Inganni, umiliazioni, morte e l’intramontabile sete di “onore e gloria”

Alastair Crooke
strategic-culture.su

Uno dei temi principali dell’Iliade di Omero – che in qualche modo sembra fresca e vivida oggi come al momento della sua stesura – è la descrizione di come anche i più grandi Stati della civiltà occidentale non riescano a recuperare ciò che hanno perso. “I tentativi di recuperare una perdita portano solo ad altre perdite”, scrive Emily Wilson nella sua introduzione all’Iliade (2023). “Una perdita non può mai essere recuperata”.

Mentre la Wilson espone la sua storia, non si può fare a meno di considerarla un’analogia con i giorni nostri, con un Biden che cerca di recuperare la “reputazione” americana (kleos in greco). Anche nel caso dei leader del mondo antico l’obiettivo era quello di raggiungere un kleos imperituro attraversa il poema.

Oggi potremmo definirlo come “eredità”. Nell’Iliade è un concetto definitivo e dà ai leader mortali la possibilità di continuare a vivere con onore e gloria anche dopo la morte. Per il team Biden, l’Ucraina doveva essere la loro Troia. La Russia, come Ettore, era stata coinvolta con l’inganno in un combattimento e (come il Team Biden sperava) avrebbe dovuto essere uccisa sotto le mura di Troia.

Ma nel mondo di oggi non è andata così. E ora gli Stati Uniti devono affrontare l’umiliazione di una chiara vittoria russa in Ucraina e una leadership russa collettiva che dice di voler recuperare tutte le terre e le città che sono sempre state culturalmente russe. L’Ucraina occidentale, dicono, può andare “dove vuole”.

I risultati militari sul terreno sono inesorabili e non possono essere annullati. Ma la Casa Bianca spera di mantenere un po’ di kleos semplicemente facendo in modo che le forze ucraine cessino di combattere, arretrando sulle linee difensive – senza mai pronunciare la parola “sconfitta”. La componente cinetica del conflitto si farebbe a malapena sentire a bassi regimi. E, come ha scritto Gideon Rachman sul Financial Times, per “capovolgere la narrazione verso una in cui si insiste ripetutamente sul fallimento di Putin”. L’obiettivo è che Washington possa tranquillamente “filarsela via”.

Ebbene, ci sono due grossi problemi: primo, la Russia non è d’accordo; non è affatto d’accordo. In secondo luogo, Zelensky e i suoi collaboratori sono stati pesantemente ingannati. In questo caso non dalla dea Atena, ma dai mortali Johnson e Blinken.

Nel marzo 2022, a Istanbul, Zelensky e i suoi negoziatori avevano raggiunto un accordo con la Russia. Ma quell’accordo era stato “ucciso” da Boris Johnson, che aveva esortato Zelensky a continuare a combattere e a ottenere la sua parte di “onore e gloria” partecipando all’uccisione dell’aggressore russo.

“Finché sarà necessario – e qualsiasi cosa sarà necessaria” era stato il solenne “giuramento”. Cioè, per così dire, a Zelensky era stato promesso un assegno in bianco e tutto l’armamento occorrente…

Che fine ha fatto tutto quello che ora non c’è più?

Se questa fosse l’Iliade, la trama si concentrerebbe almeno in parte sulla delusione di Zelensky per la sua piccola “porzione di vita”. La Wilson scrive:

“Molte parole dell’Iliade sono spesso tradotte come fortuna o destino: letteralmente, suggeriscono che ci spetta una porzione o una parte… È come se ci fosse un intero quarto di manzo, paragonabile alla lunghezza della vita umana e ognuno di noi ne riceve una certa quantità, sia per quanto tempo riusciamo a rimanere in vita, sia per la nostra porzione di onore e gloria”.

Zelensky vorrà una porzione di onore per compensare il fatto che il destino ha distribuito la sua attuale porzione di vita in modo ingiusto (il fatto di essere stato ingannato dalle rassicurazioni britanniche e statunitensi).

L’umiliazione pubblica che Zelensky sta ora subendo non sarà più bilanciata da un’enorme fetta di gloria ottenuta grazie alla sconfitta di Mosca. Nel filone omerico, questo pone le basi per un gesto di vendetta nei confronti di Biden – la pubblicazione dell'”accordo”.

Quando questi dettagli emergeranno – come sicuramente accadrà (riecheggiando forse le misteriose e notoriamente esplosive lettere di Churchill in tempo di guerra che alludevano a Mussolini e a un risultato finale simile al kleos) – allora la “narrazione della vittoria” potrebbe essere inacidita dall’insistente domanda: da marzo a oggi decine di migliaia di giovani ucraini sono stati mandati a morire – per cosa?

L’altro tema dell’Iliade è quello della pregiata facilità della mêtis. Si potrebbe pensare che sia l'”audacia” (o l’astuzia di lunga esperienza) di cui Biden è noto per essere così orgoglioso: Se accade qualcosa di inaspettato e si reagisce (inconsciamente) nel modo giusto al momento giusto, allora, mostrando la mêtis, si riceve un tipo speciale di gloria, paragonabile a quella ottenuta dalle fatiche di una campagna geopolitica.

Il 7 ottobre, Hamas è uscito dal suo recinto di Gaza.

Secondo quanto riferito, Biden si considera “più intelligente” di Netanyahu. Sa che Netanyahu pensa di manipolare Biden, ma quest’ultimo crede di poter contenere Netanyahu e di prevenire i suoi piani tenendoli sotto stretta sorveglianza degli Stati Uniti.

Ma un “via libera” è un via libera.

E, in sostanza, l’abbraccio di Biden si è concretizzato dando al Gabinetto israeliano un “via libera” condizionato per quasi tutti i suoi progetti, ma non per i folli progetti dei coloni in Cisgiordania.

L’operazione militare di Israele a Gaza sta visibilmente fallendo, anche se i bombardamenti aerei continueranno nelle prossime settimane. Non ha mai avuto una logica militare, e questo sta diventando evidente a molti israeliani. Gaza è già un monumento alla disumanità e alla sofferenza. Le cose peggioreranno, eppure i gazesi resisteranno e rimarranno ribelli.

E anche l’operazione militare israeliana contro Hizbullah ha il “via libera”, anche se solo quando lo sforzo diplomatico di Hochstein per spingere un Hizbullah disarmato oltre il fiume Litani (prevedibilmente) fallirà. Cosa sta pensando la Casa Bianca? Si ricordano della guerra del 2006? Vedono in che formidabile avversario si è trasformato Hizbullah? Non si rendono conto di come Israele sta provocando Hizbullah e l’Iran?

Può Biden recuperare la posizione dell’America in questo modo, con la “pulizia” a Gaza, con gli scoppi di violenza in Cisgiordania e la guerra in corso con Hizbullah? Biden vuole chiaramente ottenere una parte di onore che compensi l’umiliazione subita da Netanyahu. Quindi deve continuare.

Emily Wilson ci ricorda che: “I tentativi di recuperare una perdita (come l’Ucraina), storicamente portano ad altre perdite: Le perdite non possono mai essere recuperate completamente”.

La politica statunitense dell'”abbraccio e della domanda” sta tuttavia spingendo Israele verso una scelta binaria: tre guerre militari interne in cui Israele rischia l’umiliazione, oppure il ricorso allo sfollamento della popolazione (l’opzione Nakba, preferita da un numero sempre crescente di israeliani). La “soluzione” dei due Stati non è un’opzione per il presente (o per il futuro).

Per quanto riguarda l’opzione Nakba, l’enormità morale di una tale politica richiederebbe che la nazione ebraica fosse assolutamente sicura della validità delle sue ragioni. È così? Nonostante l’aumento della rabbia, opere come L’invenzione del popolo ebraico di Shlomo Sand, professore emerito di storia all’Università di Tel Aviv, dovrebbero almeno suscitare una corrente di disagio e di dibattito.

La situazione, tuttavia, non è caratterizzata dalla logica, ma da una completa irrazionalità.

Alastair Crooke

Fonte: strategic-culture.su
Link: https://strategic-culture.su/news/2023/12/30/trickery-humiliation-death-and-the-timeless-hunger-for-honour-and-glory/
30.12.2023
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org


Alastair Crooke CMG, ex diplomatico britannico, è fondatore e direttore del Conflicts Forum di Beirut, un’organizzazione che sostiene l’impegno tra l’Islam politico e l’Occidente. In precedenza è stato una figura di spicco dell’intelligence britannica (MI6) e della diplomazia dell’Unione Europea.

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
50 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
50
0
È il momento di condividere le tue opinionix