economia tedesca, secondo Siegfried Russwurm, presidente della Federazione delle industrie tedesche (BDI). "Le conseguenze dell'interruzione delle forniture di gas russo sarebbero catastrofiche", ha dichiarato l'industriale al tabloid Bild am Sonntag in un'intervista pubblicata ieri sera, sabato 15 maggio. Russwurm ha aggiunto che un tale passo priverebbe le imprese del Paese del carburante, costringendole a…

Gazprom sanziona la Polonia e chiude un tratto del gasdotto Yamal

Sergey Kupriyanov, rappresentante ufficiale di Gazprom, ha poco fa dichiarato attraverso il suo canale Telegram: In conformità al decreto presidenziale n. 252 del 3 maggio 2022 e al decreto governativo n. 851 dell'11 maggio 2022, sono state imposte sanzioni a una serie di società straniere. Tra questi c'è EuRoPol GAZ, che è la proprietaria della sezione polacca del gasdotto Yamal-Europa. È stato imposto un divieto di transazioni e pagamenti a favore di persone sanzionate, che per Gazprom…

GAS: 20 società europee hanno aperto conti in Gazprombank

Altri dieci acquirenti europei del gas russo hanno aperto conti con Gazprombank per poter effettuate il pagamento come richiesto da Putin a fine marzo, scrive Bloomberg citando una fonte anonima a conoscenza dei fatti. In precedenza già dieci società avevano fatto tale scelta e ora altrettante si sono unite a loro, per un totale di 20 società che hanno compreso che senza gas russo le cose sarebbero precipitate pericolosamente. "Un totale di venti società europee hanno aperto conti, mentre…

Considerazioni sul taglio del gas da parte dell’Ucraina

Il nostro sempre attento e pronto Massimo Cascone (il piè-veloce Max) vi ha anticipato la notizia, per cui a me non resta che sottoporvi considerazioni varie che troviamo da due diverse fonti che ritengo utile accorpare in un unico pezzo. Buona lettura, e cominciate a prepararvi... * - * - *  L'Ucraina taglia il gas all'Europa e l'inflazione raddoppia Larry Johnson – Sonar21.com – 10 maggio 2022 Avete letto bene. L'Ucraina ha annunciato oggi l'interruzione di un terzo del…

L’Ucraina interrompe il transito del gas verso l’Europa

Secondo quanto riferito oggi, mercoledì 11 maggio, dal portavoce di Gazprom Sergei Kupriyanov a Rossiya 24, l'Ucraina da questa mattina ha chiuso alcuni snodi dei gasdotti che collegano la Russia all'Europa, riducendo sensibilmente la quantità di gas consegnabile ai Paesi europei. La scelta di chiudere alcuni snodi era stata già annunciata nella giornata di ieri dall'operatore GTS dell'Ucraina, che ha giustificato la decisione con non ben specificate cause di forza maggiore. A causa di ciò,…

GAS: La Germania ha accettato lo schema di pagamento russo

Come riferisce in esclusiva Reuters, la società tedesca VNG ha accettato il metodo di pagamento del gas imposto da Mosca e ha aperto un conto presso Gazprombank. "Pagheremo l'importo della fattura, che sarà ancora denominato in euro, sui conti di Gazprombank secondo la procedura prevista, al fine di garantire da parte nostra il pagamento tempestivo al fornitore", ha detto la società con sede a Lipsia, considerata il terzo importatore di gas naturale e la settima azienda energetica in…

L’Europa ha aumentato le importazioni di gas russo

In questi primi giorni di maggio l'Europa ha aumentato notevolmente le importazioni di gas rispetto ad aprile, ha affermato Alexey Belogoriev, viceDirettore capo per l'energia presso l'Istituto di Energia e Finanza (IEF). "Dal 1° maggio, c'è stato effettivamente un aumento esplosivo delle forniture di gas russo via gasdotto all'UE, rispetto ai livelli molto bassi di aprile. Per esempio, le consegne alla Finlandia, secondo ENTSO-G, sono aumentate di 4,8 volte tra il 30 aprile e il 4 maggio. Le…

L’Italia non ha capito come pagare il gas russo

Dopo settimane di discussioni e approfondimenti sul nuovo pacchetto di sanzioni, con addirittura l'ipotesi di un embargo alle importazioni di petrolio e gas dalla Russia, a quanto pare i Paesi europei non hanno ancora capito se posso pagare il gas come chiesto da Putin oppure no. Nonostante infatti è passato più di un mese dal quando il Cremlino ha posto le nuove condizioni per il pagamento delle forniture di gas, che prevedono per gli "Stati ostili" l'apertura di un conto presso GazpromBank,…

L’Ungheria non sosterrà le sanzioni dell’UE contro il gas russo

Non dobbiamo imporre sanzioni che puniscono principalmente noi stessi e non coloro che vogliamo sanzionare, ha affermato Gergely Gulyas Ministro della Presidenza del Consiglio dei Ministri ungherese in un'intervista pubblicata ieri, domenica 1° maggio. L'Ungheria quindi non sosterrà le sanzioni che l'Unione Europea vuole imporre al settore energetico russo, poichè ciò andrebbe a pesare sulle spalle dei popoli, come quello ungherese, costretti a procurarsi le materie prime indispensabili alla…

La Finlandia si prepara a vivere senza gas russo

Secondo quanto riferito dal quotidiano Helsingin Sanomat, il governo finlandese e le aziende di tutto il paese si stanno preparando per la fine delle forniture di gas naturale russo, che potrebbe avvenire esattamente tra tre settimane, il 21 maggio. Come riferiscono le fonti al quotidiano, il gigante russo dell'energia Gazprom avrebbe infatti fissato la scadenza al 20 maggio, ultimo giorno utile per Helsinki per dare una risposta definitiva sulla possibilità di pagare il gas come richiesto da…

Gas, l’Austria accetta il metodo di pagamento deciso da Putin

Nonostante qualcuno abbia cercato di trasformare la notizia in propaganda, con i giornali russi che hanno parlato di pagamento in rubli e quelli occidentali di pagamento in euro/dollari, in questo caso la verità sta nel mezzo e per questo motivo c'è un po' di ragione in entrambe le parti. L'Austria pagherà il gas in euro? Si Il gas verrà venduto in rubli? Si Perchè in fondo è questa la mossa geniale che Putin sta attuando da quando, il 31 marzo, ha deciso che i paesi "ostili" dovevano…

Gazprom taglia le forniture a Polonia e Bulgaria

Come annunciato questa mattina sul suo canale Telegram, Gazprom ha interrotto le forniture di gas a Polonia e Bulgaria a causa del rifiuto dei due Paesi di pagare rispettando le nuove modalità decise da Putin il 31 marzo. Gazprom ha sospeso completamente le forniture di gas a Bulgargaz (Bulgaria) e PGNiG (Polonia) a causa del mancato pagamento in rubli. Alla fine della giornata lavorativa del 26 aprile, Gazprom Export non ha ricevuto i pagamenti per le forniture di gas di aprile da Bulgargaz…

L’Ungheria è pronta a pagare il gas russo in rubli

Ieri, mercoledì 6 aprile, il riconfermato Primo Ministro ungherese Viktor Orban ha annunciato durante una conferenza stampa che l'Ungheria è pronta a pagare in rubli il gas russo, rompendo così con i diktat europei che invece vanno verso la direzione di un braccio di ferro con la Russia. Già in precedenza il Ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto aveva affermato che le autorità dell'UE "non hanno alcun ruolo" da svolgere nel suo accordo di fornitura di gas con la Russia, che si basa…

L’Europa è condannata a dipendere dalle forniture di gas russo

Di Redazione Katehon, ideeazione.com La settimana scorsa, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il passaggio ai rubli per l’acquisto di gas naturale per i paesi ostili. Questo annuncio ha avuto un impatto immediato sul rublo, indebolendo il dollaro e l’euro. Gli Stati Uniti e i paesi dell’UE hanno mostrato una certa preoccupazione, poiché questo li costringerebbe ad aggirare le loro stesse sanzioni. Ci sono stati rapporti che gli americani avrebbero aiutato l’Europa a risolvere il…

La Germania in “preallarme” per le forniture di gas

Berlino ha dichiarato un "preallarme" a causa di una possibile interruzione nelle forniture di gas, a causa dello stallo nei pagamenti con la Russia. Come annunciato infatti, alla richiesta del presidente russo Putin di far pagare ai paesi "ostili" il gas in rubli dal 31 marzo, l'UE, che paga ovviamente principalmente in euro, ha respinto l'idea e adesso siamo in attesa di vedere le conseguenze di questa presa di posizione sulla nostra pelle. A farne le spese saranno prima di tutto le…

Eni annuncia l’impossibilità di pagare il gas in rubli

Durante il Global Energy Forum di Dubai che si tiene oggi, lunedì 28 marzo e domani, Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni e vice presidente di Confindustria Energia, ha affermato che la società italiana non può pagare in rubli il gas russo: L'unico grosso problema è il gas. Ci hanno chiesto di pagarlo in rubli. È diventato molto difficile comprarlo, pagarlo, perché non abbiamo rubli. E questo non è previsto dal contratto, che specifica i pagamenti in euro. Non puoi cambiarlo…

Aumento gas “ingiustificato”: ENI sta speculando sulla guerra

Sabato scorso il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani l'ha definita una "colossale truffa" a Sky Tg 24: "un aumento del prezzo dei carburanti ingiustificato, non esiste motivazione tecnica di questi rialzi. La crescita non è correlata alla realtà dei fatti, è una spirale speculativa su cui guadagnano in pochi, una colossale truffa a spese dei cittadini e delle imprese", parole riprese da pochi altri. Difatti, nonostante la vergognosa manfrina mediatica, nessun gasdotto tra…