Home / ComeDonChisciotte (pagina 499)

ComeDonChisciotte

Categoria generica

KURSK

DI ANNA ZAFESOVA Centodiciotto ragazzi sono morti là sotto, centodiciotto famiglie aspettano una verità che non verrà mai e che potrebbe essere stata l’ultimo atto di una guerra più gelida che fredda. Un frammento di questa verità è forse nascosto dentro una piccola notizia, dieci righe appena, comparsa il 22 agosto 2000 sul sito web della Pravda. Una notizia che non è mai stata stampata sulla versione in carta del giornale e che nel mondo virtuale del web ha vissuto …

Leggi tutto »

INNOCENTI SILENZIOSI

“Leslie Stahl domanda:”Siamo venuti a conoscenza che mezzo milione di bambini sono morti a causa delle sanzioni contro l’Iraq, piú di quanti ne morirono a Hiroshima: il prezzo é giusto? Madeleine Albright risponde: “Credo che sia una scelta molto difficile, ma noi pensiamo che il prezzo sia giusto.” – Intervista di sessanta minuti alla CBS di Leslie Stahl al Segretario di Stato americano Madeleine Albright del 12 maggio 1996.” A distanza di quasi dieci anni le parole dovrebbero rimbalzare nel …

Leggi tutto »

GIOCATTOLI INCREDIBILI

Nel Guangdong si producono tre quarti dei giocattoli di tutto il mondo. Salario: tra 40 e 70 euro al mese DI BEPPE GRILLO Chi sono davvero Gli incredibili di questi giorni? Ciampi, il presidente buono che ripudia la guerra ma anche l’embargo delle armi italiane alla dittatura cinese? O Fini, il primo fascista che si batte per vendere armi al più grande stato comunista? Forse però i più incredibili di tutti sono proprio i manager della Disney. Per forza che …

Leggi tutto »

GIOCATTOLI INCREDIBILI

Nel Guangdong si producono tre quarti dei giocattoli di tutto il mondo. Salario: tra 40 e 70 euro al mese DI BEPPE GRILLO Chi sono davvero Gli incredibili di questi giorni? Ciampi, il presidente buono che ripudia la guerra ma anche l’embargo delle armi italiane alla dittatura cinese? O Fini, il primo fascista che si batte per vendere armi al più grande stato comunista? Forse però i più incredibili di tutti sono proprio i manager della Disney. Per forza che …

Leggi tutto »

IL VERTICE DI BUENOS AIRES DICE ADDIO ALLA TERRA

Dopo due settimane di dibattiti accesi, venerdì scorso, si è conclusa la decima conferenza internazionale sul cambiamento climatico a Buenos Aires. Il commento di Giorgio Nebbia DI GIORGIO NEBBIA Hanno fatto le valige e prenotato il volo per passare il Natale a casa le centinaia di ministri, viceministri, delegati, consulenti, funzionari e lobbysti che, una volta all’anno, si incontrano qua e là per il mondo per dare ad intendere che vogliono salvare il pianeta dalle catastrofi dei mutamenti climatici dovuti …

Leggi tutto »

IL VERTICE DI BUENOS AIRES DICE ADDIO ALLA TERRA

Dopo due settimane di dibattiti accesi, venerdì scorso, si è conclusa la decima conferenza internazionale sul cambiamento climatico a Buenos Aires. Il commento di Giorgio Nebbia DI GIORGIO NEBBIA Hanno fatto le valige e prenotato il volo per passare il Natale a casa le centinaia di ministri, viceministri, delegati, consulenti, funzionari e lobbysti che, una volta all’anno, si incontrano qua e là per il mondo per dare ad intendere che vogliono salvare il pianeta dalle catastrofi dei mutamenti climatici dovuti …

Leggi tutto »

LA FINE DI UN PREMIO PULITZER

DA DEMOCRACY NOW Gary Webb, giornalista investigativo vincitore del premio Pulitzer che scrisse una serie di articoli sul legame tra CIA e il traffico di cocaina a Los angeles, è morto all’eta’ di 49 anni. Noi abbiamo un’ intervista del 1998 con Webb su Democracy Now! E parliamo con il suo collega, veterano giornalista investigativo Robert Parry. Webb e’ stato trovato venerdi 10 dicembre 2004 nella sua casa di Sacramento, morto di apparente suicidio. Alcuni operai di una agenzia di …

Leggi tutto »

LA FINE DI UN PREMIO PULITZER

DA DEMOCRACY NOW Gary Webb, giornalista investigativo vincitore del premio Pulitzer che scrisse una serie di articoli sul legame tra CIA e il traffico di cocaina a Los angeles, è morto all’eta’ di 49 anni. Noi abbiamo un’ intervista del 1998 con Webb su Democracy Now! E parliamo con il suo collega, veterano giornalista investigativo Robert Parry. Webb e’ stato trovato venerdi 10 dicembre 2004 nella sua casa di Sacramento, morto di apparente suicidio. Alcuni operai di una agenzia di …

Leggi tutto »

UCRAINA E IRAQ, I DUE VOLTI DI BUSH

DI MASSIMO FINI Nei giorni in cui si svolgeva in Ucraina il confronto elettorale fra il filorusso Yanukovic e il filoccidentale Yushenko il presidente americano Bush ammonì Putin contro «ingerenze esterne in Ucraina» dichiarando che «in ogni Paese le elezioni devono rispecchiare la volontà del popolo e non di qualche Stato straniero». Una bella improntitudine se si pensa che il presidente Usa pretende di far svolgere elezioni in Iraq dove stazionano circa 160mila soldati americani che come «ingerenza esterna» mi …

Leggi tutto »

UCRAINA E IRAQ, I DUE VOLTI DI BUSH

DI MASSIMO FINI Nei giorni in cui si svolgeva in Ucraina il confronto elettorale fra il filorusso Yanukovic e il filoccidentale Yushenko il presidente americano Bush ammonì Putin contro «ingerenze esterne in Ucraina» dichiarando che «in ogni Paese le elezioni devono rispecchiare la volontà del popolo e non di qualche Stato straniero». Una bella improntitudine se si pensa che il presidente Usa pretende di far svolgere elezioni in Iraq dove stazionano circa 160mila soldati americani che come «ingerenza esterna» mi …

Leggi tutto »

5000 DISERZIONI E IL CONTO CONTINUA

E’ ancora una volta Déja Vu DI DAVE LINDORFF John Fogerty ha ragione. “E’ ancora una volta déjà vu,” fatta eccezione per una differenza. In Vietnam, nel periodo che era seguito al Tet, quando era diventato chiaro ai soldati impegnati nella battaglia che la guerra era una causa persa e che stavano solamente mettendo a repentaglio le proprie vite e l’integrità dei propri corpi per fornire copertura a Richard Nixon e ad altri politici a Washington, l’ammutinamento, la diserzione e …

Leggi tutto »

5000 DISERZIONI E IL CONTO CONTINUA

E’ ancora una volta Déja Vu DI DAVE LINDORFF John Fogerty ha ragione. “E’ ancora una volta déjà vu,” fatta eccezione per una differenza. In Vietnam, nel periodo che era seguito al Tet, quando era diventato chiaro ai soldati impegnati nella battaglia che la guerra era una causa persa e che stavano solamente mettendo a repentaglio le proprie vite e l’integrità dei propri corpi per fornire copertura a Richard Nixon e ad altri politici a Washington, l’ammutinamento, la diserzione e …

Leggi tutto »

FIAMMA NIRENSTEIN, ANTISEMITA PRETERINTENZIONALE

DI MAURIZIO BLONDET Ha fatto il giro del mondo la foto del palestinese che ha dovuto suonare il violino al posto di blocco israeliano. Bene: ora sappiamo che chi ha diffuso questa foto, o l’ha anche solo guardata, è un antisemita. I giornali (antisemiti) non hanno detto tutto: “il palestinese ha suonato di sua spontanea volontà”. Dobbiamo la rivelazione a Fiamma Nirenstein, corrispondente da Israele per La Stampa. L’ha fatto al convegno “Antisemitismo – minaccia per la democrazia” organizzato a …

Leggi tutto »

FIAMMA NIRENSTEIN, ANTISEMITA PRETERINTENZIONALE

DI MAURIZIO BLONDET Ha fatto il giro del mondo la foto del palestinese che ha dovuto suonare il violino al posto di blocco israeliano. Bene: ora sappiamo che chi ha diffuso questa foto, o l’ha anche solo guardata, è un antisemita. I giornali (antisemiti) non hanno detto tutto: “il palestinese ha suonato di sua spontanea volontà”. Dobbiamo la rivelazione a Fiamma Nirenstein, corrispondente da Israele per La Stampa. L’ha fatto al convegno “Antisemitismo – minaccia per la democrazia” organizzato a …

Leggi tutto »

I NUOVI PINOCHET E GLI AEREI FANTASMA

“Estradizioni speciali” organizzate dal governo Usa e dalla Cia per far scomparire prigionieri accusati di legami con Al Qa’ida. Il ruolo dell’Italia DI SERGIO FINARDI L’8 Ottobre del 2002 un jet privato proveniente da Washington fa scalo a Roma, nella sua rotta verso Amman, Giordania. All’interno, vi sono un prigioniero, Maher Arar, cittadino canadese di origine siriana, e una squadra “speciale” statunitense addetta al “prelievo” e deportazione di presunti terroristi in Paesi ove – lontano da occhi indiscreti – i …

Leggi tutto »

I NUOVI PINOCHET E GLI AEREI FANTASMA

“Estradizioni speciali” organizzate dal governo Usa e dalla Cia per far scomparire prigionieri accusati di legami con Al Qa’ida. Il ruolo dell’Italia DI SERGIO FINARDI L’8 Ottobre del 2002 un jet privato proveniente da Washington fa scalo a Roma, nella sua rotta verso Amman, Giordania. All’interno, vi sono un prigioniero, Maher Arar, cittadino canadese di origine siriana, e una squadra “speciale” statunitense addetta al “prelievo” e deportazione di presunti terroristi in Paesi ove – lontano da occhi indiscreti – i …

Leggi tutto »

LA TV AL SERVIZIO DEL VUOTO

DI MASSIMO FINI Sono stato un paio di sere fa a un cocktail alla Terrazza Martini di Milano dove si celebravano i cinquant’anni della Televisione Italiana, con la partecipazione di Aldo Grasso, Enrico Mentana, Claudio G. Fava e quelli della Gialappa’s. A parte Fava, straordinario critico di cinema, oggi settantacinquenne, in possesso di un bagaglio culturale che non è più di questo mondo, dal dibattito non è uscito granché, anche perché i discorsi di Grasso e Mentana venivano continuamente interrotti …

Leggi tutto »

LA TV AL SERVIZIO DEL VUOTO

DI MASSIMO FINI Sono stato un paio di sere fa a un cocktail alla Terrazza Martini di Milano dove si celebravano i cinquant’anni della Televisione Italiana, con la partecipazione di Aldo Grasso, Enrico Mentana, Claudio G. Fava e quelli della Gialappa’s. A parte Fava, straordinario critico di cinema, oggi settantacinquenne, in possesso di un bagaglio culturale che non è più di questo mondo, dal dibattito non è uscito granché, anche perché i discorsi di Grasso e Mentana venivano continuamente interrotti …

Leggi tutto »

QUANTO SONO SILENZIOSI GLI INVASORI ''UMANITARI'' DEL KOSOVO ?

DI JOHN PILGER Zittito dalla dimostrazione della catastrofe anglo-americana in Iraq, il partito della guerra “umanitaria” dovrebbe essere chiamato a render conto della sua, in gran parte dimenticata, crociata nel Kosovo, il modello del “progresso della liberazione”, secondo Tony Blair. Proprio come l’Iraq vien fatto a pezzi dalle forze dell’impero, così è stato per la Jugoslavia, lo stato multietnico che, nel corso della guerra Fredda, rifiutò entrambi gli schieramenti.   Per preparare l’opinione pubblica ad una attacco illegale, non provocato, …

Leggi tutto »

QUANTO SONO SILENZIOSI GLI INVASORI ''UMANITARI'' DEL KOSOVO ?

DI JOHN PILGER Zittito dalla dimostrazione della catastrofe anglo-americana in Iraq, il partito della guerra “umanitaria” dovrebbe essere chiamato a render conto della sua, in gran parte dimenticata, crociata nel Kosovo, il modello del “progresso della liberazione”, secondo Tony Blair. Proprio come l’Iraq vien fatto a pezzi dalle forze dell’impero, così è stato per la Jugoslavia, lo stato multietnico che, nel corso della guerra Fredda, rifiutò entrambi gli schieramenti.   Per preparare l’opinione pubblica ad una attacco illegale, non provocato, …

Leggi tutto »

LA GUERRA DI ISRAELE CONTRO I BAMBINI

Nel corso dell’attuale intifada  323 bambini palestinesi di età inferiore ai 14 anni sono stati uccisi dal fuoco delle forze di difesa israeliane (IDF). Ecco tre recenti episodi verificatisi a Nablus… DI GIDEON LEVY   Perchè sprecare munizioni? Qualche giorno fa un soldato appartenente alle Forze di Difesa Israeliane ha aperto il fuoco su due ragazzi nella casbah di Nablus. Un unico proiettile che ha trapassato il corpo prima di uno e poi dell’altro figliolo, uccidendoli entrambi. Due quindicenni trovati …

Leggi tutto »

LA GUERRA DI ISRAELE CONTRO I BAMBINI

Nel corso dell’attuale intifada  323 bambini palestinesi di età inferiore ai 14 anni sono stati uccisi dal fuoco delle forze di difesa israeliane (IDF). Ecco tre recenti episodi verificatisi a Nablus… DI GIDEON LEVY   Perchè sprecare munizioni? Qualche giorno fa un soldato appartenente alle Forze di Difesa Israeliane ha aperto il fuoco su due ragazzi nella casbah di Nablus. Un unico proiettile che ha trapassato il corpo prima di uno e poi dell’altro figliolo, uccidendoli entrambi. Due quindicenni trovati …

Leggi tutto »

DOPO LA CONDANNA DI DELL'UTRI – COSCA ITALIA

DI SIMONE FALANCA Agli inizi di giugno il pubblico ministero di Palermo Antonio Ingroia (coadiuvato dal pm Domenico Gozzo), al termine della sua requisitoria, aveva chiesto ai giudici del tribunale di condannare Marcello Dell’Utri a dieci anni di carcere. Oggi che il processo si conclude con un accoglimento quasi integrale (nove anni e mezzo) di quella pesante richiesta, cerchiamo in esclusiva le vicende meno note legate a quel processo per concorso esterno in associazione mafiosa, partito nel lontano 1997. Anche …

Leggi tutto »

IRAQ: TATTICA VIETCONG SORPRENDE (DI NUOVO) GLI USA

DI MAURIZIO BLONDET Fino all’autunno scorso, gli americani potevano additare Mossul come un modello. Due milioni di abitanti, in buona parte curdi (dunque non ostili agli Usa), collaboravano speranzosi. Iracheni partecipavano a centinaia di progetti di ricostruzione in corso pagati dagli Stati Uniti; una tv di successo che diffondeva programmi congiunti. I giovani s’erano arruolati nella nuova Guardia Nazionale, creata dagli americani, in numero di 8 mila. Oggi tutto è finito. Delle reclute della Guardia Nazionale ne restano un migliaio, …

Leggi tutto »

DOPO LA CONDANNA DI DELL'UTRI – COSCA ITALIA

DI SIMONE FALANCA Agli inizi di giugno il pubblico ministero di Palermo Antonio Ingroia (coadiuvato dal pm Domenico Gozzo), al termine della sua requisitoria, aveva chiesto ai giudici del tribunale di condannare Marcello Dell’Utri a dieci anni di carcere. Oggi che il processo si conclude con un accoglimento quasi integrale (nove anni e mezzo) di quella pesante richiesta, cerchiamo in esclusiva le vicende meno note legate a quel processo per concorso esterno in associazione mafiosa, partito nel lontano 1997. Anche …

Leggi tutto »

IRAQ: TATTICA VIETCONG SORPRENDE (DI NUOVO) GLI USA

DI MAURIZIO BLONDET Fino all’autunno scorso, gli americani potevano additare Mossul come un modello. Due milioni di abitanti, in buona parte curdi (dunque non ostili agli Usa), collaboravano speranzosi. Iracheni partecipavano a centinaia di progetti di ricostruzione in corso pagati dagli Stati Uniti; una tv di successo che diffondeva programmi congiunti. I giovani s’erano arruolati nella nuova Guardia Nazionale, creata dagli americani, in numero di 8 mila. Oggi tutto è finito. Delle reclute della Guardia Nazionale ne restano un migliaio, …

Leggi tutto »

L’ EREDITA’ DI PINOCHET- KISSINGER E LA TIRANNIA DI TEFLON

DI ROGER BURBACH E PAUL CANTOR Teflon® Teflon(R) – marchio registrato di DuPont per le sue resine fluorurate e i suoi rivestimenti tra cui i fluoropolimeri i prodotti chimici fluorurati i film i prodotti per la protezione di superfici e tessuti Il governo cileno ha arrestato Augusto Pinochet che guido’ il colpo di stato nel 1973 ed instauro’ un regime dittatoriale fino al 1990. Adesso gli Stati Uniti dovrebbero seguire tale esempio e perseguire Henry Kissinger, colui che fu consigliere …

Leggi tutto »

L’ EREDITA’ DI PINOCHET- KISSINGER E LA TIRANNIA DI TEFLON

DI ROGER BURBACH E PAUL CANTOR Teflon® Teflon(R) – marchio registrato di DuPont per le sue resine fluorurate e i suoi rivestimenti tra cui i fluoropolimeri i prodotti chimici fluorurati i film i prodotti per la protezione di superfici e tessuti Il governo cileno ha arrestato Augusto Pinochet che guido’ il colpo di stato nel 1973 ed instauro’ un regime dittatoriale fino al 1990. Adesso gli Stati Uniti dovrebbero seguire tale esempio e perseguire Henry Kissinger, colui che fu consigliere …

Leggi tutto »

IL PROCESSO PER LA DIAZ E LA DEMOCRAZIA ''NORMALE''

DI LORENZO GUADAGNUCCI Il processo per i fatti della Diaz sarà un concentrato di paradossi. Le premesse ci sono tutte. Basta guardare la giornata di ieri, lunedì 13 dicembre. Il giudice per le udienze preliminari, Daniela Faraggi, decide il rinvio a giudizio di 28 funzionari e alti dirigenti di polizia, accusati di concorso in lesioni, falso, calunnia per i fatti della scuola Diaz. E’ “solo” un rinvio a giudizio, la sentenza è ancora lontanissima, eppure c’è chi parla di “risultato …

Leggi tutto »

IL PROCESSO PER LA DIAZ E LA DEMOCRAZIA ''NORMALE''

DI LORENZO GUADAGNUCCI Il processo per i fatti della Diaz sarà un concentrato di paradossi. Le premesse ci sono tutte. Basta guardare la giornata di ieri, lunedì 13 dicembre. Il giudice per le udienze preliminari, Daniela Faraggi, decide il rinvio a giudizio di 28 funzionari e alti dirigenti di polizia, accusati di concorso in lesioni, falso, calunnia per i fatti della scuola Diaz. E’ “solo” un rinvio a giudizio, la sentenza è ancora lontanissima, eppure c’è chi parla di “risultato …

Leggi tutto »