Home / 2006 / marzo

Archivi mensili: marzo 2006

GIOCHI ELETTORALI

DI CARMELO R. VIOLA Non è il “gioco delle tre carte” ma l’esatto contrario dell’aureo trinomio “Libertà-fratellanza-uguaglianza” del 1789, cui spudoratamente i fautori del vigente sistema e di quei “giochi” fanno frequente riferimento. Tali fautori, autentici criminali potenziali, distruttori della specie umana, identificano il capitalismo con l’economia. Ovvero sostengono che il capitalismo, sia pure variegato da diverse teorie, sia il filo conduttore dell’economia. E questa è la prima grande menzogna sociale. L’economia, di cui si parla, non e la ECO-nomia …

Leggi tutto »

IL CAVALIER BUGIARDONI

DI MARCO TRAVAGLIO “Noi abbiamo messo in circolo per opere pubbliche 51 miliardi di euro. I cantieri aperti non sono piccoli cantieri, sono i più grandi cantieri del mondo. Il Mose. La più grande opera di protezione ambientale che si sta costruendo oggi nel mondo, è già arrivata al 25% dei lavori” (Silvio Berlusconi nel faccia a faccia con Romano Prodi, 14.3.2006) Due bugie in due frasi. Naturalmente nessuno dei cantieri aperti in questi cinque anni è fra i più …

Leggi tutto »

L’IRAN PUO’ CREARE LA BOMBA ATOMICA ?

Le consultazioni, in vista di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU concernente l’Iran, si susseguono. Talora principale ostacolo al progetto di risoluzione offensiva contro Teheran, auspicata da Washington ed i neo conservatori, ed interlocutore essenziale della Repubblica islamica sulla pratica del nucleare, ad oggi la Russia interpreta un ruolo decisivo. In una intervista concessa all’agenzia RIA NOVOSTI, Viktor Mikhailov, talvolta presentato come il padre dell’elettronucleare iraniano, fornisce la sua lettura degli avvenimenti. Per lui, è evidente che l’Iran auspica …

Leggi tutto »

COME SI INVENTANO I NEMICI

DI MANUEL VALENZUELA Prima Parte Soltanto negli Stati Uniti d’America Nei prossimi anni, come già avviene oggi ed è avvenuto in passato, si assisterà ad un continuo rigurgito di propaganda inventata e destinata a manipolare le paure, le ostilità, la xenofobia e le tendenze nazionalistiche della gente. In questi anni successivi all’11 settembre i corporativisti che mirano a dirottare il paese sono riusciti con successo a dominare le masse e controllare la nazione, grazie al terrore e all’odio scaturiti da …

Leggi tutto »

I NUMERI DIETRO LE BUGIE

DI BILL FLECKENSTEIN L’economista John Williams afferma che i dati “reali” riguardo disoccupazione e inflazione – rilevati con i metodi utilizzati fino a qualche anno fa – potrebbero essere due o tre volte più elevati rispetto a quanto ammette il governo. Ecco le conseguenze di questa situazione sulla Sicurezza Sociale. Divertirsi con i numeri All’America corporativa piace fare questo tipo di gioco, il modo migliore per far alzare il prezzo delle azioni; la gente rimarrebbe sorpresa nello scoprire come il …

Leggi tutto »

I PRESTITI DI DISTRUZIONE DI MASSA

DI PATRICK BOND La beffa “anti-corruzione” di Paul Wolfowitz alla Banca Mondiale Alcune settimane fa, il capo dello staff guidato da Colin Powell del dipartimento di stato, il signor Lawrence Wilkerson, ha rivelato al pubblico di PBS NOW qualcosa del quale eravamo comunque già al corrente riguardo l’arsenale militare di Saddam Hussein: “ Ho partecipato alla beffa degli Statunitensi, della comunità internazionale e del Consiglio di Sicurezza della Nazioni Unite”. L’organizzatore di questa beffa era Paul Wolfowitz (nella foto). La …

Leggi tutto »

LE INCREDIBILI STORIE DELLA COMMISSIONE SULL'11 SETTEMBRE (PARTE II)

DI DAVID RAY GRIFFIN I voli 11, 175, 77 e 93 Il trattamento del volo United Airlines 93 da parte della commissione Il Volo 93 ha posto la Commissione 9/11 di fronte ad un compito differente. Per quanto riguarda gli altri voli, la Commissione doveva spiegare perché non fossero stati intercettati ed abbattuti. Per il volo 93, invece, la Commissione doveva convincerci che i militari non lo avessero abbattuto. Non ha cercato di farlo rigettando le prove a disposizione, che …

Leggi tutto »

Two Nut Jobs and a Boeing 747

One of the most obvious lies in the show trial of Zacarias Moussaoui came when a court-appointed physician, Dr. Raymond Patterson, declared Moussaoui was not suffering from mental illness. Patterson made the assertion after Moussaoui said he wanted to fire his lawyers and represent himself. Moussaoui’s lawyers “became convinced that their client’s mental condition, already precarious, was deteriorating under the stress of solitary confinement, and that he was becoming increasingly paranoid,” writes Seymour Hersh for the New Yorker. In response …

Leggi tutto »

ISRAELE – 'UNA NAZIONE RAZZISTA'

DI GIDEON LEVY Ha’artez Contrariamente a quanto sembra, le elezioni di questa settimana sono importanti, perché mostreranno la vera faccia della società israeliana e le sue ambizioni segrete. Più di 100 candidati eletti saranno mandati al Knesset come se appartenessero ad un unico schieramento – quello del razzismo. Se già pensavamo che ogni due Israeliani non ci fossero più di tre opinioni, ora sarà evidente che circa ogni israeliano ha una sola opinione – il razzismo. Le elezioni del 2006 …

Leggi tutto »

I NOSTRI VALORI ASIMMMETRICI

DI GIULIETTO CHIESA “Il disastro di Yushenko”, titola International Herald Tribune. Fine della “rivoluzione arancione”, scrivono più o meno tutti gli altri. Succede, quando invece di guardare ai fatti si inseguono chimere, di dover incamerare delusioni. La fretta è, in ogni caso, cattiva consigliera. Mentre gli arancioni di Kiev si apprestavano a riavvolgere le loro bandiere, già le “organizzazioni non governative” americane e polacche stavano dispiegando le loro nella piazza centrale di Minsk. Situazioni diverse, per altro, perchè Janukovich a …

Leggi tutto »

HOTEL RUANDA

di KEITH HARMAN SNOW [*] Che cosa è accaduto in Ruanda nel 1994 ? L’opinione diffusa è che si sia verificato un genocidio calcolato a causa dell’animosità tribale profondamente presente tra la tribù a maggioranza hutu al potere e la minoranza tutsi. Secondo questa storia, almeno 500.000 e forse 1,2 milioni di tutsi – e alcuni hutu moderati – furono spietatamente eliminati in pochi mesi, la maggior parte uccisi col machete. Gli assassini in questa versione furono gli estremisti hutu …

Leggi tutto »

CHARLIE SHEEN VUOLE LA VERITA’ SULL’11 SETTEMBRE

DI ALEX JONES E PAUL JOSEPH WATSON PrisonPlanet L’attore chiede una vera commissione d’inchiesta, che esamini e colleghi le credibili testimonianze di alcuni soldati ed eminenti figure pubbliche. L’attore Charlie Sheen ha riunito un gran numero di militari e di figure di grande credibilità pubblica per chiedere la verità sui fatti dell’11 settembre 2001, e una nuova commissione d’inchiesta indipendente che faccia luce sulle circostanze che hanno determinato quell’attacco. Negli ultimi anni in molti hanno evidenziato i loro dubbi circa …

Leggi tutto »

BROGLI ELETTORALI, DUE INCHIESTE CONGIUNTE (PARTE PRIMA)

DI GIULIETTO CHIESA E FRANCESCO DE CARLO Violazione della privacy, intercettazioni illegali, rivelazione di segreto d’ufficio. Tra servizi deviati e polizie parallele, come emergono dal “caso Storace”, Telecom Italia si trova coinvolta in un’oscura vicenda di spionaggio politico. Proprio ora che si appresta a mettere le mani su un piatto molto succulento: la gestione elettronica delle elezioni. Il 9-10 aprile infatti i voti di 10 milioni di italiani verranno scrutinati da operatori presenti nei seggi, inseriti in un pc e …

Leggi tutto »

THE WAR LOVERS

DI JOHN PILGER (Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova) Ho imparato che gli innamorati della guerra, nelle situazioni effettive di guerra, di solito sono inoffensivi, eccetto che verso se stessi. Sono stati affascinati dal Vietnam e dalla Cambogia, dove le droghe erano abbondanti. La Bosnia, con la sua roulette di morte, è stata un’altra prediletta. Alcuni potrebbe dire di essersi trovati in quei posti “per raccontare al mondo”; quegli onesti potrebbero dire che amavano quelle situazioni. “La …

Leggi tutto »

LE INCREDIBILI STORIE DELLA COMMISSIONE SULL’11 SETTEMBRE (PARTE I)

DI DAVID RAY GRIFFIN I voli 11, 175, 77 e 93 Alla fine del 2004, ho pubblicato The 9/11 Commission Report: Omissions and Distortions[1] [Il Rapporto della Commissione sull’ 11-9: Omissioni e Distorsioni]. Poco dopo che apparve il libro, feci una conferenza per riassumerne i punti principali. (Quella conferenza è ora disponibile sia stampata che in DVD.)[2] Sfortunatamente, lo stesso The 9/11 Commission Report[3] [da qui “Rapporto della Commissione sull’ 11-9” n.d.t ] contiene così tante omissioni e distorsioni che …

Leggi tutto »

LA BORSA IRANIANA DEL PETROLIO IN EURO

DI UGO BARDI Si parla molto in questi giorni della “borsa iraniana del petrolio” che il governo iraniano avrebbe in programma di aprire per commerciare il petrolio iraniano in euro piuttosto che in dollari. Si dice che l’apertura di questa borsa potrebbe essere un “casus belli” sufficiente per gli Stati Uniti per attaccare l’Iran. Sotto certi aspetti, queste preoccupazioni non sono prive di logica. L’abbraccio (quasi mortale) fra dollaro e petrolio è qualcosa che va avanti dai primi anni ’70, …

Leggi tutto »

AMY GOODMAN INTERVISTA ALI FADHIL (PARTE I)

AMY GOODMAN (Democracy Now!) intervista ALI FADHIL (Reporter iracheno indipendente, autore del documentario “Falluja – The Real Story”) “Hanno usato esplosivi ed hanno sparato in casa mia” Ci occuperemo della storia del giornalista e dottore Ali Fadhil, che è stato detenuto in Iraq dalle forze statunitensi. L’8 gennaio, a Baghdad, i soldati hanno usato degli esplosivi nella casa di Ali, giornalista che lavora per il London Daily, il Guardian e Channel 4. Fadhil ci ha raggiunto nei nostri Firehouse Studios …

Leggi tutto »

INFLUENZA AVIARIA: L'INDUSTRIA AVICOLA ALL'ORIGINE DELLA CRISI

Un rapporto GRAIN stabilisce che l’industria avicola mondiale è all’origine della crisi dell’influenza aviaria. I piccoli allevamenti avicoli e gli uccelli selvatici sono ingiustamente ritenuti responsabili dell’influenza aviaria che affligge attualmente più parti del mondo. Un nuovo rapporto del GRAIN mostra come, all’origine del problema, vi sia l’industria avicola multinazionale che dovrebbe essere al centro delle azioni svolte per dominare il virus. L’espansione della produzione avicola industriale e delle reti commerciali hanno creato le condizioni ideali alla comparsa ed alla …

Leggi tutto »

REAGAN APPROVO’ IL SABOTAGGIO PER DISTRUGGERE L'ECONOMIA SOVIETICA

DI DAVID HOFFMAN Fu il presidente degli Stati Uniti Ronald Regan ad approvare nel 1982 il piano CIA finalizzato a sabotare l’economia dell’Unione Sovietica: ecco cosa afferma un ex ufficiale della Casa Bianca. Il piano consisteva nell’invio di materiale tecnologico con malfunzionamenti non individuabili, tra cui il software che fu responsabile dell’esplosione di un gasdotto. Thomas Reed, ex segretario dell’Aviazione e membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale, descrive l’episodio in un libro che sarà pubblicato il mese prossimo: At the …

Leggi tutto »

BOT, RENDITE, TASSE E FOLCLORE PREELETTORALE

DI CARLO GAMBESCIA La polemica sulla tassazione dei bot tra Berlusconi e Prodi indica purtroppo che la campagna elettorale ha toccato il suo punto più basso. In termini di disinformazione e folclore preelettorale. Dinsinformazione: i bot (buoni ordinari del tesoro) vissero una vera e propria epoca d’oro negli anni Ottanta. In pratica, i governi del pentapartito (socialisti + democristiani + laici vari) li usavano per finanziare il debito pubblico e garantirsi il consenso sociale dei ceti medi. Negli anni Novanta, …

Leggi tutto »

IL MASSIMO DOLORE E' LO SCOPO DELLA NUOVA ARMA STATUNITENSE

DI DAVID HAMBLING L’armata americana sovvenziona lo sviluppo di un’arma che provoca un dolore terribile a distanze fino a due chilometri. Destinata all’utilizzo contro i ribelli, si presume che lasci le vittime indenni. Ma i ricercatori sul dolore sono furiosi per il fatto che il lavoro che aveva come fine di controllare il dolore sia stato utilizzato al fine di sviluppare un’arma. E hanno il dubbio che tale tecnologia sia utilizzata per la tortura. “Gli aspetti etici di questa ricerca …

Leggi tutto »

UCCIDENDO DONNE E BAMBINI: LA “FASE MY LAI” DELLA GUERRA IN IRAQ

DI MIKE WHITNEY Cosa passa nella mente di George Bush quando vede i corpi senza vita di donne e bambini iracheni caricati insieme a della spazzatura sul retro di un furgone? Ci sarà almeno un briciolo di rimorso? Una frazione di secondo in cui egli si rende conto della grandezza dell’ orrore che ha creato? Il 15 marzo é stato forse un altro cruciale momento della caduta morale statunitense in Iraq? 11 membri di una famiglia irachena sono stati uccisi …

Leggi tutto »

3 ANNI IN IRAQ – OLTRE 100.000 BAMBINI UCCISI

DI JAY SHAFT Redattore di Coalition For Free Thought In Media (CFTM) Coalizione per la libertà di pensiero nei media Ricordiamoci che oltre 100.000 bambini iracheni sono morti a partire dal 19 marzo 2003. Dov’è lo shock degli Stati Uniti? Ho realizzato questo video per mostrare il prezzo di 3 anni di occupazione da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti in Iraq. Oltre 100.000 bambini sono stati uccisi o sono morti di fame, a causa di malattie, acqua inquinata …

Leggi tutto »

MILOSEVIC: 15 DOMANDE (E RISPOSTE) PER I MEDIA

DI MICHEL COLLON (Traduzione di Curzio Bettio – Soccorso Popolare di Padova) É diventato un po’ meno difficile determinare se siamo stati informati in modo corretto sulla Jugoslavia. Avevano il diritto di presentarci la guerra della NATO come una guerra “umanitaria”? Le Grandi Potenze avevano strategie segrete? I media ci hanno raccontato menzogne e hanno diffuso propaganda di guerra? Noi vi invitiamo a prendere in considerazione questo breve test sui mezzi di informazione in modo da avere una chiara visione …

Leggi tutto »

DOPO IL 10 APRILE

DI GIULIETTO CHIESA Supponiamo che il 10 aprile Berlusconi sia stato sconfitto. L’11 il cosiddetto centro-destra non esisterà più. I lanzichenecchi non sono in grado di restare insieme senza un capo. E Berlusca sarà un padrone (sempre che non scappi alle Bahamas) comunque potente, ma non più un capo. Le orde barbariche dei suoi avvocati non potranno occupare gli scranni di una maggioranza e saranno costrette a sciamare nei tribunali, dove potranno fare danni limitati anche perché il ministro della …

Leggi tutto »

LA RIVOLUZIONE CINESE PER TUTTI E PER NESSUNO (PARTE SECONDA)

DI FRANCESCO SISCI Asia Times Il governo cinese, nonostante sia consapevole del problema posto dalla crescita del coefficiente Gini [1], crede di avere ancora molto tempo per reagire. Una delle ragioni principali è il contesto culturale della povertà cinese: in Cina la povertà è sinonimo di vergogna (a differenza di molte altre società con molti poveri, come l’India, dove la condizione di povertà non rappresenta per il povero un motivo di vergogna): in Cina, la gente povera si nasconde, o …

Leggi tutto »

OPERAZIONE SCIAME – PARTE II (18-19 MARZO 2006)

Continua l’operazione “Sciame”, ossia la campagna terroristica dell’esercito statunitense nella zona di Samarra, che si sta rivelando un disastro umanitario, come facilmente prevedibile. Centinaia di persone che abbandonano le proprie case, altrettanti uomini arrestati arbitrariamente, intere famiglie massacrate dalle bombe Usa. Nel frattempo, la “sicurezza” delle aree “conquistate” viene lasciata in mano alle milizie sciite come la Brigata Badr, cioè a gruppi terroristici filo-statunitensi noti per le loro feroci torture (Comedonchisciotte).

Leggi tutto »

LETTERA DA GUANTANAMO

DI JUMAH ABDEL LATIF AL DOSSARI Questa lettera, declassificata dal governo statunitense. è stata scritta da un detenuto di Guantanamo prima di suicidarsi. I primi destinatari sono Joshua Colangelo-Bryan, il suo avvocato, e Khaled, il loro interprete. In effetti, non so da dove iniziare… o come iniziare… Josh, Khaled… sono veramente spiacente per avervi costretto a guardare… dev’essere stata la prima volta nella vostra vita… in cui avete visto un essere umano che soffriva così… morire davanti ai vostri occhi… …

Leggi tutto »

DOVEVA MORIRE L’11/9…

Un suo grande amico sostiene che l’attivista William Cooper sia stato assassinato a sangue freddo, mentre le autorità continuano ad insabbiare cosa davvero ci sia dietro la sparatoria. Cooper è stato ucciso il 5 novembre 2001, in un agguato che era stato precedentemente previsto per la mattina dell’11 settembre, dice il suo migliore amico e collaboratore nella ricerca Doyel Shamley. Shamley sta continuando da dove Cooper ha interrotto: far conoscere al mondo i malvagi piani del Nuovo Ordine Mondiale. DI …

Leggi tutto »

LA STRATEGIA DI ACCERCHIAMENTO DEL PENTAGONO

DI BILL GERTZ The Washington Times Il Pentagono sta collocando bombardieri strategici, portaerei e sottomarini a GUAM, nell’Oceano Pacifico, nell’ambito di una nuova strategia di “accerchiamento” tesa a preparare un conflitto con la Cina: questo è quanto emerso ufficialmente ieri al Pentagono.Peter Rodman, assistente del Segretario alla Difesa per la Sicurezza nazionale ha detto alla Commissione Congressuale che la risposta militare alla minaccia cinese è una parte della strategia di sicurezza nazionale della Casa Bianca. Sebbene le relazioni tra Stati …

Leggi tutto »