Home / ComeDonChisciotte (pagina 500)

ComeDonChisciotte

Categoria generica

I GIOVANI INFELICI

“ Ho osservato a lungo in questi ultimi anni, questi figli. Alla fine, il mio giudizio, per quanto esso sembri anche a me stesso ingiusto e impietoso, è di condanna. Ho cercato di capire, di fingere di non capire, di contare, di sperare in qualche cambiamento, di considerare storicamente, cioè fuori dai soggettivi giudizi di male e di bene, la loro realtà. Ma è stato inutile. Il mio sentimento, è di condanna…”. Così scriveva Pier Paolo Pasolini, nell’articolo inedito I …

Leggi tutto »

IL DARFUR, IL PETROLIO E NOI

La questione dell’oro nero dietro al conflitto nel Sudan meridionale DI SABINA MORANDI Mentre il circo mediatico si predispone ad allestire la solita replica nella nuova esotica ambientazione del Darfur è forse di qualche interesse fare il punto della situazione. Due o tre cose che, insieme alle decine di migliaia di morti e al milione e passa di sfollati, sono l’unica cosa vera nella sarabanda di menzogne e di lacrime di coccodrillo che alimentano il colonialismo umanitario datato Terzo millennio. …

Leggi tutto »

MAFIA E CORRUZIONE: IL MOSAICO NERO DI BERLUSCONI, PREVITI, DELL'UTRI

DI MARCO TRAVAGLIO E così, nel giro di sedici ore, l’Italia apprende che Silvio Berlusconi è un corruttore, impunito e impunibile, di magistrati. Come il suo braccio destro Cesare Previti, già condannato a sedici anni in primo grado. In compenso, il suo braccio sinistro (in tutti i sensi) Marcello Dell’Utri, oltre a essere un pregiudicato per frode fiscale e false fatture, è pure un mafioso. Per almeno trent’anni, dal 1974 a oggi, secondo il Tribunale di Palermo ha protetto e …

Leggi tutto »

IL DARFUR, IL PETROLIO E NOI

La questione dell’oro nero dietro al conflitto nel Sudan meridionale DI SABINA MORANDI Mentre il circo mediatico si predispone ad allestire la solita replica nella nuova esotica ambientazione del Darfur è forse di qualche interesse fare il punto della situazione. Due o tre cose che, insieme alle decine di migliaia di morti e al milione e passa di sfollati, sono l’unica cosa vera nella sarabanda di menzogne e di lacrime di coccodrillo che alimentano il colonialismo umanitario datato Terzo millennio. …

Leggi tutto »

MAFIA E CORRUZIONE: IL MOSAICO NERO DI BERLUSCONI, PREVITI, DELL'UTRI

DI MARCO TRAVAGLIO E così, nel giro di sedici ore, l’Italia apprende che Silvio Berlusconi è un corruttore, impunito e impunibile, di magistrati. Come il suo braccio destro Cesare Previti, già condannato a sedici anni in primo grado. In compenso, il suo braccio sinistro (in tutti i sensi) Marcello Dell’Utri, oltre a essere un pregiudicato per frode fiscale e false fatture, è pure un mafioso. Per almeno trent’anni, dal 1974 a oggi, secondo il Tribunale di Palermo ha protetto e …

Leggi tutto »

AMY GOODMAN: ''LA MIA RADIO SOLA CONTRO BUSH''

DI SIMONETTA COSSU Non capita spesso che incontrando la persona che ti appresti a intervistare ti trovi intervistato. E’ quello che può succedere se la persona è Amy Goodman. Giornalista d’attacco, scrittrice, leader del movimento pacifista americano, Amy Goodman è la spina nel fianco del grande “sistema” d’informazione americano. La incontriamo a Roma in occasione dell’uscita in Italia del suo libro, “Scacco al Potere” edizione Nuovi Mondi Media. Prima ancora di avere il tempo di chiederle qualcosa mi punta adosso …

Leggi tutto »

AMY GOODMAN: ''LA MIA RADIO SOLA CONTRO BUSH''

DI SIMONETTA COSSU Non capita spesso che incontrando la persona che ti appresti a intervistare ti trovi intervistato. E’ quello che può succedere se la persona è Amy Goodman. Giornalista d’attacco, scrittrice, leader del movimento pacifista americano, Amy Goodman è la spina nel fianco del grande “sistema” d’informazione americano. La incontriamo a Roma in occasione dell’uscita in Italia del suo libro, “Scacco al Potere” edizione Nuovi Mondi Media. Prima ancora di avere il tempo di chiederle qualcosa mi punta adosso …

Leggi tutto »

ATROCITA' IN IRAQ: "HO UCCISO INNOCENTI PER IL NOSTRO GOVERNO"

di Paul Rockwell “Noi dimentichiamo cosa sia la guerra, cosa fa a chi la conduce ed a quelli che soffrono per essa. Quelli che più la odiano, ho scoperto, spesso sono i veterani che la conoscono.” Chris Hedges, giornalista del New York Times e autore di “La guerra è una forza che ci dà un significato” Per quasi 12 anni, il Sergente Jimmy Massey è stato un Marine fin nel midollo delle ossa [hard-core], qualcuno direbbe un marine entusiasta. Per …

Leggi tutto »

SHARON: “SOLUZIONE FINALE” DEL PROBLEMA PALESTINESE

DI MAURIZIO BLONDET A cosa mira Sharon con il ritiro unilaterale da Gaza? Non è un mistero. Lo ha rivelato ad Haaretz (1) il suo consigliere Dov Weisglass il 6 ottobre scorso: “il senso del nostro disimpegno [dai Territori Occupati] consiste nel congelare il processo di pace. Ci dà la formalina necessaria per chiudere in un boccale ogni negoziato politico coi palestinesi”. Dov Weisglass è un portavoce credibile: è in rapporti molto confidenziali con Condoleezza Rice, che lo chiama affettuosamente …

Leggi tutto »

INTERVISTA A HOWARD ZINN: VIETNAM, CUBA, IRAQ…

DI MIGUEL ALVAREZ SANCHEZ Un’intervista a tutto tondo a Howard Zinn, lo storico della dissidenza. Dalla guerra del Vietnam, all’embargo a Cuba fino all’invasione dell’Iraq. Un ragguaglio storico e un’analisi completa sulle conseguenze, nazionali e internazionali, della politica repressiva e belligerante degli Stati Uniti Cominciamo parlando di libri D’accordo. Cosa l’ha spinta a scrivere la Storia degli Stati Uniti d’America? L’ho scritta perché stavo dando lezioni di storia nordamericana e cercavo un libro che rappresentasse il mio punto di vista. …

Leggi tutto »

SHARON: “SOLUZIONE FINALE” DEL PROBLEMA PALESTINESE

DI MAURIZIO BLONDET A cosa mira Sharon con il ritiro unilaterale da Gaza? Non è un mistero. Lo ha rivelato ad Haaretz (1) il suo consigliere Dov Weisglass il 6 ottobre scorso: “il senso del nostro disimpegno [dai Territori Occupati] consiste nel congelare il processo di pace. Ci dà la formalina necessaria per chiudere in un boccale ogni negoziato politico coi palestinesi”. Dov Weisglass è un portavoce credibile: è in rapporti molto confidenziali con Condoleezza Rice, che lo chiama affettuosamente …

Leggi tutto »

INTERVISTA A HOWARD ZINN: VIETNAM, CUBA, IRAQ…

DI MIGUEL ALVAREZ SANCHEZ Un’intervista a tutto tondo a Howard Zinn, lo storico della dissidenza. Dalla guerra del Vietnam, all’embargo a Cuba fino all’invasione dell’Iraq. Un ragguaglio storico e un’analisi completa sulle conseguenze, nazionali e internazionali, della politica repressiva e belligerante degli Stati Uniti Cominciamo parlando di libri D’accordo. Cosa l’ha spinta a scrivere la Storia degli Stati Uniti d’America? L’ho scritta perché stavo dando lezioni di storia nordamericana e cercavo un libro che rappresentasse il mio punto di vista. …

Leggi tutto »

I MEDICI SONO LA TERZA CAUSA DI MORTE

DI BARBARA STARFIELD Prima ti ignorano, Poi ridono di te, Poi ti combattono, Poi vinci. Mahatma Gandhi Sommario di Kah Ying Choo Questo articolo del Journal of the American Medical Association fa luce sul fallimento del Sistema Sanitario Americano nel fornire una cura medica decente agli Americani. Nonostante i costi crescenti della sanità che forniscono l’illusione che la sanità migliori, il popolo americano non gode di buona salute, rispetto alle altre nazioni industrializzate. Fra tredici paesi compreso il Giappone, la …

Leggi tutto »

I MEDICI SONO LA TERZA CAUSA DI MORTE

DI BARBARA STARFIELD Prima ti ignorano, Poi ridono di te, Poi ti combattono, Poi vinci. Mahatma Gandhi Sommario di Kah Ying Choo Questo articolo del Journal of the American Medical Association fa luce sul fallimento del Sistema Sanitario Americano nel fornire una cura medica decente agli Americani. Nonostante i costi crescenti della sanità che forniscono l’illusione che la sanità migliori, il popolo americano non gode di buona salute, rispetto alle altre nazioni industrializzate. Fra tredici paesi compreso il Giappone, la …

Leggi tutto »

SANTA KLAUS

DI MARCO TRAVAGLIO Incerto se occuparsi dei processi Berlusconi e Dell’Utri, o se invece presentare il suo ultimo libro anche a Porta a Porta avendo esaurito gli altri programmi Rai, lunedì Bruno Vespa ha optato per un caso ben più serio che lacera la società contemporanea: le gemelle Lecciso. Erano con lui, in quell’ora grave, Barbara Palombelli e Paolo Crepet, che distillavano gli stessi alti concetti espressi di solito sul pigiama della mamma di Cogne. Poi, al posto del criminologo …

Leggi tutto »

SANTA KLAUS

DI MARCO TRAVAGLIO Incerto se occuparsi dei processi Berlusconi e Dell’Utri, o se invece presentare il suo ultimo libro anche a Porta a Porta avendo esaurito gli altri programmi Rai, lunedì Bruno Vespa ha optato per un caso ben più serio che lacera la società contemporanea: le gemelle Lecciso. Erano con lui, in quell’ora grave, Barbara Palombelli e Paolo Crepet, che distillavano gli stessi alti concetti espressi di solito sul pigiama della mamma di Cogne. Poi, al posto del criminologo …

Leggi tutto »

LA CINA: TEMERLA O AMARLA?

DI GIULIETTO CHIESA Parliamo di Cina, questa volta. Fino a cinque o sei anni fa era ai margini del mondo. Certo, grande, certo antica. Ma di lei, della Cina, allora si accorgevano soltanto i cittadini di Khabarovsk, o dell’Estremo Oriente russo. Semplicemente perché erano e sono invasi dai cinesi. Invasi come da una immensa ondata di popolo che attraversa pacificamente le frontiere e non c’è modo di fermarla. Anche perché, al momento, è un’ondata benefica, che porta denaro, sviluppo, benessere… …

Leggi tutto »

LA CINA: TEMERLA O AMARLA?

DI GIULIETTO CHIESA Parliamo di Cina, questa volta. Fino a cinque o sei anni fa era ai margini del mondo. Certo, grande, certo antica. Ma di lei, della Cina, allora si accorgevano soltanto i cittadini di Khabarovsk, o dell’Estremo Oriente russo. Semplicemente perché erano e sono invasi dai cinesi. Invasi come da una immensa ondata di popolo che attraversa pacificamente le frontiere e non c’è modo di fermarla. Anche perché, al momento, è un’ondata benefica, che porta denaro, sviluppo, benessere… …

Leggi tutto »

IL MERCATINO DEGLI IDEALI IN CRISI

DI MASSIMO FINI Solo in Italia, credo (e spero) le sorelle Lecciso possono diventare un caso e solo in Italia, credo (e spero) può andare avanti per giorni, riempiendo le pagine di tutti i giornali, una polemica condita con insulti e controinsulti, come quella nata sull’infelice battuta di Romano Prodi sui “mercenari” di Forza Italia. Invece di dare luogo alle solite “baruffe chiozzote” farebbero forse meglio a interrogarsi sull’esigenza che ha spinto Silvio Berlusconi, uomo pragmatico, a servirsi di mille …

Leggi tutto »

IL MERCATINO DEGLI IDEALI IN CRISI

DI MASSIMO FINI Solo in Italia, credo (e spero) le sorelle Lecciso possono diventare un caso e solo in Italia, credo (e spero) può andare avanti per giorni, riempiendo le pagine di tutti i giornali, una polemica condita con insulti e controinsulti, come quella nata sull’infelice battuta di Romano Prodi sui “mercenari” di Forza Italia. Invece di dare luogo alle solite “baruffe chiozzote” farebbero forse meglio a interrogarsi sull’esigenza che ha spinto Silvio Berlusconi, uomo pragmatico, a servirsi di mille …

Leggi tutto »

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, …

Leggi tutto »

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, …

Leggi tutto »

LA RIAPERTURA DELLA SCALA

DI IDA MAGLI E’ con grande dolore che vediamo come Riccardo Muti si sia piegato alla volontà cinicamente truffaldina dei politici. Tuttavia l’operazione compiuta con la scelta dell’opera di Salieri intitolata “Europa riconosciuta” è talmente abile che possiamo (anzi vogliamo) supporre che Muti non si sia reso conto del messaggio propagandistico incluso nell’esecuzione di quest’opera. Spieghiamo quale sia la truffa. Il compositore italiano Antonio Salieri nacque a Legnago in provincia di Verona nel 1750, suddito quindi dell’Impero Austriaco. Si trasferì …

Leggi tutto »

LA RIAPERTURA DELLA SCALA

DI IDA MAGLI E’ con grande dolore che vediamo come Riccardo Muti si sia piegato alla volontà cinicamente truffaldina dei politici. Tuttavia l’operazione compiuta con la scelta dell’opera di Salieri intitolata “Europa riconosciuta” è talmente abile che possiamo (anzi vogliamo) supporre che Muti non si sia reso conto del messaggio propagandistico incluso nell’esecuzione di quest’opera. Spieghiamo quale sia la truffa. Il compositore italiano Antonio Salieri nacque a Legnago in provincia di Verona nel 1750, suddito quindi dell’Impero Austriaco. Si trasferì …

Leggi tutto »

STATE CON L'ACQUA O CON I LADRI D'ACQUA ?

DI ALEX ZANOTELLI In certe occasioni occorre avere il coraggio di dire le cose come stanno, bisogna saper usare anche espressioni forti se è il caso. E questa volta è davvero il caso. L’umanità è di fronte ad un bivio, lo scrivo oggi su Liberazione e l’ho detto qualche mese fa ai parlamentari di Strasburgo: se non si cambierà rotta, il ricco occidente sarà artefice e complice di genocidio verso la popolazione povera del pianeta. A che cosa mi riferisco? …

Leggi tutto »

STATE CON L'ACQUA O CON I LADRI D'ACQUA ?

DI ALEX ZANOTELLI In certe occasioni occorre avere il coraggio di dire le cose come stanno, bisogna saper usare anche espressioni forti se è il caso. E questa volta è davvero il caso. L’umanità è di fronte ad un bivio, lo scrivo oggi su Liberazione e l’ho detto qualche mese fa ai parlamentari di Strasburgo: se non si cambierà rotta, il ricco occidente sarà artefice e complice di genocidio verso la popolazione povera del pianeta. A che cosa mi riferisco? …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »