Categoria

Filosofia politica

Le due facce del potere: il regno e il governo – anarchia e politica

Di seguito, altre due nuove "puntate" della serie "Le due facce del Potere" del filosofo Giorgio Agamben (QUI la prima parte) Buona lettura. Di Giorgio Agamben Le due facce del potere 3: il regno e il governo «Le roi règne, mais il ne gouverne pas», «il re regna, ma non governa». Che questa formula, che è al centro del dibattito fra Peterson e Schmitt sulla teologia politica e che nella sua formulazione latina (rex regnat, sed non gubernat) risale alle polemiche secentesche contro il…

Le due facce del potere

Di Giorgio Agamben Ogni indagine sulla politica è viziata da un’ambiguità terminologica preliminare, che condanna al malinteso coloro che la intraprendono. Sia il passo del terzo libro della Politica in cui Aristotele, al momento di «investigare le politeiai, per stabilirne il numero e le qualità», afferma perentoriamente: «poiché politeia e politeuma significano la stessa cosa e il politeuma è il potere supremo delle città (to kyrion ton poleon ), è necessario che il potere supremo sia l’uno…

Il declino delle democrazie occidentali

Nestor Halak per Comedonchisciotte.org Nel mio ultimo articolo discutevo del livello incredibilmente basso dei rappresentanti politici occidentali e di come continuino ad essere eletti e scelti nonostante perseguano interessi diversi da quelli degli elettori stessi, o almeno della stragrande maggioranza di essi. Un lettore ha commentato ponendo la seguente domanda: “perché (dunque) la gente ammira ed elegge proprio quelli che gli stanno facendo del male? Non si era detto che ogni soggetto…

Alain de Benoist: “Perché non essendo di sinistra, non mi riconosco più nella destra” 

Al di là delle etichette ormai consunte "destra" e "sinistra" proponiamo questa intervista al filosofo Alain de Benoist perchè utile e importante, soprattutto dal punto storico e filosofico, e conseguentemente anche economico e politico, sia per decifrare gli equilibri in campo nella nostra contemporaneità, sia per quanto riguarda l'attualità e lo spirito con cui affrontarla. Buona lettura. -- Da grece-it.com «Preferisco un’analisi corretta di Alain de Benoist a un’analisi scorretta…

La ratio biopolitica: una introduzione teoretica

Di Matteo Parigi, pubblicato su Ideeazione Max Weber ha dimostrato che il capitalismo non è solamente una forma di struttura economica, ma un peculiare tipo di razionalità individuale e sociale. In altre parole, non esiste il capitalismo perché vi sono individui avidi che pensano soltanto al guadagno personale, o nella misura in cui un sistema sociale presuppone una competizione tra i suoi attori, per diventare più ricchi rispetto agli altri. Questi tipi esistono da quando il mondo è mondo.…

Guidare la storia

di Nestor halak per comedonchisciotte org Il fenomeno ha cominciato a manifestarsi oramai da molti anni: le classi dirigenti dell’occidente sembrano sempre meno capaci di guidare i loro popoli e sempre più perseguire obbiettivi contraddittori, tanto che comincia ad essere molto difficile riunire tutte le varie iniziative entro un disegno complessivo comprensibile e razionale. Gli esempi di questa tendenza all’irrazionalità sono innumerevoli, ma alcuni sono assolutamente macroscopici. In…

La mela più grande è la più rubata

Di Alberto Conti per ComeDonChisciotte.org Ebbene sì, parliamo del grande totem, la “proprietà privata”, infrangendo un grande tabù. Che la proprietà fosse un furto già lo scrisse Proudhon nel 1840, riferendosi ai grandi proprietari terrieri ed ai capitalisti di allora. Se potessimo obiettivamente misurare la concentrazione delle ricchezze in Europa e nel mondo negli ultimi 2 o 3 secoli (indice di Gini), quale trend osserveremmo visti gli sconvolgimenti economici prodotti…

L’anti-utopia di Klaus Schwab

Di Leonid Savin, orientalreview.org Le idee proposte dal presidente del World Economic Forum, Klaus Schwab, nel suo libro “La quarta rivoluzione industriale” (4IR) sono già state molto criticate per diversi motivi. Eppure, per alcune persone che non si identificano come sostenitori della globalizzazione, sembrano piuttosto attraenti. Dopo tutto, Schwab sostiene che l'innovazione digitale cambierà in meglio la vita, il lavoro e il tempo libero delle persone. Tecnologie come l'intelligenza…

Come un classico francese ha previsto gli “interventi umanitari” del XXI secolo

Bas Spliet – The Libertarian Insitute - 6 settembre 2022 Duecento anni fa, Benjamin Constant aveva previsto l'ascesa dell'intervento umanitario come il principale pretesto moderno per la guerra. Nell'era del commercio e della democrazia, lo Stato doveva inventare "menzogne scandalose" per sovvertire il pacifico ordine internazionale basato sul libero scambio, sosteneva. Nel 1814, mentre Napoleone Bonaparte veniva spedito all'Elba dopo che la battaglia di Lipsia aveva…

La fine del progetto di Fukuyama

Di Patrick Deneen, postliberalorder.substack.com Di recente ho partecipato a una conferenza con Francis Fukuyama alla Michigan State University. La conferenza, sponsorizzata dal Forum LeFrak su Scienza, Ragione e Democrazia Moderna, è stata dedicata al “Liberalismo e ai suoi problemi”, il titolo dell’ultimo libro di Fukuyama. Questo panel ha discusso il netto contrasto tra un punto di vista che cerca di giustificare il liberalismo e un punto di vista che spera di seppellirlo. È giusto dire che …

SULL’AGGRESSORE

di Flores Tovo per ComeDonChisciotte.org Dopo lo scioglimento dell’URSS a fine 1991, quando all’Occidente venne a mancare il nemico contendente, sembrava che il sogno irenico vagheggiato dal massimo dei filosofi illuministi, Immanuel Kant, nel suo libro “La pace perpetua”, fosse diventato realtà. Secondo il filosofo, con la costituzione di uno stato cosmopolita, di forma politico-giuridica federale e repubblicana, si sarebbe posto fine a tutte le guerre. Esso, fungendo da finalità ideale…

Procrastinazione geopolitica

di Leonid Savin geopolitika.ru La formula di Carl von Clausewitz, secondo cui la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi, è rafforzata nel XXI secolo dalla geoeconomia, dove le catene di approvvigionamento, le tecnologie promettenti e il controllo dei beni finanziari e di altro tipo obbligano a prendere decisioni in tempi rapidi e a considerare gli effetti a cascata che possono verificarsi in una situazione complessa. L'operazione speciale in Ucraina è una buona prova di…

Il Manifesto del Grande Risveglio contro il Grande Reset

Pubblichiamo l'elaborazione del filosofo russo Aleksandr Dugin uscita nel marzo dello scorso anno, ma oggi ancora più attuale visti gli sviluppi degli eventi in corso su scala internazionale. Il documento è stato tradotto e pubblicato di recente da Nexusedizioni.it, ve lo riproponiamo di seguito nella sua interezza. Buona lettura. Il Manifesto del Grande Risveglio contro il Grande Reset Di Aleksandr Dugin, katehon.com Parte 1. Great Reset I 5 punti del principe Carlo Nel…

Definire il fascismo: Georgi Dimitrov contro Umberto Eco

James Tweedie thesaker.is Cos'è il fascismo? Con l'"operazione di de-nazificazione" russa in Ucraina ormai nella sua quarta settimana, e "Black Lives Matter" sostituito con "I Stand With Ukraine" come sfoggio di virtù del giorno, ora sembra un buon momento per definire questo termine. Anche se sono un grande fan del giornalista iraniano Ramin Mazaheri, devo dissentire dalla tesi del suo ultimo articolo su The Vineyard of the Saker. Mazaheri afferma che la Russia interpreta erroneamente il…

La grande partnership eurasiatica fa rivivere la vecchia tradizione hamiltoniana dell’America

Matthew Ehret strategic-culture.org Nel mio ultimo articolo ho sostenuto che, negli ultimi ann,i è emersa un'espressione specificamente eurasiatica del Destino Manifesto, che ha molte caratteristiche in comune con l'originale Destino Manifesto, spesso associato all'America del XIX secolo, ma con una grossa discordanza. A differenza della precedente variante statunitense, l'attuale versione eurasiatica non viene usata come un grosso bastone per costringere piccole nazioni e gruppi minoritari…

Comunitarismo: stiamo crescendo la rivoluzione

Si riceve e si pubblica questo testo che vuole essere una bozza di manifesto per un Comunitarismo del XXI secolo. L'autore è Corvo, già di recente ospite di queste pagine con la sua Eliopoli. A proposito della storia dei diversi comunitarismi che hanno caratterizzato la vicenda umana, la trattazione per forza di cose non è esaustiva: ci sarà occasione di approfondire questo punto. L'unica integrazione che si pone come doverosa è la citazione del compianto Costanzo Preve, promotore di una…

Aleksandr Dugin: “Il Grande Reset è fallito. È l’ora del Grande Risveglio”

Di Jacopo Brogi e Alessandro Fanetti, ComeDonChisciotte.org MOSCA - Da anni e anni, di media in media, l’hanno etichettato come “Il più pericoloso filosofo del mondo”; “Il Rasputin di Putin: la mente pericolosa” (1). “Ultranazionalista e ultraconservatore, un guru per gli attivisti di estrema destra”, le cui idee sarebbero “rabbiosamente anti-occidentali, anti-liberali, totalitarie e socialmente arretrate” (2). E arriviamo al 2020, in piena era Covid: “Mentre le democrazie mondiali…

IL PRIMO PROGETTO EURASIATICO COME MANIFESTO DEL PLATONISMO RUSSO

Di Alexander Buvdanov, Geopolitica.ru L'anno scorso, il 2020 ha segnato esattamente cento anni dalla pubblicazione a Sofia dell'opera fondamentale di Nikolai Trubetskoy: “Europa e umanità”. Da quel momento in poi, possiamo parlare dell'emergere di una filosofia politica russa fondamentalmente nuova: l'Eurasiatismo. L'Eurasiatismo è interessante perché può essere definito la corona del pensiero politico conservatore russo, quella versione che si opponeva al massimo alla Modernità, che a…

La morte dell’Europa

Di  Rahim Volkov, Geopolitica.ru La morte dell'Europa non è solo una metafora, ma è la cruda realtà: l'Europa ha scelto questa strada cento anni fa e ora è l'inizio della fine. Gli europei devono rendersi conto di questo fatto amaro e temere per la loro identità decadente. All'inizio del XX secolo, il famoso storico Oswald Spengler se ne rese conto quando disse: “State morendo. Vedo in voi tutto il caratteristico stigma della decadenza. Posso provarvi che la vostra grande ricchezza e la…

COSA SIGNIFICA DEMOCRAZIA

di UDN, comedonchisciotte.org La nostra Costituzione ci offre una grande lezione. L’Italia era appena uscita dalla guerra e al suo interno, ferite e lacerate, coesistevano diverse anime: quella cattolica, quella comunista, quella socialista, quella liberale… Il testimone politico, la carta costituzionale, che esce dal lungo e talvolta faticoso dialogo tra queste diverse forze, appare come una grande sfida di compromesso. Ad esempio la proprietà privata è tutelata (secondo l’orientamento…