Categoria

Ucraina

Vittoria e sconfitta

Nestor Halak per Comedonchisciotte.org Si dice, giustamente, che le guerre si perdono o si vincono a seconda che si raggiungano o meno gli obbiettivi politici per i quali erano state iniziate. Quindi, per sapere da chi sarà vinta la corrente guerra in Ucraina, che potrebbe finire o essere interrotta nei prossimi mesi come durare ancora più a lungo, dovremo usare questo criterio. Per capire bene l’attuale situazione dobbiamo necessariamente fare un passo indietro nel tempo, poiché se è vero…

Guerra in Ucraina: la pompa di sangue mondiale

Big Serge bigserge.substack.com In Ucraina, dopo la decisione a sorpresa della Russia di ritirarsi volontariamente dalla zona occidentale di Kherson, nella prima settimana di novembre, non ci sono stati grandi cambiamenti nei fronti. In parte, ciò riflette il prevedibile clima tardo autunnale dell'Europa orientale, che lascia i campi di battaglia intrisi d'acqua e di fango e intralcia notevolmente la mobilità. Per centinaia di anni, novembre è stato un mese sfavorevole per tentare di…

Il Generale Armageddon si fa da parte

Declan Hayes strategic-culture.org La decisione della Russia di sostituire il generale Armageddon con l'ancor più formidabile generale Valery Gerasimov, attualmente a capo dello Stato Maggiore russo, dovrebbe essere motivo di preoccupazione per il principe pagliaccio Zelensky e per quell’elegantona di sua moglie. Non che il generale dell'esercito Sergey Surovikin sia scomparso. Tutt'altro: il generale Armageddon continuerà ad essere uno dei vice del generale Gerasimov, e questa è…

La preparazione del teatro di guerra per il 2023

Alastair Crooke strategic-culture.org In una recente intervista al Financial Times, un alto generale dei Marines americani, James Bierman, ha spiegato in un momento di candore come gli Stati Uniti stiano "preparando il teatro" per una possibile guerra con la Cina, ammettendo casualmente che i pianificatori della difesa statunitense erano impegnati in Ucraina già da anni, "per prepararsi seriamente" alla guerra contro la Russia - fino al "preposizionamento dei rifornimenti" e…

Stanno ricattando Biden?

Mike Whitney unz.com Le élite miliardarie stanno usando il loro potere sui media, sulla classe politica e sull'opinione pubblica per costringere Joe Biden ad inviare truppe statunitensi in Ucraina per impedire una vittoria russa. I conservatori, idioti, pensano che, per una volta, i media stiano facendo il loro lavoro riportando accuratamente le presunte trasgressioni di Biden. In realtà, i media stanno semplicemente dimostrando che, per perseguire l'agenda elitaria, possono cambiare…

L’ultima crociata – Parte II

Dmitry Orlov cluborlov.wordpress.com Siamo, per lo più inconsapevolmente, testimoni di uno sviluppo epocale: la fine della millenaria Drang nach Osten (l'inesorabile marcia verso est del cadavere rianimato dell'Impero Romano d'Occidente, con il Papa come capo simbolico e il Vaticano come capitale simbolica) nota come le Crociate. Di queste, le Crociate del Sud sono molto più note in Occidente, mentre le Crociate del Nord, lanciate nel 1147, sono molto meno conosciute. Ma erano durate molto…

L’ultima crociata – Parte I

Dmitry Orlov cluborlov.wordpress.com C'è una marcata divergenza di opinioni su come caratterizzare l'azione militare attualmente in corso in ciò che rimane dell'ex Repubblica Socialista Sovietica Ucraina: si tratta di un'operazione militare speciale russa per smilitarizzare e denazificare l'ex Ucraina, o è un'invasione russa non provocata che porterà alla Terza Guerra Mondiale, a uno scambio nucleare e alla fine del mondo come lo conosciamo (the end of the world as we know it TEOTWAKI in…

La frattura dell’Europa

Alastair Crooke english.almayadeen.net Il Medio Oriente si troverà presto di fronte ad un'Europa divisa, cosa che imporrà nuovi dilemmi alla regione, oltre a dover navigare tra le varie fazioni della politica estera della Beltway che a Washington si contendono il primato sulla politica russa. Negli Stati Uniti è una gara a tre: i “falchi” estremi, come il senatore Graham, contro il campo realista, con il dottor Kissinger più o meno a metà strada. Anche in Europa esistono divisioni. Ma…

Sta per succedere qualcosa di grosso

Mike Whitney unz.com "I Russi hanno deciso che non c'è modo di negoziare la fine di questa situazione. Nessuno negozierà in buona fede; quindi dobbiamo schiacciare il nemico. Ed è quello che sta per accadere." Colonnello Douglas MacGregor (minuto 9:35) "Per essere precisi, non abbiamo ancora iniziato nulla." Vladimir Putin La guerra in Ucraina non finirà con un accordo negoziato. I Russi hanno già chiarito che non si fidano degli Stati Uniti, quindi non hanno intenzione di perdere…

BlackRock porta l’accattonaggio di Zelenskyy ad un livello superiore

Kurt Nimmo kurtnimmo.substack.com BlackRock è la più grande società di gestione patrimoniale e di investimento del mondo. Ha in gestione più di 10.000 miliardi di dollari in fondi dei clienti, una montagna di denaro che getta un'ombra sul PIL di molti Paesi, tra cui la Germania, il quarto PIL più grande del mondo. È lecito affermare che controlla, o ha un'influenza spropositata, sulla Federal Reserve, sulle banche di Wall Street, tra cui Goldman Sachs e Vanguard, sugli incontri del WEF a…

A caccia di Russi: uno studio legale ucraino gestisce una campagna destinata a prendere di mira i comuni cittadini dell’Europa occidentale

Felix Livshitz rt.com Lo studio legale ucraino T&M ha lanciato un nuovo e deplorevole servizio che consentirebbe ai residenti dei Paesi dell'Europa occidentale di "ripulire l'Europa dai rashisti," un riferimento al neologismo dispregiativo usato dai funzionari di Kiev, che combina le parole "russo" e "fascista." Intitolato "give in charge rashist" (apparentemente una cattiva traduzione del titolo ucraino "denunciare un rashista"), il portale web invita i visitatori "stanchi dei…

Ecco quanto costa destabilizzare il mondo

Matthew Ehret strategic-culture.org La settimana scorsa abbiamo nuovamente assistito ad un episodio di follia bipartisan, quando il Congresso degli Stati Uniti ha risposto alla richiesta di Biden di 37 miliardi di dollari di aiuti aggiuntivi all'Ucraina erogandone addirittura 45, portando così il sostegno totale degli Stati Uniti al suo reparto usa e getta gestito da Davos ad un totale di 111 miliardi di dollari. L'aiuto faceva parte di un disegno di legge di spesa omnicomprensivo…

Ucraina: fine partita

Julian Macfarlane julianmacfarlane.substack.com Alex Mercouris ha ragione a dire che i Russi si stanno preparando ad una guerra di logoramento alla Ulysses Grant, "senza resa"? Il "logoramento" lo vediamo. Ma dov'è la guerra? Bakhmut è ancora uno spettacolo di sangue e morte, così come lo era stato la settimana scorsa. Ma non è la guerra. I Russi, ovviamente, dicono che non si tratta di una guerra in senso convenzionale, ma di una "Operazione Militare Speciale (SMO)." Comunque la si…

Ecco perché l’offensiva invernale di Putin spingerà gli Stati Uniti ad entrare in guerra

Mike Whitney unz.com "La guerra in Ucraina non è un gioco come Call of Duty. È un ampliamento della tragedia umana creata dall'espansione della NATO verso est. Le vittime non vivono in Nord America. Vivono in una regione che la maggior parte degli Americani non è in grado di trovare su una mappa. Washington ha spinto gli Ucraini a combattere. Ora Washington deve esortarli a fermarsi." Colonnello Douglas MacGregor, The American Conservative Volodymyr Zelensky non ha attraversato l'Atlantico…

I misteri del Cremlino

Da Nestor Halak per Comedonchisciotte.org Durante la guerra fredda nei servizi segreti occidentali, tra i commentatori politici e persino tra i giornalisti c’erano esperti che venivano definiti “cremlinologi” per la loro supposta abilità nel decifrare i segnali provenienti dalle sempre più o meno misteriose stanze del Cremlino. Tempo prima, Churchill aveva addirittura definito la Russia come un rebus avvolto in un mistero che sta dentro un enigma: frase non proprio elegante, ma che rende il…

The Economist – I generali di Zelensky spiegano perché la guerra è in bilico

Larry Johnson sonar21.com Ho finalmente avuto modo di leggere l'intero pezzo pubblicato la scorsa settimana su The Economist - Volodymyr Zelensky e i suoi generali spiegano perché la guerra è in bilico – e lo ritengo importante. Dato che The Economist funziona come un pupazzo da ventriloquo, con la mano dei servizi segreti britannici infilata nel sedere dell'Ucraina che tira i fili e muove le bocche dei funzionari ucraini - questo articolo segnala un chiaro cambiamento nella politica del…

“Americani e Tedeschi contro la Russia fino all’ultimo Ucraino”

John Elmer johnhelmer.net Questa è un’intervista via e-mail con il giornalista Tamas Gergo Samu che risale ai primi di dicembre. Samu, un giornalista, è stato deputato del Parlamento ungherese a Budapest, poi consigliere del capo del Movimento per un'Ungheria Migliore (Jobbik Magyarországért Mozgalom), un partito chiave del blocco di opposizione parlamentare noto come Uniti per l'Ungheria (EM). Ha lasciato il partito Jobbik due anni fa ed è ora consigliere comunale indipendente nella città…

Il Generale Pazienza e la pausa che rinfresca

John Elmer johnelmer.net Nel 1929, quando l'economia statunitense era al collasso, ai copywriter pubblicitari della Coca Cola era stato chiesto di inventare un nuovo slogan. L'amministratore delegato dell'azienda aveva pensato che, per battere i suoi rivali, la Coca Cola avrebbe dovuto convincere gli Americani, disperati dal punto di vista economico, a pagare cinque centesimi per una bottiglia di qualcosa che li tranquillizzasse e li tirasse su. Era nato così lo slogan "La pausa che…

La guerra di Riccioli d’Oro

Dmitry Orlov thesaker.is Siete soddisfatti di come sta andando la guerra nell'ex Ucraina? La maggior parte delle persone, per un motivo o per l'altro, non lo è. Alcuni odiano il fatto che ci sia una guerra, mentre altri la amano ma odiano il fatto che non sia ancora stata vinta, da una parte o dall'altra. Entrambi questi tipi di odiatori si trovano in abbondanza su entrambi i lati della nuova cortina di ferro che si sta frettolosamente costruendo in Eurasia tra l'Occidente collettivo e…

La non reciprocità del vittimismo e la logica occulta

Dmitry Orlov cluborlov.wordpress.com Analizziamo la seguente affermazione: "Gli Ucraini non possono essere nazisti perché il loro presidente è Ebreo." Questa affermazione, a prima vista, non ha senso. Ma, se si cerca di trovarci un po' di logica, si finisce inevitabilmente con "Un Ebreo non può essere un nazista" e "Se il vostro presidente non può essere un nazista, allora non potete esserlo nemmeno voi." Mentre quest'ultima affermazione consente un certo margine di manovra - alcuni Ucraini…