Home / 2005 / Febbraio (pagina 2)

Archivi mensili: Febbraio 2005

LA BIZZARRA LISTA DELLA RICE

Gli “avamposti della tirannia” rimpiazzano “l’Asse del male”. DI SOLIDAIRE Condoleezza Rice, il nuovo ministro degli affari esteri, nomina sei paesi come “avamposti della tirannia”. La sua lista rivela che in realtà la prima preoccupazione degli Stati Uniti non è la democrazia, ma bensì i loro propri interessi economici e geostrategici. Iran Il vice presidente Dick Cheney fa dell’Iran “il primo sulla lista dei punti problematici nel mondo”. Il regime di Teheran si urta con gli USA su parecchi punti. …

Leggi tutto »

IL PETROLIO, I CRISTIANI E I DIECI COMANDAMENTI

DI RAY MCGOVERN “Abbiamo bisogno del petrolio, giusto? Quindi qual’è il problema?” Tanto candore è raro; però mi ha bloccato sui miei passi. La domanda mi è stata fatta lunedì scorso dopo una conferenza tenuta a Pewaukee, Wisconsin, sul tema “Le grandi decisioni del 2005”. Si trattava della prima conferenza di una serie istituita per conto dell’Institute of World Affairs, University of Wisconsin-Milwaukee. (1) Dopo che il ‘casus belli’ delle armi di distruzione di massa è svanito nel nulla come …

Leggi tutto »

LA VERITÀ OLTRE LA LINEA DEL FRONTE

DI GIULIETTO CHIESA Le guerre dell’Impero sono guerre senza fronti di combattimento. Parlo delle ultime tre che abbiamo visto. Le altre non dovevamo vederle, ma queste dovevamo vederle perché erano paradigmatiche, servivano di esempio e di ammonizione. Kosovo, Afghanistan, Irak, Servivano per personificare il Male e per dimostrare al grande pubblico degli utenti mercificati che il Male può essere annientato… E chi lo annienta è l’Impero. Così sono usciti di scena Milosevic, Osama bin Laden, Saddam Hussein. Il prossimo sarà …

Leggi tutto »

LIBERATE GIULIANA SGRENA…LIBERIAMO LA PACE

DI RINALDO SIDOLI “Le scelte che vengono definite democratiche dai “politici”, non portano mai a delle soluzioni pacifiche. Chi si batte per la giusitiza, per la democrazia, per la pace, lo fa in silenzio e senza retorica. E tanto vero che l’attuale “politica è l’arte di servirsi degli uomini, facendo loro credere di servirli” (L. Dumur), specialmente in questo momento dove a governarci sono persone che credono in una democrazia violenta che deve essere imposta dall’alto e con tanto di …

Leggi tutto »

CHAVEZ SOSPENDERA’ LE ESPORTAZIONI DI PETROLIO IN USA

IN CASO DI TENTATO ASSASSINIO CARACAS (AFP) – Il presidente venezuelano Hugo Chavez ha minacciato di sospendere le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti se qualcuno proverà ad assassinarlo, aggiungendo che sarà incolpato il presidente americano George W. Bush . “Se mi uccidono, ci sarà un individuo realmente colpevole su questo pianeta il cui nome è quello del presidente degli Stati Uniti, George Bush,” ha dichiarato Chavez durante il suo programma radiofonico settimanale, “Ciao, Signor Presidente.” “Se, per mano del …

Leggi tutto »

NANI E GIGANTI

Ora è la coda che agita il cane, i mezzi che sostituiscono i fini, la società che è serva dell’economia DI BEPPE GRILLO “No Martini? No party!”. Allora non scherzavano. Il 9 gennaio Bormio ha annullato la gara di slalom gigante del campionato del mondo. Mancavano gli atleti? La neve? I giudici di gara? Il pubblico? No. Mancava la televisione commerciale, per uno sciopero. Migliaia di spettatori veri ai bordi della pista hanno aspettato inutilmente la gara e se ne …

Leggi tutto »

The Evolution of Revolution. Part I: The Human Animal

Manuel Valenzuela As long as humankind has walked the plains of Earth, from our origins in the jungles of Africa to our great Diaspora out of savannas and into all corners of the globe, we have had to wage ceaseless battle with the demons living inside the human condition. Embedded in our psyche, ingrained in our being, passed down generation after generation like a torch of eternal damnation lighting the way through the deep caverns of perpetual human tribulation, our …

Leggi tutto »

How The U.S. Murdered a City

Fallujah: The Truth at Last Doctor Salam Ismael took aid to Fallujah last month. This is a report of his visit. IT WAS the smell that first hit me, a smell that is difficult to describe, and one that will never leave me. It was the smell of death. Hundreds of corpses were decomposing in the houses, gardens and streets of Fallujah. Bodies were rotting where they had fallen-bodies of men, women and children, many half-eaten by wild dogs. A …

Leggi tutto »

I SIONISTI NUCLEARIZZANO IL CENTRO DI BEIRUT-DI NUOVO !

Nel disperato tentativo di rallentare la loro imminente sconfitta in Palestina, le forze speciali ebraiche hanno usato un mini ordigno nucleare contro l’ex Primo Ministro Rafik Hariri, per poi ordinare ai loro agganci tra i media occidentali di incolpare del crimine la Siria DI JOE VIALLS Per quanto la cosa sia destinata ad avere ben poco effetto sui boccaloni occidentali che guardano la CNN, il 15 febbraio 2005 la televisione pubblica iraniana ha diffuso un servizio del suo ufficio di …

Leggi tutto »

USA CONTRO UE

DI LEON HADAR Gran parte della copertura mediatica del recente viaggio in Europa della Segretaria di Stato statunitense Condoleeza Rice evocava preoccupazioni di fronte allo stile irresistibile del nuovo capo della diplomazia americana. Apparentemente lo charme di “Chere Condi” ha colpito persino i “vecchi” europei, compresi i criticoni francesi. Benché non ci sia dubbio sul fatto che Ms Rice, prima donna afro-americana a guidare il Dipartimento di Stato, abbia saputo conquistare i cuori di molti europei, non è chiaro ancora …

Leggi tutto »

BASTA COSE INUTILI

Per festeggiare la nascita del suo sito (www.beppegrillo.it) e l’inaugurazione del Tour 2005 ecco una breve intervista apparsa sul mensile Focus di Febbraio 2005. La tecnologia per Grillo: badare al sodo. E senza fare danni DI ANDREA MINOGLIO Cosa pensa della tecnologia? Deve essere semplice e utile. Pensi al telecomando: prima viene venduto con 150 tasti. Poi diventano 80 e, alla fine, quando la gente non ne può più tornano a farlo con quei 3-4 tasti che servono davvero. Spesso …

Leggi tutto »

I PERICOLI DEL 2005

DI MARSHALL AUERBACK Nel suo racconto del 1849, Les guepes, Alphonse Karr ha scritto la famosa frase: “Più le cose cambiano, più rimangono uguali.” Negli Stati Uniti, nel 2005 può essere vero l’inverso, più le cose rimangono uguali, più cambiano,…in peggio. A questo proposito, compilare l’elenco dei potenziali pericoli che minacciano gli Stati Uniti ha un vago sapore di dèjà vu. Dopotutto questo elenco non rappresenta niente altro che la descrizione di una politica economica già senza bussola da lungo …

Leggi tutto »

I DANNI DELL'IDEOLOGIA LIBERALE: L'ABUSO DELL'AUTOMOBILE

DI ENRICO GALOPPINI E’ un fatto che ogni ideologia, prima d’addentrarsi in prescrizioni d’ordine economico, sociale, culturale e politico, si fonda su un’antropologia, ovvero postula un preciso ‘discorso’ sull’uomo: “l’uomo è per sua natura buono”, “l’uomo è fondamentalmente egoista”, “l’uomo è così e cosà” e via astraendo… In tutti i casi, si tratta di un discorso invariabilmente fallace perché riduttivo, soprattutto poiché tende a forzare, illusoriamente, l’uomo in una pretesa ‘realtà’. Così, la realtà, che per quanto attiene l’ambito delle …

Leggi tutto »

UN PRESIDENTE SEMPLICE E FALSO

DI BORIS NEMTSOV* E VLADIMIR PRIBYLOVSKIJ** “Io mi adopero sempre per seguire qualche regola. Per prima cosa, non mentire. Dire la verità, che essa sia piacevole oppure no. Il nostro popolo si è meritato il fatto, che noi gli diciamo la verità”. – (Vladimir Putin, 3 ottobre 2004, all’incontro con i giornalisti cinesi, in risposta alla domanda sulle cause della sua popolarità.) I 10 momenti delle bugie del governo _ 1 Agevolazioni per i burocrati, una menzogna per i beneficiari …

Leggi tutto »

HARIRI: RIFLESSIONI SU UN ATTENTATO

DI MASSIMO RAGNEDDA Quando avviene un attentato, come quello che lo scorso 14 febbraio ha ucciso l’ex primo ministro libanese Hariri, bisogna sempre chiedersi Cui Prodest. Senza fare dietrologismi è impensabile che un attentato di quelle proporzioni, con più di trecento chili di esplosivo sistemati in vari tombini nel cuore di Beirut, possa essere opera di gruppuscoli di terroristi. È quasi inevitabile dunque parlare di cooperazione da parte dei servizi segreti di qualche Stato che ha interesse in quell’area. Ma …

Leggi tutto »

UNA LETTERA DA SCAMPIA

Ciao, chi ti scrive è un gruppo di ragazzi di Scampia e ti chiede un sostegno quantomeno morale! La vita da queste parti è davvero giunta al limite della sopportazione. Non è tanto la miseria o la disoccupazione o il vuoto del nostro quartiere che più ci fa male ma l’impotenza…. Già l’impotenza di non poter neanche provare a cambiare le cose. Da queste parti ormai si rischia la vita anche solo se provi a diffondere qualche idea che va …

Leggi tutto »

IRAQ: LA DEVASTAZIONE

DI DAHR JAMAIL (Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova, dedicata a Giuliana Sgrena, giornalista libera) La devastazione dell’Iraq? Da dove devo cominciare? Dopo aver lavorato per sette degli ultimi dodici mesi in Iraq, sono sempre sopraffatto, già dalla stessa idea di accingermi a farlo, dai tentativi di descrivere questa devastazione. La guerra e l’occupazione illegali dell’Iraq sono state condotte per tre ragioni, se bisogna credere all’Amministrazione Bush. La prima, si trattava delle armi di distruzione di massa, …

Leggi tutto »

A CHI GIOVA LA MORTE DI AL-HARIRI?

Morti violente continuano a segnare la storia politica del Libano, malgrado siano passati 15 anni dalla fine della guerra civile. DI AHMED JANABI Fra il 1989, quando furono firmati gli accordi di Taif, e il 2005 le milizie armate, che una volta avevano l’iniziativa, sono quasi tutte scomparse da città, paesi e villaggi del Libano. Però il fenomeno dell’assassinio politico non è terminato. Rashid Karami, Bashir al-Jumail, Dani Shamun, Rene Muawad, Kamal Jumblatt, Hasan Khalid, Abbas al-Musawi e Rafik al-Hariri, …

Leggi tutto »

The New Inquisition

by Lydia Howell Some questions are haunting me more and more these days. How many more of our civil liberties are Americans willing to lose as long as they’re told it’s to “prevent terrorism”? How many thousands of people (mostly Iraqi and Afghani people, but also Canadian and American citizens) can be put under “preventive detention” for “national security” before we become horrified? Call this by an accurate rather than Orwellian name: thousands are in prisons, without charges, without trials, …

Leggi tutto »

''TERRORISTI''

DI GIULIETTO CHIESA Dopo 13 lunghissimi giorni di silenzio da quando hanno sequestrato Giuliana Sgrena ( la seconda giornalista italiana dall’inizio della Guerra in Irak) arrivano sue notizie. E’ viva, si esulta. Non basta, aggiungo… Non posso dire che sia una mia amica personale: ci siamo visti poco, ma lavora per uno dei giornali per cui anch’io scrivo sovente e l’ho avuta per collega in una delle guerre cui ho assistito, e che ho raccontato. Fu in Afghanistan. E’ una …

Leggi tutto »

GLI SHIITI CONQUISTANO LA MAGGIORANZA ASSOLUTA

Nelle elezioni irachene chi vince è l’Iran DI JUAN COLE Il notiziario della televisione satellitare Lebanes Broadcasting Co. ha riportato che, dopo l’adempimento delle procedure richieste dalla legge elettorale, la United Iraqi Alliance (UIA), composta da partiti religiosi Shiiti, ha conquistato 141 seggi, e cioè la maggioranza assoluta della nuova assemblea uscita dalle elezioni del 30 gennaio. Abdul Aziz al-Hakim, capo lista, ha espresso il proprio compiacimento per il risultato della propria coalizione. Per formare un governo, con il compito …

Leggi tutto »

MOLOTOV & CHAMPAGNE

I radical-chic degli anni di piombo DI MASSIMO FINI Le confessioni di Achille Lollo non hanno riportato alla memoria solo l’orrendo, e dimenticato, rogo di Primavalle dove morirono due giovani figli di un netturbino colpevole di essere il segretario della locale sezione dell’Msi, in seguito a un attentato incendiario, opera di alcuni militanti di Potere Operaio, ma anche l’intero clima di quegli anni in cui lo stesso Potere Operaio può essere considerato un emblema significativo. Potere Operaio, Potop per gli …

Leggi tutto »

L'INCENDIO AL WTC: DOV'E' L'INFERNO ?

Il direttore di laboratorio di un’azienda nel South Bend è stato licenziato per aver tentato di sollevare dubbi sull’indagine federale in merito a cio’ che ha causato il crollo delle torri gemelle del World Trade Center l’11 settembre 2001. Kevin R. Ryan è stato cacciato martedì dal suo lavoro all’Environmental Health Laboratories Inc., una filiale della Underwriters Laboratories Inc., il gigante dei test di sicurezza sui prodotti per i consumatori. Ryan ha scritto che le relazioni preliminari dell’istituto suggeriscono che …

Leggi tutto »

DELUDERE I NOSTRI SOGNI

DI GEORGE MONBIOT Dopo anni di negoziati, entra in vigore il protocollo di Kyoto. Nessuno crede che basterà a risolvere il problema del cambiamento climatico. Perché siamo paralizzati dal terrorismo ma non ci preoccupiamo del collasso delle condizioni che rendono possibile la nostra vita? Siamo a metà febbraio e ho già piantato undici specie diverse di ortaggi; anche se i pacchetti dei semi dicono il contrario, so che attecchiranno. In questo paese, tutto – le giunchiglie, le primule, i mandorli, …

Leggi tutto »

LO SFRUTTAMENTO POLITICO DI AUSCHWITZ

Cari compagni, ho tradotto un articolo importantissimo sull’uso politico dell’Olocausto. l’autore è Gilad Atzmon un ebreo antisionista nato in Israele ma fuggito da quel paese dopo la sua esperienza militare nei territori occupati. oggi vive in esilio a Londra. Noi non possiamo dire un decimo di quello che dice Atzmon, e invece l’articolo spiega molto bene perchè DOBBIAMO dirlo. Non dirlo significa fare il gioco della destra americana e della sinistra parlamentare europea. La lotta antimperialista risulta monca se non …

Leggi tutto »

PERCHE’ DOBBIAMO PERDERE QUESTA GUERRA

DI JACK LESSEMBERRY Gwynne Dyer non è esattamente una femminuccia. Nel Newfoundland ce ne sono veramente poche. Nato durante la seconda guerra mondiale è stato affascinato, per tutta la vita, dalle cose militari. Ha prestato servizio in tre marine diverse, quella degli USA, del Canada e della Gran Bretagna. Ha ottenuto vari titoli accademici in tutte e tre le nazioni ed ha conseguito anche un dottorato in storia militare del Medio Oriente. Negli anni 80 ha prodotto e narrato la …

Leggi tutto »

LE FOTO DEI SITI NUCLEARI MOSTRATE DALLA CNN IDENTICHE PER IRAN E N. KOREA!

Chi è la fonte delle foto ? E ci sono delle responsabità dei mass media americani ?! 2:21am Due articoli pubblicati la scorsa settimana sul sito web della CNN, uno lo scorso mercoledì sugli impianti nucleari in Iran ed un altro sabato su quelli in Corea del Nord, usano entrambi la stessa fotografia aerea dello stesso impianto che si suppone essere nucleare! Ma uno si presume sia in Iran e l’altro si suppone che sia in Corea del Nord! L’articolo …

Leggi tutto »

Giuliana Sgrena Kidnapping: Defaming Iraqi Resistance is the Name of the Game

Giuliana Sgrena, an unembedded Italian journalist, was not kidnapped by the Iraqi resistance. If you read her stories, you will immediately realize the Iraqi resistance had absolutely no reason to abduct her. Giuliana Sgrena wrote about the suffering of the Iraqi people under occupation. “Suffering daily abuses and violence from occupation forces or their proxies, the Iraqis themselves are subjected to routine hostage-taking by the occupiers,” writes Stefano Chiarini, Il Manifesto correspondent in Baghdad.

Leggi tutto »

LA BOLIVIA ALLA SVOLTA

Dal Centro de Documentacion e Informacion Bolivia – cedib “La situazione boliviana è caotica. La possibilità di trovare soluzioni ai problemi strutturali del paese non si vede nemmeno. Il paese è ancora una volta scosso da blocchi stradali, scioperi della fame e mobilitazioni popolari e imprenditoriali. Il governo ha fatto un passo indietro rispetto alla sua intenzione di aumentare il prezzo dei carburanti, cosa che ha causato le ire dell’FMI. I dirigenti civici di Santa Cruz sono decisi a convocare …

Leggi tutto »

COSI' E' ( SE VI PARE)

Al congresso Ds, Fassino ha ritenuto opportuno sottolineare, con una buona dose di enfasi, la favorevole prospettiva e l’alto significato democratico offerti dall’esito delle elezioni irachene Ora, a parte il fatto che non si capisce come un personaggio politico di lunga esperienza non possa sapere chi siano Negroponte e Allawi – due “galantuomini” ( direttori d’orchestra di queste consultazioni popolari) i cui “luminosi” passati trascorsi tra i servigi prestati in Honduras ( e non solo) dall’uno e quelli prestati prima …

Leggi tutto »