Come un classico francese ha previsto gli “interventi umanitari” del XXI secolo

 

Bas Spliet – The Libertarian Insitute – 6 settembre 2022

 

Duecento anni fa, Benjamin Constant aveva previsto l’ascesa dell’intervento umanitario come il principale pretesto moderno per la guerra. Nell’era del commercio e della democrazia, lo Stato doveva inventare “menzogne scandalose” per sovvertire il pacifico ordine internazionale basato sul libero scambio, sosteneva.

Nel 1814, mentre Napoleone Bonaparte veniva spedito all’Elba dopo che la battaglia di Lipsia aveva posto fine (temporaneamente) al breve impero del generale, il liberale classico francese Benjamin Constant pubblicò un breve libro intitolato “De l’esprit de conquête” (“Sullo spirito di conquista”). In precedenza Constant aveva sostenuto Napoleone, ma questa devastante critica dell’avventurismo straniero dimostrava la sua disillusione nei confronti delle guerre che avevano devastato l’Europa fin dalla Rivoluzione francese.

Inoltre, Constant fece una serie di osservazioni preveggenti sulla politica estera che sono valide oggi come all’epoca dell’eclissi di Napoleone.

Nel 1776, Adam Smith aveva già messo in luce l’associazione tra mercantilismo e guerra ne “La ricchezza delle nazioni”. Al contrario, Constant, anticipando gli insegnamenti di metà Ottocento dell’attivista britannico per il libero scambio Richard Cobden, dimostrò che il libero scambio e la pace sono due facce della stessa medaglia. Egli sosteneva che la guerra era diventata superflua nell’era moderna perché il commercio volontario era arrivato a dominare le relazioni internazionali a scapito degli affari interstatali coercitivi:

“Siamo arrivati all’età del commercio, che sostituisce necessariamente l’età della guerra, così come l’età della guerra doveva necessariamente precedere l’età del commercio. La guerra e il commercio non sono altro che due mezzi diversi per raggiungere lo stesso obiettivo: possedere ciò che si vuole possedere… La guerra è quindi anteriore al commercio. L’uno è l’impulso selvaggio, l’altro il calcolo civilizzato… Un governo che spinga alla guerra e alle conquiste un popolo europeo commette quindi un grossolano e terribile anacronismo. Si sforza di dare a quella nazione un impulso contrario alla natura.”

Come direbbe un economista, ci sono fondamentalmente due modi in cui possiamo cercare di soddisfare il nostro desiderio di beni e servizi: attraverso il mercato o attraverso la rapina e la schiavitù – o, su scala internazionale, attraverso lo scambio pacifico o la conquista violenta. Secondo Constant, la scoperta del commercio internazionale, sostenuta dagli scritti dei liberali classici, aveva rivelato la superiorità dei primi mezzi.

Tuttavia, le guerre rivoluzionarie francesi e napoleoniche servirono a ricordare dolorosamente che la guerra non era ancora scomparsa dalla faccia della terra. Contrariamente a intellettuali successivi come John Stuart Mill, John Hobson e Vladimir Lenin, comunque, Constant non puntava il dito contro il capitalismo come colpevole. Anzi, il contrario. La colpa del continuo scoppio della guerra è da attribuire allo Stato.

Al giorno d’oggi“, ribadiva, “la guerra non procura alcun vantaggio al popolo e può solo essere fonte di privazioni e sofferenze per esso“. Ciò significa che il governo non può essere sincero nel giustificare l’impegno militare estero al pubblico. Eppure, nell’era della graduale espansione democratica, la popolazione doveva in qualche modo essere coinvolta. L’unica soluzione, quindi, era che il governo inventasse ogni sorta di “bugie scandalose”.

Da tempo immemorabile, tali pretesti di guerra includevano il prestigio, l’onore nazionale e gli interessi commerciali. Quest’ultimo pretesto era già stato sfatato da Smith e da altri economisti politici. D’altra parte, nel XIX secolo il prestigio e l’onore non sembravano essere al passo con i tempi. La Rivoluzione francese, poi, aveva dato vita a un nuovo pretesto per la guerra, quello di liberare i popoli stranieri “dal giogo di governi che riteniamo illegittimi e tirannici”.

Questa affermazione si rivelò profetica. Nel 1859, mentre la politica cobdenista di non intervento stava raggiungendo il suo massimo successo in Gran Bretagna, John Stuart Mill pubblicò un saggio intitolato “A Few Words on Non-Intervention”. In esso, commentava a malincuore che la dottrina di politica estera dichiarata dalla Gran Bretagna era “lasciare in pace le altre nazioni”. Egli, d’altra parte, sosteneva l’opportunità morale di intervenire negli affari di un’altra nazione, a condizione che l’intenzione fosse quella di aiutare le persone che credono nella libertà a resistere all’oppressione straniera.

In modo piuttosto ironico, Mill chiamò questa dottrina “intervento per imporre il non intervento”. Prima di quanto potesse immaginare, questa dottrina incoerente divenne la base essenziale della politica estera occidentale. Se vogliamo intervenire in un determinato Paese per qualsiasi motivo, sosteniamo di combattere per la libertà. Si pensi alle guerre contro i Boeri, alla guerra ispano-americana, alla prima guerra mondiale, alla seconda guerra mondiale, alla Corea, al Vietnam, all’Iraq, ai Balcani, all’Afghanistan, di nuovo all’Iraq, alla Libia, alla Siria, ecc. Spesso l’intenzione dichiarata è quella di sbarazzarsi di dittatori oppressivi, anche se poi giriamo la testa di fronte ad altri tiranni più collaborativi. All’inizio della sua amministrazione, ad esempio, Joe Biden dichiarò una battaglia globale della democrazia contro l’autoritarismo, nell’apparente tentativo di giustificare la nuova guerra fredda degli Stati Uniti contro Russia e Cina. L’alleanza americana con regimi oppressivi come l’Arabia Saudita e l’Egitto, invece, continua a essere nascosta sotto il tappeto.

Il saggio di Constant non si limitava a prevedere l’era della guerra umanitaria, ma metteva anche in guardia dal contraccolpo autoritario che la guerra avrebbe potuto avere sul fronte interno. Le “scandalose bugie” che servono da pretesto per la guerra non sono prive di conseguenze. Il mercato, almeno a lungo termine, promuove l’onestà a scapito della disonestà. D’altra parte, se secondo Constant la menzogna era una necessità per giustificare un intervento all’estero, egli sosteneva che in una nazione in guerra si verifica la tendenza opposta. In questo caso, il potere dei militari si rafforza, facendoli diventare sempre più sprezzanti e intolleranti nei confronti delle libertà della vita civile. “L’unanimità sembra essere necessaria all’opinione pubblica quanto l’uniforme delle truppe“, concludeva eloquentemente Constant. Per contro, “l’opposizione è disordine, e la ragione una rivolta“.

Anche in questo caso, Constant prevedeva il futuro. L’interconnessione tra guerra all’estero e autoritarismo interno non era ovviamente nuova. Infatti, la dittatura di Napoleone è stata un vivido esempio contemporaneo. Guardando agli Stati Uniti del XX secolo, Robert Higgs ha mostrato in “Crisis and Leviathan” che i periodi di crisi, spesso definiti dalla guerra, precipitano in allargamenti permanenti del governo. E, come ci dicono una moltitudine di esempi storici, in tempo di guerra il “Grande Governo” mette a tacere e perseguita il dissenso ed impone il conformismo.

Come le dimensioni del governo stesso, inoltre, è improbabile che, dopo la fine del conflitto, lo Stato ritratti i suoi riflessi autoritari in tempo di guerra. In effetti, ci si chiede se le politiche di blocco degli ultimi anni sarebbero state tollerate dal pubblico senza le pratiche di censura digitale sviluppate durante l’epoca della guerra globale al terrorismo e perfezionate dopo il 2016, nel bel mezzo di timori isterici per la presunta guerra informatica russa contro l’Occidente.

Nei due secoli trascorsi dagli avvertimenti di Constant, abbiamo visto lo Stato crescere fino a diventare l’enorme mostruosità che è oggi per tutte le ragioni che egli spiegava.

 

 

 Bas Spliet è uno storico e dottorando presso l’Università di Anversa in Belgio. Scrive di vari argomenti da un punto di vista storico.

 

 

Link: https://libertarianinstitute.org/articles/how-a-classical-frenchman-predicted-the-21st-centurys-humanitarian-interventions/

 

Scelto e tradotto (IMC) da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix