Distopia

L’invasione dei Nuovi Normali

C. J. Hopkins unz.com Loro sono qui! No, non i replicanti del film L’invasione degli ultracorpi. Non siamo colonizzati da giganteschi alieni a forma di vegetale. Temo che la situazione sia un po’ più seria. I cervelli delle persone sono stati catturati da una forza molto più distruttiva e meno aliena … una forza che li trasforma dall’oggi al domani in individui totalitari aggressivi e paranoici, ligi agli ordini e pappagalli della propaganda. Conoscete le persone di cui sto parlando. …

Leggi tutto »

Legge sull’omofobia. Vediamo cose che fanno parlare le pietre

Roberto Pecchioli accademianuovaitalia.it Cosa veredes, amigo Sancho, que haran fablar las piedras. Vedrai cose, amico Sancho, che faranno parlare le pietre, è un detto spagnolo fatto risalire a Don Chisciotte. Si tratta in verità di un apocrifo: nell’opera di Cervantes, il Cavaliere dalla Triste figura non pronuncia quella frase. Se tornasse in vita, presumiamo, gli sgorgherebbe dalla labbra osservando quel che è diventata l’Europa e l’intera civilizzazione occidentale.  Gli esempi non mancano davvero: ne faremo oggetto di ulteriori interventi. In …

Leggi tutto »

Essere professore ed essere bianco vuol dire vivere nella paura

Paul Craig Roberts paulcraigroberts.org La tirannia governa l’Università Gli accademici, se sono bianchi, vivono nella paura di perdere il proprio lavoro. I professori avevano perso la loro autorità quando le amministrazioni avevano smesso di appoggiarli, permettendo invece che i reclami degli studenti si trasformassero in vere e proprie indagini. Una volta che si instaura una procedura investigativa, questa si autofinanzia con l’investigazione. Le lamentele delle femministe, seguite poi dalla correttezza politica, avevano mantenuto il processo investigativo ben lubrificato anche prima …

Leggi tutto »

Tre distopie: tre modelli per ricreare l’Homo Sapiens

DI VALENTIN KATASONOV fondsk.ru Sulla gestione dell’uomo e della razza umana La distopia è un nuovo genere nella letteratura mondiale. Dal mio punto di vista, le distopie sono, piuttosto, piani, scenari del futuro, avvolti in una forma d’arte. Piani e scenari sviluppati dall’élite mondiale e volti a stabilire un nuovo ordine mondiale, ovvero il potere assoluto ed eterno di questa élite sul resto dell’umanità. Anche nell’antichità c’erano re, imperatori, dittatori che cercavano di diventare i padroni del mondo. E ogni …

Leggi tutto »

La virata globale da “Il mondo nuovo” alla società totalitaria di “1984”

DI VALENTIN KATASONOV fondsk.ru Due modelli della futura società “ideale” È già tre o quattro anni che nel mondo si assiste a una virata piuttosto marcata. Molti l’associano all’arrivo alla Casa Bianca del Presidente americano Donald Trump, che ha radicalmente sottoposto a revisione radicale molti dogmi della politica americana e mondiale. La virata è diventata ancora più tangibile,a causa della cosiddetta pandemia da coronavirus, che ha avuto avvio all’inizio del 2020. Il corso che il mondo ha seguito dopo la …

Leggi tutto »

Togliere il bavaglio (*) alla libertà

Israel Shamir – 3 luglio 2020 – The Unz Review   “Homo homini lupus est”, diceva Plauto. I nostri nuovi maestri hanno battuto il vecchio autore comico romano al suo gioco, stabilendo l’Homo homini toxicus est come nuova norma. Ci hanno insegnato a temerci l’un l’altro, a indossare maschere, a mantenere la distanza sociale, o meglio ancora, a stare a casa. Preferiscono così, con noi rinchiusi, fuori dai piedi, ordinando le cose via Internet e perdendo le nostre case a …

Leggi tutto »

Oh coraggioso uomo nuovo!

DI VALENTIN KATASONOV fondsk.ru Metodologie di “soft power” nella distopia di A. Huxley La letteratura, nel genere distopico, sta diventando sempre più richiesta. Ciò non sorprende: ci sono seri indicatori del fatto che l’umanità si sta muovendo con passi da gigante verso un nuovo ordine mondiale. E le distopie possono contenere indizi su che tipo di ordine si tratta. Menziono le più famose distopie: “Noi” (1920) di Evgenij Zamjatin; “Kotlovan” (1930) di Andrej Platonov, “Il mondo nuovo” (1932) di Aldous …

Leggi tutto »

Orwell Cancellato? Un giornalista lo definisce un “Vile”, perché avrebbe aiutato i nazisti

DI PAUL JOSEPH WATSON summit.news “Orwell è stato una totale frode” Nonostante sia morto da 70 anni, George Orwell potrebbe diventare l’ultimo personaggio pubblico ad essere cancellato, dopo che un giornalista di sinistra lo ha definito un “uomo vile”, che ha aiutato i nazisti con le sue aspre critiche alla Russia stalinista. Sì davvero, proprio così. “Oltre ad essere una spia del governo inglese, George Orwell ha trascorso la Seconda Guerra Mondiale a demonizzare l’URSS, che aveva sconfitto il nazismo”, …

Leggi tutto »

La distopia che si fa realtà

Di VALENTIN KATASONOV fondsk.ru In occasione del centenario della stesura del romanzo “Noi” di Evgenij Zamjatin Le distopie letterarie sono un genere molto giovane. Ed è nato esattamente un secolo fa, nel 1920, quando il romanzo “Noi” è stato scritto dallo scrittore russo Evgenij Zamjatin. Da lì a poco sono apparse altre famose distopie: “Kotlovan” (1930) di AndrejPlatonov, “Il mondo nuovo” (1932) di Aldous Huxley, “Guerra delle salamandre” (1936) diKarel Čapek, “La fattoria degli animali” (1945) e “1984 “(1948) di …

Leggi tutto »

“Concept Incubator” prevede che i bambini vengano concepiti a casa in un bacello

DI PAUL JOSEPH WATSON summit.news “È progettato per sostituire l’utero e la gravidanza.” Un “incubatore di concetti” prevede un futuro distopico in cui i bambini vengono concepiti all’interno di sofisticati baccelli elettronici che sostituiscono completamente l’utero e la gravidanza. Il video promozionale per il baby pod sottolinea come i genitori saranno in grado di concentrarsi su altre cose come il lavoro mentre del baby pod si prende cura la macchina. “I genitori sarebbero in grado di vivere le loro vite …

Leggi tutto »

Un potere ostile e “narcotico”

Roberto Pecchioli accademianuovaitalia.it L’estensore di queste note ha fama di rompiscatole, ipercritico, bastian contrario, per quanto preferisca definirsi un ribelle alla Juenger, un anarca che “passa al bosco”, come il grande autore del Lavoratore e Sulle scogliere di marmo.  Talvolta, dinanzi agli spropositi cui assistiamo, la reazione è insieme di rabbia e dolore, come un cane a cui qualcuno abbia calpestato la coda. I cosiddetti buonisti, poi, riescono a scatenare in noi reazioni scomposte; mentono spudoratamente oppure hanno smesso di …

Leggi tutto »

Le elites truffaldine che vogliono “salvarci” dal coronavirus

Brandon Smith alt-market.com La scorsa settimana, la Federal Reserve ha pubblicato un rapporto in base al quale i dati del PIL per il secondo trimestre indicherebbero probabilmente una perdita del 34,9%. Questo è più grande il crollo del PIL dai tempi della Grande Depressione, neanche da paragonarsi alla crisi del 2008. E se prendiamo in considerazione il fatto che la Fed incrementa artificialmente i dati del PIL, aggiungendoci molte voci di bilancio non produttive, dobbiamo chiederci: quali sono le perdite …

Leggi tutto »

Come la biosicurezza ci porterà al Neo-Feudalesimo digitale

Pepe Escobar strategic-culture.org Il filosofo italiano Giorgio Agamben si è messo in una (controversa) prima linea esaminando quale nuovo paradigma potrebbe emergere da questa nostra attuale situazione di disagio pandemico. Recentemente, ha richiamato l’attenzione su uno straordinario libro, pubblicato sette anni fa, dove già era evidenziato tutto. In Tempetes Microbiennes, Patrick Zylberman, professore di Storia della Salute a Parigi, aveva dettagliatamente illustrato il complicato processo attraverso il quale la sicurezza sanitaria, fino ad allora ai margini delle strategie politiche, era …

Leggi tutto »

Un nuovo software di riconoscimento facciale individuerà i futuri criminali

Alan MacLeod mintpressnews.com Un team dell’Università di Harrisburg, in Pennsylvania, ha sviluppato un software di riconoscimento facciale computerizzato che, secondo i ricercatori, può prevedere con una precisione dell’80% e “nessun pregiudizio razziale” se una persona diventerà, con tutta probabilità, un criminale, semplicemente analizzando una sua foto. “Automatizzando l’identificazione delle potenziali minacce, senza pregiudizi di sorta, il nostro obiettivo è quello di produrre strumenti per la prevenzione della criminalità, il rispetto delle leggi e l’uso in ambito militare,” hanno dichiarato, asserendo …

Leggi tutto »

Metropolis e la battaglia per l’unità del gregge

Gilad Atzmon gilad.online Il capolavoro cinematografico Metropolis, del 1927, viene spesso descritto come un’opera dell'”espressionista tedesco” (anti realista) e un film di “fantascienza.” Oggi, mentre osserviamo il dissolversi dell’effimera saga sull’apocalisse virale del Covid19, cercheremo di appurare se la trama di Metropolis sia veramente anti-realista. Guardare il film quasi un secolo dopo la sua realizzazione porta ad alcune sconcertanti considerazioni esistenziali. Metropolis non è forse l’espressione più vera del nostro attuale disamoramento per la cultura industriale, del nostro sgomento nei …

Leggi tutto »

Dissonanza cognitiva e Coronavirus

Dmitry Orlov cluborlov.blogspot.com Negli ultimi giorni mi sono trattenuto dal commentare gli eventi in corso, che ruotano tutti attorno al panico da coronavirus, e mi sono impegnato al massimo nella ricerca, visto che le reali motivazioni di ciò che sta accadendo non mi sono affatto chiare. • Perché chiudere l’economia globale a causa di un virus che non particolarmente pericoloso,  responsabile solo di poco più dell’1% dei decessi di quest’anno, che ha colpito solo lo 0,04% della popolazione e ne …

Leggi tutto »

L’addomesticamento

di Paolo Becchi wordpress.com e Libero   “Addomesticare” significa in generale trasformare l’ambiente, le piante e gli animali adattandoli ai bisogni umani. L’esempio più lontano nei tempi di addomesticamento di un animale è quello del cane, animale domestico per eccellenza. La specie umana, per come la conosciamo, potrebbe anche essere, sotto il profilo biologico, il risultato di un processo di auto-addomesticamento, nel senso che gli esseri umani hanno “selezionato” i loro simili soprattutto sulla base della loro capacità di socializzare. …

Leggi tutto »

Un virus di distruzione di massa

C. J. Hopkins unz.com Nell’introduzione di nuova narrativa ufficiale, arriva il momento in cui le persone non ricordano più come era iniziata tutta la storia. O meglio, ricordano come era iniziata, ma non la propaganda che l’aveva iniziata. O, piuttosto, ricordano tutto (o sono in grado di farlo, se vengono interrogate), ma la cosa non fa più alcuna differenza, perché la narrativa ufficiale ha ormai soppiantato la realtà. Potreste ricordare questo fatto dalla Guerra al Terrore e, in particolare, dall’occupazione …

Leggi tutto »

La fenice e i tecnosudditi

DI EMANUELA LORENZI comedonchisciotte.org “Offri al popolo gare che si possono vincere ricordando le parole di canzoni molto popolari … Riempi i loro crani di dati non combustibili, imbottiscili di “fatti” al punto che non si possano più muovere tanto sono pieni, ma sicuri di essere “veramente ben informati”. Dopo di che avranno la certezza di pensare, la sensazione del movimento, quando in realtà sono fermi come un macigno. E saranno felici, perché fatti di questo genere sono sempre gli …

Leggi tutto »