GAS: La Germania è sull’orlo della “fase di allarme”

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

La Germania si sta preparando a entrare nella seconda fase del suo piano di emergenza per il gas naturale entro cinque-dieci giorni, ha riferito ieri, martedì 21 giugno, il Die Welt.

La cosiddetta “fase di allarme” scatta quando “si verifica un’interruzione della fornitura di gas o una domanda di gas eccezionalmente elevata che porta a un significativo deterioramento della situazione della fornitura di gas, ma il mercato è ancora in grado di far fronte a questa interruzione o alla domanda senza la necessità di adottare misure non basate sul mercato”, secondo il piano in tre fasi del Ministero dell’Economia tedesco.

L’Associazione Federale delle Industrie dell’Energia e dell’Acqua, interpellata da Die Welt, ha rifiutato di confermare o smentire l’entrata in vigore della prossima fase del piano di emergenza.

L’ente di regolamentazione del gas Bundesnetzagentur ha recentemente illustrato i dettagli di un sistema di gare di appalto che sarà avviato nelle prossime settimane, con l’obiettivo di ridurre il consumo di gas naturale da parte dei produttori. Il capo dell’agenzia ha espresso preoccupazione per la capacità delle attuali forniture di gas di superare l’inverno in Germania. Allo stesso tempo, l’amministratore delegato della più grande utility energetica tedesca, Markus Krebber, ha accennato a uno scenario apocalittico, poiché “attualmente non esiste un piano […] a livello europeo” per “ridistribuire il gas se fossimo completamente tagliati fuori”.

Se imposte, le misure consentiranno alle società di servizi di scaricare i costi del gas sui consumatori. Non è chiaro a quanto ammonterà l’aumento dei prezzi, ma una fonte suggerisce che una famiglia media di tre persone potrebbe subire un aumento fino a 2.000 euro.

La potenziale introduzione di nuove misure di emergenza arriva dopo che la scorsa settimana Gazprom ha deciso di tagliare del 60% le forniture di gas naturale alla Germania. Mentre Berlino ha definito “politica” la decisione dell’azienda russa, Mosca ha spiegato che: “non c’è semplicemente nulla da pompare”, sottolineando che Gazprom non era in grado di mantenere in sicurezza il flusso di gas senza una turbina che era stata inviata da Siemens Energy in Canada per essere riparata e non era tornata.

“Questa è una crisi creata dall’uomo e dall’UE”, ha dichiarato lunedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Abbiamo il gas, è pronto per essere consegnato, ma gli europei devono restituire l’hardware. E riparare l’hardware in linea con i loro impegni”.

Se dovesse scattare la fase finale del piano di emergenza per il gas della Germania, lo Stato sarà incaricato di razionare il gas. Ciò accadrebbe se si verificasse “una domanda di gas eccezionalmente elevata, un’interruzione significativa delle forniture di gas o un’altra situazione di fornitura significativa e fossero state attuate tutte le misure pertinenti basate sul mercato, ma la fornitura di gas è insufficiente a soddisfare la domanda rimanente di gas, così che è necessario adottare ulteriori misure non basate sul mercato, in particolare per garantire la fornitura di gas ai clienti protetti”, ha stabilito il Ministero dell’Economia.


Massimo A. Cascone, 22.06.2022

Fonte: https://www.welt.de/wirtschaft/plus239493567/Gaspreis-Robert-Habeck-bereitet-Alarmstufe-des-Notfallplans-Gas-vor.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix